Articolo
26 lug 2019

MILANO | Trenord, in vista della chiusura di Milano Linate, potenzia il Malpensa Express

di mobilita

In seguito a un'analisi della variazione della domanda, Trenord ha disposto che nel periodo di chiusura di Linate le composizioni delle corse Malpensa Express siano potenziate in modo da offrire complessivamente 18.500 posti in più sui convogli del collegamento aeroportuale, che offre ogni giorno 146 corse fra l'aeroporto di Malpensa e la città di Milano, cioè una ogni 15 minuti da e per lo scalo. Grazie al potenziamento, l'attuale offerta crescerà del 47% passando da poco più di 39mila posti al giorno a quasi 58mila. Trenord è il primo operatore ferroviario ad aver attivato il servizio di acquisto biglietti con carta contactless e tecnologia NFC: i biglietti Malpensa Express sono acquistabili semplicemente appoggiando la carta o lo smartphone ai tornelli nelle stazioni di Milano Cadorna e Milano Bovisa - stazioni di Ferrovienord, più evolute - o ai totem presenti nelle stazioni di Milano Centrale, Porta Garibaldi, Malpensa T1 e T2.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 lug 2019

Arriva il treno Rock per i pendolari fra Milano e Bologna

di mobilita

In circolazione da oggi i primi due treni Rock sulla linea Milano - Bologna, a servizio dei pendolari che ogni giorno scelgono il treno per gli spostamenti fra Lombardia e Emilia-Romagna. Quattro da oggi le corse giornaliere con i nuovi treni che saliranno a sei entro la fine della settimana. I nuovi convogli migliorano significativamente la qualità degli spostamenti fra Lombardia ed Emilia con le fermate Milano Lambrate, Milano Rogoredo, Lodi, Piacenza, Fiorenzuola, Fidenza, Parma, Reggio Emilia e Modena. Si tratta in particolare dei Regionali 2275 e 2283 (con partenza da Milano rispettivamente alle 9.20 e alle 17.20 e arrivo a Bologna alle 12.10 e 20.10) e dei Regionali 2290 e 2282 (con partenza da Bologna rispettivamente alle 5.28 e alle 13.50 e arrivo a Milano alle 7.55 e alle 16.47), a cui si aggiungeranno i Regionali 2277 (con partenza da Milano alle 11.20 e arrivo a Bologna alle 14.10) e 2274(con partenza da Bologna alle 5.50 e arrivo a Milano alle 8.50). I collegamenti con nuovi treni Rock faciliteranno gli spostamenti in treno dei pendolari con maggiore comfort e più alti standard di puntualità. Grazie all’accordo fra Trenitalia e Trenord, i nuovi treni Rock e Pop arriveranno anche per gli spostamenti regionali e metropolitani in Lombardia. Saranno 15 (10 Pop e 5 Rock) che entreranno a far parte della flotta di Trenord grazie a una cessione di una quota dell’Accordo Quadro sottoscritto da Trenitalia con Hitachi e Alstom. Sarà così possibile colmare il gap qualitativo che vive il trasporto ferroviario regionale e metropolitano in Lombardia, anche grazie a una forte accelerazione nelle consegne di treni a Trenord. ROCK  E' il nuovo treno regionale a doppio piano e alta capacità di trasporto progettato e costruito da Hitachi Rail Italy. Un treno per i pendolari a 4, 5 o 6 casse con prestazioni paragonabili a quelle di una metropolitana. Può raggiungere i 160 km/h di velocità massima con un’accelerazione di 1,10 m/sec2 e ospitare circa 1.400 persone, con oltre 700 sedute nella composizione più lunga. POP E' il nuovo treno regionale a mono piano e media capacità di trasporto, a 3 o 4 casse, con 4 motori di trazione, progettato e costruito da Alstom. Viaggia a una velocità massima di 160 km/h, ha un’accelerazione maggiore di 1 m/sec2 e trasporta circa 530 persone, con oltre 300 posti a sedere nella versione a 4 casse, e circa 400, con 200 sedute, in quella a 3 casse. I nuovi treni regionali Rock e Pop sono riciclabili fino al 97% con una riduzione del 30% dei consumi energetici rispetto ai treni di precedente generazione. Insieme a una sempre maggiore affidabilità (telediagnostica di serie) ed elevati standard di security (telecamere e monitor di bordo con riprese live), sono disponibili diverse configurazioni esterne e interne realizzate per rispondere alle esigenze individuate dal committente Regione. Complessivamente sono oltre 600 i nuovi treni regionali che, con un investimento economico da parte di Trenitalia di circa 6 miliardi di euro, garantiranno, entro cinque anni, il rinnovo dell’80% dell’intera flotta nazionale per il trasporto regionale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 mag 2019

MILANO | Il Malpensa Express compie 20 anni

di mobilita

Sono trascorsi venti anni, era venerdì 28 maggio 1999, da quando fu effettuata la prima corsa del Malpensa Express, destinazione Terminal 1.  Da allora il primo e unico collegamento aeroportuale via ferrovia con lo scalo internazionale di Malpensa ha continuato a crescere. Le 57 corse al giorno del primo orario sono diventate oggi 146, una ogni quarto d’ora da e per l’aeroporto. Alla stazione di partenza di Milano Cadorna si sono aggiunte dal 2010 Milano Centrale e Milano Porta Garibaldi, interscambio con le linee AV, internazionali, regionali e suburbane nonché, da ultimo, il Terminal 2. I passeggeri hanno seguito un trend di crescita costante, arrivando al record di 3 milioni registrato nel 2018, per un totale nell’arco dei 20 anni di 40 milioni di passeggeri, con un indice di soddisfazione della clientela costantemente sopra al 90%, in linea con gli standard dei principali servizi omologhi europei. Il servizio è evoluto, in questi vent’anni, non solo grazie alla nuova flotta di treni Coradia, convogli di ultima generazione totalmente accessibili, entrati in servizio da giugno 2010, ma anche grazie a un’infrastruttura sempre più veloce e performante che si estende su rete Ferrovie Nord. Nel gennaio 2010, infatti, l’apertura del tunnel sotterraneo di Castellanza – che transita sotto il fiume Olona – ha consentito di ridurre i tempi di percorrenza delle corse. Il 18 dicembre 2016 è stato aperto il tratto tra Terminal 1 e Terminal 2, sempre sotto la competenza di Ferrovie Nord. Nell’esprimere soddisfazione per i risultati del servizio, l’amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri, ha assicurato che: “Malpensa Express è pronto per accogliere la sfida della chiusura di Linate e del trasferimento dei voli a Malpensa, in occasione della quale offriremo 18.500 posti in più al giorno, con l’obiettivo di intercettare un nuovo pubblico: miriamo a conquistare mezzo milione di viaggiatori in più ogni anno. In questi 20 anni di Malpensa Express abbiamo maturato una competenza che mettiamo in campo anche per il servizio sugli altri scali lombardi, in primis Linate – collegato alla stazione Forlanini del Passante Ferroviario – e Bergamo Orio al Serio – quando l’aeroporto sarà raggiunto dai binari”. Per tutto il periodo della chiusura di Linate, Trenord incrementerà quasi del +50% l’offerta di posti al giorno sulle corse Malpensa Express, che passerà da poco più di 39mila a 58mila grazie a composizioni allungate dei convogli. In particolare, le corse tra lo scalo e Milano Centrale saranno effettuate da convogli Coradia in doppia composizione, passando da 300 a 600 posti a sedere. Sul collegamento Malpensa-Milano Cadorna saranno potenziate – da 300 a 600 posti a sedere – le corse in orario di punta; negli altri orari, viaggeranno convogli Coradia a 6 carrozze. Al potenziamento del servizio si affiancherà un’implementazione dell’assistenza e dell’informazione alla clientela. Al Terminal 2 i viaggiatori possono già oggi acquistare il biglietto Malpensa Express direttamente nelle aree protette del ritiro bagagli; al Terminal 1 Trenord sta lavorando per implementare postazioni di vendita e di informazione aggiuntivi. I passeggeri Malpensa Express possono inoltre acquistare i biglietti con carta contactless e tecnologia NFC, servizio che Trenord è stato il primo operatore ferroviario ad attivare. Grazie a questa tecnologia, i biglietti sono acquistabili appoggiando la carta o lo smartphone ai tornelli di Milano Cadorna e Bovisa o ai totem presenti a Milano Centrale, Porta Garibaldi, Malpensa T1 e T2. Nell’ottica del potenziamento del servizio, Trenord lancerà a giugno il sito malpensaexpress.it completamente rinnovato, ottimizzato per smartphone e tablet e ideale per essere consultato da chi è in viaggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 feb 2019

Un altro Vivalto per la flotta regionale di Trenord

di mobilita

Arriva in Lombardia un altro treno Vivalto di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) per i pendolari lombardi. La consegna di un ulteriore convoglio si inserisce nel quadro degli impegni di FS Italiane e Trenitalia per garantire il rilancio del trasporto ferroviario in Lombardia. Il treno Vivalto, infatti, è il quattordicesimo convoglio che Trenitalia ha messo a disposizione di Trenord in meno di quattro mesi. Un numero superiore rispetto a quello concordato il 31 agosto 2018 da FS Italiane e Regione Lombardia. Le caratteristiche del Vivalto, i dettagli delle azioni fatte nel 2018 e il piano di consegne per il 2019 sono stati illustrati oggi a Milano. Presenti Attilio Fontana e Claudia Terzi, Presidente e Assessore alle Infrastrutture Trasporti e Mobilità sostenibile di Regione Lombardia, Gianfranco Battisti e Orazio Iacono, AD e DG di FS Italiane e Trenitalia, Andrea Gibelli, Presidente Ferrovie Nord Milano, e Marco Piuri, AD Trenord. “Anche in Lombardia, come nel resto delle regioni italiane – ha sottolineato Gianfranco Battisti – stiamo lavorando per soddisfare le esigenze di chi ogni giorno viaggia in treno per i propri spostamenti metropolitani e regionali. Il 31 agosto 2018 avevo garantito al Presidente Fontana un cambio di rotta per Trenord. Con 14 treni, 20 risorse in service e un nuovo Consiglio di Amministrazione, abbiamo completato la prima fase degli interventi pianificati per rilanciare il trasporto ferroviario in Lombardia. Nel 2019 lavoreremo ancora per fare in modo che la nuova organizzazione industriale di Trenord consenta di diminuire le cancellazioni dei treni e aumentare gli standard di puntualità.” “Treni più affidabili e a maggiore capacità di trasporto. È il primo contributo di Trenitalia – ha evidenziato Orazio Iacono – per il trasporto ferroviario in Lombardia. Insieme ai convogli di Trenitalia, arriveranno in Lombardia anche i Pop e Rock. Treni regionali pensati e costruiti attorno alle esigenze dei pendolari e con una ancor più forte attenzione per le persone a ridotta mobilità e con disabilità, garantendo così un’autentica svolta per il trasporto metropolitano e regionale su ferro in Italia.” Alla prima tranche di 14 treni seguirà, già a partire dai prossimi mesi, la consegna di ulteriori 35 convogli, che saranno progressivamente messi a disposizione di Trenord. I primi 20 treni saranno consegnati da Trenitalia fra giugno e dicembre 2019. Altri 10 treni di ultima generazione – cinque Rock e cinque Pop – arriveranno in Lombardia a partire da luglio 2019 e, infine, ulteriori 5 Pop nei primi mesi del 2020. I treni regionali Rock e Pop, in costruzione negli stabilimenti italiani di Hitachi e Alstom, fanno parte della maxi commessa – senza precedenti per numero complessivo e valore economico – di Trenitalia e garantiranno livelli finora mai raggiunti nel trasporto regionale su ferro in Italia per prestazioni, comfort e compatibilità ambientale. Saranno, dunque, complessivamente 49 i treni che, in un periodo medio-breve, Trenitalia metterà a disposizione di Trenord, garantendo le condizioni necessarie per assicurare un livello di qualità del servizio del trasporto regionale adeguato alle esigenze delle persone che ogni giorno scelgono il treno per spostarsi in Lombardia. Regione che, per volumi di traffico, è un bacino rilevante nel Paese. Sempre con questo obiettivo e per supportare al meglio Trenord, Trenitalia ha anche assicurato un service con 20 risorse (macchinisti e capitreno) che garantiscono 22 servizi giornalieri. È confermato anche in Lombardia il grande impegno su scala nazionale del Gruppo FS Italiane per garantire, attraverso un rilancio del trasporto ferroviario regionale, un miglioramento della qualità della vita di 1,5 milioni di pendolari che, ogni giorno, per motivi essenzialmente di lavoro e studio, utilizzano i convogli di Trenitalia per viaggiare. Uno sforzo in coerenza con le indicazioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che sarà reso ancora più concreto con il nuovo Piano industriale di FS Italiane.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 gen 2019

Trenord cerca Capotreni e Macchinisti da inserire nel proprio organico

di mobilita

Trenord, per affrontare le nuove sfide della mobilità, cerca 200 Capotreni e Macchinisti dinamici e motivati da inerire nel proprio organico. Le candidature dovranno essere inviate entro il 1° febbraio 2019 ai seguenti link:   CAPOTRENO MACCHINISTI Il capotreno svolge attività di vendita e controllo dei titoli di viaggio a bordo treno, fornisce assistenza e informazioni ai viaggiatori, coordina l’equipaggio di bordo e garantisce la corretta applicazione delle norme specifiche della circolazione nel rispetto delle procedure di sicurezza, coadiuvando il macchinista nei casi previsti. SEDI DI LAVORO: Lombardia e regioni limitrofe. REQUISITI Diploma di scuola media superiore Ottima conoscenza della lingua italiana Buona conoscenza della lingua inglese Disponibilità a lavorare su turni e nei giorni festivi Spiccate doti relazionali, problem solving e stress management Educazione, flessibilità, puntualità Responsabilità, affidabilità, coscienziosità e rispetto delle regole La ricerca non è rivolta a candidati già in possesso delle abilitazioni alla mansione di capotreno o macchinista seppur conseguite anche solo parzialmente. Il macchinista deve garantire alla clientela un viaggio puntuale e regolare, nel rispetto delle normative di sicurezza. Lavora in team con il capotreno per tutte le attività legate allo svolgimento del servizio. SEDI DI LAVORO: Lombardia e regioni limitrofe.   REQUISITI Diploma di scuola media superiore Ottima conoscenza della lingua italiana Buona conoscenza della lingua inglese Disponibilità a lavorare su turni e nei giorni festivi Responsabilità, affidabilità, scrupolosità Stabilità ed autonomia decisionale richieste dal ruolo nel rispetto delle norme regolamentari e disposizioni aziendali Flessibilità, capacità di ascolto e buone doti relazionali La ricerca non è rivolta a candidati già in possesso delle abilitazioni alla mansione di capotreno o macchinista seppur conseguite anche solo parzialmente.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
28 dic 2018

Salgono a 14 i treni consegnati da Trenitalia a Trenord

di mobilita

Salgono a 14 i treni consegnati da Trenitalia (Gruppo FS Italiane) a Trenord. Agli 11 convogli già in circolazione sulle linee ferroviarie lombarde, si aggiungono infatti ulteriori tre treni consegnati oggi: un Vivalto, un Treno Alta Frequentazione (TAF) e un’ALe582. In circa quattro mesi Trenord ha ricevuto da Trenitalia, per i pendolari lombardi, alcuni dei treni fra i più affidabili, in piena efficienza e a massima capacità di trasporto (Vivalto). In anticipo rispetto alla tabella di marcia concordata il 31 agosto 2018 da Gianfranco Battisti, Amministratore Delegato del Gruppo FS Italiane, e Attilio Fontana, Presidente Regione Lombardia, è stata completata una prima fase fondamentale per il rilancio del trasporto ferroviario regionale e metropolitano della Lombardia. Insieme ai treni, venti risorse di Trenitalia, fra macchinisti e personale di bordo, hanno già iniziato a lavorare in service per Trenord, garantendo 22 servizi giornalieri ed elevando gli standard di regolarità del traffico ferroviario lombardo. Proseguono, inoltre, le sinergie di lavoro fra le sale operative Trenord e Trenitalia per offrire un servizio sempre più attento alle esigenze delle persone che viaggiano in treno. Il supporto operativo di Trenitalia è fondamentale, inoltre, per gli interventi sui cicli della manutenzione dei treni, elevando così la qualità complessiva del trasporto ferroviario in Lombardia. I rapidi tempi di consegna dei convogli confermano ancora una volta l’impegno di tutto il Gruppo FS Italiane nel garantire una migliore qualità del viaggio a milioni di persone che si spostano in treno per lavoro, studio, turismo e svago. Uno sforzo in coerenza con le indicazioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e che sarà reso ancora più concreto con il nuovo Piano industriale quinquennale di FS Italiane.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 dic 2018

Altri tre treni pendolari consegnati da Trenitalia a Trenord

di mobilita

Altri tre treni per il trasporto regionale e metropolitano della Lombardia sono stati consegnati da Trenitalia (Gruppo FS Italiane) a Trenord. Sono un Vivalto, un Treno Alta Frequentazione (TAF) e un'ALe582 e si aggiungono agli otto già consegnati da settembre ad oggi. Diventano così 11 i treni perfettamente funzionanti messi a disposizione da Trenitalia per consentire il rilancio del trasporto ferroviario regionale. In poco meno di quattro mesi - in anticipo rispetto alla tabella di marcia concordata da Gianfranco Battisti, Amministratore Delegaro del Gruppo FS Italiane, e Attilio Fontana, Presidente Regione Lombardia, il 31 agosto 2018 - Trenitalia ha messo a disposizione di Trenord alcuni dei treni fra i più affidabili e a massima capacità di trasporto. Insieme ai treni, venti risorse di Trenitalia, fra macchinisti e personale di bordo, hanno già iniziato a lavorare in service per Trenord, garantendo 22 servizi giornalieri ed elevando gli standard di regolarità del traffico ferroviario lombardo. Trenitalia, nella piena consapevolezza della delicata situazione del trasporto in Lombardia, ha messo in campo il massimo sforzo per garantire a Trenord treni utili a migliorare le condizioni di viaggio dei pendolari. Sforzo che proseguirà nei prossimi mesi e che conferma l’impegno del Gruppo FS Italiane nel potenziamento del trasporto locale, in tutte le regioni italiane, a beneficio delle persone che viaggiano in treno per lavoro, studio, svago e turismo. Obiettivo principale è migliorare la qualità del viaggio e la vita di milioni di persone che ogni giorno utilizzano i treni di Trenitalia e Trenord.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 nov 2018

TRENORD | Dal 9 dicembre parte l’orario invernale con l’obiettivo di maggiore affidabilità al sistema

di mobilita

Da domenica 9 dicembre, con l'introduzione dell'orario invernale, diventa operativo il nuovo programma di Trenord che prevede 2.204 corse ferroviarie quotidiane. Altre 139, attualmente svolte con treni, saranno effettuate da bus, favorendo, nelle ore a bassa frequentazione, minori volumi di traffico ferroviario e ottimizzazione della flotta rotabile. L'obiettivo del piano predisposto da Trenord, condiviso nelle linee guida con Regione Lombardia, è dare regolarità e maggiore affidabilità al sistema, diminuendo le soppressioni e riducendo l'utilizzo dei convogli più vecchi che hanno più di 35 anni, in attesa dell'immissione in servizio della nuova flotta a partire dalla metà del 2020. Rimane invariata l'offerta complessiva di mobilità, non subiranno cambiamenti le fasce di massima domanda e le direttrici che vertono su Milano, compreso il Passante e il servizio aereoportuale Malpensa Express. Il programma, in particolare, prevede la sostituzione con bus, nelle ore a bassa frequentazione, di 139 corse che trasportano meno di 50 passeggeri, per un totale equivalente a meno dell'1% dei viaggiatori lombardi. Con i bus, nessun cliente rimarrà senza servizio. La domenica e nei giorni festivi, su alcune linee, sarà inoltre modificata la periodicità delle corse. Tali interventi sono resi necessari da limiti strutturali del sistema ferroviario lombardo che contribuiscono al progressivo peggioramento delle performance: un'infrastruttura al limite della capacità nei nodi principali e la vetustà della flotta - il 46% dei convogli, di proprietà di Trenitalia, ha un'età media di 32 anni - che oggi causa due terzi dei guasti dovuti al materiale rotabile. Considerato che nei prossimi 24 mesi tali condizioni strutturali non si modificheranno, il piano di Trenord risponde all'urgenza di intervenire per recuperare almeno parzialmente regolarità e affidabilità del servizio, attraverso la riduzione delle soppressioni e il recupero di puntualità. Il programma è stato inoltre studiato con l'obiettivo di dimezzare le soppressioni di corse per cause di responsabilità di Trenord. La comunicazione del nuovo orario   Le informazioni sulle modifiche previste con il nuovo orario saranno disponibili sul sito web di Trenord e sull'App Trenord prima del cambio orario. Inoltre, le variazioni saranno comunicate da avvisi affissi nelle stazioni e a bordo treno. Infine, presidi straordinari di personale Trenord, addetto all'informazione e all'assistenza, verranno organizzati nelle stazioni principalmente interessate dai provvedimenti. Qui potete trovare l’offerta di mobilità di Trenord

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 nov 2018

Un anno di disservizi di Trenord documentati da uno studente di Lettere

di mobilita

Circa il 76% delle linee di Trenord sono risultate inaffidabili e i pendolari spesso hanno dovuto sopportare ritardi e cancellazioni oltre la norma. Il servizio è addirittura peggiorato in termini di puntualità e soppressioni rispetto all'anno scorso. Ne sa qualcosa Lorenzo Ziliani, 23 anni, studente di Lettere alla Statale di Milano che, in un video virale su facebook, documenta un anno di disservizi sulla tratta Cremona-Milano.  

Leggi tutto    Commenti 0