Articolo
26 feb 2020

FERROVIE | Il 2 marzo potrebbe riaprire la linea AV Milano – Bologna

di Fabio Nicolosi

Dovrebbe riprendere il 2 marzo la circolazione sulla linea dell'alta velocità fra Milano e Bologna interrotta dal 6 febbraio quando un Frecciarossa è deragliato a Ospedaletto lodigiano. Questa è la previsione effettuata dai tecnici di Rete Ferroviaria Italiana, dopo il dissequestro delle diversi componenti dell'infrastruttura da parte delle Autorità. Dopo il dissequestro, i tecnici hanno potuto controllare lo stato dell’infrastruttura, stilare un cronoprogramma dettagliato ed entrare nel vivo dei lavori. Gli interventi riguardano lavori su circa 3 km di linea e verifiche su un totale di circa 40 di infrastruttura ferroviaria, in particolare binari, scambi, traversine, massicciata, pali per la tensione elettrica ed apparati di sicurezza. Al lavoro ci sono 100 persone con turni di 24 ore.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 feb 2020

Incidente Frecciarossa, proseguono modifiche alla circolazione ferroviaria

di mobilita

Prosegue la riprogrammazione del traffico ferroviario dei treni AV, media-lunga percorrenza e regionale in seguito all’incidente del treno 9595 Milano – Salerno nei pressi di Livraga (Lodi).  La riprogrammazione dei treni proseguirà fino al termine degli accertamenti predisposti dall’Autorità giudiziaria e il ripristino dell’infrastruttura ferroviaria. Il dettaglio dei provvedimenti è consultabile sui siti web delle Imprese ferroviarie. I treni alta velocità fra Milano e Bologna percorrono la linea convenzionale fra Milano e Piacenza con rallentamenti fino a 45 minuti. Previste anche limitazioni di percorso e cancellazioni. Ai passeggeri è garantito il viaggio sui primi treni utili successivi. Trasporto regionale I treni regionali veloci Milano – Torino arrivano e partono da Milano Porta Garibaldi, invece che da Milano Centrale. I treni regionali Verona – Brescia – Milano Centrale arrivano e partono da Milano Lambrate invece che da Milano Centrale I treni regionali Lodi – Saronno (S1) sono limitati a Melegnano e Milano Rogoredo. I treni regionali Milano Bovisa FNM– Melegnano (S12) sono limitati a Milano Rogoredo. Ai treni della linea Milano – Piacenza sono assegnate fermate straordinarie nelle stazioni di Tavazzano, San Zenone e Melegnano. Intanto la polizia scientifica ha iniziato i rilievi sulle carrozze e i binari coinvolti nell'incidente e all’acquisizione dei dati dei sistemi di registrazione che regolano la circolazione ferroviaria e all’analisi delle scatole nere del treno.  Le sigle sindacali FILT-CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI, FAST CONFSAL, UGL TAF e ORSA FERROVIE hanno inoltre proclamato uno sciopero dei dipendenti del Gruppo FS Italiane dalle ore 12 alle ore 14 di oggi 7 febbraio 2020. Sempre nella giornata di oggi altre sigle sindacali hanno proclamato uno sciopero dalle 9 alle 17.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 gen 2020

BOLZANO | Il prossimo 12 febbraio riapre la linea ferroviaria della Val Pusteria

di mobilita

E' fissata per il prossimo 12 febbraio la riapertura completa al traffico ferroviario della linea della Val Pusteria. Dopo la riattivazione della linea tra Fortezza e Valdaora lo scorso 23 dicembre, nel weekend è prevista anche la riapertura al traffico della tratta San Candido-Lienz. Lo hanno comunicato oggi (30 gennaio) le ÖBB austriache. Proseguono però i lavori anche a Valdaora di Sopra, in modo tale che sarà possibile riaprire la tratta Valdaora-San Candido il prossimo 12 febbraio. "Se i lavori proseguiranno senza intoppi così come avvenuto sinora e le condizioni meteo non faranno registrare peggioramenti, il gestore della linea RFI e i concessionari del servizio potranno iniziare il 10 febbraio con i primi test, con l'obiettivo di riaprire l'intera linea al traffico ferroviario il 12 febbraio" riassume l'assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider. "I lavori procedono in modo spedito per una pronta riattivazione del servizio in condizioni di massima sicurezza, a vantaggio di pendolari, scolari, anziani e vacanzieri - ricorda Alfreider - un risultato di questo tipo non sarebbe stato possibile senza il lavoro coordinato di tutti gli uffici e di RFI dopo il maltempo di fine novembre".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 nov 2017

Nuovi sistemi di gestione del traffico ferroviario nel nodo di Verona, tra Brescia e Vicenza

di mobilita

Gli impianti ferroviari del tratto di linea Brescia-Vicenza sono ora gestiti direttamente dalla “torre di controllo” della circolazione ferroviaria di Verona Porta Nuova dove, da oggi, è situata la Postazione dell’Operatore di Movimento che sovrintende i sistemi di gestione e controllo del traffico ferroviario. L’intervento rappresenta un’ulteriore tappa del percorso di rinnovo tecnologico sull’intero asse Torino-Milano-Venezia, che garantirà a regime sia l’incremento degli standard di puntualità e regolarità della circolazione ferroviaria, sia il miglioramento delle attività di manutenzione dell’infrastruttura e della qualità dei sistemi di informazione e comunicazione ai viaggiatori. L’investimento complessivo di Rete Ferroviaria Italiana, per tutti i lavori programmati sulla direttrice, ammonta a circa 770 milioni di euro.

Leggi tutto    Commenti 0