23 ott 2019

KLM ricicla le bottiglie in PET per produrre strumenti per la riparazione e la manutenzione dei suoi aerei


KLM Royal Dutch Airlines è la prima compagnia aerea al mondo a riciclare le bottiglie in PET per produrre strumenti per la riparazione e la manutenzione dei suoi aerei.

Le bottiglie vuote vengono raccolte alla fine di ogni volo e trasformate in filamenti, il materiale utilizzato nelle stampanti 3D. Questo processo significa che una bottiglia d’acqua vuota può finire come parte di un’apparecchiatura stampata in 3D che consente di risparmiare tempo e denaro in ingegneria e manutenzione.

Allo stesso modo in cui le normali stampanti utilizzano l’inchiostro, le stampanti 3D necessitano di filamenti con cui stampare. KLM era solito acquistare questo materiale da fornitori esterni. Ma ora le bottiglie di PET vuote dai suoi voli vengono consegnate a una società di riciclaggio in cambio di pellet di plastica di alta qualità, che sono il materiale principale nel filamento. Le tonnellate di bottiglie di plastica che vengono tolte dagli aerei all’aeroporto di Amsterdam Schiphol ogni anno vengono riciclate in questo filamento. 

Stampanti 3D presso E&M

KLM Engineering and Maintenance utilizza da tempo le stampanti 3D per accelerare i processi di riparazione e manutenzione. Ad esempio, sono stati sviluppati tappi speciali per garantire che i fori dei cerchioni non vengano verniciati quando vengono verniciate le ruote del Boeing 737.

Il nastro protettivo non viene più utilizzato nei servizi del motore durante la manutenzione delle pale della turbina. È stato sostituito da una copertina stampata in 3D. E lo strumento Engine Engine Services progettato per rimuovere i contenitori per bagagli a bordo del Boeing 787 significa che questo compito può ora essere svolto da un meccanico invece che da due.

Minor costo del filamento 

Attualmente E&M utilizza ogni giorno circa 1,5 kg di filamenti di alta qualità. Poiché KLM ora fornisce bottiglie in PET come materia prima, il costo di questo filamento è sceso da 60 EUR / kg a soli 17 EUR / kg. Collaborando con l’azienda di riciclaggio Morssinkhof Rymoplast e il produttore di filamenti Reflow, KLM è ora in grado non solo di essere innovativo nell’uso della stampa 3D, ma anche di rendere circolare il processo.

Riduci gli sprechi 

KLM mira a ridurre il volume dei suoi rifiuti del 50% nel 2030, rispetto ai livelli del 2011. Ciò si otterrà producendo meno rifiuti complessivi e aumentando la quantità che può essere riciclata. Nel 2018, KLM ha ridotto i rifiuti del 9% e il 28% di ciò che è rimasto è stato riciclato.


filamentoKlmPETstampanti 3D


Lascia un Commento