Articolo
14 apr 2020

VENEZIA dallo spazio. La laguna come non l’abbiamo mai vista: effetto collaterale del CoronaVirus

di Fabio Nicolosi

Gli sforzi dell'Italia per limitare la diffusione del Coronavirus hanno portato a una riduzione del traffico navale nelle famose vie navigabili di Venezia, catturato dalla missione Copernicus Sentinel-2. Il governo italiano ha imposto un blocco a livello nazionale il 9 marzo 2020, riducendo drasticamente il movimento delle barche di Venezia tra cui i "vaporetti", o autobus d'acqua, così come le navi da crociera. Queste immagini mostrano uno degli effetti della città bloccata di Venezia, nel nord Italia. L'immagine in alto, catturata il 13 aprile 2020, mostra una netta mancanza di traffico navale rispetto all'immagine del 19 aprile 2019. Il Canal Grande e il Canale della Giudecca sembrano quasi vuoti rispetto allo scorso anno e il traffico da Venezia all'isola di Murano sembra inesistente. Due grandi navi da crociera sono visibili nel porto a forma di U di Venezia nel 2019, a ovest della città, mentre quest'anno il porto appare vuoto. Secondo l'agenzia di stampa italiana ANSA, le strade e i canali di Venezia sono rimasti quasi vuoti durante la Pasqua - con solo agenti di polizia che pattugliano le strade e i corsi d'acqua. Nel frattempo, il blocco ha portato a un forte declino dell'inquinamento atmosferico in tutta Europa, in particolare a Roma e nella Pianura Padana nel nord Italia.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 mar 2020

ROMA | Riapre la “ciclabile degli eroi”

di mobilita

Riapre la “ciclabile degli eroi”, la pista ciclopedonale di Monte Mario, nel tratto tra Balduina, il Policlinico Gemelli e il Columbus Covid-2 Hospital, chiusa  in seguito alle restrizioni imposte per contenere l'emergenza coronavirus. Sarà percorribile solo per chi, come il personale sanitario del Gemelli o del Columbus, è autorizzato a muoversi per lavoro o per altre necessità previste dalle regole. Per controllare la pista ciclopedonale, ed evitare il rischio di assembramenti, si è deciso di predisporre un presidio delle guardie zoofile di Roma.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 mar 2020

Delta sospende il suo collegamento da New York-JFK a Roma dall’11 marzo al 30 aprile

di mobilita

In risposta alle restrizioni di viaggio emesse dal governo italiano dovute al COVID-19, Delta sospende il suo collegamento da New York-JFK a Roma dall’11 marzo al 30 aprile. Delta ha precedentemente annunciato sospensioni o posticipazioni dei suoi voli. La compagnia non opererà voli verso l’Italia durante il periodo di restrizioni di viaggio e misure di emergenza emanate dal governo. Delta sospende, inoltre, il collegamento tra New York-JFK a Tel Aviv dal 14 al 24 marzo. Martedì Delta ha annunciato una riduzione della capacità pianificata del 15% a livello di sistema per allinearsi con la domanda di trasporto aereo prevista. I dettagli di queste significative modifiche al programma di volo verranno comunicate nel corso della settimana. Le informazioni più aggiornate sulle misure Delta in risposta al COVID-19 sono disponibili su: news.delta.com/coronavirus. Delta continua a monitorare la situazione da vicino e potrà operare ulteriori aggiustamenti a mano a mano che la situazione evolve.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mar 2020

ROMA | Atac: a febbraio 2020 +13% di servizio di superficie rispetto a febbraio 2019

di Fabio Nicolosi

Anche il mese di febbraio ha segnato un notevole miglioramento nel servizio di superficie. Dopo l'incremento del 9% dei chilometri percorsi effettuato a gennaio 2020 rispetto a gennaio 2019, nel mese scorso la produzione di superficie ha segnato un +13% rispetto a febbraio 2019. Bus e tram hanno percorso complessivamente circa 7,45 milioni di chilometri a fronte dei 6,58 milioni di febbraio 2019. Il risultato di febbraio conferma l'aumento di produzione e il deciso miglioramento del servizio previsto dal budget 2020 dell'azienda.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mar 2020

Treni in ritardo tra Roma e Firenze a causa di un incendio a Settebagni

di Fabio Nicolosi

Sarà un martedì di passione per i pendolari che si sposteranno anche per lunghe tratte per studio o per lavoro a causa di un guasto nei pressi di Settebagni, che sta provocando ritardi e cancellazioni tra Roma e Firenze sulla linea dell’Alta velocità a media e lunga percorrenza e quelli regionali da e per la Capitale. Riportiamo il comunicato di RFI: Circolazione ferroviaria fortemente rallentata dalle 5.00 fra Roma e Firenze per un guasto tecnico nei pressi di Settebagni causato da un incendio. I treni Alta Velocità, a media e lunga percorrenza e quelli regionali da e per Roma registrano ritardi fino a 120 minuti e cancellazioni. Sul posto sono presenti i Vigili del Fuoco e le squadre tecniche di RFI.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2020

Air Italy riapre le prenotazioni dei collegamenti in continuità territoriale da e per Olbia

di mobilita

Air Italy informa che sono state aperte le vendite dei collegamenti in continuità territoriale sulle rotte Olbia-Roma Fiumicino e viceversa e Olbia-Milano Linate e viceversa con partenza dal 14 marzo fino al 16 aprile 2020. Al momento è possibile prenotare le rotte sopra menzionate esclusivamente attraverso il Call Center al numero +39 0789 711865 e presso le biglietterie aeroportuali. La compagnia darà successiva comunicazione per informare in merito al ripristino delle vendite anche attraverso i propri canali diretti digitali. Air Italy ricorda che sulle rotte di Continuità Territoriale sono previste tariffe agevolate per determinate categorie di passeggeri. Inoltre Air Italy informa che i voli Milano Linate – Madrid e viceversa e Milano Linate – Londra (Heathrow e London City), operati rispettivamente da Iberia e British Airways in code share con Air Italy, sono in vendita fino al 25 ottobre 2020 attraverso il Call Center al numero +39 0789 711865 e presso le biglietterie aeroportuali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 feb 2020

ROMA | La metro A compie 40 anni

di mobilita

La metropolitana A di Roma compie 40 anni. Il primo convoglio della serie MA100, dal caratteristico colore arancione, entrò infatti in servizio alle ore 5.30 di sabato 16 febbraio 1980. All’inaugurazione della tratta Cinecittà-Ottaviano era presente il Sindaco di Roma, Luigi Petroselli. Pochi mesi dopo il capolinea fu prolungato sino ad Anagnina. La linea A disponeva di un parco di 152 motrici, accoppiate in unità di trazione costituite da due veicoli. Vennero impiegati convogli MA100 costruiti dalla Breda Costruzioni Ferroviarie (serie MA001-MA152). All’avvio in servizio la linea A contava 21 stazioni, per circa 14 km di tracciato. La nuova linea permetteva di raggiungere il centro cittadino in un terzo del tempo impiegato dai mezzi di superficie. Il biglietto di corsa semplice, valido per un viaggio, costava 200 lire e l’abbonamento mensile per le due linee metro 4.500. Con 5.000 lire era possibile acquistare un abbonamento mensile per la linea A, la linea B e una linea Atac di superficie. La "Linea A" fu considerata dai romani la prima vera metropolitana cittadina, dato che la "Linea B", dal momento della sua inaugurazione, non era mai stata molto utilizzata a causa della brevità dei suoi tratti sotterranei che si collegavano a quelli ferroviari già esistenti e del collegamento con un solo quartiere, l'EUR, all'epoca abbastanza decentrato. I lavori iniziarono nel dicembre 1963 nel tratto Osteria del Curato–Termini, facente parte dell'appalto bandito nel maggio 1960 e aggiudicato dalla ditta SACOP (gruppo FIAT-Impresit). Tuttavia essi furono complicati da una serie di ritardi e imprevisti dovuti principalmente alla scarsa organizzazione; la tecnica di scavo a cielo aperto, utilizzata inizialmente, provocò gravi disagi al traffico della zona sud-est di Roma, primo tra tutti l'interruzione dell'arteria Via Tuscolana e la deviazione della linea tranviaria STEFER "Termini-Cinecittà", una delle ultime vestigia dell'estesa rete delle tranvie dei Castelli Romani. I lavori furono così interrotti e ripresero solo 5 anni più tardi con il metodo della "talpa" che, pur risolvendo parzialmente il problema traffico, provocò numerosi danni ai fabbricati nei pressi del tracciato tra le fermate Re di Roma e San Giovanni a causa delle forti vibrazioni dovute allo scavo. L'attraversamento della linea sul fiume Tevere causò un nuovo blocco biennale dei lavori per una disputa progettuale tra la costruzione di un nuovo ponte o lo scavo di un tunnel sotterraneo. Si optò per la prima soluzione erigendo il ponte Pietro Nenni (dal nome del senatore socialista morto un mese prima dell'inaugurazione). Oggi la linea A ha 27 stazioni, incrocia una volta la linea B (stazione Termini), la Linea C (stazione San Giovanni) ed è contraddistinta dal colore arancione usato per le decorazioni interne dei treni, delle stazioni e per la colorazione sulle mappe.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 feb 2020

ROMA | Il tram 8 diventerà il nuovo tram dei Fori Imperiali

di mobilita

Ieri in commissione mobilità si è parlato anche del prolungamento della linea tram n 8 che attualmente si ferma al capolinea di largo Berlinguer,  Il progetto del nuovo tram dei Fori prevede che la linea passi davanti al marciapiede del Vittoriano, poi su via dei Fori Imperiali e infine su via Cavour fino a piazza Vittorio, dove poi si divideranno: una parte correrà fino a Termini, l’altra fino alla via Prenestina. Da un lato quindi nascerà la nuova linea 8 Casaletto-Termini e dall’altro una linea ‘Est-Ovest’ Casaletto-Prenestina Il nuovo tram non avrà linea aerea e sarà una sorta di passeggiata verso i Fori fino allo sfioccamento. Il tram incrocerà la fermata della metro B Cavour, consentendo ai viaggiatori di evitare lo snodo di Termini e trasporterà 30 mila passeggeri al giorno. In più, tramite un progetto partecipato, sarà riqualificata tutta l’area interessata dal tragitto del tram, che agganciandosi alle linee tranviarie già esistenti, unirà i Fori alla periferia est. Obiettivo dell’amministrazione, ha affermato Enrico Stefàno, è chiedere i finanziamenti entro giugno..

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
23 gen 2020

Aeroporto Crotone, arriva la continuità territoriale per Roma, Torino e Venezia

di mobilita

La ministra Paola De Micheli ha firmato il decreto sugli oneri di servizio pubblico sui collegamenti aerei tra lo scalo di Crotone e i principali aeroporti nazionali per garantire la continuità territoriale attraverso voli di linea adeguati, regolari e continuativi.In base al decreto ministeriale il collegamento aereo di linea sulle rotte Crotone-Roma Fiumicino e viceversa, Crotone-Torino e viceversa, Crotone-Venezia e viceversa costituisce un servizio d'interesse economico generale. Tali oneri di servizio pubblico diventano obbligatori a partire dal 1° luglio 2020.La documentazione relativa è stata inviata a Bruxelles per la condivisione degli uffici della Commissione europea.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 gen 2020

ROMA METRO C | A che punto siamo? Nuovo aggiornamento dai cantieri

di mobilita

Roma Metropolitane ha fornito un ulteriore aggiornamento dei cantieri della terza linea metropolitana della città. Il 10 gennaio 2020 è avvenuta la consegna delle aree interessate dalle indagini geognostiche e dai campi prova di consolidamento dei terreni, attività necessarie per il completamento del Progetto Definitivo della stazione Venezia. Sono in corso le attività di rilievo e indagine (testimoniali di stato su monumenti, campagna sondaggi archeologici, geognostici, campi prova condizionamento terreni).  La stazione di piazza Venezia sarà un’altra “stazione museo” della linea C,  nel cuore di Roma, dopo quella di san Giovanni. STAZIONE FORI IMPERIALI In corso lo scavo tra solaio 1° livello tecnico e solaio corrispondenze, nella porzione denominata "Pozzo Nord" (Lato Clivo di Acilio) e lo scavo tra il solaio atrio e il solaio 1° livello tecnico del corpo stazione. Inoltre si sta procedendo allo scavo in modalità archeologica del Pozzo Colosseo di collegamento con la Linea B, con rimozione controllata delle strutture rinvenute e la delocalizzazione dei reperti prescritta dal P.A.C. (Parco Archeologico Colosseo). In corso anche la realizzazione delle opere a rustico del cunicolo per il collegamento pedonale tra la stazione Fori Imperiali e la Stazione Colosseo Linea B, la realizzazione del solaio 1° livello tecnico del corpo stazione e la realizzazione delle fodere perimetrali in cemento armato. A breve partiranno i lavori per la realizzazione delle opere al rustico del Pozzo Colosseo di collegamento con la Linea B e la realizzazione del solaio corrispondenze nella porzione denominata "Pozzo Nord" (lato Clivo di Acilio). STAZIONE ESISTENTE COLOSSEO LINEA B REALIZZAZIONE INTERCONNESSIONE LINEA B/LINEA C E' stato completato il montaggio della struttura di segregazione in carpenteria metallica (contenimento della calotta nel tratto in cui verrà realizzato il futuro sovrappasso pedonale). Contemporaneamente si stanno realizzano i Micropali di fondazione della futura struttura di scavalco (sopvrappasso pedonale). A breve partirà il taglio della porzione di calotta della galleria di stazione interessata dalla struttura di scavalco. CANTIERE STAZIONE POZZO 3.2 CELIMONTANA Sono state già realizzate le strutture interne del Pozzo dal piano 5 (-45 mt da piano campagna) al piano 1° Tecnico, la Prefabbricazione delle saette, delle travi, delle predalles e delle rampe per la realizzazione del solaio del piano 0. Attualmente si sta lavorando alla realizzazione delle fodere in cemento armato tra il piano 1° tecnico e la copertura e alla rrealizzazione del solaio del piano copertura mediante l'utilizzo di elementi prefabbricati. A breve partiranno i lavori per lo spostamento travi del carroponte e opere propedeutiche allo scavo da quota -45 mt per il raggiungimento della quota di fondo pozzo (-55 mt da piano campagna). SCAVO MECCANIZZATO CON TBM - DA STAZIONE AMBA ARADAM/IPPONIO Entrambe le TBM hanno completato lo scavo delle gallerie tra il Pozzo 3.3 e la stazione Fori Imperiali: binario dispari - 21/10/2019; binario pari 12/12/2019 e si è in attesa delle autorizzazioni necessarie alla prosecuzione dello scavo delle gallerie fino a Piazza Venezia. ATTIVITÀ POZZO 3.3 Sono state già completate le fodere perimetrali a fondo pozzo ed è stata completata la realizzazione dell'ultima porzione del solettone di fondo. Attualmente si stanno montando gli impianti civili, le opere di finitura dei piani tecnici destinati ai locali impiantistici e tecnologici e la realizzazione del solettone di regolamento per la posa dell'armamento ferroviario. A breve partiranno i lavori per il montaggio degli impianti civili di linea, i lavori per la posa in opera dell'armamento ferroviario e i lavori di chiusura delle asole del solaio di copertura. GALLERIE IN TRADIZIONALE DA POZZO 3.3 SANNIO A STAZIONE SAN GIOVANNI Completata la galleria in allargo del tratto TBM lato Amba Aradam e lo scavo della galleria naturale binario pari lato San Giovanni; realizzata l'apertura del varco della galleria pari tra la tratta T4 lavorazioni di scavo della galleria naturale binario dispari lato lavorazioni per la realizzazione del rivestimento definitivo della galleria. (in esercizio) e la tratta T3 (in costruzione). Attualmente si sta lavorando per l'esecuzione dei piani di regolamento delle gallerie naturali e posa delle banchinette metalliche di linea e per l'inizio della posa dell'armamento ferroviario lato binario pari. A breve partiranno i lavori per la posa dell'armamento dei binario dispari e il montaggio e posa degli impianti civili di linea.  

Leggi tutto    Commenti 0