Articolo
28 nov 2019

ROMA | In arrivo nuovi alberi lungo la ciclabile Nomentana

di mobilita

È iniziata l’operazione di piantumazione di nuovi platani lungo la pista ciclabile di via Nomentana, inaugurata a luglio scorso. Nel tratto tra Porta Pia e viale XXI Aprile vengono messi a dimora 46 alberi, alti circa 7 metri, che andranno a integrare quelli già esistenti. Gli interventi si concluderanno entro metà dicembre.  Si tratta di una specie particolare di platano, detto ibrido, un albero imponente particolarmente resistente al cancro colorato e quindi adatto ai viali cittadini più soggetti a smog. “Prosegue l’operazione di rigenerazione del nostro patrimonio arboreo. La scorsa settimana abbiamo piantumato nuovi pini su via del Circo Massimo a Villa Pamphilj e su via di San Gregorio. Vogliamo ridare ossigeno alla nostra città contrastando i cambiamenti climatici e combattendo l’inquinamento atmosferico. Ogni albero piantato non solo cambia il volto della città, ma migliora anche la qualità dell’aria”, afferma la Sindaca di Roma Virginia Raggi.    “La ciclabile Nomentana fa parte della rete di opere progettate per la nostra città. L’abbiamo inaugurata quest’estate, sbloccando un progetto fermo da anni. Una risposta concreta a chi ci chiedeva di portare a compimento quest’opera. Un impegno che stiamo portando avanti con la realizzazione di altre ciclabili sul territorio” spiega l’Assessore alla Città in Movimento Pietro Calabrese. “Roma risponde alle sfide del futuro con una svolta green. Nei prossimi giorni proseguiremo con la messa a dimora di nuovi alberi per la città. Il nostro obiettivo è valorizzare la presenza delle alberature, contribuendo alla tutela dell'ambiente e alla riduzione dell'inquinamento. In generale stiamo riorganizzando la gestione del verde urbano per strutturare un servizio che sia efficiente ed efficace nel tempo”, dichiara l’assessora alle Politiche del Verde Laura Fiorini "Con i nuovi alberi andiamo a completare - afferma il presidente e Amministratore delegato di Roma Servizi per la Mobilità, Stefano Brinchi - un'opera come la pista ciclabile ispirata in tutto e per tutto alla sostenibilità ambientale. Obiettivo primario del progetto era offrire un'alternativa di mobilità a chi vuole spostarsi lasciando a casa auto o scooter. A giudicare dalle persone - ogni giorno sempre di più - che la percorrono in bici il risultato lo abbiamo raggiunto. Meno veicoli a motore significano meno emissioni inquinanti. Più alberi significano aria più pulita".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 lug 2019

ROMA | Inaugurata la ciclabile Nomentana

di mobilita

È aperta a tutti i ciclisti la nuova pista su via Nomentana, tra Porta Pia e via Valdarno. Quasi quattro chilometri che collegano, su una corsia protetta, il centro con il quartiere di Montesacro, dove la pista si riconnette alla ciclabile dell’Aniene, in via dei Campi Flegrei. All’inaugurazione, insieme ai tanti cittadini, la sindaca Virginia Raggi, l’assessora alla Città in Movimento di Roma, Linda Meleo, la presidente del II Municipio Francesca Del Bello, e il vicepresidente del III Municipio Stefano Sampaolo, le associazioni di ciclisti e realtà territoriali. I lavori sono stati realizzati con il contributo finanziario dell'Unione europea attraverso il Programma Operativo Nazionale Città metropolitane 2014-2020, che sta sostenendo la progettazione e la creazione di ulteriori piste ciclabili nel territorio urbano, grazie anche ad altri strumenti e finanziamenti comunali e nazionali volti a qualificare e ampliare la rete ciclabile cittadina. Queste risorse, oltre alla realizzazione della ciclabile a doppio senso di marcia, hanno permesso anche la riqualificazione dei marciapiedi, la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali, l’avvio della messa a dimora di nuove piante, l'installazione di semafori dotati di lanterne per attraversamento ciclabile, la pulizia delle caditoie esistenti e il completo rifacimento dell’impianto di illuminazione con lanterne a led di ultima generazione. “Si realizza un’opera di mobilità sostenibile attesa da anni dai ciclisti e da tutti i cittadini romani. Un percorso che valorizza una delle arterie principali della Capitale e che permette di collegare il quartiere di Montesacro e il centro città, toccando aree verdi e ville storiche, insieme a siti di interesse storico e culturale. Un intervento che ha inoltre consentito di riqualificare tutta la zona e che rientra nel programma più ampio per dotare Roma di una rete integrata di ciclabili”, ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Con la ciclabile Nomentana creiamo una connessione tra centro e periferia che va ad aggiungersi ad altri itinerari ciclabili, come quello su via Tuscolana che stiamo completando o su via Prenestina, dove i lavori inizieranno a breve per circa 5.7 chilometri di bike lane. E tutti gli altri progetti che abbiamo in cantiere per promuovere ed incentivare la mobilità dolce e sostenibile nella nostra città”, spiega l’assessora alla Città in Movimento di Roma, Linda Meleo. La pista si sviluppa sul lato destro di via Nomentana, in direzione piazza Sempione, fino all’altezza della Batteria Nomentana – via Tembién. Il tracciato si sposta quindi sul lato sinistro, passando sul viadotto della circonvallazione Nomentana, fino all’incrocio con via Val d’Aosta, e la percorre fino al tratto conclusivo di via Valdarno.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2019

ROMA | Aperto Il terzo tratto della ciclabile Nomentana

di mobilita

Continuano i lavori sulla ciclabile Nomentana con l'obiettivo di arrivare a via Valdarno con un tracciato di circa 4 chilometri, da Porta Pia al quartiere di Montesacro, nella parte nord-est della città. E' stato aperto Il terzo tratto del percorso, fino a via Nibby. Grazie ai primi lavori è stato possibile realizzare opere di riqualificazione che valorizzano tutto il percorso: quello della Nomentana è infatti un progetto che renderà più fruibile la strada anche ai pedoni. Nuovi marciapiedi quindi e un’illuminazione adeguata, al servizio dei tanti cittadini che vogliono percorrere una delle principali arterie della Capitale in bici o a piedi. Non solo una ciclabile quindi, ma un’opera ciclo-pedonale dal centro alle zone più periferiche, che rientra in un piano più ampio per dotare la Capitale di nuovi spazi dedicati alla mobilità dolce e sostenibile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 nov 2018

ROMA | Procedono i lavori sulla ciclabile Nomentana

di mobilita

Procedono i lavori sulla ciclabile Nomentana, per completare i 4 chilometri di tracciato fino a via Valdarno, nella zona nord est della città.  I lavori, partiti da Porta Pia, sono arrivati fino a viale XXI Aprile. L’opera consentirà il collegamento di diversi quadranti della città e amplierà la rete di ciclabili, disegnando una nuova mobilità per Roma.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 ott 2018

ROMA | Terminati i lavori del primo tratto della nuova ciclabile Nomentana

di mobilita

Oggi sono terminati i lavori del primo tratto della nuova ciclabile Nomentana, da Porta Pia a Viale Regina Margherita.  Il progetto prevede un itinerario ciclabile, lungo circa 3,6 Km, che colleghi Porta Pia con la pista ciclabile esistente di via dei Campi Flegrei, all’altezza di via Valdarno, che costeggia l’ansa dell’Aniene. Il percorso si sviluppa lungo il controviale di destra della via Nomentana (dando le spalle al piazzale di Porta Pia), ed è in prevalenza su sede stradale, ricavata dalla carreggiata; in prossimità dell’uscita per la circonvallazione Nomentana, l’itinerario si inserisce sul lato sinistro della strada consolare, grazie all’attraversamento ciclabile di progetto e, percorso il ponte di Batteria Nomentana, svolta su via Val d’Aosta per proseguire e concludersi poi in via Valdarno, con l’aggancio alla ciclabile esistente.  Si tratta di una "pista ciclabile in sede propria a doppio senso di marcia" - come da definizione del D.M. 557/99; solo per alcuni brevi tratti (nelle aree prospicienti le ville storiche) la pista è invece in sede riservata ricavata dal marciapiede.  L'ampiezza è pari a 250 cm e - come richiesto dalla normativa - su sede stradale è separata dalla corsia destinata agli autoveicoli da un cordolo prefabbricato in polimeri,che può essere posato in opera senza scavi, grazie a tasselli di ancoraggio alla piattaforma stradale.

Leggi tutto    Commenti 0