29 giu 2020

Altre 38 Frecce arricchiscono l’offerta estiva di Trenitalia


Luglio, per chi sceglie il treno per muoversi, s’inaugura con il ritorno sui binari di altre Frecce Trenitalia sospese per l’emergenza Covid. In tutto 38 corse in più, introdotte nell’offerta ferroviaria estiva tra domenica 28 giugno e domenica 5 luglio, che comprendono  il Frecciarossa Trieste-Roma, l’Udine-Milano, il Perugia-Torino e il Genova-Milano-Venezia, oltre al Frecciargento fra Vicenza Roma. Dal 28 giugno prende il via anche il prolungamento a Sapri, nel fine settimana, del Milano-Napoli con fermate nel Cilento.

Queste novità di inizio luglio, con il ritorno di collegamenti tanto attesi come i Frecciarossa Perugia-Torino e Genova-Venezia, insieme al Roma-Trieste con fermata a Trieste Airport, concomitante con il progressivo ritorno all’operatività dell’aeroporto giuliano, e la reintroduzione di tutti i 108 InterCity Giorno e Notte sono un segnale di normalizzazione e di ripartenza dell’intero sistema di mobilità ferroviaria nazionale.

Un altro deciso passo che arriva dopo altre iniziative adottate per stimolare l’interesse di tanti nuovi potenziali viaggiatori con scelte forti e inedite che stanno riscuotendo grande attenzione. Come far costeggiare al Frecciarossa 1000 il litorale tirrenico di Liguria  Toscana e Lazio con  un  Milano-Roma versione balneare e inserire in orario le due coppie di Frecciarossa con 12 vetture tra Torino e Reggio Calabria, in un testa-coda della Penisola che, percorsa l’intera linea AV, non si arresta fino allo Stretto di Messina.

Del resto, come è stato più volte ribadito nelle ultime settimane dai vertici sia di FS Italiane sia di Trenitalia, l’offerta ferroviaria estiva è parte integrante di un nuovo piano di sviluppo del turismo nazionale, volto alla riscoperta – nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza sanitaria – di mete e itinerari di assoluto interesse e richiamo.


frecceFrecciarossa 1000fs italianeofferta estivatrenitalia

9 commenti per “Altre 38 Frecce arricchiscono l’offerta estiva di Trenitalia
  • Metropolitano 3220
    01 lug 2020 alle 3:32

    MA FATE ARRIVARE IL TRENO ETR252 ARLECCHINO (4 CARROZZE) FINO A PALERMO COME “FRECCIABIANCA” OLTRE A QUEI DIECI INTERCITY GIORNO E NOTTE !
    SE NE STANNO FREGANDO DI UNA GRANDE CITTA’ COME PALERMO ! PERFINO REGGIO CALABRIA HA LE FRECCE.

    • lazarus 4
      01 lug 2020 alle 22:39

      Forse potresti inviare una lettera alle FS, ma a quest’ora avrebbero dovuto decidere di istituirlo per la lunga percorrenza per il quale è progettato. Ricordo solo che a Villarosa in provincia di Enna nel lontano 1995 un ETR401 molto piu sofisticato “Pendolino” (ormai obsoleto) ha fatto un servizio tipo charter per far scendere passeggeri visitatori del museo dei treni. Anche se solo per una volta. Dimostrazione che si puo fare di tutto. Nulla è impossibile. Ma la vedo dura per ragioni di gestione.

  • Metropolitano 3220
    01 lug 2020 alle 3:33

    MA FATE ARRIVARE ANCHE IL TRENO ETR252 ARLECCHINO (4 CARROZZE) FINO A PALERMO COME “FRECCIABIANCA” OLTRE A QUEI SOLITI DIECI INTERCITY GIORNO E NOTTE !
    SE NE STANNO FREGANDO DI UNA GRANDE CITTA’ COME PALERMO ! PERFINO REGGIO CALABRIA HA LE FRECCE.

    • peppino1234 37
      01 lug 2020 alle 9:08

      L’ ETR 252 “ARLECCHINO” e’ un treno STORICO per servizi speciali, non certo per fare un servizio come Intercity o altro servizio ordinario.

      • peppino1234 37
        01 lug 2020 alle 10:46

        Non e’ certo concepibile che su un Signor Treno come l’Arlecchino salgano giovinastri pieni di tatuaggi ,chiodi infissi in vari posti e valigioni tipo armadi con le ruote.Quello e’ un treno da persone qualificate,come lo era ai tempi del rapido Freccia del Vesuvio che effettuava negli anni 60.Quello e’ un treno di lusso di sola 1^ classe !

        • Metropolitano 3220
          01 lug 2020 alle 17:39

          …tanto io da domani sono fuori città. Vi lascio con il clima torrido e l’assenza totale di turismo e senza far invidia ai napoletani che hanno pure treni veloci anche oggi. Ti ricordo che il treno è un mezzo insostituibile e non è quello il ragionamento per il quale non fanno venire treni veloci a Palermo, screditando perfino te stesso e i tuoi stereotipi.

        • lazarus 4
          01 lug 2020 alle 22:35

          Ma che frottole vai raccontando, peppino1234 ? Dato che si tratta di treni circolabili perfino in Sicilia non vedo perchè non dovrebbero istituire servizi da paese civile. Quali sarebbero questi treni da “persone qualificate” (a parte l’Orient Express). Cioè, adesso per la paura che hanno quelli come te dei teppisti non fanno circolare piu nessun treno Roma-Sicilia (con carrozze T3S, il cosiddetto hotel viaggiante) e da Milano verso Palermo e Siracusa, figurati…
          Stai mettendo in ridicolo te e gli altri tuoi concittadini, ma attenzione, il ridicolo per ora sei tu e nessun altro.
          Sapevi che dalle mie parti i lavori della nuova linea veloce sono in corso e procedono celermente ? Sto parlando dei lavori della nuova lineea veloce CT-PA, in particolare il primo lotto tra Catania Bicocca e Catenanuova; quando hanno deciso seppur tardivamente di fare investimenti non si sono posti certo il tuo problema dettato da una personalità boriosa come alcuni di voi panormìti. Finiamola, per piacere ! Noi della sicilia jonica non ci rassegneremo ad essere sempre e per sempre il fanalino di coda dello stivale. Se ti sei rassegnato saranno problemi tuoi. Ma qui, …Nisba.

          • peppino1234 37
            02 lug 2020 alle 14:08

            Evidentemente tu non capisci che l’elettrotreno ETR 252 ARLECCHINO e’ un treno storico utilizzabile per gite turistiche organizzate,mentre NON FA SERVIZIO per i percorsi in orario.Chiaro? Poi possono mettere anche i treni ETR 500 ed ETR 1000 (alta velocita) che a differenza dei treni storici,fanno servizi normali in orario. Quello che volevo dire io e’ un altro discorso,e cioe’ negli anni 70 c’erano i treni normali di 1 e 2 classe e i RAPIDI DI LUSSO di sola 1^ classe, fra cui l’arlecchino e il Settebello.Questi treni ho avuto la fortuna di prenderli ed erano a livello dell’Orient Express,con viaggiatori in giacca e cravatta: l’elite della ferrovia.Oggi,i governi sempre di sinistra hanno deciso che dobbiamo essere tutti uguali,tutti sporchi e con tatuaggi vestiti da fare vomitare e i treni di oggi pure tutti uguali fino alla nausea non hanno niente di elegante ,sono solo CARROZZONI VELOCI per gentaglia lercia. Spero di essere stato chiaro.


Lascia un Commento