08 giu 2017

Firenze come Shanghai: arriva il bike-sharing “alla cinese”


A Firenze sta arrivando il bike-sharing a flusso libero: ovvero senza stazioni fisse.

Per spiegarci meglio, questo servizio non necessita di stazioni fisse per il ritiro e la riconsegna delle biciclette, che potranno essere lasciate ovunque consentito (quindi alle apposite rallestriere, che si spera miglioreranno e soprattutto aumenteranno per questa occasione) e individuate attraverso sistemi di posizionamento Gps e smartphone; inoltre questo permette di usare la bici senza vincoli di prenotazione o luogo di sosta, con una diffusione territoriale più estesa e più capillare rispetto al bike sharing a postazione fissa.

Il sistema di gestione sarà completamente automatizzato per l’utente, che potrà visualizzare le biciclette disponibili, prenotarle, sbloccarle a inizio utilizzo, bloccarle al termine e pagare (un po’ come Car2Go o Enjoy), ma anche segnalare guasti, malfunzionamenti o comportamenti scorretti da parte di altri utenti, tutto tramite un’apposita app.

Il numero di biciclette previste per la prima fase va da mille a ottomila:

Si tratta di un atto importante – ha commentato l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti – che modifica il tradizionale bike-sharing con le stazioni fisse in un modello “free flow” come l’attuale car-sharing, il quale ha riscosso molto successo fra la cittadinanza. In questo modo inoltre prevediamo di arrivare a dotare la città di un servizio più capillare, che prevede fino a 8000 bicilette rispetto al precedente progetto che in 65 stazioni poteva contenere 975 mezzi. E’ un grande passo avanti verso la mobilità ciclabile in città e soprattutto nel centro storico.


bike sharingfirenzeflusso libero


Lascia un Commento