14 mag 2020

Viadotto Himera, la replica di Anas


In merito ai tempi di realizzazione del nuovo viadotto Imera sull’autostrada A19 “Palermo-Catania”, Anas chiarisce che l’ulteriore slittamento della data di ultimazione è imputabile esclusivamente all’emergenza covid-19.

Tale evento – come è noto a tutti – ha impattato negativamente sull’intera filiera produttiva, dilatando i cronoprogrammi di tutti i cantieri in corso.

Nel caso specifico, l’impresa fornitrice del nord Italia è stata costretta a rallentare fortemente la produzione e, quindi, la successiva fornitura degli appoggi in acciaio dell’impalcato del viadotto.

Al di là di ogni valutazione sul rispetto dei tempi da parte dell’impresa appaltatrice, in generale la rescissione di un contratto in fase avanzata o, come nel caso dell’Imera, in via di completamento, comporta una forte dilatazione dei tempi di esecuzione complessivi.

Le sole procedure per espletare una nuova gara d’appalto sarebbero infatti, anche nel caso dell’Imera, di gran lunga superiori al tempo necessario per portare a compimento l’opera.

Anas prosegue, pertanto, il suo impegno nel seguire i lavori e portarli a termine limitando i ritardi.

TI POTREBBE INTERESSARE:


anasautostrada a19viadotto himera

2 commenti per “Viadotto Himera, la replica di Anas
  • Metropolitano 3215
    21 mag 2020 alle 20:09

    Altro che Covid2019, dovevano finirlo nel 2017 il viadotto della A19. Mi fiderò solo della mia vista. Ricordo quando quei due buffoni, Renzi e DelRio hanno “inaugurato” il viadotto Himera CT-PA nell’Aprile 2015, ma logicamente non si trattava di una costruzione, bensì di una constatazione che quello lato Palermo non era crollato ed è tuttora percorribile per la carreggiata opposta alla PA-CT. Patetici !


Lascia un Commento