Articolo
16 ott 2017

In Svezia il treno si prende con un microchip sottopelle

di Roberto Lentini

La compagnia ferroviaria di Stato svedese «SJ» ha cominciato ad accettare biglietti caricati su microchip impiantati tra il pollice e l'indice della mano al posto del biglietto cartaceo. Il biglietto può essere acquistato sul web o sull'app della compagnia ferroviaria svedese e i dati vengono successivamente trasferiti sul microchip. Al controllore basta solo avvicinare il lettore alla mano del passeggero e appaiono tutti i dati del biglietto. Per accedere al servizio occorre essere registrati al programma fedeltà è già 3.000 persone si sono dotate del microchip (che usa la tecnologia NFC Near Field Communication), e altri 200 utenti ne attendono l'impianto. "Le persone non capiscono che già adesso sono dei cyborg. Se ti dimentichi il cellulare - afferma Elon Musk, presidente di Tesla - ti senti come se ti mancasse un braccio. Ci stiamo già fondendo con i telefonini e la tecnologia". SJ non è l'unica società svedese a utilizzare il microchip biometrico. Una società, Epicenter, dà ai dipendenti la possibilità di avere un chip impiantato per accedere agli uffici, mentre una catena di palestre svedesi consente ai clienti di utilizzare il microchip come tessera d'ingresso. Sarà questo il futuro per viaggiare? È molto difficile dirlo perché la velocità della digitalizzazione è così veloce che qualsiasi cosa può essere obsoleta in meno di 12 mesi. Probabilmente ci sarà una nuova  generazione di microchip molto più sofisticata. Si pensi ad esempio a Finnair sta che sta utilizzando il il check-in con il riconoscimento facciale senza l'utilizzo di passaporto cartaceo.  Probabilmente il futuro ci riserverà grosse novità per viaggiare su treni o aerei.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2016

Svezia: al via la sperimentazione delle autostrade elettriche

di Andrea Baio

Tra qualche giorno partirà in Svezia, lungo un tratto di 2 km dell'autostrada E16, una sperimentazione che mira a ridurre fortemente l'impatto in termini di inquinamento atmosferico prodotto dai mezzi pesanti che trasportano quotidianamente le merci. L'idea è partita già tempo fa negli USA, precisamente a Los Angeles, con l'obiettivo di collegare il porto a un deposito merci. La sperimentazione prevede l'utilizzo di veicoli Scania dotati di pantografo (esattamente con i sistemi tranviari, ferroviari e filobus) che consentirà l'apporto di energia elettrica al veicolo. Il pantografo "intelligente" si abbassa una volta che il veicolo abbandona la corsia elettrificata tramite catenaria, per effettuare ad esempio un sorpasso. I veicoli pertanto sono ad alimentazione ibrida. Tuttavia, se la sperimentazione andasse a buon fine, si aprirebbe un nuovo mercato dove la Germania in primis sarebbe disposta ad investire molto. Le perplessità tuttavia non sono poche. I costi di produzione per corsie elettrificate sono infatti molto alti (nell'ordine del milione di euro a chilometro), e potrebbero diventare un problema non indifferente su larga scala. Inoltre, c'è da chiedersi quanto sia il risparmio effettivo in termini di inquinamento atmosferico, dato che il problema in realtà viene solo spostato altrove; infatti, l'energia elettrica è prodotta dai carburanti fossili. Pertanto, si risparmierebbe inquinamento atmosferico nei centri urbani, che verrebbe però dirottato nei centri di produzione.

Leggi tutto    Commenti 2