Articolo
08 nov 2019

PORTO CIVITAVECCHIA | Varata la nuova nave Grande Torino del Gruppo Grimaldi

di mobilita

Si è tenuta in mattinata, presso il porto di Civitavecchia, la cerimonia di battesimo della nuova nave Pure Car & Truck Carrier Grande Torino del Gruppo Grimaldi, condotta dal presentatore Massimo Giletti. Madrina della nave la showgirl e conduttrice televisiva Cristina Chiabotto. All’evento hanno partecipato le autorità locali, il vertice della Supply Chain di Fiat Chrysler Automobiles (FCA), il top management del Gruppo partenopeo e la comunità portuale di Civitavecchia. Saluti sono stati rivolti da Francesco Maria di Majo, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Vincenzo Leone, Comandante della Direzione Marittima di Civitavecchia, Mauro Coletta, Direttore Generale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ernesto Tedesco, Sindaco di Civitavecchia, nonché da Emanuele Grimaldi, amministratore delegato del Gruppo Grimaldi.A seguito dei saluti, Mons. Cono Firringa, parroco della Cattedrale di Civitavecchia, ha proceduto a benedire la nave. La cerimonia si è conclusa con il taglio del nastro e la tradizionale rottura della bottiglia da parte della madrina Cristina Chiabotto.L’evento ricade nel cinquantesimo anniversario dall’avvio delle relazioni tra il gruppo partenopeo e FCA, quando la prima nave car carrier con la livrea “Grimaldi Lines” fu battezzata Warrington in omaggio alla Fiat UK la cui sede era nell’omonima città inglese. La Warrington fu impiegata sul collegamento tra l’Italia ed il Regno Unito trasportando auto Fiat destinate al mercato britannico. “Diamo oggi il benvenuto alla nuova ammiraglia del nostro Gruppo per il trasporto di auto, che rappresenta un ulteriore e significativo passo in avanti nella direzione di una flotta sempre più ecofriendly, che garantisca un trasporto marittimo realmente sostenibile: la Grande Torino è infatti un’unità altamente tecnologica, dotata di motore a controllo elettronico e di sistemi all’avanguardia in grado di abbattere le emissioni inquinanti”, ha dichiarato Emanuele Grimaldi. “Il nome di questa unità richiama la città dove ha sede operativa Fiat Chrysler Automobiles, onorando così la lunga e fruttuosa partnership che ci lega da mezzo secolo a una delle più importanti case automobilistiche al mondo”, ha concluso l’AD del Gruppo. La Grande Torino è la prima di sette unità gemelle commissionate dal Gruppo Grimaldi al cantiere cinese Yangfan di Zhoushan. Lunga 199,90 metri e larga 36,45 metri, ha una stazza lorda di 65.255 tonnellate e una velocità di crociera di 19 nodi. Può trasportare circa 7.700 CEU (Car Equivalent Unit) o in alternativa 5.400 metri lineari di merce rotabile e 2.737 CEU.Si tratta di una nave molto flessibile, grazie ai quattro ponti mobili e alle due rampe d’accesso, una laterale e una in poppa: può quindi trasportare e imbarcare non solo autovetture ma anche qualsiasi tipo di carico rotabile, come camion, trattori, autobus, scavatrici, fino a 5,3 metri di altezza.Dal punto di vista ambientale, la Grande Torino è una nave altamente efficiente. È, infatti, dotata di un motore Man Energy Solutions a controllo elettronico, come richiesto dalle nuove normative per la riduzione delle emissioni di ossido di azoto (NOx). Rispetta, inoltre, le più recenti normative in termini di trattamento delle acque di zavorra. La Grande Torino sarà impiegata sul collegamento ro/ro settimanale del Gruppo Grimaldi tra il Mediterraneo ed il Nord America, principalmente per trasportare veicoli FCA. Servirà i porti di Gioia Tauro, Civitavecchia, Livorno, Savona (Italia), Valencia (Spagna), Anversa (Belgio), Halifax (Canada), Davisville, New York, Baltimora, Jacksonville, Houston (USA), Tuxpan e Veracruz (Messico).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 dic 2018

Rolls-Royce vince il contratto per la fornitura del sistema di propulsione per nove navi del gruppo Grimaldi

di mobilita

La Rolls-Royce Commercial Marine ha vinto un importante contratto per la fornitura del sistema di propulsione a nove navi che saranno costruite da Nanjing Jinling Shipyard Co in Cina per il gruppo italiano Grimaldi. Le nove navi da 238 metri sono le cosiddette navi Ro-Ro (Roll-on-Roll-off) progettate per trasportare oltre 7.800 metri lineari di unità di laminazione, equivalenti a circa 500 rimorchi. Si chiamano Grimaldi Green 5th Generation e saranno ibridi alimentati combinando l'uso di combustibili fossili tradizionali durante il funzionamento e la batteria quando sono in porto. Le navi sono state progettate da Knud E. Hansen in Danimarca. Ottar Ristesund, Rolls-Royce, SVP Propulsion Sales - Commercial Marine, ha dichiarato: "Non vediamo l'ora di collaborare con il cliente per consegnare questo grande ordine in modo tempestivo. Finora la collaborazione tra il cantiere, il proprietario e i membri del nostro team coinvolto in Cina, Italia e nei paesi nordici è stato eccellente, un fattore chiave sia per la sicurezza dell'accordo che per il futuro successo del progetto ". La consegna da Rolls-Royce comprende gli ingranaggi dello sterzo e il sistema Promas, che integra l'elica e il timone in un unico sistema per ottimizzare l'efficienza idrodinamica. Un coprimozzo speciale è montato sull'elica e ottimizza il flusso su un bulbo che viene aggiunto al timone, riducendo efficacemente la separazione del flusso immediatamente dopo l'elica. Il risultato è un aumento della spinta dell'elica poiché l'energia precedentemente sprecata viene recuperata dal flusso. L'aggiunta del bulbo sul timone semplifica anche il flusso a poppa del timone, riducendo ulteriormente la resistenza. Promas è un prodotto ben collaudato sviluppato e testato presso lo stabilimento Rolls-Royce di Kristinehamn in Svezia. Mentre lo sterzo è prodotto nello stabilimento di Brattvåg, in Norvegia. Il valore contrattuale di Rolls-Royce Commercial Marine è vicino a 300 MNOK. La consegna dei prodotti di propulsione è prevista dal 2019 in poi fino al completamento dell'ultima nave della serie nel 2021.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 mar 2018

Fincantieri e Grimaldi firmano il contratto per l’allungamento dei due Cruise Ferry

di mobilita

Fincantieri e il Gruppo Grimaldi hanno firmato il contratto per il programma di allungamento e trasformazione dei cruise ferry “Cruise Roma” e “Cruise Barcelona”. La costruzione dei tronconi che verranno inseriti nelle navi comincerà nel 2018, mentre il termine delle operazioni è previsto, presso lo stabilimento di Palermo, entro l’estate del 2019. Le due unità, attualmente impiegate sulla tratta giornaliera Civitavecchia-Porto Torres-Barcellona con la livrea “Grimaldi Lines”, sono state costruite da Fincantieri nel cantiere di Castellammare di Stabia e consegnate al gruppo partenopeo rispettivamente nel 2007 e nel 2008. Sono lunghe 225 metri, hanno una stazza di circa 54.000 tonnellate, e una capacità di trasporto di circa 3.000 persone, con 2.400 m2 di ponte auto e circa 3.000 metri lineari per mezzi pesanti. Nel troncone di allungamento, della lunghezza di circa 29 metri, troveranno spazio circa 600 metri lineari per merci pesanti in più, 80 posti letto in nuove cabine passeggeri, due sale poltrone dalla capacità complessiva di 450 posti e un nuovo ristorante “Family self-service”, che avrà circa 270 posti a sedere. Saranno, inoltre, effettuati significativi lavori di rinnovamento delle aree pubbliche esistenti, inclusa la creazione di un ristorante tematico. Infine, verranno implementate le dotazioni di sicurezza della nave per far fronte all’aumento di capacità di trasporto passeggeri. Al termine del progetto di allungamento, curato dalla Ship Repair and Conversion della divisione Services di Fincantieri, ogni nave sarà lunga circa 254 metri, avrà una stazza di circa 63.000 tonnellate, sarà in grado di ospitare 3.500 persone, con 3.000 m2 di ponte auto e oltre 3.700 metri lineari destinati ai mezzi pesanti. Sotto il profilo tecnologico saranno adottate soluzioni d’avanguardia rivolte alla riduzione dell’impatto ambientale e al risparmio energetico, quali l’installazione di scrubber per la depurazione dei gas di scarico e un impianto di mega batterie a litio per alimentare la nave durante le soste nei porti senza la necessità di mettere in funzione i diesel-generatori, raggiungendo così l’obiettivo promosso dal Gruppo Grimaldi delle zero emissioni in porto. Fincantieri ha costruito in passato 30 unità di vario tipo per il Gruppo Grimaldi. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 mar 2018

Fincantieri rinnoverà due cruise ferry per Grimaldi

di mobilita

Fincantieri e il Gruppo Grimaldi hanno firmato una lettera di intenti per il programma di allungamento e trasformazione dei cruise ferry "Cruise Roma" e "Cruise Barcelona". La costruzione dei tronconi che verranno inseriti nelle navi comincerà nel 2018, mentre il termine delle operazioni è previsto, presso lo stabilimento di Palermo, entro l'estate del 2019. Le due unità, attualmente impiegate sulla tratta giornaliera Civitavecchia - Porto Torres - Barcellona con la livrea "Grimaldi Lines", sono state costruite da Fincantieri nel cantiere di Castellammare di Stabia e consegnate al gruppo partenopeo rispettivamente nel 2007 e nel 2008. Sono lunghe 225 metri, hanno una stazza di circa 54.000 tonnellate, e una capacità di trasporto di circa 3.000 persone, con 2.400 m2 di ponte auto e circa 3.000 metri lineari per mezzi pesanti. Nel troncone di allungamento, della lunghezza di circa 29 metri, troveranno spazio circa 600 metri lineari per merci pesanti in più, 80 posti letto in nuove cabine passeggeri, due sale poltrone dalla capacità complessiva di 450 posti e un nuovo ristorante "Family self-service", che avrà circa 270 posti a sedere. Saranno, inoltre, effettuati significativi lavori di rinnovamento delle aree pubbliche esistenti, inclusa la creazione di un ristorante tematico. Infine, verranno implementate le dotazioni di sicurezza della nave per far fronte all'aumento di capacità di trasporto passeggeri. Al termine del progetto di allungamento, curato dalla divisione Ship Repair and Conversion di Fincantieri, ogni nave sarà lunga circa 254 metri, avrà una stazza di circa 63.000 tonnellate, sarà in grado di ospitare 3.500 persone, con 3.000 m2 di ponte auto e oltre 3.700 metri lineari destinati ai mezzi pesanti. Sotto il profilo tecnologico è prevista l'adozione di soluzioni d'avanguardia rivolte alla riduzione dell'impatto ambientale e al risparmio energetico, quali l'installazione di scrubber per la depurazione dei gas di scarico e un impianto di mega batterie a litio per alimentare la nave durante le soste nei porti senza la necessità di mettere in funzione i diesel-generatori, raggiungendo così l'obiettivo promosso dal Gruppo Grimaldi delle zero emissioni in porto. "L'ambizioso programma di rinnovamento e allungamento dei nostri due cruise ferry Cruise Roma e Cruise Barcelona, dimostra l'impegno continuo del Gruppo Grimaldi all'eccellenza, all'innovazione e al rispetto dell'ambiente", ha dichiarato Emanuele Grimaldi, Amministratore delegato del Gruppo. "Siamo molto lieti di aver rinsaldato lo storico rapporto di collaborazione con Fincantieri, affidando la commessa al cantiere di Palermo, del quale apprezziamo la grande capacità e professionalità dei lavoratori, e contribuendo così a creare nuova occupazione in un delicato momento per il Meridione", conclude Emanuele Grimaldi. L'Amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono ha dichiarato: "Non è un caso se siamo stati chiamati a operare per il rinnovamento di due navi high-tech, da noi stessi costruite. Infatti, grazie alla notevole esperienza accumulata in questi anni dal nostro cantiere di Palermo, affermatosi come punto di riferimento a livello mondiale per questo genere di operazioni, altamente sofisticate, abbiamo consolidato la nostra leadership anche nel comparto delle riparazioni e trasformazioni. Simili referenze costituiscono il miglior viatico per riaprire la collaborazione con un prestigioso gruppo armatoriale con il quale in passato abbiamo lavorato a lungo e con successo, servendola per diversi suoi brand". Fincantieri ha costruito in passato 30 unità di vario tipo per il Gruppo Grimaldi.

Leggi tutto    Commenti 0