13 feb 2020

NAPOLI | Scampia, il 20 febbraio l’abbattimento della Vela verde


L’operazione durerà 40 giorni. Il sindaco: “E’ un giorno storico”. Il Comitato: “Premiata la lotta degli abitanti”

“Il 20 febbraio sarà un giorno storico per Scampia, per Napoli e per il Paese.” Lo dice il sindaco di Napoli Luigi de Magistris che fissa per giovedì 20 febbraio alle ore 11,30 l’inizio delle operazioni di demolizione della Vela verde.

La svolta, come ha raccontato Repubblica, è arrivata dopo che l’Asl ha attestato che l’amianto presente era stato eliminato e dopo che lunedì è giunto nel cantiere della Vela Verde l’escavatore “PMI 980 super long demolition”, la cosiddetta “pinza”, che cancellerà il simbolo di Gomorra. Chiamano così l’imponente escavatore cingolato perché demolisce chirurgicamente le costruzioni, pezzo per pezzo: pesa 130 tonnellate e può arrivare a 52 metri di altezza.

L’intervento di abbattimento delle Vele, seguito nel suo lungo e complicato iter dall’assessore comunale all’Urbanistica Carmine Piscopo, ha un costo complessivo di circa 27 milioni di euro. La demolizione sarà finanziata per 18 milioni da fondi del “Bando periferie” e per 9 milioni da quelli Pon metro.

L’operazione verrà effettuata utilizzando la cosiddetta tecnica della demolizione meccanica top- down, mediante l’escavatore cingolato ” 980 super long demolition”. Non sarà utilizzato, quindi, l’esplosivo come, invece, avvenne in passato per la demolizione delle prime Vele.

Il piano prevede la riqualificazione della Vela Celeste, che dovrà ospitare temporaneamente, almeno si spera, gli abitanti delle altre strutture distrutte, in attesa della realizzazione di case dove saranno trasferiti, a scaglioni, tutti gli abitanti.

Per Scampia inoltre ci sono altri 50 milioni a disposizione, destinati al recupero del quartiere attraverso il fondo sviluppo e coesione, intervento varato dall’ex governo guidato da Paolo Gentiloni e confermato da chi è succeduto a Palazzo Chigi.

“La demolizione della Vela Verde è un momento che deve essere ricordato e impresso nella storia di questa città. È in primis una scelta volta a restituire dignità agli abitanti di Scampia e di Napoli”, commenta l’Assessore alle Politiche Sociali dell’amministrazione cittadina Monica Buonanno. “Non solo stiamo andando a smantellare, fisicamente, un simbolo che non possiamo più accettare, ma lo stiamo facendo tenendo ben impresse in mente tutta una serie di aspetti che vanno oltre la situazione emblematica. Stiamo distruggendo l’edificio di Gomorra per gettare le fondamenta di una sostenibilità diversa, per andare ad agire diversamente sull’emergenza abitativa, per cancellare una volta per tutte la forma mentis dell’edilizia ghetto che, per qualche precedente amministrazione, evidentemente non teneva conto di bellezza e dignità di queste persone”.

Per il Comitato Vele “Il 20 febbraio la Vela verde non sarà abbattuta da semplici ruspe e pinze, sarà dalla forza dell’organizzazione di tutti gli abitanti delle vele che per decenni hanno lottato”.


comitato velegomorramobilita napolinapoliscampiavela scampiavela verde


Lascia un Commento