02 lug 2017

La linea ferroviaria da S.Erasmo a Corleone, S.Carlo e Burgio


La linea partiva dalla stazione di S.Erasmo e subito superava il fiume Oreto su un ponte in ferro (Figura 1) e, seguendo la costa a ridosso del mare, arrivava al km 3+670 alla fermata Bandita.
Al km 4+800 la linea attraversava con un P.L. la SS.113 e al km 4+933 raggiungeva Acqua dei Corsari, originariamente fermata e dal 1954, a seguito della chiusura del tronco precedente, stazione terminale.
Dopo avere superato con un cavalcavia la ferrovia Palermo-Messina si arrivava alla stazione di Villabate (km 7+670) e da lì, con un tracciato che seguiva la SS.121, e qualche volta la incrociava con P.L., si raggiungeva la fermata di Portella di Mare (km 8+924). In Figura 2 la linea in prossimità di Villabate.

Costeggiando la valle del fiume Eleuterio si cominciavano ad incontrare le prime livellette di un certo rilievo arrivando, al km14+709, alla stazione di Misilmeri. In Figura 3 la linea in prossimità di Misilmeri.
Continuando lungo la valle dell’Eleuterio si passava sul fiume con il viadotto Mortilli, con tredici arcate di dodici metri ciascuna, da considerare tra le opere più importanti dell’intera linea.
Superata la stazione di Bolognetta-Marineo (km22+650) si entrava, dopo una galleria di circa duecento metri, nella vallata del fiume Milicia, che si risaliva, dopo la fermata di Mulinazzo (km 26+650), fino alla stazione di Baucina-Ciminna (km 29+438).

Proseguite la lettura su Sicilia In Treno


acqua dei corsaribaucina-ciminnabifarerabisaquinobolognettabolognetta-marineoburgiocampofioritoCefalà dianachiusa sclafaniciminnacontessa entellinacorleoneeditorialificuzzalinea sante'erasmomarineomezzoiusomisilmerimobilita.orgmulinazzoportella di maresan carloscalillisicilia in trenotaruccovillafrativillafrati-cefalà diana


Lascia un Commento