Articolo
18 feb 2021

AP Moller – Maersk gestirà la prima nave di linea a emissioni zero al mondo entro il 2023

di mobilita

Accelerata dai progressi tecnologici e dall'aumento della domanda dei clienti di catene di approvvigionamento sostenibili, AP Moller - Maersk accelera gli sforzi per decarbonizzare le operazioni marittime con il lancio della prima nave di linea a emissioni zero al mondo nel 2023, sette anni prima del ambizione iniziale per il 2030. Tutti i futuri edifici di nuova proprietà di Maersk avranno la tecnologia a doppia alimentazione installata, che consentirà operazioni a emissioni zero o il funzionamento con olio combustibile standard a bassissimo tenore di zolfo (VLSFO). “AP Moller - L'ambizione di Maersk è di aprire la strada alla decarbonizzazione della logistica globale. I nostri clienti si aspettano che li aiutiamo a decarbonizzare le loro catene di approvvigionamento globali e stiamo accogliendo la sfida, lavorando per risolvere le sfide pratiche, tecniche e di sicurezza inerenti ai combustibili a emissioni zero di cui abbiamo bisogno in futuro. La nostra ambizione di avere una flotta a emissioni zero entro il 2050 era un balzo in avanti quando abbiamo annunciato nel 2018. Oggi lo vediamo come un obiettivo impegnativo ma raggiungibile da raggiungere ", afferma Søren Skou, CEO, AP Moller - Maersk. Circa la metà dei 200 maggiori clienti di Maersk ha fissato, o sta fissando, obiettivi ambiziosi basati sulla scienza a zero emissioni di carbonio per le loro catene di approvvigionamento e la cifra è in aumento. La nave di rifornimento del metanolo di Maersk avrà una capacità di circa 2000 TEU e sarà impiegata in una delle sue reti intraregionali. Mentre la nave sarà in grado di operare con VLSFO standard, il piano è di far funzionare la nave con e-metanolo carbon neutral o bio-metanolo sostenibile sin dal primo giorno. “Sarà una sfida significativa procurarsi una fornitura adeguata di metanolo a emissioni zero entro la nostra linea temporale per aprire la strada a questa tecnologia. Il nostro successo si basa sul fatto che i clienti abbraccino questo prodotto rivoluzionario e rafforzino la collaborazione con produttori di carburante, partner tecnologici e sviluppatori per aumentare la produzione abbastanza velocemente. Riteniamo che la nostra aspirazione a mettere in funzione la prima nave di linea a emissioni zero al mondo entro il 2023 sia il modo migliore per avviare il rapido ridimensionamento dei combustibili a emissioni zero di cui avremo bisogno ", afferma Henriette Hallberg Thygesen, CEO di Fleet & Strategic Brands, AP Moller - Maersk. Sia la nave feeder alimentata a metanolo che la decisione di installare motori a doppia alimentazione su future nuove costruzioni fanno parte della continua sostituzione della flotta di Maersk. Le implicazioni CAPEX saranno gestibili e sono incluse nelle attuali linee guida. Un futuro carbon neutral per il trasporto marittimo richiede innovazione, test e collaborazione tra più partner industriali. Maersk continua a esplorare diversi percorsi per i combustibili a emissioni zero e si aspetta che in futuro esistano più soluzioni di carburante l'una accanto all'altra. Il metanolo (e-metanolo e bio-metanolo), le miscele di alcol-lignina e l'ammoniaca rimangono i principali combustibili candidati per il futuro. Un partner chiave per la collaborazione è il Mærsk Mc-Kinney Møller Center for Zero Carbon Shipping, un centro di ricerca e sviluppo senza scopo di lucro indipendente, che opera in settori, organizzazioni, aree di ricerca e autorità di regolamentazione per accelerare lo sviluppo e l'implementazione di nuovi sistemi energetici e tecnologie.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2019

ROMA | Arrivato il primo minibus elettrico a emissioni zero

di mobilita

Arrivato al deposito Atac di Prenestina il primo minibus elettrico, a emissioni zero, completamente rinnovato, che presto circolerà sulle strade del centro storico. La prima linea partirà a breve ed entro l’estate verrà ripristinata anche la seconda. L'obiettivo dell'amministrazione capitolina è di recuperare 60 mezzi che erano fermo in deposito, entro il 2020. "Grazie al nostro intervento sono state rimodernate ed ora avranno la manutenzione garantita per almeno sei anni, come previsto dall'accordo quadro voluto da questa amministrazione", ha affermato l'assessore Linda Meleo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 nov 2016

Il primo treno a idrogeno del mondo correrà in Germania dal 2017

di Roberto Lentini

La Germania sarà il primo Paese al mondo ad inaugurare un treno passeggeri a idrogeno e a emissioni zero. Si chiamerà Coradia iLint ed è stato progettato, in soli due anni, dalla società francese Alstom. Entrerà in servizio sui binari della linea Buxtehude-Bremervörde-Bremerhaven-Cuxhaven, in Bassa Sassonia, già a partire da dicembre 2017. Nel cuore di Coradia iLint c’è la tecnologia ‘hydrail’, una combinazione di fuel cell a idrogeno, batterie e sistemi di stoccaggio in sostituzione al diesel power pack che permette una resa equivalente a quella dell’unità elettrica multipla. Sul tetto saranno posizionate delle celle a combustibile a idrogeno, ed inoltre saranno collocati dei punti di rifornimento lungo le linee ferroviarie, senza alcun bisogno di ulteriori interventi infrastrutturali o adeguamenti delle linee. Le sue uniche emissioni saranno vapore e acqua di condensa. Con un pieno, afferma la società, la nuova locomotiva potrà percorrere tra i 600 e gli 800 chilometri, raggiungendo una velocità massima di 140 km / h. Ancora non si conoscono i costi di questo nuovo treno ma secondo Die Welt  dovrebbero essere sensibilmente più alti rispetto ai treni tradizionali. Sarà comunque una straordinaria alternativa eco-friendly ai treni diesel ancora utilizzati in tutta la Germania, che sta suscitando l'interesse  di altri Länder come il Baden-Württemberg, l’Hessen e il Nordrhein-Westfalen, ma anche paesi come l’Olanda, la Danimarca e la Norvegia.  In Italia ci potrebbero essere interessanti possibilità di sviluppo considerando che ancora migliaia di chilometri di tratte non sono elettrificate ed il treno ad idrogeno potrebbe essere una valida alternativa al diesel.

Leggi tutto    Commenti 0