18 gen 2017

Nasce a Napoli il primo capsule hotel d’Italia


Bed&Boarding, il primo capsule hotel d’Italia, apre all’aeroporto di Napoli: attivo 7 giorni su 7 e 24 ore su 24


Il modulo abitativo è concepito per soddisfare le esigenze del viaggiatore. Porta automatizzata, finestra oscurabile e pareti insonorizzate garantiscono privacy e sicurezza, un comodo letto, un tavolino reclinabile e ogni attenzione alla connettività (WiFi, docking station, touch-screen con info voli e sveglia, Tv multimediale) forniscono la possibilità di dormire, riposarsi, intrattenersi e lavorare, aria condizionata ed illuminazione regolabili assicurano un ottimo livello di personalizzazione dell’ambiente.

Ecco il BenBo, primo capsule hotel d’Italia con base nell’aeroporto di Capodichino.

Su una superficie di 1.130 mq sono stati installati 42 moduli (su 72 autorizzati) che hanno la forma di casette colorate con tetto spiovente, porta e finestra. Ciascun modulo è una cabina monoletto. Due moduli sono invece stati realizzati per i diversamente abili.

Cabine arancio, grigie e bianche, 16 bagni in comune dotati di doccia, una reception attiva 24 ore su 24 e un giardino d’inverno che è anche spazio lounge per i visitatori.

Ecco le tariffe per dormire (o riposare) in una capsula:

  • 8 euro la prima ora,
  • 7 dalla seconda in poi per la permanenza diurna,
  • 25 euro le 9 ore notturne.

La nuova formula potrebbe essere esportata in altri aeroporti, già mostrati interessati al format.

Il cliente può prenotare la sua capsula attraverso il sito internet del gestore o con un’apposita app per smartphone, oppure nell’area dedicata a Bed&Boarding in aeroporto, dove effettuerà il processo di prenotazione, check-in e check-out. Le lenzuola si cambiano in automatico ad ogni check-out; l’abitacolo è costantemente sanificato e l’aria è mantenuta fresca e pulita attraverso un sistema automatico di diffusione.

L’idea del capsule hotel nasce nelle metropoli giapponesi dagli spazi angusti, si sviluppa via via in Asia, fino ad espandersi come idea d’emergenza in scali e stazioni ferroviarie anche altrove (emblematico l’aeroporto di Mosca).

Il progetto nasce dal recupero e dalla rifunzionalizzazione della palazzina ex Ati nella zona “land side” dell’aeroporto ed è realizzato da un pool di imprenditori campani. Il finanziamento dei privati ammonta a circa 1 milione di euro mentre Gesac spa, la società che gestisce lo scalo napoletano, ha impiegato altri 400mila euro di investimenti infrastrutturali.

“Ci aspettiamo che in Benbo soggiorni chiunque – spiega Carlotta Tartarone, project manager di studiotre, società partenopea che ha progettato e brevettato bed&boarding – e non pensiamo a una sola categoria di viaggiatori. Ci siamo ispirati agli ostelli, in particolare al modello giapponese, ma ospiteremo non solo i giovani, anche tante famiglie”. La società è in contatto con altri aeroporti d’italia, roma fiumicino, bergamo e palermo “e speriamo – conclude tartarone – di aprire presto un capsule hotel anche lì”.


aeroportoaeroporto capodichinoaeroporto napolibed & boardingBenbocapsulecapsule hotelCarlotta Tartaronedormire aeroporto napolidormire napolihotel in aeroportohotel napolinapolinapoli aeroportoStudio3studiotre


Lascia un Commento