14 feb 2019

Tav Torino-Lione, arriva la contro analisi di Pierluigi Coppola e i benefici superano i costi


Arriva la contro analisi costi-benefici di Pierluigi Coppola, l’unico esperto che non ha firmato la relazione sulla Tav di Ponti.

Secondo Coppola, l’analisi di Ponti considera costi che non sono italiani e si ridurrebbero a 5,6 miliardi anziché 12,9.

I benefici sarebbero compresi  tra 400 milioni e 2,4 miliardi se si considerano i costi che bisognerebbe sostenere per ripristinare i luoghi prima degli scavi, il contributo Ue che dovrebbe aumentare dal 40 al 50% e la rinuncia alla galleria vicino allo scalo logisitico di Orbassano.

Immediate le reazioni di Ramella e Ponti che hanno firmato l’analisi costi benefici:

“Era prevedibile - commenta Ramella  – visti gli interessi in campo. I dati cozzano con il pensiero unico che regna in Italia e in Europa da 40 anni: bisogna spostare il traffico su ferrovia”.

“Dietro questo pensiero c’e’ la lobby ferroviaria, fortissima anche a Bruxelles”, ha affermato Ponti 

 


Pierluigi Coppolatavtorino lione


Lascia un Commento