23 set 2020

BOLOGNA | Al via la realizzazione della Bicipolitana per collegare i comuni dell’hinterland


La realizzazione della Bicipolitana bolognese entra nel vivo. Stanno infatti per partire i cantieri per collegare Bologna ai 12 comuni dell’hinterland (Anzola dell’Emilia, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo, Ozzano, Pianoro, Sala Bolognese, San Lazzaro di Savena, Sasso Marconi, Zola Predosa) attraverso ciclabili di transizione che permetteranno ai cittadini di spostarsi su due ruote per motivi di lavoro, studio o svago tra il capoluogo e la prima cintura e viceversa. Il progetto è stato illustrato a palazzo Malvezzi martedì 22 settembre. Il primo cantiere partirà il 15 ottobre a San Lazzaro di Savena, poi a novembre a Granarolo e a seguire negli altri 10 comuni fino alla primavera quando verranno conclusi tutti i cantieri. Grazie alla realizzazione di queste nuove connessioni (19,6 km in tutto per 900mila euro di investimento suddiviso tra Città metropolitana e Comuni) le direttrici principali della Bicipolitana bolognese saranno così pedalabili in continuità per circa 130 km: 9,4 km dal confine Ozzano-San Lazzaro alla tangenziale delle bici di Bologna, 8 Km da Casalecchio a Bologna, 10 km da Granarolo a Bologna, 6,2 km da Anzola dell’Emilia a Bologna, 13 km da Calderara di Reno a Bologna, 13 km da Zola (Ponte Ronca) a Bologna ecc. mentre per le linee 2 (Bologna-Crevalcore) e 6 (Bologna-Galliera) i km percorribili in continuità dal capoluogo saranno ben di più, rispettivamente 23 e 29,5, perché a breve verranno aperte la Ciclovia del Sole sulla linea 2 e la Grande Ciclabile Reno Galliera sulla 6 (l’elenco completo degli interventi nelle slide allegate). Dei 19,6 km di nuove connessioni, 14,7 km saranno di ciclabili in banchina, corsia o pista, mentre altri 4,9 km in promiscuo. Le rotatorie interessate da interventi saranno 5, gli attraversamenti ciclabili 52 e le case avanzate che verranno realizzate 23. Per rafforzare questo progetto dal 1 ottobre verrà istituito a Palazzo Malvezzi l’ufficio metropolitano bici. Cos’è la Bicipolitana bolognese. E’ la rete ciclabile metropolitana (presentata il 29 aprile 2020) che a partire da Bologna connetterà tutti i principali centri abitati, poli produttivi e funzionali del territorio metropolitano. Si estenderà per quasi 1.000 km di cui 493 km (145 già esistenti) sulle principali direttrici di spostamento (vedi mappa allegata). Il progetto di rete ciclabile metropolitana era già previsto dal PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile di Bologna metropolitano approvato il 27 novembre 2019) e la sua realizzazione era prevista entro il 2030. Tuttavia l’emergenza sanitaria legata al Covid e la forte richiesta di mobilità ciclabile ha spinto Città metropolitana e Comune di Bologna ad accelerarne la realizzazione grazie anche a risorse dedicate dal Governo in questa fase di emergenza sanitaria. La rete portante della Bicipolitana è composta da queste 10 direttrici principali, 2 territoriali nell’imolese e 4 trasversali oltre alle tangenziali di Bologna:

  1. Via Emilia
  2. Crevalcore-Porretta
  3. Bologna-Bazzano
  4. Bologna-Parco Città campagna
  5. Bologna-Trebbo
  6. Bologna-Galliera
  7. Bologna-Malalbergo
  8. Bologna-Minerbio-Baricella
  9. Bologna-Budrio-Molinella
  10. Bologna-Pianoro
  11. Imola-Sasso Morelli-Casalfiumanese
  12. Mordano-Imola-Castel del Rio

T1 Sant’Agata Bolognese-Castenaso

T2 Castel Maggiore-Medicina

T3 Castello D’Argile-Minerbio

T4 Crevalcore-Molinella

Tangenziale interna di Bologna

Tangenziale esterna di Bologna


BicipolitanaBicipolitana bolognesepista ciclabile


Lascia un Commento