Articolo
10 nov 2017

Ecomondo, consegnato il premio “La Città per il Verde”

di mobilita

Oggi a Ecomondo è stato consegnato il Premio ´La Città per il Verde´, giunto alla sua 18ª edizione, coi riconoscimenti alle Amministrazioni pubbliche che hanno investito in modo eccellente il proprio impegno e le proprie risorse a favore del verde pubblico e della sostenibilità ambientale. Come nelle precedenti edizioni il Premio è assegnato ai Comuni italiani che si sono distinti per realizzazioni o metodi di gestione innovativi, finalizzati all'incremento del patrimonio verde pubblico, attraverso interventi di nuova costruzione, di riqualificazione o nei quali viene privilegiato l'aspetto manutentivo e al miglioramento delle condizioni ambientali del proprio territorio, anche attraverso la valorizzazione dei rifiuti biodegradabili e compostabili. per la sezione Verde Urbano sono stati premiati i comuni di Trezzano Rosa (MI), Sant´Agnello (Na), Chieri (To) e Faenza (Ra); per la sezione Manutenzione del Verde i comuni di Ugento (Le) e Abbiategrasso (Mi); per la sezione Orti urbani, orti didattici e parchi agricoli i comuni di Tione di Trento (Tn), Cavallino (Le) e Varese; per la sezione Il comune più organico i comuni di Bassiano (Lt), Sommacampagna (Vr), Pioltello (Mi) e Sestri Levante (Ge). Inoltre la Giuria ha conferito un Premio Speciale Fuori Concorso a CEM Ambiente Spa, una società pubblica locale, a totale capitale pubblico, che gestisce il sistema di raccolta dei rifiuti per 59 Comuni situati nelle Province di Milano, Monza Brianza e Lodi. Premi anche per le iniziative di volontariato al Progetto ´Zappata Romana´ (Roma) a cura dello studioUAP. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 mag 2017

Mitigare gli sfregi urbani con la natura: l’esempio di “Oasi in Città” nel sorrentino

di Giulio Di Chiara

Le nostre città purtroppo contano molto spesso le cicatrici che l'uomo gli ha lasciato in eredità. Sfregi figli di cattiva progettazione, infrastrutture inutili, sovradimensionate o semplicemente fuori posto. Alle volte, l'occasione di un finanziamento a pioggia induce i nostri governatori a spendere il denaro entro i termini imposti pur di ottenere la paternità di "qualcosa",  a prescindere dalle esigenze del territorio. Per fortuna l'uomo stesso ogni tanto prova a metterci una pezza, mitigando i propri errori con attività compensative. E' successo nel comune di Sant'Agnello, nella costiera sorrentina. Il WWF in sinergia con l'amministrazione comunale ha infatti lavorato per due anni alla realizzazione di "Oasi in città", un'area urbana restituita alla collettività al di sopra di un mega parcheggio molto contestato. "quattromila metri quadrati con quasi 6.000 piante, di 70 specie arboree diverse, quasi tutte autoctone, che coprono un parcheggio interrato. Un rigoglioso angolo di macchia mediterranea dove la vegetazione e un lago hanno contribuito a creare un habitat subito "colonizzato" da upupe, occhiocotti e cinciarelle, che hanno già nidificato.L'Oasi in città è stata ideata e progettata dal WWF Terre del Tirreno." L'inaugurazione è avvenuta lo scorso 30 aprile e nei primi due giorni si sono registrati quasi 4.000 visitatori. Tra le attrattive dell'Oasi ci sono più aree tematiche: il prato selvatico, il giardino delle farfalle, la siepe,il bio-lago, la pinetina, il viale dei fruttiferi, il bosco ombroso, le piante officinali, la macchia mediterranea. Cittadini e turisti possono così immergersi in un parco che è anche aula didattica all’aperto, impreziosita da una ricca fauna presentata da una serie di cartelli illustrativi (fonte). Un esempio da seguire.

Leggi tutto    Commenti 0