Articolo
16 feb 2017

Italia: il paese più inquinato dell’Europa occidentale

di Alessandra Santoni

Che in Italia si respiri l'aria peggiore di tutta l'Europa occidentale sarebbe una notizia che proprio la stampa italiana dovrebbe riportare a caratteri cubitali. E invece no: laddove i giornali di tutto il mondo hanno diffuso i preoccupanti dati dello studio della Oms, considerato il più dettagliato finora mai condotto sull'argomento (qui potete leggerlo per intero), ponendo addirittura un particolare accento sul proprio stato di salute locale, l'Italia si è per lo più limitata a dare la notizia più "generale" diffusa dall'organizzazione sanitaria mondiale: il 92% delle persone sulla terra (più di 9 persone su 10) respira aria troppo inquinata, con la conseguenza di milioni di morti, soprattutto tra anziani, bambini e donne in stato di gravidanza. Come si può vedere dalla mappa il Bel paese è proprio messo malissimo: il colore verde, corrispondente alle zone pulite, non tocca nessun luogo d'Italia, a differenza di paesi come Francia, Spagna (sebbene non in dosi massicce, anche se il colore prevalente è almeno il giallo, che in Italia è presente in minima parte al sud e in Sardegna) e soprattutto Gran Bretagna e Paesi Scandinavi, i quali infatti portano avanti da molti anni politiche coraggiose in fatto di ambiente. Il territorio italiano è avvolto prevalentemente nel colore arancione, che è l'ultimo step prima del colore rosso, quello delle zone fortemente inquinate e che caratterizza paesi come Cina e India, e che in Italia fa da padrone sull'intera area della Pianura Padana, la quale raggiunge l'infame primato di essere una delle aree più inquinate dell'intero continente europeo. Giusto per ribadire il concetto, riportiamo le parole di Maria Neira, direttore del dipartimento Salute pubblica e fattori ambientali e sociali della salute della Oms: L'inquinamento dell'aria è oggi il peggiore rischio ambientale per la salute, responsabile della morte di una persona su 9, e sta continuando a crescere, compromettendo le economie e la nostra qualità di vita: si tratta di un'emergenza sanitaria. Quindi, per concludere, è difficile smuovere l'opinione e lo sdegno pubblico su un problema così grave, se la sola informazione data è quella di un grosso problema che riguarda tutti, mica solo noi: però, la notizia che questo mondo è inquinato non ci dice niente di particolarmente nuovo, ma uno zoom, spietato ma necessario, sulla nostra situazione ci dovrebbe far aprire gli occhi e far venire voglia di riflettere (o forse di scappare a gambe levate). I morti di PM10 e PM2.5 in Europa si concentrano in Italia: già nel 2012 sono stati 85mila gli italiani che hanno perso la vita per questo motivo.

Leggi tutto    Commenti 1