Articolo
30 set 2019

NAPOLI | I nuovi treni metro della linea 1 in fase di completamento

di mobilita

L'attesa dei nuovi treni della Linea 1 della Metropolitana di Napoli sta giungendo alla fine. Comune di Napoli e Anm sono in continuo contatto con la Caf (Construcciones y Auxiliar de Ferrocarriles) di Bilbao che nel suo stabilimento sta costruendo i 19 nuovi treni ordinati dal Comune di Napoli per rivoluzionare la Linea 1 e ha inviato alcune immagini dell'avanzamento dei lavori. Il primo treno sarà consegnato all'inizio dell'anno prossimo, tra pochi mesi, e verrà subito messo sui binari per il collaudo e il rodaggio, per entrare al più presto in servizio. "Sta giungendo  in dirittura d'arrivo - sottolinea l'assessore ai trasporti del Comune di Napoli Mario Calabrese - la costruzione dei nuovi treni della linea 1 della metropolitana di Napoli. In tutto saranno 19, per una spesa complessiva di circa 190 milioni di euro. Ma non ci accontenteremo ed entro la fine del 2020 verranno richieste al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti le risorse per ulteriori 5 treni, in modo da arrivare alla cifra complessiva di 24 nuovi treni. Ricordo che, incredibilmente, l’ultimo treno acquistato dall'amministrazione comunale risale agli inizi degli anni 90 e l'ultima consegna ad oltre 14 anni fa. Ora con i nuovi treni potranno garantirsi elevati standard di servizio e un’offerta di trasporto in linea con le aspettative dei cittadini. Una grande operazione di questa Amministrazione.  Stiamo lavorando per rendere la metropolitana di Napoli non solo bella ma anche funzionale in coerenza con gli obiettivi del Piano Urbano della Mobilita sostenibile che vedono il trasporto pubblico sul ferro il cardine del modo di muoversi in città". Le nuove vetture saranno dotate di impianto di condizionamento e sistemi per la riduzione del rumore, e trasporteranno contemporaneamente fino a quattro carrozzelle per diversamente abili e circa 1.200 persone, di cui 130 sedute. I 19 treni sono in avanzata fase di costruzione e quindi dopo la consegna del primo treno Napoli riceverà un treno al mese in media, in modo da allargare rapidamente il parco dei mezzi su rotaia. "Stiamo costruendo la nuova Anm - spiega Nicola Pascale, amministratore Unico del principale gestore di mobilità urbana a Napoli - la Anm del 2020,  che partirà proprio dai nuovi treni. Sappiamo che l'attesa dei treni della Linea 1 è troppo lunga e ci siamo impegnati proprio per migliorare: con la nuova flotta avremo in pochi mesi una frequenza di treni ogni sette minuti e avremo vetture nuove, più moderne, che avranno quindi meno problemi tecnici dei treni attuali, che hanno quasi 30 anni. Tutto lo staff di Anm fa il meglio possibile ogni giorno con i mezzi che abbiamo, presto arriverà una svolta positiva". Ti potrebbero interessare: NAPOLI METRO 1 | Ecco i nuovi treni della metro prodotti da CAF NAPOLI | In arrivo i nuovi treni per la linea 1 della metropolitana NAPOLI LINEA 1 | Concluso il Concorso di Progettazione della seconda uscita stazione Materdei NAPOLI METRO LINEA 1 | Foto: stazione Tribunale NAPOLI METRO LINEA 1 | Foto: stazione Poggioreale NAPOLI METRO LINEA 1 | Foto – Video: stazione Centro Direzionale NAPOLI METRO LINEA 1 | Foto: stazione Capodichino – Aeroporto NAPOLI | Approvata la chiusura dell’anello metropolitano della Linea 1

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ago 2019

MILANO | Modifiche alle linee tram 1, 2 e 4 per lavori stradali

di mobilita

Per lavori stradali in Foro Buonaparte/Cusani, piazza Castello e via Manzoni, in via degli Imbriani, tra via Scalvini e piazza Bausan, le linee cambiano percorso e fermate da lunedì 19 a venerdì 23 agosto. LINEA 1 I tram, in entrambe le direzioni, modificano il percorso tra corso Sempione e piazza della Repubblica, passando da via Procaccini, Monumentale M5, via Ferrari, Garibaldi FS M2 M5, via Rosales, viale Monte Grappa e viale Monte Santo. Non passano da Cadorna FN M1 M2, Cairoli M1, Montenapoleone M3 e Turati M3. LINEA 4 I tram seguono il regolare percorso tra Niguarda Parco Nord e Lanza M2, poi proseguono per Duomo M1 M3/via Cantù passando da via Tivoli, via Mercato, via Ponte Vetero, via Broletto, Cordusio M1, via Orefici. LINEA 2 I tram svolgono regolare servizio tra il capolinea Negrelli e via Farini/viale Stelvio, proseguono, poi, fino al capolinea provvisorio di Maciachini M3.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 giu 2019

NAPOLI | Anm rafforza il trasporto pubblico per le Universiadi

di mobilita

La Linea 1 della Metropolitana di Napoli avrà un prolungamento orario, per tutto il periodo delle Universiadi, dal 3 al 14 luglio, sino alle ore 2.00 del mattino nelle giornate 3, 5, 6, 12, 13 e 14. Nelle altre giornate il servizio prevederà l'ultima corsa da Garibaldi alle ore 23.02. Prolungamento notturno anche per la Funicolare Centrale che, per l'intera durata delle Universiadi, effettuerà le corse fino all'1.00 di notte, mentre nelle giornate del 3, 5, 6, 12, 13 e 14 luglio, funzionerà fino alle 02.00. In occasione delle Universiadi Anm rafforzerà anche alcune linee su gomma che riguardano, in particolare, le aree degli impianti sportivi di Napoli coinvolti nell'evento. Nel dettaglio: la linea 502, che collega tutta la zona di Fuorigrotta, allungherà il proprio percorso raggiungendo anche il parcheggio di fianco alla ex base Nato, per permettere agli spettatori di parcheggiare lì l'auto e muoversi liberamente tra gli impianti sportivi della zona occidentale; la linea sulla direttrice Piazzale Tecchio-Bagnoli circolerà ogni 15' e, nel periodo delle Universiadi, sarà in servizio dalle 00.06 del mattino all'una di notte; rafforzata anche la linea 196 che collega Piazza Garibaldi con la zona del Palavesuvio di Ponticelli: la linea secondo l'orario estivo dovrebbe passare ogni 30' ma, per il periodo delle Universiadi, conserverà la tabella invernale che prevede un passaggio ogni 15'; più corse anche per la linea 151 che collega Piazza Garibaldi con la zona di via Acton, dove si svolgeranno le gare della vela, la Riviera di Chiaia che ospita lo stadio del Tennis e Fuorigrotta. Anm si mette al servizio delle Universiadi anche per quanto riguarda le aree della sosta in città: per permettere l'istituzione delle corsie preferenziale e lasciare lo spazio necessario ai mezzi delle Universiadi e alle aree di sicurezza, l'azienda rinuncerà per il periodo delle gare ad oltre 850 stalli di sosta nelle cosiddette "strisce blu". Anm ha infine previsto il prolungamento dell'orario di apertura dei parcheggi Spalti (piazza Municipio), Bagnoli e Mancini e dell’area di sosta del Palargento. Infine, potenziato ovunque il servizio di controlleria.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 giu 2019

NAPOLI LINEA 1 | Concluso il Concorso di Progettazione della seconda uscita stazione Materdei

di mobilita

Si è concluso il Concorso di Progettazione in due gradi dell’intervento “Seconda uscita della stazione Materdei della Linea 1 della Metropolitana di Napoli nel quartiere Sanità”, uscita che sarà realizzata in via Telesino a Materdei nei pressi del Cimitero delle Fontanelle. Le attività finalizzate alla progettazione e realizzazione dell'intervento sono state avviate con delibera n.269, adottata dalla Giunta il 28 maggio 2018 su proposta dell’Assessore alle Infrastrutture e al Trasporto Mario Calabrese. L’intervento risulta inserito nel Patto per Napoli e finanziato con risorse FSC 2014-2020 per un costo complessivo di € 6.900.000,00. Per l’affidamento della progettazione l’Amministrazione Comunale ha scelto di indire un concorso di progettazione per assicurare una maggiore qualità della proposta. Il concorso è stato indetto da Invitalia quale centrale di committenza. La gara si è svolta in due gradi: 1° grado: i partecipanti sono stati preselezionati in base a specifici requisiti ed una Commissione ha individuato le cinque migliori idee progettuali da ammettere al secondo grado. Alla prima fase hanno partecipato 26 concorrenti; 2° grado: i 5 proponenti ammessi hanno presentato un ulteriore documento per la valutazione delle possibili soluzioni progettuali. Il vincitore del concorso è il raggruppamento di professionisti composto da Tecnosistem S.p.A. (capogruppo), S.I.A. Servizi per Ingegneria e Ambiente srl, prof. arch. Pasquale Miano, Associazione Professionale "Giovani architetti per la Sanità", cui sarà affidata la redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica.   «Si tratta di un importante intervento – commenta l’Assessore Mario Calabrese– che servirà una zona ad altissima densità abitativa quale il quartiere Sanità attualmente non servito dal trasporto su ferro. L’opera, considerata strategica per questa Amministrazione, è contenuta all’interno del PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) approvato dalla Giunta nel maggio 2016. La seconda uscita della stazione Materdei permetterà di estendere il bacino di utenza della Linea 1 della metropolitana di oltre 16 mila abitanti. L’intervento non prevede solo la realizzazione di una infrastruttura ma è anche l'opportunità di riutilizzo di una estesa cavità tufacea realizzata nel 1761, usata come rifugio antiaereo nella Seconda guerra mondiale e consentirà una importante operazione di riqualificazione e valorizzazione del patrimonio comunale attraverso la salvaguardia e allestimento degli spazi interni ed esterni con particolare riguardo al riutilizzo della cavità». I concorrenti del concorso hanno proposto soluzioni progettuali per l’accesso alla cavità, l’allestimento e messa in sicurezza della cavità esistente, e la realizzazione di una nuova galleria di collegamento al piano banchina della stazione. La proposta progettuale vincitrice prevede un percorso suggestivo immaginato come spazio espositivo legato alla storia del quartiere attraverso la cavità esistente, un tempo ricovero bellico. L'ingresso del percorso è previsto in via Telesino ed è ricavato mediante un “taglio” da realizzare alla base della gradonata storica che sarà riqualificata in quanto già oggetto di interventi eterogenei dal dopoguerra ad oggi.Nella cavità esistente la pietra naturale sarà lasciata a vista, esaltando e valorizzando le venature e la stratificazione attraverso chiaroscuri naturali generati dai lucernari zenitali. Il percorso sarà attrezzato con videoproiezioni e maxi schermo interattivo e touch per la valorizzazione della storia del quartiere. La proposta prevede inoltre un tunnel di nuova realizzazione di collegamento alla stazione Materdei, caratterizzato dalla “copertura in tufo”, lasciato a vista, che genererà un gioco di pieni e vuoti attraverso alcune incisioni che si effettueranno durante le varie fasi di lavoro.A fare da trait d'union una pavimentazione di colore rosso e una specifica illuminazione naturale e a led, per esaltare la bellezza della pietra di tufo, lasciata a vista. Il vincitore del concorso di progettazione dovrà presentare, entro 60 giorni, la proposta presentata perfezionata come un progetto di fattibilità tecnica ed economica. Dopo l’approvazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica, l'Amministrazione Comunale potrà affidare la redazione delle successive fasi progettuali e dare quindi avvio alla gara per i lavori. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 apr 2019

NAPOLI METRO LINEA 1 | Foto: stazione Poggioreale

di mobilita

Poggioreale sarà una stazione della linea 1 della metropolitana di Napoli situata nell'omonimo emiciclo, nelle immediate vicinanze della linea Napoli-Baiano della Circumvesuviana con la quale costituirà un interscambio. Qui sotto alcuni scatti sullo stato di avanzamento dei lavori.   Il progetto di Botta utilizza come ingresso alla stazione la vecchia barriera doganale di Stefano Gasse e trasforma l'emiciclo preesistente in un porticato aperto al transito e agli spazi pedonali retrostanti, dando risalto all'ingresso del cimitero monumentale di Poggioreale, posto di fronte. Davanti all'edificio sarà realizzato un lucernario che permetterà alla luce di penetrare ai piani sottostanti mentre di sera l'illuminazione proveniente dall'interno diventa l'elemento caratterizzante di uno spazio pubblico riqualificato, collegato alla rete tranviaria superficiale. Qui sotto alcuni rendering della futura stazione la cui apertura è prevista nel 2022.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 apr 2019

NAPOLI METRO LINEA 1 | Foto – Video: stazione Centro Direzionale

di mobilita

La stazione Centro Direzionale sarà una stazione della linea 1 della metropolitana di Napoli, adiacente e collegata attraverso un passaggio sotterraneo alla stazione di Napoli Centro Direzionale della ferrovia Circumvesuviana. Il cantiere è stato inaugurato il 2 agosto 2014. La stazione Centro Direzionale, progettata dallo studio EMBT (fondato dagli architetti Enric Miralles e Benedetta Tagliabue), servirà il centro direzionale di Napoli, sede di numerosi uffici pubblici. Secondo i progettisti  l'obiettivo del progetto è di migliorare l'accesso e l'aspetto del trasporto pubblico al fine di renderlo più attraente da usare. Il grande tetto della stazione crea aree di riposo ombreggiate a livello della piazza, un quadrato che al momento è difficilmente utilizzabile durante le stagioni primaverili ed estive poiché è completamente esposto al sole. Le nuove aree verdi circostanti aiuteranno a controllare la temperatura. Il tetto lascia entrare la luce naturale, conferendo alla stazione un carattere ibrido di interni ed esterni, riducendo allo stesso tempo il costo dell'illuminazione artificiale durante il giorno. I lavori proseguono ed è già iniziato il montaggio dell'ultima fila di pilastri in legno lamellare.  L'apertura è prevista per il 2020. Fonte Foto: Metropolitana di Napoli Foto avanzamento lavori:  duesenberg17

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 mar 2019

NAPOLI | In arrivo i nuovi treni per la linea 1 della metropolitana

di Roberto Lentini

Agli inizi del 2020 cominceranno ad arriveranno i primi dei 20 treni per la Linea 1 della metropolitana di Napoli. Ad affermarlo è il sindaco di Napoli Luigi de Magistris in una conferenza stampa in cui ha mostrato anche il modellino dei nuovi treni. I nuovi treni, dal costo di 9-10 milioni l’uno, verranno prodotti dalla società spagnola Caf e saranno più lunghi degli attuali,  larghi 2,85 metri e lunghi circa 100 metri, avranno il wi-fi a bordo, saranno dotati di impianto di condizionamento e sistemi per la riduzione del rumore, e trasporteranno contemporaneamente fino a quattro carrozzelle per diversamente abili e circa 1.200 persone, di cui 130 sedute. In una prima fase consentiranno un incremento delle corse che a regime sarà di una ogni 5-6 minuti.  Ti potrebbero interessare: NAPOLI METRO LINEA 1 | Svelata la nuova stazione Duomo Metropolitana di Napoli, linea 6 | Problemi per immettere i nuovi treni sulla linea Napoli | Metro: abbattuto il diaframma che collega la linea 1 alla linea 6 NAPOLI | Al via i lavori della linea metro 6 in piazza Plebiscito Metropolitana di Napoli Linea 6 NAPOLI METRO LINEA 6 | Tratta Mostra-Mergellina NAPOLI METRO LINEA 6 | Tratta Mergellina-Municipio NAPOLI METRO LINEA 6 | Tratta Campagna-Porta del Parco NAPOLI METRO LINEA 6 | L’infrastruttura di deposito/officina nell’area dell’ex Arsenale militare NAPOLI METRO LINEA 6 | Gli impianti tecnologici

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 nov 2018

NAPOLI METRO LINEA 1 | Svelata la nuova stazione Duomo

di mobilita

Nel 2019 aprirà la stazione Duomo della linea 1 della metropolitana di Napoli, il cui progetto è stato realizzato dagli architetti Massimiliano Fuksas e dalla moglie Doriana Mandrelli. Alla nuova stazione, che costerà circa 60 milioni di euro, si accederà attraverso una grande cupola trasparente realizzata in acciaio corten e vetro che coprirà tutta la struttura. La cupola si troverà in Piazza Nicola Amore. La stazione Duomo di Napoli sarà un museo a cielo aperto, un’equilibrio tra moderno e antico. Durante gli scavi sono stati infatti riportati alla luce reperti risalenti all’epoca romana, tra cui un tempio del I secolo d.C., un porticato Ellenistico di età Flavia e una pista da corsa del ginnasio. Dalla cupola si potrà vedere l’area archeologica, organizzata in un’area musealizzata attraverso due travi-parete in vetro, collegate con il piano sottostante di ingresso alla Metro.  L'illuminazione pensata da Fuksas è costituita da esagoni intagliati nei pannelli di rivestimento che dal piano di sbarco degli ascensori e lungo le discenderie delle scale mobili fino alla banchina di attesa dei treni accompagneranno il viaggiatore in un “percorso sensoriale” «Scendere sotto terra è sempre un’esperienza che comporta ansia- ha affermato Fuksas-Noi abbiamo previsto che si possa vedere la luce del giorno attraverso la cupola trasparente sotto la quale c’è il tempio. Nel piano sottostante, si vedono ancora il cielo e i palazzi di piazza Nicola Amore attraverso una trave scoperta, fissa nel vetro. Ancora più sotto si trovano le banchine, lungo le quali sono montati una serie di pannelli retroilluminati. È come una passeggiata lungo le ore della giornata: i colori cambiano, si va dal celeste chiaro all’arancio del tramonto e oltre, alla notte. È quasi la passeggiata di un astronauta che vede la terra dalla luna e osserva le fasi del giorno che si susseguono».

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
26 ott 2018

NAPOLI METRO LINEA 1 | In funzione le nuove emettitrici automatiche

di mobilita

Sono entrate in funzione alle stazioni Garibaldi, Municipio, Toledo e Museo di Linea 1, le prime quattro emettitrici automatiche di nuova generazione per l’acquisto del titolo di viaggio ANM.  Sono comode e di facile utilizzo: dotate di schermo touch screen con menù multilingue, consentono l’acquisto di due tipologie di biglietto, di corsa singola ANM (valido per unica corsa) e giornaliero ANM (valido per l’interagiornata su tutti i mezzi su ferro e gomma della rete urbana ANM).  La nuova macchinetta “self service” accetta monete e banconote ed eroga il resto in monete fino a un massimo di 5 euro, ma è predisposta anche per il pagamento futuro con carte bancomat e carte di credito.  Per limitare i fenomeni di vandalizzazione e scasso, le macchine sono dotate di avanzati sistemi anti-effrazione e sensori di allarme anti-intrusione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 gen 2018

METROPOLITANA DI NAPOLI | Venerdi ritorna il Metro Art Tour-Natale 2017

di mobilita

Venerdì 5 gennaio appuntamento con il Metro Art Tour, il programma di visite didattiche della durata di circa 90 minuti alle “Stazioni dell’Arte” della Linea 1 metropolitana. Alle ore 17.00 visita alle stazioni Municipio e Museo. La prenotazione, obbligatoria, può essere effettuata online collegandosi al sito http://metroart.eventbrite.com dove è possibile visualizzare l’elenco di tutti i tour. Basta registrarsi gratuitamente, inserendo solo nominativo e indirizzo e-mail, ordinare il biglietto e attendere una e-mail di conferma della prenotazione.

Leggi tutto    Commenti 0