Articolo
14 mar 2017

Quali sono le città italiane più “intelligenti”? Nord sempre primo, ma il Sud avanza

di Giulio Di Chiara

Quanto le nostre città sono "intelligenti"? Un aggettivo che sentiamo sempre più spesso, nella sua accezione inglese "smart",  ma ancora di difficile definizione. Infatti, quando una città è "smart"? Una domanda a cui da anni si cerca di dare risposte sempre più concreti e basate sui dati. E proprio questo il tema che vi proponiamo oggi, affidandoci al rapporto ICityRate 2016 che stila la graduatoria delle città italiane facendo un'analisi di 106 comuni capoluogo sulla base di 105 indicatori statistici. Come viene valutata l'intelligenza di una città? “Quest’anno più che in passato ICityRate va a misurare la capacità delle città di farsi piattaforma abilitante, di guardare a traguardi lunghi facendo scelte e investimenti che puntano sui nuovi driver di sviluppo – commenta Gianni Dominici, curatore della ricerca – Il paradigma della Smart City negli ultimi anni ha sempre di più spostato l’accento dall’innovazione tecnologica all’innovazione sociale, al co-design, alla gestione dei beni comuni”. Tra le nuove variabili figurano così l’accoglienza e la gestione dei flussi migratori, l’attrattività dei “cervelli”, l’agevolazione dell’uso sociale degli spazi pubblici (fonte) E' Milano a guidare la graduatoria: è il luogo con il più alto valore aggiunto pro capite, la maggiore intensità brevettuale, la principale sede di imprese di grandi dimensioni, e ha visto nascere negli ultimi anni il maggior numero di Fablab e maker space. Gli artigiani digitali scelgono Milano, e soprattutto la città sceglie di investire su un modello nuovo di innovazione urbana che sposta l’asse della strategia di sviluppo verso forme nuove di economia collaborativa e social innovation;  un modello che si realizza attraverso la concessione di spazi, il sostegno economico a progetti e imprese, la creazione di reti di innovatori e la definizione di nuove ed articolate politiche urbane. Al secondo posto troviamo Bologna, che tra i tanti meriti ha quello di trattenere per sempre i suoi visitatori mostrando un'alta attrattività , capacità gestionale, partecipazione e stabilità economica. Al terzo posto troviamo Venezia, che spicca per l'ottimo piazzamento nella mobilità e non solo. La città lagunare è foraggiata dal suo dualismo interno tra Venezia e Mestre, anime complementari dello stesso organismo e che garantiscono grande vivacità urbana. Ai piedi del podio Firenze, poi Padova, Torino, Parma, Trento, Modena e Ravenna. Praticamente la quasi totalità dei capoluoghi emiliani nella top10. L'Emilia Romagna si candida dunque a regione più virtuosa.   E il SUD? Roma si attesta in 21a posizione, Cagliari in 54a. Poi nell'ordine Bari (65), Palermo(86), Napoli (89), Catania (95). "Il Sud è ancora lontano dalla top ten, ma la distanza con le altre aree geografica si è ridotta. A partire dal dato di Cagliari, la prima città del meridione (che sale di 6 posizioni rispetto al 2015) grazie ad un miglioramento significativo in diverse aree (People, Governance, Living e Legalità), per continuare con Matera (+12), Pescara (+5), Bari (+4), Lecce (+5), Oristano (+1), Potenza (+2). Appare, inoltre, tra le prime 15 città del Sud, una città siciliana: Siracusa, che sale di ben 16 posizioni dall’anno passato superando Palermo e Catania ed esprimendo le migliori performance in indicatori quali la dispersione idrica, l’equilibrio occupazionale di genere, l’accessibilità degli istituti scolastici, la bassa presenza di giornalisti e amministratori minacciati. Una crescita, quella del Sud, che sopperisce alle carenze infrastrutturali attraverso dinamiche che afferiscono al capitale sociale, con esperimenti di innovazione sociale che vengono messi a sistema e creano sviluppo " (fonte)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 nov 2016

Il guard rail di seconda generazione è coreano

di Roberto Lentini

La società sudcoreana Eti Korea ha realizzato un innovativo guard rail di seconda generazione chiamato "ETI Roller System CE H1". Si tratta di una barriera di contenimento che assorbe lo schianto grazie a dei tamburi rotanti di plastica: quando l'auto si schianta, il guardrail riesce ad assorbire l'impatto e a riportare l'auto in carreggiata. I tamburi rotanti, essendo indipendenti, possono essere riparati singolarmente riducendo i costi di manutenzione, inoltre sono rivestiti in materiale riflettente che rafforzano la visibilità sia di giorno che di notte. Il prezzo di questo innovativo guard rail varia tra i 300 dollari a 400 dollari a metro ed è già stato installato su diverse strade ritenute pericolose in Corea; a breve verrà installato anche su alcune strade in Malesia. Attualmente è in fase d'esame anche da parte delle autorità europee.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mar 2016

Dove ti butto? Le bottiglie di plastica adornano le aiuole

di Giulio Di Chiara

Le nostre città sono spesso invase da rifiuti e gli stessi cittadini non sempre credono alla raccolta differenziata, specie al sud, dove le percentuali di riciclo non sono perfettamente allineate al resto del paese. Negli ultimi anni sono stati introdotti nelle nostre vie anche dei riciclatori di plastica che in cambio delle bottiglie di scarto ci consegnano dei buoni sconto o contribuiscono ad una raccolta punti per godere di sgravi fiscali o altri vantaggi.   La sensazione oramai diffusa è che qualsiasi elemento di scarto sia una risorsa, anche se non tutti i territori sembrano averlo compreso. Comunque sia, oggi volevo riportare all'attenzione un utilizzo alternativo della plastica, finalizzato all'arredo urbano. Qui ci troviamo a Ragusa, in Sicilia: La plastica di risulta da bottiglie e contenitori è stata tagliata, piegata e a volte lavorata per creare un arredo urbano al di sopra di un'aiuola. L'effetto è assolutamente gradevole. Immaginiamo che il Comune abbia avviato una collaborazione con scuole o artigiani, promotori dell'iniziativa e curatori di questo spicchio di città. In generale ci sembra un bel modo di riqualificare piccole parti di città sfruttando l'energia e le competenze provenienti dal territorio, promuovendo contestualmente un messaggio volto al bello e al riuso dei materiali di scarto.  

Leggi tutto    Commenti 0