Articolo
01 ago 2017

ENAC: FlyVolare al momento non ha ancora le certificazioni per svolgere servizio di trasporto aereo commerciale

di mobilita

Con riferimento alla conferenza stampa delle società FlyVolare e SASE, gestore dell’Aeroporto di Perugia, che si è svolta a Perugia ieri, 31 luglio, e alle successive notizie di stampa in merito al lancio di nove nuove rotte dal capoluogo umbro verso destinazioni italiane e internazionali che dovrebbero essere avviate a metà settembre con un aeromobile Airbus A319, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile precisa quanto segue. In Europa, secondo la normativa vigente, possono volare solo gli operatori in possesso del Certificato di Operatore Aereo (COA) e della Licenza di Esercizio di Trasporto Aereo, titoli senza i quali è vietato esercitare attività di trasporto aereo commerciale. Poiché, ad oggi, non risulta che la società FlyVolare sia in possesso del COA e della Licenza di Esercizio di Trasporto Aereo, l’ENAC, a tutela degli utenti del trasporto aereo, diffida tale società dal diffondere notizie al momento non confermabili e, ovviamente, dal pubblicizzare operazioni di volo e nuovi collegamenti da e per aeroporti italiani, senza aver prima ottenuto le certificazioni previste dalla normativa comunitaria.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Aeroporto di Perugia, in arrivo nove nuove tratte con FlyVolare

di mobilita

La nuova compagnia aerea maltese FlyVolare ha annunciato l’apertura di nove rotte da Perugia a partire da metà settembre. cinque nazionali, ovvero Milano Malpensa, Lamezia Terme, Brindisi, Cagliari e Palermo e quattro estere, cioè Amsterdam, Casablanca, Iasi e Cluj-Napoca. L’aereo sarà un A319 da 122 posti di cui 16 in business class. La compagnia sta lavorando inoltre, in collaborazione con diversi Tour Operator ed agenzie di viaggio, per sviluppare una serie di collegamenti charter nazionali ed internazionali. “È con grande piacere che accogliamo FlyVolare presso lo scalo umbro – ha commentato Ernesto Cesaretti – Presidente SASE - e l’apertura di numerosi collegamenti nazionali ed internazionali che vanno ad intercettare quella domanda di traffico non ancora coperta dai vettori che attualmente volano su Perugia. Grazie alla presenza di un aeromobile basato, oltre al traffico prodotto dai voli di linea si aprono nuove opportunità anche per gli operatori turistici del territorio, che da oggi possono contare su nuove possibilità legate allo sviluppo di collegamenti charter volti a incrementare l’incoming verso l’Umbria”.

Leggi tutto    Commenti 0