Articolo
08 nov 2017

Autostrada del Mediterraneo, chiusa un tratto nella notte tra l’8 e il 9 novembre

di mobilita

Anas comunica che, per consentire l’avanzamento  dei lavori di adeguamento della strada statale 534 `di Cammarata e degli Stombi` come raccordo Autostradale tra l`autostrada A2 (svincolo di Firmo) e la strada statale 106 `Jonica` (svincolo di Sibari), nella notte tra l’8 e il 9 novembre, sarà provvisoriamente chiuso al transito veicolare un tratto autostradale tra i territori comunali di Saracena, Altomonte e San Lorenzo del Vallo in provincia di Cosenza. Nel dettaglio, per effetto della chiusura e per consentire l'esecuzione del varo sulla travata metallica del cavalcavia a scavalco dell’autostrada, a partire dalle ore 22:00 di mercoledì 8 novembre e fino alle ore 06:00 di giovedì 9 novembre 2017, sarà disposta la chiusura dell’Autostrada A2 tra lo svincolo di Sibari/Firmo (Km 208,000) e lo svincolo di Altomonte (Km 213,400). Il traffico veicolare in direzione Salerno verrà deviato con uscita allo svincolo di Altomonte sulla Strada Provinciale 174, con proseguimento lungo la strada statale 534 ‘ di Cammarata e degli Stombi’ e rientro in Autostrada allo svincolo di Sibari/Firmo. Percorso Inverso in direzione Reggio Calabria.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 ott 2017

COSENZA | Riaperto al transito dei mezzi leggeri il Viadotto Cannavino

di mobilita

Sono terminati i lavori sul Viadotto Cannavino sulla strada statale 107 'Silana Crotonese'. Il tratto è riaperto al traffico esclusivamente ai mezzi leggeri ed in entrambi i sensi di marcia. Da lunedì 23 ottobre 2017 il transito sarà consentito anche agli autobus di linea mentre i mezzi pesanti potranno transitare sul Viadotto dal prossimo 30 ottobre. Conclusi i lavori di prima fase si comunica che sono in progettazione gli interventi di seconda fase, finalizzati al miglioramento sismico del viadotto e che potranno essere cantierizzati entro la seconda metà del 2018. Su richiesta delle autorità locali e come concordato in sede di COV presso la Prefettura di Cosenza, Anas effettuerà ulteriori sopralluoghi, insieme alla Polizia stradale, Provinciale ed alle Municipali, per definire meglio la tipologia degli interventi di messa in sicurezza del percorso alternativo della ex Ss 107 in vista dei lavori di seconda fase.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 ago 2017

Aperto al traffico il tratto della nuova strada statale 534 “di Cammarata e degli Stombi”,

di mobilita

Anas comunica che è stato aperto al traffico il  tratto della nuova strada statale 534 “di Cammarata e degli Stombi”, tra lo svincolo di Torre del Mordillo (Km 6,550 circa) e il Km 14,100 (fine Lotto), tra i territori comunali, Spezzano Albanese e Cassano allo Jonio  in provincia di Cosenza. Il nuovo tratto a doppia carreggiata, ha una lunghezza complessiva di circa 7,5 Km, sarà percorribile su quattro corsie, due per senso di marcia e rappresenta metà dell’intero tracciato in corso di ammodernamento. La nuova strada statale 534 “di Cammarata e degli Stombi”, una volta completati i lavori di potenziamento dei restanti 7 km, dallo svincolo di Sibari dell'Autostrada A2, fino allo svincolo di Torre del Mordillo al km 6,550  , rappresenterà la prima trasversale di collegamento ammodernata tra il versante jonico e l’A2 “Autostrada del Mediterraneo”. Inoltre la nuova arteria, insieme al Megalotto 3 della strada statale 106 ‘Jonica’, un tracciato di circa 38 km compreso tra Roseto Capo Spulico e Sibari, completerà l’itinerario dall’Adriatica fino all’ A2 , un importante tassello strategico ai fini dello sviluppo del collegamento viario dell’intera Calabria. L’ultimazione dei lavori di ammodernamento è prevista entro il primo semestre del 2018. L’impresa realizzatrice dell’opera è la Intercantieri Vittadello S.p.A. Ti potrebbero interessare: Calabria, in Gazzetta la delibera Cipe su progetto definitivo I tratta 3° megalotto SS. 106 “Jonica” SS 107 ‘Silana Crotonese’ si discute sulle fasi dei lavori in corso sul Viadotto “Cannavino”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 lug 2017

Metrotramvia di Cosenza, firmato contratto per progettazione esecutiva

di mobilita

E' stato firmato oggi dai rappresentanti del Dipartimento "Lavori Pubblici" della Regione e della ditta CMC di Ravenna, in qualità di mandataria del raggruppamento temporaneo di imprese aggiudicatario dell'appalto, il contratto per la progettazione esecutiva, la realizzazione del sistema collegamento metropolitano tra Cosenza, Rende e l'Università della Calabria e la fornitura e messa in esercizio del relativo materiale rotabile. Il contratto - informa una nota dell'Ufficio stampa della Giunta - prevede un investimento complessivo di 98 milioni di euro. Il termine per l'ultimazione della progettazione esecutiva è fissato in 60 giorni mentre la consegna dell'opera è fissata in 900 giorni dopo l'approvazione del progetto.   "La firma del contratto - ha detto il Presidente della Regione Mario Oliverio - rappresenta un ulteriore passo in avanti verso la realizzazione di un'opera strategica non solo per l'area urbana cosentina ma per l'intero sistema di trasporto regionale. Dopo gli importanti investimenti già avviati per la metropolitana di Catanzaro e per la ferrovia ionica, continuiamo ad investire nel ferro per ridisegnare il trasporto pubblico locale". Già nella prossima settimana è previsto un incontro tra i tecnici della Regione, i tecnici dei Comuni di Cosenza e Rende e della provincia di Cosenza, per permettere, in coerenza con l'accordo di Programma Quadro sottoscritto il dodici giugno scorso, l'avvio delle attività di progettazione esecutiva già nel mese di agosto. "Stiamo rispettando - ha concluso il Presidente - il cronoprogramma che avevamo stabilito, continueremo a lavorare alacremente per consentire l'avvio dei lavori già entro il 2017 e consegnare alla Calabria un'opera che rappresenta un tassello fondamentale del nuovo sistema della mobilità che stiamo realizzando nella nostra regione". La Metrotramvia si sviluppa, per complessivi 9.411 m, dall'inizio di Viale G. Mancini, a Cosenza, sul lato est del Centro Commerciale, fino all'Università della Calabria, a Rende. L’infrastruttura, che servirà un bacino di utenza di oltre 200 mila persone, ha lo scopo di collegare l’area urbana cosentina con Rende.

Leggi tutto    Commenti 0