Articolo
23 mar 2019

FIRENZE | Fino al 3 aprile è possibile salire a bordo del bus elettrico da 12 metri Aptis

di mobilita

Fino al 3 aprile è possibile salire a bordo e provare gratuitamente la versione elettrica Zero Emissioni del mezzo realizzato da Alstom per un vero e proprio test tecnico sul campo. Messo a disposizione dalla casa produttrice per consentire alle società di FS Italiane Ataf Gestioni e, più in generale a Busitalia, di verificare le prestazioni e l’uso del mezzo in un contesto urbano, durante il periodo del test Aptis circolerà ogni mattina in aggiunta agli altri autobus in uso sul servizio di trasporto dell’Area Metropolitana di Firenze secondo uno schema ricorrente. Il lunedì circolerà sulla linea 1, il martedì sulla linea 6, mercoledì sulla linea 14, giovedì sulla linea 17, venerdì sulla linea 20, sabato sulla linea 23 e la domenica sulla linea 32. Con questa nuova iniziativa - le scorse settimane era stato provato il bus elettrico di un altra casa costruttrice - prosegue l’impegno nella promozione di una mobilità sempre più ecosostenibile. Ataf Gestioni e Busitalia stanno sperimentando sul campo diverse tipologie di veicoli elettrici per verificarne i livelli di prestazioni, autonomia e percorrenza in relazione alla sovrapponibilità con i servizi urbani attualmente svolti con mezzi alimentati a gasolio. Con le medesime finalità nei prossimi mesi Ataf effettuerà ulteriori test anche con autobus di diverse dimensioni ma sempre a trazione 100% elettrica. Gli autobus elettrici rappresentano senz’altro una svolta sul versante della mobilità sostenibile, verso cui è spostata l’attenzione ed una quota sempre più importante degli investimenti messi in campo da Busitalia e dalle sue partecipate per il rinnovo della flotta autobus. Ti potrebbero interessare: Il tour italiano di Aptis, l’autobus elettrico al 100% di Alstom, parte da Firenze Primo successo commerciale per Aptis di Alstom a Strasburgo FIRENZE | Partirà il 22 marzo il tour di prova del bus elettrico Alstom-Aptis

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2019

Busitalia abbandona il mercato della lunga percorrenza

di mobilita

Busitalia Fast abbandona il mercato della lunga percorrenza orientandosi invece verso l’integrazione modale, bocciando di fatto gli obiettivi fissati dall’ex amministratore delegato Renato Mazzoncini. L’8 marzo scorso Busitalia Fast ha infatti ceduto le proprie quote al gruppo Simet. Il Gruppo FS Italiane aveva annunciato l'ingresso nel mercato dei collegamenti lunga percorrenza su gomma il 26 aprile 2017 in occasione della Fiera BUS2BBUS di Berlino. La compagnia di mobilità integrata era il frutto dell’acquisizione da parte di Busitalia – Sita Nord del 51% di Simet, storica azienda che dal 1946 offre servizi bus a lunga percorrenza in Italia e all’estero. Ti potrebbe interessare: Busitalia Fast: il nuovo servizio su gomma del Gruppo FS Italiane

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 gen 2019

REGIONE TOSCANA | Tre nuovi bus per la flotta di Busitalia Sita Nord

di mobilita

Tre nuovi bus, a cui se ne aggiungono altri due, sono stati presentati a Barberino del Mugello ed entreranno a far parte della flotta di Busitalia Sita Nord, la società del Gruppo FS Italiane che si occupa del trasporto su gomma e che fa parte del consorzio One Scarl, con il quale la Regione Toscana ha stretto il contratto-ponte di due anni per la gestione del servizio di tpl in attesi degli esiti della gara unica regionale. "Il contratto ponte sta dando i suoi frutti - ha detto l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli, partecipando all'inaugurazione dei mezzi - il rinnovo della flotta degli autobus in servizio in Toscana sta andando avanti. Tra il 2018 e il 2019 attendevamo quasi 400 nuovi bus, adesso siamo a 190 circa, per cui mi aspetto a breve molte altre inaugurazioni. Autobus nuovi significano maggiore comfort di viaggio, maggiore sicurezza e minori emissioni. Tutto questo fa parte di una strategia per la mobilità che la Toscana sta portando avanti con convinzione e pesanti investimenti. La vera sfida è  creare le condizioni per dare modo alle persone di lasciare a casa l'auto e scegliere il mezzo collettivo e per raggiungere questo obiettivo stiamo lavorando in collaborazione anche con gli enti locali". "Voglio sottolineare due aspetti - ha concluso l'assessore - anzitutto che la nostra attenzione non è rivolta solo al servizio urbano e alle grandi città, ma a tutta la Toscana. Infatti questi 5 autobus di ultima generazione avranno come base il Mugello. Inoltre ricordo che migliorare i servizi bus, significa anche garantire la tenuta occupazionale del settore del tpl, che attualmente dà lavoro a circa 5000 addetti in Toscana". Alla presentazione dei nuovi Bus a Barberino erano presentati, oltre all'assessore Ceccarelli, il direttore regionale Toscana di Busitalia–Sita Nord, Stefano Bonora, e il vicesindaco di Barberino Sara Di Maio. I nuovi mezzi sono Mecerdes Intouro, lunghi 12 metri, Euro 6, con un'offerta di 49 posti a sedere e 28 in piedi. Sono dotati di dispositivi per il trasporto disabili e saranno destinati ai servizi del Mugello, sostituendo gli autobus più vetusti. I 5 nuovi Mercedes Intouro, dal valore complessivo di 900 mila euro, sono stati acquistati con il contributo del 55% della Regione Toscana. Fanno parte di un lotto da 25 autobus, che entro la fine di febbraio sarà consegnato per effettuare servbizio sulle linee del Mugello, del Chianti e per i collegamenti Firenze-Siena.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 gen 2019

PADOVA | Parte Night Bus, il nuovo servizio notturno di Busitalia

di mobilita

Partirà sabato 19 gennaio Night Bus, il servizio notturno sperimentale su prenotazione gestito da Busitalia Veneto e finanziato da Comune e Università degli studi di Padova. Pensato per spostarsi in libertà con il bus a Padova e orientato in particolare ai giovani, in prevalenza universitari, sarà attivo tutti i giorni nel territorio comunale con i seguenti orari: lunedì, martedì, giovedì e domenica dalle 21.00 alle 24.00; mercoledì, venerdì e sabato dalle 21.00 alle 3.00. Night Bus è un servizio "a chiamata" che serve le fermate urbane con un percorso che ottimizza le esigenze dei passeggeri che lo hanno richiesto. Per accedere al servizio è sufficiente prenotare il viaggio attraverso l’app Night Bus (non ancora disponibile), indicando la fermata di partenza e quella di destinazione, l’orario di partenza o di arrivo desiderato e il numero di passeggeri. Al momento della prenotazione la piattaforma Night Bus verifica gli orari, la disponibilità di autobus e di posti e fornisce immediatamente le informazioni sui tempi d’attesa, fermata di partenza e numero del bus. Confermata la prenotazione il viaggio è garantito. Sempre attraverso l’app si può monitorare il viaggio da 30 minuti prima della partenza (l’app invia un promemoria 20 minuti prima), si possono salvare gli spostamenti preferiti e a conclusione del viaggio, si può esprimere una valutazione sul servizio. Il viaggio può essere prenotato da una settimana a 5 minuti prima dell’ora di partenza desiderata. Si può anche prenotare lo stesso viaggio per più giorni e fino a un massimo di 12 persone. Il prezzo del biglietto è di 1,50 euro a persona per corsa (molto conveniente rispetto alle altre modalità di trasporto). Il pagamento del servizio si effettua in contanti a bordo e prossimamente sarà possibile farlo anche con carta di credito tramite l’app Night Bus. In questo caso al momento della salita a bordo si dovrà esibire il biglietto già acquistato con app e comunicare il proprio nickname all’autista, che verifica la correttezza della prenotazione. Si può modificare o disdire ogni viaggio senza costi aggiuntivi fino a 15 minuti prima della partenza. La mancata disdetta comporta una penalizzazione per eventuali viaggi successivi. Il servizio Night Bus sarà attivo in via sperimentale fino al 30 settembre 2019

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 dic 2018

Busitalia: 83 nuovi autobus in Umbria nel 2018

di mobilita

Ottantatré nuovi autobus per la mobilità dell’Umbria in servizio nel 2018. Procede il rinnovo della flotta della Direzione Regionale Umbria di Busitalia. Di nove diverse tipologie – quattro per i servizi urbani, quattro per i servizi extraurbani e una tipologia per i servizi turistici (noleggio) – nel loro insieme sono in grado di rispondere al meglio alle molteplici esigenze di mobilità di una regione, l’Umbria, dalle caratteristiche morfologiche e paesaggistiche variegate e uniche. Denominatore comune è il basso impatto ambientale e gli standard elevati in termini di sicurezza, comfort ed accessibilità. La flotta rinnovata è stata presentata oggi in Piazza IV Novembre a Perugia alla Presidente della Regione Catiuscia Marini, all’Assessore Regionale alla Mobilità Giuseppe Chianella, al Sindaco di Perugia Andrea Romizi, all’Assessore alla Mobilità del Comune di Perugia Cristiana Casaioli e alle altre Amministrazioni comunali umbre dal Direttore Regionale Umbria di Busitalia Velio Del Bolgia. Per i servizi urbani si va dai 15 autobus capienti Citaro C2 (110 posti) ai 5 mezzi più agili Citymood, ai 3 Vivacity CE6 fino ad arrivare ai 4 piccoli Sprinter City 65K (27 posti), questi ultimi più adatti per servire i centri minori. La flotta dei bus extraurbani si arricchisce di 36 Intouro, di 12 Setra S417UL destinati alle lunghe percorrenze, di 4 Interlink e di 1 Sprinter Transfer B.45, questi ultimi due modelli adatti alle strade di dimensioni più ridotte. Gli autobus destinati ai servizi di noleggio sono Setra S516HD, fiore all’occhiello della flotta da turismo Busitalia. Sono tutti di nuova generazione classe Euro 6, a ridotte emissioni inquinanti, con un tangibile miglioramento degli standard qualitativi del servizio in termini di comfort e di sicurezza del viaggio. Importante caratteristica è il sistema di video sorveglianza a bordo, a tutela della sicurezza dei viaggiatori e del personale, e la dotazione di sistemi di accessibilità per passeggeri a ridotte capacità motorie (pedana manuale per i mezzi urbani ed elevatore per i mezzi extraurbani). Settantanove (su ottantatré) mezzi destinati ai servizi di Traporto Pubblico Urbano ed Extraurbano sono stati acquistati da Busitalia con un investimento di circa 17 milioni di euro, con un finanziamento al 40% del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e della Regione Umbria.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 dic 2017

Minimetrò di Perugia a Busitalia?

di Roberto Lentini

Busitalia, che gestisce il tpl di Perugia, sembrerebbe interessata alla minimetrò di Perugia. Lo si evince da un'intervista rilasciata dell’amministratore delegato di Busitalia Stefano Rossi al Quotidiano nazionale: «Siamo già gestori operativi della minimetropolitana perugina. Quella dell’acquisizione delle quote è in linea generale un’operazione di interesse del nostro piano industriale –  ha aggiunto – quindi se ci saranno le condizioni per la Minimetrò Spa, è un’operazione che ci potrebbe interessare». L’operazione, secondo indiscrezioni, dovrebbe concludersi a metà 2018. Il Minimetrò di Perugia si sviluppa lungo un'unica linea per una lunghezza complessiva di 4 km. Collega la periferia ovest della città con il centro storico, interscambiandosi con la ferrovia all'altezza della stazione di Fontivegge. Le 25 vetture, lunghe circa 5 metri e con capienza massima di 20 persone, si muovono a spola fra le stazioni estreme effettuando le 5 fermate intermedie circolando su due binari paralleli. Non è previsto personale a bordo essendo un sistema completamente automatizzato.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 ott 2017

SALERNO | Ventiquattro nuovi autobus per il trasporto pubblico

di mobilita

Ventiquattro autobus, destinati a migliorare gli standard qualitativi del servizio su gomma nel territorio salernitano, rinnovano da oggi la flotta Busitalia Campania. Sono stati presentati oggi a Salerno, nella centralissima Piazza della Concordia, da Vincenzo De Luca, Presidente Regione Campania, Vincenzo Napoli, Sindaco di Salerno, Giuseppe Canfora, Presidente della Provincia di Salerno e Stefano Rossi, Amministratore Delegato di Busitalia. Sono intervenuti, per Busitalia Campania, il Presidente Sergio Paglicci e l’Amministratore Delegato, Antonio Barbarino. I bus sono di diverse tipologie e sono stati inseriti nella flotta per meglio rispondere sia al confort della clientela, sia alle esigenze di viabilità. Per il servizio urbano saranno utilizzati 5 veicoli da 12 metri (ciascuno da 38 posti a sedere e 57 in piedi), 5 da 8 metri (11 posti a sedere e 49 in piedi), 8 “minibus” di circa 7 metri con una capacità di 13/18 posti a sedere e 11/9 in piedi. Destinati al trasporto extraurbano un autobus da 12 metri (51 posti a sedere e 26 in piedi) e 5 da 13 metri (53 posti a sedere e 26 in piedi). I veicoli sono dotati delle migliori caratteristiche in termini di comodità, sicurezza, accessibilità e rispetto per l’ambiente; 14 sono messi a disposizione da Busitalia Campania, in totale autofinanziamento, e 10 finanziati dalla Regione Campania e affidati alla Società, con contratto di usufrutto oneroso, in esito a procedura pubblica di assegnazione. Gli autobus di Busitalia Campania sono caratterizzati dalla livrea che contraddistingue l’intera flotta destinata al trasporto pubblico locale nelle regioni in cui Busitalia opera direttamente o attraverso società controllate. Un livrea coordinata con quella dei treni regionali per una identità visiva del sistema di trasporto pubblico locale del Gruppo FS Italiane. L’inserimento dei 24 autobus rappresenta una delle tappe del processo di rinnovamento che Busitalia Campania, costituita a gennaio 2017, ha attivato già dai primi mesi di operatività sul territorio salernitano. Numerose le iniziative avviate per migliorare l’esperienza di viaggio del cliente e incentivare l’uso del trasporto pubblico, come il servizio di mobile-ticketing che consente di acquistare il biglietto Busitalia Campania per l’area urbana e suburbana di Salerno attraverso l’invio di un semplice sms, senza alcuna operazione di preregistrazione e senza carta di credito. Al tempo stesso è offerta alla clientela la possibilità di acquistare il biglietto direttamente a bordo, rivolgendosi al conducente, pagando la maggiorazione prevista in questi casi. Inoltre, dai primi di ottobre, sono in servizio a bordo anche guardie giurate che, oltre a rappresentare un deterrente verso possibili malintenzionati, provvedono al controllo dei biglietti. Con l’immissione nel ciclo produttivo dei 24 autobus presentati oggi, sarà possibile rimodulare l’offerta commerciale sul territorio, specialmente in ambito urbano, ottimizzando i collegamenti e le fermate, aumentando la frequenza delle corse sulle linee principali. In questo modo sarà anche favorita l’integrazione modale che rappresenta uno dei principali obiettivi del Piano Industriale del Gruppo FS Italiane.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 ott 2017

“Volainbus”: un nuovo bus da Firenze all’aeroporto Vespucci

di mobilita

Un nuovo autobus, in aggiunta ai due già in circolazione, e monitor a bordo per le informazioni in tempo reale sull'operativo voli in partenza dall'aeroporto Vespucci. Sono queste le due importanti novità che da lunedì 16 ottobre aumenteranno gli standard qualitativi dell'offerta del servizio Volainbus, la navetta che collega il Centro di Firenze all'aeroporto Amerigo Vespucci. Il nuovo autobus - top di gamma per i servizi di trasporto da/per aeroporto - riprende le caratteristiche dei due bus già in circolazione ed è riconoscibile dalla livrea con lo skyline dei più famosi monumenti di Firenze, chiaro richiamo alla vocazione turistica del servizio. Ampia la capienza interna (37 posti a sedere + 1 riservato per passeggeri in carrozzella e 43 posti in piedi) con particolare attenzione agli spazi per aumentare accessibilità e comfort di viaggio. Il bus è concepito proprio per la clientela delle navette aeroportuali, con agevole e veloce collocazione delle valigie sulle apposite rastrelliere a vista e a portata di mano dei passeggeri anche durante il viaggio. Altra novità che contribuirà a migliorare ulteriormente l'esperienza di viaggio è rappresentata dall'informazione a bordo. Sui display presenti in tutti i bus in servizio si potranno visualizzare informazioni in tempo reale sull'operativo voli in partenza dall'aeroporto Vespucci, così da agevolare la clientela nella programmazione dei propri spostamenti e, più in generale, nella gestione del proprio tempo.Il servizio Volainbus collega in soli 20 minuti il centro città con l'Aeroporto di Firenze, con oltre 330.000 viaggiatori trasportati nel 2016 ed un trend in crescita del 10% nel 2017. Nell'ultimo triennio il volume di passeggeri trasportati è cresciuto di quasi il 30%. Il collegamento, gestito da Busitalia, è attivo tutti i giorni dell'anno. La prima corsa parte alle 5.00, l'ultima corsa alle 00.30. Il costo del biglietto di sola andata è di 6,00 euro, andata e ritorno 10,00 euro. Il potenziamento del servizio Volainbus conferma ancora una volta la solida sinergia e collaborazione tra Busitalia e Toscana Aeroporti. Per la società di gestione "il tema della mobilità da e per l'aeroporto rappresenta uno dei punti chiave su cui si gioca, oggi più che mai, il livello di soddisfazione del cliente aeroportuale. Toscana Aeroporti sta affrontando con spiccata sensibilità questa tematica e, quindi, non può che accogliere con estrema soddisfazione il deciso miglioramento del servizio Volainbus, che da oggi collegherà ancora più confortevolmente l'aeroporto alla città di Firenze ".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 ott 2017

Busitalia e Trenitalia: nasce Umbria.Go, biglietto integrato all inclusive per muoversi in Umbria

di mobilita

Nasce in Umbria, laboratorio dell'integrazione globale dei sistemi di trasporto pubblico, Umbria.GO, il biglietto integrato all inclusive per muoversi ovunque e con qualsiasi mezzo. Primo esempio in Italia di integrazione tra i diversi vettori del Gruppo Fs Italiane, Umbria.GO permette l'utilizzo dei treni regionali, degli autobus urbani ed extraurbani, dei battelli del Lago Trasimeno, della funicolare di Orvieto e del Minimetrò di Perugia. Una vera e propria carta di libera circolazione da utilizzare sull'intero territorio regionale umbro, senza il vincolo di relazioni specifiche.Umbria.Go è stato presentato stamani a Perugia dalla Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, dall'AD di Busitalia Stefano Rossi e dall'AD di Trenitalia Orazio Iacono. Presenti anche Giuseppe Chianella e Fabio Paparelli - rispettivamente Assessori regionali ai trasporti e al turismo - Maria Annunziata Giaconia, direttore Passeggeri regionale di Trenitalia, Bruna Di Domenico, direttore Trenitalia Regionale Umbria e Velio Del Bolgia, direttore Busitalia Umbria. Un ventaglio di opportunità di trasporto che copre tutto il territorio umbro e che, per quanto riguarda i treni regionali, ne supera anche i confini geografici, prevedendo la validità del biglietto integrato fino alle stazioni di Terontola, Chiusi ed Orte. Umbria.GO si rivolge prevalentemente ai circa 2,5 milioni di turisti che annualmente scelgono l'Umbria per le sue infinite bellezze e scoprirne i borghi nascosti, che custodiscono storia, arte, cultura e gastronomia. Agevolando l'interscambio modale tra i diversi mezzi di trasporto, si propone di offrire loro un'esperienza unica del viaggio, realizzando così la mobilità collettiva integrata, uno dei pilastri del Piano industriale 2017-2026 del Gruppo FS Italiane Quattro le tipologie previste - Umbria.GO 1, 2, 3 e 7 - in relazione ai giorni di validità del biglietto. Il ticket è personale e non cedibile e deve essere convalidato al primo utilizzo. Assolutamente conveniente anche il prezzo: le quattro tipologie costano rispettivamente 15, 26, 33 e 45 euro. Per i ragazzi sotto i 12 anni è prevista la riduzione junior del 50%. La vocazione prettamente turistica del nuovo biglietto presuppone una sua grande facilità di acquisto: sarà possibile farlo in tutte le biglietterie di Trenitalia, Busitalia e nelle Agenzie di Viaggio e negli uffici di promozione turistica. E' già in atto una selezione tra le 4 mila strutture ricettive regionali come rivenditori di Umbria.GO.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 lug 2017

Busitalia acquisisce Qbuzz, società olandese di TPL

di mobilita

Firmato il 13 luglio a Roma da Busitalia il signing per l'acquisizione di Qbuzz, società olandese di servizi TPL. Il closing dell'operazione avverrà al termine dell'iter procedurale e autorizzativo previsto, nonché dopo il via libera da parte dell'Authority Consumer and Market (ACM) olandese. L'accordo è stato siglato da Renato Mazzoncini Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane, Stefano Rossi Amministratore Delegato Busitalia, Bert Groenewegen, per le Ferrovie olandesi e Angelique Magielse Amministratore Delegato di Abellio Nederland. Nei Paesi Bassi Qbuzz, società di proprietà di Abellio Nederland, controllata dalle Ferrovie olandesi, gestisce il trasporto pubblico locale nell'area metropolitana di Ultrecht e nella provincia di Groningen-Drenthe. Qbuzz, uno dei principali operatori del mercato olandese, ha un fatturato di circa di 190 milioni di euro, un parco mezzi di 614 bus (inclusi i bus elettrici) e 26 tram e trasporta 160mila passeggeri al giorno. L'acquisizione di Qbuzz è coerente con il processo di internazionalizzazione del Gruppo FS previsto dal Piano industriale 2017-2026.

Leggi tutto    Commenti 0