Articolo
11 mag 2018

Varata ad Ancona la “Viking Jupiter”, la sesta unità per Viking

di mobilita

È stata varata presso lo stabilimento di Ancona “Viking Jupiter”, la sesta nave da crociera che Fincantieri sta costruendo per la società armatrice Viking. Ora prenderà il via la fase di allestimento degli interni, che porterà alla consegna prevista nel 2019. Il momento del varo è stato preceduto dalla tradizionale e beneaugurante “coin ceremony”, che consiste nel saldare un dollaro d’argento sull’ultimo ponte della nave, secondo un’antica consuetudine marinara. Madrina della cerimonia è stata Sissel Kyrkjebø, affermata cantante norvegese. Alla cerimonia erano presenti per l’armatore Torstein Hagen, Presidente di Viking, per Fincantieri Giovanni Stecconi, Direttore del cantiere. La nave si posizionerà nel segmento di mercato di unità di piccole dimensioni. Come le unità gemelle, avrà una stazza lorda di circa 47.800 tonnellate, sarà dotata di 465 cabine e potrà ospitare a bordo 930 passeggeri. Le unità Viking sono costruite secondo le più recenti normative in tema di navigazione e fornite dei più moderni sistemi di sicurezza, compreso il “Safe return to port”. Sono inoltre dotate delle più avanzate tecnologie per il risparmio energetico e per soddisfare le più severe normative ambientali con motori ad alta efficienza energetica e un sistema di lavaggio dei gas di scarico. La prima della serie, “Viking Star”, è stata realizzata nel cantiere di Marghera e consegnata nel 2015. Le unità successive, “Viking Sea”, “Viking Sky” e “Viking Sun”, entrate nella flotta dell’armatore nel 2016 e 2017, sono state costruite ad Ancona, così come la quinta unità, “Viking Orion”, che sarà completata fra poche settimane. Altre 10 unità, compresa quella varata oggi, prenderanno il mare dagli stabilimenti italiani tra il 2019 e il 2027, mentre recentemente la controllata di Fincantieri, VARD, ha firmato una lettera d’intenti per la progettazione e costruzione di due navi da crociera speciali che saranno realizzate nei suoi cantieri norvegesi, a testimonianza del legame di fiducia che unisce il Gruppo Fincantieri alla società armatrice. Fincantieri ha costruito dal 1990 ad oggi 82 navi da crociera (di cui 59 dal 2002), mentre altre 44 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 feb 2018

ANCONA | Interdetta la viabilità portuale al traffico di mezzi pesanti e delle automobili

di mobilita

L’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, in coordinamento con la Capitaneria di porto, ha stabilito, con un’ordinanza, di interdire la viabilità portuale al traffico di mezzi pesanti e delle automobili a causa delle condizioni avverse meteorologiche. Il provvedimento è stato assunto in coerenza con le misure previste per la viabilità ordinaria e in autostrada dal Cov-Comitato operativo viabilità della prefettura di Ancona. Fino al ripristino delle condizioni di sicurezza, sarà vietata la circolazione e la sosta all’interno del porto per evitare così l’afflusso dei mezzi pesanti e delle automobili in sbarco dai traghetti. Sono state anche sospese le attività di carico e scarico dei container nell’area della nuova darsena. Tre i traghetti previsti in arrivo oggi. Da Durazzo, è arrivata stamattina la Af Michela della compagnia Adria Ferries da cui sono sbarcati 160 passeggeri, 111 tir e 20 automobili. I mezzi pesanti sbarcati sono stati posizionati al molo Rizzo, una delle aree polmone previste dal piano di emergenza portuale, e ripartiranno solo al termine del divieto di circolazione sulla viabilità ordinaria e autostradale stabilito dalla prefettura di Ancona. Sono previste in arrivo inoltre la Cruise Europa della compagnia Grimaldi-Minoan da Patrasso-Igoumenitsa, con a bordo 150 passeggeri, 99 tir e 31 automobili, e la Olympic Champion della Anek Lines, con a bordo 100 passeggeri, circa 90 tir e 9 automobili. In porto è attivo il piano neve che prevede l’intervento dei mezzi di Anconambiente e della Compagnia portuali per la pulizia di piazzali e viabilità. Per la sosta dei tir, oltre alle aree ordinarie per il parcheggio al Mandracchio, sono disponibili gli stalli nella zona dei silos, i parcheggi nella zona del terminal biglietterie e dell’ex scalo Marotti. Per i passeggeri che non possono lasciare il porto di Ancona sono disponibili le sale riscaldate del terminal biglietterie e dell’ex stazione passeggeri al molo Santa Maria. Entrambe le strutture rimarranno sempre aperte, vigilate da guardie giurate giorno e notte. Rimarrà aperto e presidiato anche tutta la otte, il varco pedonale del molo Santa Maria per consentire costantemente a passeggeri ed equipaggi della navi ormeggiate di poter circolare liberamente. L’Autorità di sistema portuale è in contatto costante con la centrale operativa della polizia stradale per assicurare il rispetto del divieto di transito ai mezzi pesanti deciso dalla prefettura di Ancona. La polizia stradale vigila l’area portuale con un posto di controllo fisso e uno mobile. L’ordinanza dell’Autorità di sistema terminerà, sempre in coordinamento con Capitaneria di porto, appena saranno ripristinate le condizioni di sicurezza per il transito dei mezzi.

Leggi tutto    Commenti 0