Articolo
27 nov 2017

Il Mit ha presentato il Position Paper “Azioni per il rilancio del cargo aereo”

di mobilita

Presso l’Hangar SEA Prime del Terminal 1 dell’aeroporto di Milano Malpensa, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha presentato il Position Paper “Azioni per il rilancio del Cargo Aereo”, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. L’evento, organizzato in collaborazione con ADR Aeroporti di Roma e SEA Aeroporti di Milano, si inserisce nel quadro strategico e programmatico del MIT “Connettere l’Italia”. Il Position Paper è frutto di un’attività collegiale promossa dal MIT con il coordinamento scientifico della Struttura Tecnica di Missione del Ministero stesso, attività che ha visto partecipare allo stesso tavolo di lavoro le istituzioni competenti e gli stakeholder di settore. Nello specifico, il documento è stato sottoscritto da: AGENZIA DELLE DOGANE, AICAI, ANAMA, ASSAEREO, ASSAEROPORTI, ASSOHANDLER, CONFINDUSTRIA, ENAC, FEDERTRASPORTO, IBAR e UIR. "Con il trasporto merci aereo viaggia il valore aggiunto dell’Italia, l’eccellenza del Made in Italy - ha detto il Ministro Delrio - Il cargo aereo è in crescita, grazie a Malpensa, Fiumicino e Bergamo, ma deve superare gap nelle infrastrutture e nella burocrazia per essere un sistema nazionale di qualità europea. A questo serve la road map che ci siamo dati con il position paper presentato oggi e firmato da Mit e 12 organizzazioni del settore.  È il passo che mancava  per la riforma della logistica, dopo quella della portualità e del trasporto su ferro già avviate.  Queste azioni strategiche integrano il piano nazionale Aeroporti e costituiremo al Mit un tavolo nazionale di coordinamento per proseguire il lavoro". Per la prima volta la tematica del trasporto merci per via aerea è affrontata in maniera sistemica e l’odierna iniziativa testimonia l’accresciuta sensibilità delle istituzioni nei confronti del settore del cargo aereo evidenziando quanto sia importante per il Governo, e in primis per il MIT, predisporre i mezzi necessari per intercettare gli sviluppi futuri del trasporto in un mondo globalizzato. Il cargo aereo in Italia, che già nel biennio 2014-2016 ha registrato un incremento pari al 14,2%, continua a crescere: nei primi nove mesi del 2017 si segnala infatti un aumento pari all’11,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ciò indica come il trasporto merci per via aerea, fino ad ora scarsamente considerato, stia diventando sempre più centrale in un’ottica globale. Basti pensare che in riferimento alle esportazioni extra-europee il cargo aereo in Italia, sebbene costituisca solamente lo 0,7% dei volumi, rappresenta ben il 25,8% del valore economico dei beni esportati. A fronte della crescita registrata fino ad ora e quella attesa per i prossimi anni, sono già stati programmati investimenti aeroportuali dedicati al solo traffico cargo per un ammontare complessivo pari a circa 157 milioni di euro nei prossimi 4 anni, che si aggiungono agli 1,4 miliardi di euro di interventi sulle infrastrutture di volo di cui beneficiano sia il traffico cargo sia il traffico passeggeri. Il Position Paper, partendo dall’analisi degli elementi di criticità del settore, individua alcune linee di azione sulle quali i partecipanti al suddetto tavolo di lavoro, pur nel rispetto degli interessi di parte, hanno trovato una generale condivisione. Ai fini di una immediata operatività, il documento suggerisce di avviare il percorso con una serie di interventi tra i quali: l’attuazione dello “Sportello Unico Doganale e dei Controlli” e la promozione del manifesto elettronico; il formale recepimento delle linee guida di indirizzo strategico tratteggiate nel Position Paper negli opportuni atti di indirizzo (Piano Nazionale degli Aeroporti, Piano Nazionale della Logistica) da parte delle Autorità preposte; l’istituzione negli aeroporti a maggiore vocazione cargo, o immediatamente a ridosso degli stessi, di agevolazioni e semplificazioni coerenti con il Codice doganale unionale e di Zone Economiche Speciali nelle aree del Mezzogiorno ove sia possibile stimolare una filiera del trasporto merci via area oggi poco attrattiva. Il Position Paper, siglato da tutti i protagonisti alla fine di ottobre, costituisce la road map per le azioni da intraprendere.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 nov 2017

Aeroporto di Milano Malpensa, raggiunto il ventimilionesimo passeggero del 2017

di mobilita

Tra oggi e domani l'aeroporto di Milano Malpensa festeggerà il ventimilionesimo passeggero del 2017. Un traguardo che mancava dall'aeroporto lombardo da circa dieci anni,  da quando cioè Alitalia decise di trasferirsi a Roma. "Nel 2017 sfioreremo i 22 milioni di passeggeri - ha affermato rivela Giulio De Metrio, chief operating officer della Sea -La crescita è impressionante, continua ininterrotta da 29 mesi e quest'anno fino ad oggi si attesta a un più 15%, con 2,5 milioni di passeggeri in più sullo stesso periodo del 2016. Per un terzo il merito è del traffico di Ryanair, per i due terzi di tutti gli altri vettori tradizionali, inclusa easyJet". Intanto importanti novità verranno introdotte nell'aeroporto lombardo, prima fra tutte il servizio di preclearance che permette ai viaggiatori diretti negli USA di effettuare le operazioni d'ingresso direttamente a Milano.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mag 2017

Piano Investimenti negli Aeroporti di Roma, Milano, Venezia

di Roberto Lentini

E’ stato presentato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti lo stato di attuazione e l’aggiornamento degli investimenti per i maggiori sistemi aeroportuali italiani che rappresentano più del 50% del traffico nazionale, con contratto di programma in deroga per il primo periodo di regolazione decennale:  : AdR con Roma Fiumicino e Roma Ciampino, SEA con Milano Linate e Milano Malpensa, SAVE con Venezia. Con riferimento al primo quinquennio di regolazione tariffaria, per assicurare l’ammodernamento di un settore in forte espansione, sono stati realizzati lavori per 1,895 miliardi e per il prossimo quinquennio è garantito un ammontare più elevato, di  2,9 miliardi per un totale di 4,8 miliardi. Il Piano investimenti è stato presentato da Graziano Delrio, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Vito Riggio, Presidente Enac, Giovanni Castellucci, Amministratore delegato Atlantia Spa, Pietro Modiano, Presidente SEA Spa, Enrico Marchi, Presidente SAVE Spa, presenti con i vertici e amministratori delegati. Per il sistema aeroportuale è prevista da qui al 2021 una crescita del traffico che porta la presenza dei passeggeri a 97 milioni l’anno, con Fiumicino a 47,5 mln, Ciampino a 5,5, Milano Linate a 9,8, Milano Malpensa a 23,2 e Venezia a 11,6, mentre il dato complessivo dei masterplan al 2030 raggiunge i 128 milioni di passeggeri. Per quanto riguarda il periodo trascorso l’andamento del traffico negli aeroporti in argomento ha fatto registrare, per tutti, in media, incrementi significativi sia in termini di passeggeri che di cargo. Nell’arco temporale 2013-2016 il traffico passeggeri in termini di tasso di crescita medio composito (CAGR) ha registrato significativi incrementi in termini di Work Load Unit (WLU) in tutti e cinque gli aeroporti che hanno beneficiato dell’aggiornamento tariffario a seguito della stipula del Contratto di Programma in deroga. Milano Linate ha fatto segnare un +2,2%, Milano Malpensa un +3,9%, Roma Ciampino un +4%, Roma Fiumicino un +4,9% e, infine, Venezia, un +5%. Fanno eccezione Milano Linate che, nel corso del 2016, ha visto un decremento nella movimentazione del cargo, pari al  -2,2% e Ciampino che ha registrato un -7,5% in termini di passeggeri rispetto al 2015 (+16,1%), dato non rappresentativo in quanto risente del dirottamento di una parte significativa del traffico da Fiumicino al secondo scalo romano avvenuto nell’estate del 2015. Va quindi letto come un fisiologico ritorno alla normalità dei flussi, pari a 5 milioni nel 2014.  INTERVENTI DA REALIZZARE ADR – ROMA FIUMICINO E ROMA CIAMPINO Non ha precedenti nel settore la portata degli investimenti previsti dal Piano di sviluppo del sistema aeroportuale romano. La  dimensione dell’investimento che la concessionaria si è impegnata a realizzare (12 Mld di euro entro il 2044) ha guidato le Amministrazioni di settore all’individuazione dei necessari interventi finalizzati al perseguimento del prioritario interesse pubblico all’adeguamento, con capitali privati, delle infrastrutture del primo scalo nazionale. Gli investimenti complessivamente realizzati dal 2012 al 2016 sugli scali di Roma Fiumicino e Ciampino ammontano complessivamente a poco più di 1 miliardo di euro, di cui il 95% riguardano lo scalo di Fiumicino e il residuo 5% l’aeroporto di Ciampino. Tali investimenti hanno consentito allo scalo di raggiungere il primato nella classifica europea dell’Airport Council International, come aeroporto in assoluto più apprezzato dai passeggeri per la qualità dei servizi erogati. Gli investimenti da realizzare per il prossimo quinquennio ammontano a complessivi 1.795,1 milioni. - Aeroporto di Roma Fiumicino Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2017/21 Importo totale degli investimenti:      1.754,1 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Ampliamento del Terminal 1, realizzazione dell’avancorpo e della nuova area di imbarco “A”; Ristrutturazione del Terminal 3; Ristrutturazione del Terminal 5; Interventi landside e parcheggi; Realizzazione della nuova pista di volo e relative vie di rullaggio; Ampliamento piazzali aeromobili (in area est, area ovest, area ex tecnica Alitalia, area ex Poste, area Cargo); Raddoppio della via di rullaggio “Bravo”; - Aeroporto di Roma Ciampino Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2017/21 Importo totale degli investimenti:      41,1 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Riqualifica di  piazzali e raccordi; Ristrutturazione terminal aviazione commerciale.  SEA – MILANO MALPENSA E MILANO LINATE La SEA nel periodo 2011 - 2015 ha realizzato investimenti per complessivi  473,8 milioni di euro, di cui circa 93 milioni sullo scalo di Milano Linate e circa 380 sullo scalo di Milano Malpensa. Gli investimenti da realizzare per il prossimo quinquennio ammontano a complessivi 582,3 milioni. - Aeroporto di Milano Linate Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2016/20 Importo totale degli investimenti:      316,6 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Riqualifica funzionale e normativa del terminal passeggeri; Adeguamento del sistema di gestione dei bagagli; Ristrutturazione del terminal di aviazione generale Riqualifica della pista e del piazzale aeromobili. - Aeroporto di Milano Malpensa Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2016/20 Importo totale degli investimenti:      265,7 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Ristrutturazione del terminal 1 e adeguamento per attracco A380; Adeguamento del sistema di gestione dei bagagli; Riqualifica funzionale e normativa del terminal 2; Riqualifica delle piste e dei piazzali aeromobili; Potenziamento della Cargo City (nuovi magazzini e urbanizzazioni). SAVE – VENEZIA TESSERA La SAVE nel periodo 2012 - 2016 ha effettuato investimenti sullo scalo di Venezia Tessera per complessivi 292,3 milioni di euro. Gli investimenti per il prossimo quinquennio ammontano a 540,6 milioni di euro. - Aeroporto di Venezia Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2017/21 Importo totale degli investimenti:      540,6 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Ampliamento dell’aerostazione passeggeri (primo e secondo lotto); riqualifica e adeguamento infrastrutture di volo adeguamento sistemi di accesso, viabilità e parcheggi adeguamento reti e impianti

Leggi tutto    Commenti 0