Articolo
04 ago 2017

Ryanair conferma che opererà le rotte da Cagliari a Milano Linate e Roma Fiumicino

di mobilita

Ryanair ha confermato la volontà di operare collegamenti da Cagliari a Milano Linate e Roma Fiumicino in caso di apertura del mercato. La dichiarazione fa seguito ai commenti rilasciati alla stampa da ENAC circa la possibilità di eliminare le restrizioni previste dall’OSP (continuità territoriale) sulle rotte Cagliari – Roma Fiumicino e Cagliari – Milano Linate. Ryanair è disponibile a far partire i collegamenti sulle due rotte da Cagliari, a condizione che siano garantiti gli slot necessari negli aeroporti e che ci sia effettiva conferma della cancellazione delle restrizioni su queste rotte. David O’Brien Chief Commercial Officer di Ryanair ha affermato: “In caso di apertura del mercato, coglieremo l’opportunità di operare i collegamenti da Cagliari a Milano Linate e Roma Fiumicino. A partire da quest’inverno Ryanair è pronta ad offrire ai suoi clienti imbattibili tariffe low cost e un’eccellente esperienza di viaggio su entrambe queste rotte.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 lug 2017

Milano Linate si rinnova, ecco come diventerà

di mobilita

Dopo il rinnovamento del Terminal 1 di Milano Malpensa, che ne ha rivoluzionato l’aspetto e la funzionalità e i nuovi filtri di sicurezza e la stazione ferroviaria del Terminal 2, iniziano i lavori che cambieranno il volto dell’aeroporto di Milano Linate. Il progetto, che nella sua complessità vedrà SEA impegnata con investimenti fino al 2022 per un importo totale di 60,3 milioni di Euro, partirà a luglio con la prima fase che prevede, come intervento principale, il redesign della facciata, progettata da Pierluigi Cerri che sarà pronta ad aprile del prossimo anno. In questa prima fase è inoltre previsto il completo rinnovamento della zona arrivi e dell’area ritiro bagagli, attraverso nuovi controsoffitti e pareti realizzati in gres, che migliorerà la percezione dell’altezza e dell’ampiezza dell’aerostazione. In cantiere anche la nuova Vip Lounge Leonardo, che ricollocata in una nuova area dell’aerostazione sarà più ampia e incarnerà al meglio il fascino e il comfort dello stile italiano. Un deciso cambio di passo della user experience dell’aeroporto è solo l’inizio dei nuovi servizi che SEA vuole offrire ai suoi passeggeri che, nel 2022 consegnerà a Milano, una Linate completamente nuova. L’investimento previsto per questa prima fase è di 8,3 milioni di euro, di cui 3,4 milioni per la nuova facciata. “Su Linate non si investiva da 25 anni. - ha commentato Pietro Modiano, Presidente SEA - Dopo il restyling che nel 2015 ha reso Milano Malpensa “Best European Airport” e dopo Expo, che ha permesso a Milano di iniziare un nuovo capitolo della sua storia, era giusto dotare la città di un city-airport all’altezza dei migliori in Europa, accompagnando la città con semplicità e precisione, concetti ai quali l’arch. Cerri si è ispirato nel suo progetto per il redesign della facciata”. L’aeroporto sarà sempre operativo. I lavori saranno, infatti, realizzati attraverso micro cantieri, con attività diurne e notturne in modo da impattare il meno possibile sull’attività aeroportuale. All'esterno si chiuderà il viadotto partenze solamente di notte, quindi anche in questo caso senza disagi per i passeggeri. IL PROGETTO DELL'ARCH. CERRI "Il progetto che vi presentiamo fa parte di un complesso manuale che raccoglie un sistema organico di elementi che regolano l’identità di tutti gli aspetti più strettamente istituzionali e funzionali che definiscono in modo sistematico l’immagine coordinata di SEA. Sembrerebbe quasi sacrilego definire l’appartenenza di un campo disciplinare complesso come quello dell’architettura a quello del design di una corporate identity, eppure l’immagine di un ente o di un organismo sono la sommatoria di tutte le manifestazioni percepite. Per questo possiamo ritenere che il redesign della facciata verso terra di Milano Linate possa appartenere al progetto di immagine coordinata che qui vorremmo riproporre come identità forte e razionale in una continua negoziazione di contenuti in cerca di forma. Si potrebbe azzardare che esiste un’influenza reciproca tra la qualificazione del modo di presentarsi e i servizi prestati.   Oggi l’edificio aeroportuale si presenta come una struttura dagli elementi costruttivi esausti e dalla composizione architettonica confusa, un edificio cui è difficile definire la destinazione d’uso per l’eccessiva sovrapposizione di funzioni, non ultima quella di Reklame Architektur per l’eccessivo impiego di comunicati commerciali che ricoprono la sua struttura e, anche, per il disordine dei numerosi veicoli che l’attraversano o parcheggiano, e per una sgradevole penombra cui sono immersi i due piani dell’edificio, per via del complicato disegno delle pensiline che una lettura della sezione dello stato di fatto consente di notare. Il nostro intervento si fonda su due regole per definire la sua riconoscibilità. La precisione per cui il progetto dev’essere costruito con il massimo di economia di mezzi tecnici ed espressivi per rapporto alla necessità e alla funzione. E l’acutezza di tali mezzi è proporzionale alla sua qualità e capacità di trasformazione. La semplicità che è la misura del nostro progetto. Ogni operazione di progetto oggi è sempre più azione di trasformazione parziale, riuso, restauro, rammendo, in cerca di identità. Un lavoro sulle piccole differenze significative. Ma anche un diffuso desiderio di tregua di fronte al chiacchiericcio stilistico e tecnicistico. Abbiamo lavorato sul dettaglio che è uno degli elementi tecnici più interni alla nostra disciplina e rivela il motore del linguaggio architettonico. Il redesign della facciata landside dell'aeroporto di Milano Linate. La nuova sezione di progetto ricolloca una pensilina costituita da una struttura metallica vetrata a protezione del piano partenze concepita in modo da filtrare i raggi infrarossi e l’effetto serra per consentire una completa luminosità diurna dell’area protetta. La leggerezza e l’attenuato ingombro visivo nella nuova pensilina consentono di mettere in luce l’intero disegno della nuova facciata concepita per sottrazione di elementi invasivi.   La facciata è resa uniforme e riordinata nei suoi elementi costruttivi con un sistema di rivestimento che prevede l’applicazione a secco, sulla superficie esterna dell’edificio, di pannelli di Corian, materiale acrilico termoformabile con carica minerale le cui proprietà sono l’eccellente resistenza alle aggressioni climatiche, ottima reazione al fuoco, facile manutenzione, resistenza agli atti di vandalismo. Le pannellature non aderiscono alla parete, ma risultano distanziate per formare una intercapedine così da ottenere la circolazione naturale dell’aria per effetto del moto convettivo dalla sommità alla base della facciata. La flessibilità di installazione dei pannelli ci consente di inglobare nuovi serramenti a nastro nel piano degli uffici che così risultano più integrati e attenuati nel disegno complessivo della facciata. Qui emergono in primo piano i grandi portali di entrata e uscita concepiti come supporti segnaletici la cui identificazione immediata dovrebbe attenuare il diffuso disorientamento spazio-temporale. L'architettura è bianca per una serie di motivi. Da una parte citerei la definizione dell'architetto Richard Meier le cui architetture sono sempre rigorosamente bianche, quando dice: "Il bianco assoluto evidenzia le differenze fra gli elementi costruttivi, tra aperture e chiusure, tra involucro e struttura." Poi perché il bianco è stato il tratto distintivo del purismo formale del razionalismo del '900. Ma soprattutto perché una superficie bianca ha in sé tutti i colori e quindi può vestirsi di tutti i colori, da rosea all'alba a rossa al tramonto. Insomma può essere sempre viva e mutabile, mai statica e immobile. Dunque perché usare un solo colore? Usiamoli tutti, usiamo il bianco, che ha in sé tutti i colori.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 lug 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Milano Linate

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo e su previsioni di sviluppo futuro da Contratto di Programma 2015-2018. Aeroporto di Milano Linate. Società di gestione: SEA SpA L’aeroporto di Milano Linate è rivolto prevalentemente alla clientela frequent flyer su rotte nazionali e internazionali intra UE. Situato a circa 8 km dal centro della città di Milano, Linate si può qualificare come city airport, con strutture e aree dedicate al business e allo shopping, collocandosi al primo posto in Italia come scalo di Aviazione Generale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 mag 2017

La nuova compagnia Ernest Airlines farà base operativa a Milano Malpensa.

di Roberto Lentini

Ernest Airlines, la nuova compagnia aerea italiana conosciuta in precedenza grazie al lancio del brand “Fly Ernest”, può già registrare con soddisfazione il grande entusiasmo della sua clientela a meno di una settimana dall’apertura delle vendite. Lo scorso 11 aprile 2017, Ernest Airlines ha ricevuto dall’Ente Nazionale Aviazione Civile Italiana il Certificato di Operatore Aereo IT.AOC.175 e la Licenza di Esercizio I-L 518.Il vettore, codice ICAO “ERN”, opererà i voli con codice IATA “EG”. “A conclusione di un intenso lavoro di squadra, abbiamo finalmente raggiunto il nostro primo obiettivo: operare come compagnia aerea. È stato fatto il passo più importante per consentirci di rafforzare ulteriormente la nostra offerta e di esplorare nuove destinazioni europee” ha spiegato David Girhammar, CEO e Presidente del Consiglio di Amministrazione di Ernest Airlines. Ha poi aggiunto: “La nascita di una nuova compagnia aerea rappresenta un fenomeno controcorrente che fa ben sperare, perché lancia un messaggio di ottimismo a tutto il settore e all’Italia in generale. I punti di forza di Ernest sono l’entusiasmo, la creatività e la flessibilità tipiche di una startup”. I primi voli di Ernest Airlines verranno inaugurati a partire dal 1° giugno con l'Airbus A319 EI-FVG, 141 posti. La flotta verrà ampliata subito dopo con un Airbus A320 e, nei mesi successivi, da altri due aeromobili dello stesso modello. Inizialmente i voli Ernest Airlines collegheranno Milano Malpensa, Bergamo, Bologna, Pisa, Venezia e Verona con Tirana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mag 2017

Piano Investimenti negli Aeroporti di Roma, Milano, Venezia

di Roberto Lentini

E’ stato presentato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti lo stato di attuazione e l’aggiornamento degli investimenti per i maggiori sistemi aeroportuali italiani che rappresentano più del 50% del traffico nazionale, con contratto di programma in deroga per il primo periodo di regolazione decennale:  : AdR con Roma Fiumicino e Roma Ciampino, SEA con Milano Linate e Milano Malpensa, SAVE con Venezia. Con riferimento al primo quinquennio di regolazione tariffaria, per assicurare l’ammodernamento di un settore in forte espansione, sono stati realizzati lavori per 1,895 miliardi e per il prossimo quinquennio è garantito un ammontare più elevato, di  2,9 miliardi per un totale di 4,8 miliardi. Il Piano investimenti è stato presentato da Graziano Delrio, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Vito Riggio, Presidente Enac, Giovanni Castellucci, Amministratore delegato Atlantia Spa, Pietro Modiano, Presidente SEA Spa, Enrico Marchi, Presidente SAVE Spa, presenti con i vertici e amministratori delegati. Per il sistema aeroportuale è prevista da qui al 2021 una crescita del traffico che porta la presenza dei passeggeri a 97 milioni l’anno, con Fiumicino a 47,5 mln, Ciampino a 5,5, Milano Linate a 9,8, Milano Malpensa a 23,2 e Venezia a 11,6, mentre il dato complessivo dei masterplan al 2030 raggiunge i 128 milioni di passeggeri. Per quanto riguarda il periodo trascorso l’andamento del traffico negli aeroporti in argomento ha fatto registrare, per tutti, in media, incrementi significativi sia in termini di passeggeri che di cargo. Nell’arco temporale 2013-2016 il traffico passeggeri in termini di tasso di crescita medio composito (CAGR) ha registrato significativi incrementi in termini di Work Load Unit (WLU) in tutti e cinque gli aeroporti che hanno beneficiato dell’aggiornamento tariffario a seguito della stipula del Contratto di Programma in deroga. Milano Linate ha fatto segnare un +2,2%, Milano Malpensa un +3,9%, Roma Ciampino un +4%, Roma Fiumicino un +4,9% e, infine, Venezia, un +5%. Fanno eccezione Milano Linate che, nel corso del 2016, ha visto un decremento nella movimentazione del cargo, pari al  -2,2% e Ciampino che ha registrato un -7,5% in termini di passeggeri rispetto al 2015 (+16,1%), dato non rappresentativo in quanto risente del dirottamento di una parte significativa del traffico da Fiumicino al secondo scalo romano avvenuto nell’estate del 2015. Va quindi letto come un fisiologico ritorno alla normalità dei flussi, pari a 5 milioni nel 2014.  INTERVENTI DA REALIZZARE ADR – ROMA FIUMICINO E ROMA CIAMPINO Non ha precedenti nel settore la portata degli investimenti previsti dal Piano di sviluppo del sistema aeroportuale romano. La  dimensione dell’investimento che la concessionaria si è impegnata a realizzare (12 Mld di euro entro il 2044) ha guidato le Amministrazioni di settore all’individuazione dei necessari interventi finalizzati al perseguimento del prioritario interesse pubblico all’adeguamento, con capitali privati, delle infrastrutture del primo scalo nazionale. Gli investimenti complessivamente realizzati dal 2012 al 2016 sugli scali di Roma Fiumicino e Ciampino ammontano complessivamente a poco più di 1 miliardo di euro, di cui il 95% riguardano lo scalo di Fiumicino e il residuo 5% l’aeroporto di Ciampino. Tali investimenti hanno consentito allo scalo di raggiungere il primato nella classifica europea dell’Airport Council International, come aeroporto in assoluto più apprezzato dai passeggeri per la qualità dei servizi erogati. Gli investimenti da realizzare per il prossimo quinquennio ammontano a complessivi 1.795,1 milioni. - Aeroporto di Roma Fiumicino Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2017/21 Importo totale degli investimenti:      1.754,1 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Ampliamento del Terminal 1, realizzazione dell’avancorpo e della nuova area di imbarco “A”; Ristrutturazione del Terminal 3; Ristrutturazione del Terminal 5; Interventi landside e parcheggi; Realizzazione della nuova pista di volo e relative vie di rullaggio; Ampliamento piazzali aeromobili (in area est, area ovest, area ex tecnica Alitalia, area ex Poste, area Cargo); Raddoppio della via di rullaggio “Bravo”; - Aeroporto di Roma Ciampino Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2017/21 Importo totale degli investimenti:      41,1 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Riqualifica di  piazzali e raccordi; Ristrutturazione terminal aviazione commerciale.  SEA – MILANO MALPENSA E MILANO LINATE La SEA nel periodo 2011 - 2015 ha realizzato investimenti per complessivi  473,8 milioni di euro, di cui circa 93 milioni sullo scalo di Milano Linate e circa 380 sullo scalo di Milano Malpensa. Gli investimenti da realizzare per il prossimo quinquennio ammontano a complessivi 582,3 milioni. - Aeroporto di Milano Linate Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2016/20 Importo totale degli investimenti:      316,6 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Riqualifica funzionale e normativa del terminal passeggeri; Adeguamento del sistema di gestione dei bagagli; Ristrutturazione del terminal di aviazione generale Riqualifica della pista e del piazzale aeromobili. - Aeroporto di Milano Malpensa Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2016/20 Importo totale degli investimenti:      265,7 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Ristrutturazione del terminal 1 e adeguamento per attracco A380; Adeguamento del sistema di gestione dei bagagli; Riqualifica funzionale e normativa del terminal 2; Riqualifica delle piste e dei piazzali aeromobili; Potenziamento della Cargo City (nuovi magazzini e urbanizzazioni). SAVE – VENEZIA TESSERA La SAVE nel periodo 2012 - 2016 ha effettuato investimenti sullo scalo di Venezia Tessera per complessivi 292,3 milioni di euro. Gli investimenti per il prossimo quinquennio ammontano a 540,6 milioni di euro. - Aeroporto di Venezia Periodo temporale di riferimento:      quinquennio 2017/21 Importo totale degli investimenti:      540,6 milioni € Interventi principali previsti nel quinquennio: Ampliamento dell’aerostazione passeggeri (primo e secondo lotto); riqualifica e adeguamento infrastrutture di volo adeguamento sistemi di accesso, viabilità e parcheggi adeguamento reti e impianti

Leggi tutto    Commenti 0