Articolo
14 ott 2018

FIRENZE | Il governo boccia l’ampliamento dell’aeroporto

di mobilita

Il governo giallo-verde boccia l'ampliamento dell'aeroporto di Firenze e il ministro Gian Marco Centinaio lo ribadisce in un'intervista rilasciata a Repubblica Firenze  in cui afferma:  “Non si farà, lo sviluppo non deve passare da un piano faraonico che non serve a nulla alla Toscana. Con molti meno soldi si potrebbe migliorare l’aeroporto di Firenze senza stravolgerlo”. “La pista non si farà – ha continuato il ministro Centinaio – da ministro ed ex operatore del turismo dico che Firenze, che ha un’enorme massa di turisti che andrebbe decongestionata, deve migliorare la qualità del suo scalo e non allungarlo, non ne ha bisogno. Far crescere Pisa è un’opportunità che si dà a tutta la Toscana, dal mare alla città. E poi diciamoci la verità: il tempo che ci vuole a raggiungere Firenze da Pisa è meno di quel che serve ad attraversare Milano”. Ti potrebbe interessare: AEROPORTO FIRENZE | Approvato il progetto di Master Plan dell’aeroporto con la previsione di nuova pista

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
28 dic 2017

AEROPORTO DI FIRENZE | Firmato il decreto relativo al VIA per il progetto del nuovo Master Plan

di mobilita

E' stato sottoscritto dal Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di concerto con il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, il decreto di giudizio favorevole di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) per il progetto del nuovo Master Plan 2014-2029 per l’aeroporto di Firenze. Il Master plan prevede la riqualificazione dell'aeroporto mediante la realizzazione della nuova pista di volo, dei piazzali aeromobili, del nuovo Terminal Passeggeri, della viabilità di accesso e dei parcheggi, dell'area Cargo e del Terminal di aviazione generale. La firma segue la conclusione positiva dei lavori della Commissione tecnica VIA che, lo scorso 5 dicembre 2017, ha emanato il parere integrativo per il progetto del nuovo Master Plan 2014-2029 per l’aeroporto di Firenze che prevede la realizzazione della nuova pista da 2.400 metri e del nuovo terminal. Tra gli obiettivi del Master Plan, quello di risolvere definitivamente le criticità legate alla viabilità di accesso ed alla distribuzione interna, costituisce uno dei punti prioritari, così come primaria diventa l’implementazione del sistema di interscambio modale orientato verso il ferro, con la realizzazione della nuova linea tranviaria e la prevista stazione di interscambio in prossimità dell’Aerostazione Passeggeri e, nel caso della ferrovia, con una stazione dedicata all’aeroporto, a questo collegata con un percorso pedonale con sottopasso autostradale, da realizzare sul braccio a servizio del “Polo Tecnologico” della linea Firenze-Pisa. Infine tutto il sistema viario da cui e su cui converge la viabilità aeroportuale troverà il suo assetto definitivo con il riordino dell’intero sistema “Svincolo di Peretola”, già previsto nel progetto redatto dalla società Autostrade per la realizzazione della terza corsia sulla A11. Si prevede inoltre la realizzazione di un nuovo Terminal Passeggeri con un nuovo nodo viario di accesso al sistema aeroportuale prevede la riconfigurazione completa della distribuzione viaria, con diversificazione dei flussi, una nuova localizzazione dei parcheggi, e una piattaforma (marciapiede di scambio gommaferro-aria) di scambio intermodale antistante il terminal. La piattaforma di ingresso al terminal è inoltre servita dalla nuova tranvia, con una stazione interrata connessa direttamente alla Hall Arrivi/Partenze del Terminal e, attraverso il sottopasso pedonale di attraversamento della bretella autostradale, dalla nuova stazione Ferroviaria prevista in corrispondenza del “Palagio degli Spini” e del parcheggio lunga sosta. La nuova sistemazione delle aree antistanti il terminal passeggeri prevedono sia la realizzazione di nuovi parcheggi sia la riconfigurazione ed ampliamento di quelli esistenti. Il nuovo assetto viario di accesso e servizio alle infrastrutture perviste nell’area (nuovo terminal, nuova struttura ricettiva ed una porzione di aerostazione esistente, riconvertita con il MP a funzione direzionale e congressuale a basso carico antropico) servono anche il nuovo sistema di parcheggi ed aree destinate alla sosta. A conclusione e completamento del Master Plan è prevista la realizzazione, nella area antistante la nuova aerostazione passeggeri, di una struttura ricettiva (albergo) per una capacità di circa 120 posti letto (60 camere) su quattro piani con una superficie utile lorda (SUL) di circa 5.000 mq. Inoltre, delle strutture dell’attuale aerostazione passeggeri, saranno recuperati i due padiglioni, per circa 10.400 mq complessivi, attualmente occupati dalla Hall Arrivi-Partenze e dalla Sala Check-in,  e convertiti in uffici direzionali, uffici operativi ed attività correlate a basso carico antropico. “Apprendiamo con soddisfazione la firma del decreto di VIA che sancisce la compatibilità ambientale del Master Plan dell’aeroporto di Firenze con pista parallela. Questo rappresenta il primo e fondamentale passaggio per la conclusione dell’iter di autorizzazione di un progetto che consentirà di dotare la città di Firenze e l’intera Toscana di un’infrastruttura strategica per rispondere alla domanda inevasa di traffico in regione e risolvere i limiti strutturali dell’attuale pista”, ha affermato il Presidente di Toscana Aeroporti Marco Carrai.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2017

Gli investimenti per lo sviluppo degli scali italiani, Firenze

di mobilita

In quest’articolo vi diamo conto del volume realizzato dall’ENAC sugli investimenti infrastrutturali operati sugli aeroporti nazionali dal 2000 con proiezioni future a medio e lungo termine. Vengono riportate tabelle riepilogative degli investimenti complessivi e degli investimenti ENAV 2000-2015 sugli scali aeroportuali e sugli impianti di assistenza al volo. Aeroporto di Firenze. Società di gestione: TOSCANA AEROPORTI SpA L’aeroporto di Firenze ha vissuto fortune alterne fino al 1986, anno a partire dal quale ha iniziato un progressivo sviluppo sia infrastrutturale che commerciale, che oggi si attua su due fronti: l’integrazione con lo scalo di Pisa e la realizzazione di una nuova pista. Questi obiettivi consentiranno al sistema toscano di accogliere la crescita di passeggeri prevista nei prossimi anni, anche alla luce dell’incremento delle frequenze giornaliere programmate dalle compagnie aeree sulle principali destinazioni esistenti.

Leggi tutto    Commenti 0