Articolo
04 mag 2018

ROMA METRO C | Il 12 maggio apre la stazione di San Giovanni

di mobilita

Come vi avevamo già annunciato in quest'articolo, la stazione metro di San Giovanni aprirà il 12 maggio.   A oggi circa 40mila persone utilizzano la tratta Lodi-Pantano, con la nuova stazione metro di San Giovanni si stimano circa 50-60mila utenti al giorno per poi arrivare, in una seconda fase, a 100mila passeggeri. Con la stazione di  San Giovanni aumentano i collegamenti del quadrante con importanti destinazioni del Centro e dei quadranti Sud Est e Ovest della Capitale, grazie alla connessione con numerose linee del trasporto di superficie, che transitano o effettuano capolinea in prossimità della metro. Nei piani dell'Amministrazione capitolina la linea C proseguirà fino a compimento della tratta T2, dai Fori Imperiali a piazza Mazzini, fino ad arrivare a Farnesina. L’Amministrazione ha indicato i punti da cui partire per l’elaborazione di una project preview dell’opera. Con la prima stazione museo, Roma diventa punto di riferimento a livello internazionale. I cittadini potranno valersi di un nuovo nodo di congiunzione tra due linee metropolitane, con una linea che dalla periferia arrivi sino in centro. L’apertura della nuova stazione comporterà modifiche alla rete di superficie per rendere i collegamenti più capillari. Sarà istituita anche una nuova linea bus a carattere tangenziale tra il nodo di interscambio San Giovanni metro A/metro C e il nodo di interscambio metro ferroviario Piramide/Ostiense. Per il futuro della terza linea, Roma Metropolitane ha elaborato uno studio preliminare in cui sono elencati i possibili modelli da realizzare nell’ansa barocca della città, mettendo a confronto le alternative progettuali della tratta che attraversa il centro storico. L’obiettivo è dunque far arrivare la linea C sino a Clodio-Mazzini: la tratta fino a Clodio-Mazzini è stata l’opera infrastrutturale più votata sul sito del Piano urbano della mobilità sostenibile. Lo studio preliminare. Il primo progetto elaborato da Roma Metropolitane ha indicato due modelli possibili. Il primo prevede quattro stazioni: San Pietro, Chiesa Nuova, Argentina e Piazza Venezia; il secondo tre: San Pietro, Navona e Venezia. Gli obiettivi si concretizzano nella realizzazione di almeno una stazione intermedia tra quelle previste di Venezia e San Pietro; nella limitazione degli impatti archeologici e dei cantieri puntando sulla realizzazione di stazioni e impianti di risalita concentrati in 1-2 pozzi verticali, e nella ricerca di soluzioni che favoriscano un più rapido smaltimento del flusso passeggeri. Tempi e costi. Per la tratta T2 (Fori Imperiali-Clodio Mazzini), saranno individuate nuove soluzioni progettuali attraverso l’elaborazione di un progetto di fattibilità redatto ai sensi del D.Lgs n 50/2016. Dal momento dell’affidamento delle attività, i tempi stimati per la stesura e approvazione sono di circa 24 mesi. I costi stimati per le attività preliminari di progettazione e di indagine archeologica  ammontano a circa 1,6 milioni. L’adozione di scelte progettuali definitive non potrà prescindere dagli studi archeologiche nei luoghi dove saranno costruite le stazioni e le gallerie della tratta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2018

ROMA METRO C | È ufficiale l’apertura della stazione San Giovanni

di mobilita

In una conferenza stampa che si è tenuta oggi al Campidoglio, la sindaca Virginia Raggi ha comunicato che la stazione di San Giovanni, della linea C, aprirà sabato 12 maggio 2018. L'apertura della stazione di San Giovanni consentirà la connessione della linea C con la linea A della metropolitana di Roma. La frequenza dei treni inizialmente sarà di 12 minuti, portata a 9 nei prossimi mesi. Con l'arrivo dei nuovi treni la frequenza si ridurrà a 4 minuti. "Abbiamo sbloccato dopo anni di fermo i lavori - ha affermato la sindaca Virginia Raggi -Roma comincia a mostrare che le cose si possono fare. Inauguriamo una stazione museo che diventerà operativa. Ce la invidieranno da ogni parte del mondo".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mag 2018

VIDEO | Il gruppo Onorato vara il super cargo Alf Pollak

di mobilita

Il gruppo Onorato Armatori ha varato, oggi 3 maggio, la sua prima nave cargo ro-ro costruita nei cantieri navali di Flensburg (Germania), ed è stata battezzata Alf Pollak in nome del primo socio storico di Vincenzo Onorato. La nave sarà operativa da ottobre e opererà in Sicilia e in Sardegna sulle rotte delle autostrade del mare; è lunga 209 metri, ha una stazza di 32.770 tonnellate, una capacità di 4076 metri lineari e può trasportare fino a 283 camion. "Per noi è un traguardo importante - ha detto Onorato -. E personalmente lo dovevo ad Alf Pollak, che 40 anni fa credette in me. Da lui ho imparato tutto". Avrà bandiera italiana con i colori di Tirrenia navigazione. I motori sono equipaggiati con scrubber per ripulire i fumi e ridurre le emissioni di particolari sostanze come lo zolfo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mag 2018

AEROPORTO MILANO LINATE | Inaugurata la nuova facciata

di mobilita

Completata la prima fase del progetto “Nuova Linate”, con un investimento da 8,3 milioni di euro. La prima fase del progetto "Nuova Linate" è completata: l'aeroporto ha finalmente una nuova facciata, che conclude il primo step dei lavori che entro il 2020 consegneranno a Milano un city airport completamente rinnovato. Una porta d’accesso moderna e funzionale, improntata sulle due regole di precisione e semplicità dall’architetto Pierluigi Cerri, che segna il cambio di passo nella user experience dell’aeroporto, che in questi 10 mesi di lavori non si è mai fermato. “Il mio intervento si è basato su due regole per definire la sua riconoscibilità, la precisione e la semplicità. – ha commentato Pierluigi Cerri,– due regole che a livello di colore trovano la migliore espressione nel colore bianco, perché una superficie bianca contiene in sé tutti i colori, dando l’effetto di una struttura viva e mutabile.” Per la facciata il tempo effettivo di realizzazione è stato di 6 mesi e hanno lavorato giornalmente al progetto circa 100 persone tra personale SEA e lavoratori di 20 diverse imprese per un totale di 70.000 ore di lavoro, di cui circa un terzo durante la notte. La parte vetrata è composta di 780 lastre. Per la pensilina sono stati utilizzati circa 250.000 kg. di travi di acciaio e 25.000 bulloni. La facciata è composta di 1.500 lastre di corian. In questa prima fase è stata completamente rinnovata la zona arrivi e l’area ritiro bagagli, attraverso nuovi controsoffitti e pareti realizzati in gres, che migliorano la percezione dell’altezza e dell’ampiezza dell’aerostazione. I lavori prevedevano anche la nuova Vip Lounge “Leonardo” che, ricollocata in una nuova area dell’aerostazione, conta adesso su uno spazio di 400 metri quadrati, in grado di accogliere 90 passeggeri, che saranno circondati dal fascino dello stile italiano, con arredi di design moderno, e da importanti opere d’arte di Helidon Xhixha e Alessandro Busci. L’investimento previsto per questa prima fase è stato di 8,3 milioni di euro, di cui 3 milioni per la nuova facciata. “Oggi inizia il nuovo capitolo della storia di Linate. – ha commentato Pietro Modiano, Presidente SEA – Entro il 2022 consegneremo alla città un city airport completamente nuovo, per rispondere alle esigenze dei nostri passeggeri e a quelle della città di Milano. Per questi lavori l’aeroporto non si è mai fermato, e di questo dobbiamo ringraziare il lavoro degli oltre 100 colleghi impegnati nell’opera.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2018

MILANO METRO 4 | La Stazione Linate

di mobilita

La stazione di Linate è una delle principali porte di accesso alla città di Milano e rappresenta anche uno dei capisaldi strategici del trasporto di massa. La stazione si configura infatti come uno dei nodi di interscambio potenzialmente più importanti della Milano futura, ma anche come cerniera e fulcro della vita sociale ed economica del Paese. La sua collocazione permette infatti di raccogliere i flussi di utenza che provengono dall’aeroporto, dai numerosi parcheggi presenti nell’area, dalla viabilità provinciale (Circonvallazione Idroscalo) e dalle fermate del trasporto pubblico superficiale. Il progetto della stazione Linate Aeroporto si fonda inoltre su un sistema di “polarità” che le gravitano attorno: il terminal Aerostazione e l’edificio “Kiss & Ride”. Il terminal Aerostazione è collegato al mezzanino della stazione Linate Aeroporto e costituisce uno dei principali accessi alla Linea M4. Il collegamento è posizionato sul lato nord del terminal nella zona prossima all’ingresso dei parcheggi multipiano. In questo modo l’utente può fruire dei servizi di parcheggio, di trasporto pubblico e di metropolitana attraverso un unico percorso breve, diretto ed intuitivo. L’edificio “Kiss & Ride” rappresenta il secondo punto di accesso alla stazione M4: si colloca a lato della circonvallazione Idroscalo, configurandosi come testa di ponte tra la viabilità Milano-Segrate e l’area della stazione metropolitana e dei parcheggi, e costituisce un punto di riferimento riconoscibile e funzionale allo scambio tra i flussi di trasporto. Qui infatti è prevista la fermata dei mezzi pubblici e un’area di sosta rapida (“Kiss & Ride”) dei mezzi privati; l’edifico accoglie quindi l’utenza che, tramite un sistema di scale fisse, mobili e ascensore e un successivo collegamento interrato, può raggiungere la zona del mezzanino della stazione M4. Nell’edificio K&R sono presenti alcuni esercizi commerciali e una zona di attesa dotata di servizi igienici. Il cantiere oggi Completata la realizzazione delle gallerie e posati i binari, i lavori si sono concentrati sui locali della stazione. Conclusi murature e pavimenti dei locali tecnici, così come le strutture e le necessarie impermeabilizzazioni interne, sono stati installati i sistemi antincendio. Allo stesso tempo è stato completato il secondo tratto del corridoio di interscambio con l’aeroporto, e sono stati avviati i lavori propedeutici alla realizzazione del terzo tratto dello stesso corridoio. Fonte Metro4milano

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2018

Italo debutta sulla Torino-Milano-Venezia

di mobilita

Da ieri, 1° maggio, Italo ha fatto il suo ingresso sulla trasversale del Nord Est: Torino – Milano – Venezia. L’ingresso di Italo su questa tratta rappresenta una grande opportunità di crescita per il mercato Alta Velocità, essendo la direttrice Torino – Milano – Venezia una delle tratte a più grande potenzialità nel panorama italiano. Lungo l’intera linea i treni Italo effettuano le fermate intermedie nelle città di: Brescia, Desenzano, Peschiera, Verona, Vicenza, Padova e Mestre. Fra queste spiccano Vicenza, Desenzano e Peschiera in quanto “new entry” nel network della società. Italo da ieri è partito con 10 servizi giornalieri lungo questa linea, avendo già in programma di potenziare le corse quotidiane che diventeranno 14 a partire dal 1° luglio. Tutto questo grazie ai recenti investimenti della società, che ha acquistato 17 nuovi treni prodotti da Alstom, gli Italo EVO. Questi treni, i più moderni d’Europa, di cui 10 sono già in flotta ed altri 2 entreranno in servizio entro l’estate (gli ultimi 5 arriveranno nel 2019), hanno permesso a Italo di pianificare nuovi collegamenti e maggiori frequenze fra le città servite.L’approdo di Italo sulla Trasversale va a soddisfare le esigenze delle diverse tipologie di viaggiatori: dal business man che in massimo comfort viaggia fra Milano e Venezia in meno di 2 ore e mezza, al viaggiatore leisure che può andare a visitare le diverse bellezze offerte dalle città lungo la tratta. Si può spaziare dai musei torinesi alla movida di Milano, dalla natura incantevole del Lago di Garda a Vicenza (patrimonio dell’UNESCO), fino ad arrivare alle teatro romano di Brescia ed ai monumenti rinomati in tutto il mondo di Padova, Verona e Venezia! Per festeggiare insieme ai suoi viaggiatori questo nuovo traguardo raggiunto, Italo ha lanciato una promozione dedicata con biglietti a soli 9,90€ validi per l’intera tratta: a prescindere dalla città di partenza e dalla destinazione finale, il prezzo rimane quello!

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2018

PORTO DI PORTOFERRAIO | Viaggio inaugurale della nave da crociera Amadea

di mobilita

Viaggio inaugurale a Portoferraio della nave da crociera Amadea, luxury ship della compagnia tedesca Phoenix Reisen, attraccata stamani alle 11 presso la banchina alto fondale. L’arrivo al porto elbano di questa “traumshiff” (nave dei sogni), protagonista dei nuovi episodi del popolare serial televisivo ambientato a bordo di lussuose navi da crociera, è stato salutato dalle istituzioni, che hanno voluto celebrare l’evento con il tradizionale scambio di crest augurali a bordo della nave, consegnando gli emblemi al comandante Robert Fronenbroeh. Presenti il vice sindaco e assessore al Turismo del comune di Portoferraio, Roberto Marini, il Resposnabile promozione e comunicazione dell’Autorita di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, Francesco Ghio è il nostromo della capitaneria di Porto, Fabrizio Pagliaricci. Alla cerimonia hanno preso parte anche il capo pilota Gino Gelichi, l’ispettore Paolo Di Paola della polizia di frontiera, E i rappresentanti dell’Agenzia Marittima Viegi. La M/V Amadea, lunga quasi 193 m e larga 24.70 m per una stazza lorda di 28,856 tonnellate, è una nave passeggeri della capacità di circa 600 passeggeri costruita nel 1991 dalla Mitsubishi Heavy Industries (industria navale giapponese con sede a Nagasaki) e il suo nome originario era Asuka. Naviga attualmente sotto bandiera delle Bahamas. Questa nave è dotata di: 2 suite reali, 40 suite e 254 cabine. “È la prima volta che una nave di prestigio come la Amadea scala il nostro porto – ha dichiarato Marini -, si tratta di un risultato importante il cui merito va attribuito al lavoro di squadra e alle sinergie che il Comune e l’Autorita Portuale hanno saputo stringere per promuovere al meglio il nostro territorio”. Sono 97 gli scali previsti nel porto di Portoferraio per il 2018. Già nei mesi di marzo ed aprile hanno fatto scalo nel porto di Portoferraio 6 navi ed in particolare la M/N Arethusa che ha scalato già il nostro porto tre volte. Quindi possiamo dire che anche per il porto di Portoferraio la stagione crocieristica 2018 è già iniziata.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2018

AEROPORTO BERGAMO | Ukraine International Airlines inaugura il nuovo volo con Kharkiv

di mobilita

Ukraine International Airlines ha inaugurato il nuovo collegamento tra l’aeroporto di Milano Bergamo e la città di Kharkiv, la seconda del Paese per dimensioni e popolazione, situata nella regione centro-orientale. Questa destinazione, servita con frequenza bisettimanale il mercoledì e sabato da un B737-800 da 180 posti, si aggiunge alle due rotte già operate da Ukraine International Airlines dall’Aeroporto di Milano Bergamo: con Kiev Boryspil, servita da un volo giornaliero con B737-800, e Chernivtsi, collegata ogni lunedì e sabato con un Embraer 190 da 109 posti. "Ukraine International Airlines contribuisce ad ampliare il nostro network in Ucraina, a beneficio delle relazioni dirette verso le città e le aree più popolose del Paese, ma anche a permettere di fruire di una serie di collegamenti sulle rotte intercontinentali che la compagnia aerea garantisce in prosecuzione dall’aeroporto di Kiev Boryspil – dichiara Giacomo Cattaneo, direttore aviation di SACBO – L’Aeroporto di Milano Bergamo diventa così un punto di riferimento per la comunità ucraina e non solo, in particolare per tutti coloro che vivono in Lombardia e nelle regioni limitrofe”. L’ubicazione geografica di Kharkiv permette a milioni di abitanti di una vasta area di utilizzare proficuamente l’aeroporto internazionale della città, che ha come simbolo la maestosa Plošča Svobody, “Piazza della Libertà”, estesa per oltre 11 ettari e seconda piazza più grande del mondo dopo Tien-anMen a Pechino. In occasione del volo inaugurale con Kharkiv, la compagnia Ukraine International Airlines ha premiato il terzo passeggero presentatosi in ordine di tempo al check-in consegnando un biglietto valido per due persone su una delle tre rotte servite dall’aeroporto di Milano Bergamo. A beneficiarne è stata la signora Olena Podkopay, residente a Calco in provincia di Lecco, felice di poter raggiungere per la prima volta con volo diretto la città nativa di Kharkiv.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2018

FIRENZE | Le linee FlixBus si attestano a Villa Costanza

di mobilita

Da oggi tutte le linee FlixBus giornaliere e di interconnessione si fermeranno al parcheggio Villa Costanza, raggiungibile sia dall’autostrada A1 che dal centro della città con una corsa di 22 minuti sulla linea 1 del tram. Le corse notturne continueranno invece ad attestarsi alla fermata di piazzale Montelungo. La decisione di FlixBus di attestarsi a Villa Costanza permette di raggiungere il centro di Firenze in tempi rapidi e certi e offre molte opportunità di collegamento non solo con la stazione di Santa Maria Novella ma, soprattutto dopo la messa in esercizio a breve delle linee 2 e 3 della tramvia, anche con molte altre parti della città. L’arrivo di Flixbus garantisce un ulteriore utilizzo del parcheggio scambiatore di Scandicci che potrà beneficiare di connessioni con città nazionali e internazionali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 mag 2018

NAPOLI | Arriva la tassa d’ingresso per i bus turistici

di mobilita

Il Comune di Napoli si prepara a varare la Ztl per i bus turistici; per entrare dovranno pagare una tassa d'ingresso. Il costo del permesso giornaliero dovrebbe essere di circa 100 euro, per i bus superiori a 9 posti, con un prezzario differenziato a seconda della tipologia di mezzi (dagli Euro 0 agli elettrici). Prevista l'ipotesi di sconti per gite scolastiche e hotel e la possibilità di fare anche abbonamenti annuali.

Leggi tutto    Commenti 0