Articolo
19 gen 2017

Olanda: primo paese al mondo con il 100% dei treni a energia eolica

di Alessandra Santoni

Si sa, per l'Olanda non è certo una novità puntare sull’utilizzo delle energie rinnovabili, ma il traguardo raggiunto questa volta è, possiamo dirlo, incredibilmente notevole: infatti i treni della rete ferroviaria olandese NS dal 1 gennaio sono alimentati esclusivamente da elettricità eolica. L'obiettivo raggiunto è unico al mondo e, oltre a questo, è stato realizzato in anticipo rispetto a quanto previsto dal piano di sostenibilità predisposto dalla compagnia. Infatti il portavoce di NS, Ton Boon, ha spiegato che tutto è iniziato due anni fa, quando la compagnia energetica Eneco si aggiudicò il bando per collaborare con NS per elettrizzare il trasporto su rotaia, elaborando un progetto che prevedeva la creazione di una rete ferroviaria elettrica totalmente alimentata da energia eolica da completarsi entro il 2018; la scadenza è stata quindi più che rispettata: infatti il progetto è stato ultimato con un anno di anticipo, grazie all’aumento delle centrali installate sul territorio e al largo delle coste. Giusto per fornire qualche dato, i treni in Olanda trasportano ogni giorno 600mila persone, per un totale di 5500 viaggi quotidiani. L’energia complessivamente consumata dalla rete ferroviaria è pari a 1,2 miliardi di KW-ore all’anno e oggi una turbina eolica impiega circa un’ora per produrre l’energia sufficiente a percorrere un tratto ferroviario di 120 miglia (193 chilometri). Ma le ferrovie olandesi non sono comunque soddisfatte e puntano a ottimizzare ulteriormente il consumo di energia da parte dei propri treni: l’obiettivo è ridurlo del 35% entro il 2020. E mentre qui si continua a trivellare, il direttore di NS, Roger Van Boxtel, per festeggiare si fa attaccare alla pala di un mulino a vento... (trovate la traduzione sotto al video) https://youtu.be/mpmN2S_frzg La NS utilizza molta energia, e questo non va bene per l'ambiente. E quindi ci siamo detti: qualcosa deve cambiare. Dal 1 gennaio 2017 tutti i treni in Olanda saranno alimentati con il 100% di energia eolica. E' molto olandese adattarsi al vento, no? Lo sai che un giro delle pale di un mulino ti porta da Utrecht a Groningen? Joe! (...) Viaggiare con il vento: volo via! In Olanda i primi nel mondo a coprire i viaggi su rotaia con il 100% di energia eolica Foto: Treinliefhebber  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 dic 2016

Trenitalia: da oggi biglietto elettronico modificabile online

di Fabio Nicolosi

Prosegue l’evoluzione digitale di Trenitalia Regionale, migliora l’esperienza di viaggio dei suoi clienti: il biglietto elettronico diventa più flessibile e, una volta acquistato, può essere modificato, scegliendo un’altra data o un altro orario di partenza, oppure se ne può chiedere il rimborso. La novità, introdotta da Trenitalia Regionale dal 22 dicembre, conferma gli impegni presi con i clienti e associazioni di consumatori e allinea il biglietto regionale elettronico a quello cartaceo, consentendo un cambio data e un rimborso per rinuncia al viaggio, fino alle 23.59 del giorno precedente a quello inizialmente scelto, attraverso l’area riservata “I miei viaggi” su trenitalia.com, App Trenitalia o nella sezione “Cerca e modifica il biglietto” su trenitalia.com. Si tratta di un altro rilevante passo nella direzione di un sempre più facile accesso, grazie ai sistemi digitali, ai servizi di trasporto ferroviario regionale di Trenitalia, che hanno registrato nel 2016 oltre un milione e settecentomila viaggi al giorno. L’acquisto dei biglietti regionali da sistemi digitali, da pc e da device mobili, anche attraverso l’app Trenitalia, ha conosciuto negli ultimi anni una notevole crescita. Nel 2016 sono stati oltre otto milioni e mezzo i biglietti regionali acquistati su trenitalia.com e App, contro i cinque milioni e 200mila del 2015 e i tre milioni e 200mila del 2014. Nell’ultimo anno la crescita è stata di oltre il 63%, nel biennio del 157%. Nel 2017 l’obiettivo è raddoppiare il target raggiunto quest’anno.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 dic 2016

Nel treno del futuro le coincidenze si prendono in corsa

di Andrea Baio

La pagina "Futurism" presenta una interessante idea che potrebbe essere applicata ai treni del futuro. L'idea progettuale ipotizza la presenza di piattaforme mobili che interconnettano treni intelligenti ad alta velocità per l'interscambio in corsa. In parole povere, i passeggeri potranno cambiare direzione semplicemente passando da un treno all'altro, mentre questi sono allineati in corsa. Il risparmio di tempo e il miglioramento in termini di efficienza potrebbe essere notevole. E' chiaro che un sistema di questo tipo necessiterebbe di una linea appositamente pensata e realizzata per questo genere di servizio, ma non è da escludere che le compagnie ferroviarie di tutto il mondo potrebbero orientarsi presto verso la logicità di questa soluzione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 dic 2016

VIDEO| Tram, treni, metropolitane: come vengono lavate le vetture?

di Giulio Di Chiara

Li vediamo girare ogni giorno per ore e ore nelle nostre città, senza sosta, sotto qualsiasi intemperia e raccogliendo smog e polveri sottili. Anche i convogli dei sistemi tranviari, delle metropolitane e dei treni necessitano pulizia. Le dimensioni voluminose obbligano sistemi di lavaggio particolari, ma nemmeno tanto differenti da quelli utilizzati per le normali autovetture. In questo video vi mostriamo come tram e treni vengono "ripuliti" in Francia, sottolineando che in gran parte del mondo i depositi dei sistemi di trasporto di massa ospitano queste attrezzature con una certa regolarità, Italia compresa. Vi portiamo quindi dentro il deposito di FDI, in Francia, buona visione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 dic 2016

FS: venerdì 9 dicembre sciopero del personale di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia

di Roberto Lentini

EDIT: Treni regolari venerdì 9 dicembre. Lo sciopero nazionale del personale di RFI e Trenitalia proclamato dal sindacato Orsa Ferrovie è stato revocato. Ferrovie dello Stato Italiane comunica che il sindacato ORSA Ferrovie ha proclamato uno sciopero del personale di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia dalle ore 9.00 alle ore 17.00 di venerdì 9 dicembre 2016. Dallo sciopero sono escluse le regioni Liguria e Toscana. Nelle giornate di sciopero Trenitalia assicura servizi minimi di trasporto predisposti a seguito di accordi con le Organizzazioni sindacali, ritenuti idonei dalla Commissione di Garanzia per l'attuazione della Legge 146/1990.Sono garantiti, inoltre, alcuni treni a lunga percorrenza, nei giorni feriali e nei festivi.I treni che si trovano in viaggio a sciopero iniziato arrivano comunque alla destinazione finale se è raggiungibile entro un'ora dall'inizio dell'agitazione sindacale; trascorso tale periodo, i treni possono fermarsi in stazioni precedenti la destinazione finale.Oltre alle prestazioni indispensabili, Trenitalia può garantire ulteriori servizi integrativi che vengono opportunamente resi noti attraverso avvisi nelle stazioni ferroviarie, gli organi d'informazione e su questo sito. Questo sciopero non sarà l'ultimo che interesserà il settore ferroviario italiano. Infatti nuovi disagi sono previsti nelle date 10, 11 e 15 di dicembre.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 nov 2016

Da Reggio Calabria a Roma in 4 ore e 47

di Roberto Lentini

Da domenica 11 dicembre 2016 sarà possibile raggiungere Roma da Reggio Calabria in sole 4h e 47m  grazie al nuovo collegamento ferroviario “Frecciargento” 9372 che partirà da Reggio Calabria Centrale alle 6.48,  per arrivare alla stazione Termini alle 11.35. Al ritorno il treno partirà da Roma alle 17.30 ed arriverà a Reggio Calabria alle 22.13. Il prezzo base per la tratta è di 84,00 euro. Il treno fermerà anche a Villa San Giovanni, Lamezia Terme Centrale, Paola e Salerno. La riduzione dei tempi di percorrenza sarà possibile saltando la fermata intermedia di Napoli Centrale e il relativo attraversamento dell'affollato nodo urbano, e il conseguente cambio di banco nella stazione di testa. Con la prossima apertura della stazione ferroviaria di Napoli Afragola, che sarà la stazione di riferimento di Napoli per l’Alta Velocità in luogo di Napoli Centrale, i tempi di percorrenza della tratta Reggio Calabria-Roma verranno ulteriormente ridotti. Intanto è notizia di questi giorni che la Bluferries, che gestisce i collegamenti con gli aliscafi da Villa S. Giovanni a Messina, posticiperà la partenza del primo aliscafo dalle 6.15 alle 6.25, mentre si sta lavorando per istituire un nuovo collegamento notturno veloce che parte alle 22,10 da Villa S. Giovanni per Messina in coincidenza con il Frecciargento. Purtroppo non esistono al momento coincidenze con i treni provenienti da Catania e Palermo, visto che il primo treno utile in partenza da Catania per Messina arriva alle 7:05 mentre il primo treno proveniente da Palermo arriva a Messina alle 8:10  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 mag 2016

11° Congresso Mondiale sulla ricerca ferroviaria a Milano fino al 2 giugno 2016

di Roberto Lentini

Si sta svolgendo, presso il Centro Congressi Stella Polare di Fiera Milano, il World Congress on Railway Research WCRR 2016, il più importante evento mondiale sulla ricerca ferroviaria. L’undicesima edizione, dal titolo Research and Innovation from Today Towards 2050, è organizzata dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane con Trenitalia e si svolgerà dal 29 maggio al 2 giugno 2016. Nel corso del congresso, alcune tra le maggiori imprese di trasporto ferroviario nazionali e internazionali e gestori dell’infrastruttura, istituti di ricerca scientifica, università ed industrie avranno modo di promuovere ed esporre i progetti più innovativi sullo sviluppo del settore. Lo scopo del WCRR è promuovere la ricerca ferroviaria, l’innovazione e lo sviluppo tecnologico, dando impulso alla cooperazione e condivisione a livello mondiale del patrimonio di conoscenze maturate nei vari rami del settore (materiale rotabile, infrastrutture, tecnologie, logistica, sostenibilità ambientale, aspetti commerciali del servizio di trasporto). Saranno 936 gli abstract scientifici presentati a questa undicesima edizione, riguardanti progetti e risultati dei programmi di ricerca e di innovazione di processo sviluppati in ambito ferroviario da imprese, gestori dell’infrastruttura, università e aziende da tutto il mondo, con una sensibile crescita rispetto all’edizione di maggior successo del congresso organizzata dalle Ferrovie francesi a Lille nel 2011. Ricercatori e addetti ai lavori arriveranno da tutto il mondo per partecipare alla presentazione dei risultati provenienti da ben 38 Paesi diversi, tra cui spiccano per numero di proposte presentate Italia, Giappone, Francia, Cina e Regno Unito. Oltre alle sessioni del Congresso sono previste visite tecniche ad impianti di eccellenza del Gruppo FS e di aziende dell’industria ferroviaria. All'interno di WCRR è previsto un evento che permetterà di diventare "Railway Talent Ambassador", ovvero professionisti, accademici ed “entusiasti” del settore ferroviario, di qualunque età, appassionati di promuovere a vari tipi di pubblico la carriera ferroviaria, la ricerca, l'istruzione e la formazione. Per potersi iscrivere è sufficiente accedere al sito web dedicato al congresso ed utilizzare il codice: UNIV2_WCRR. Per maggiori informazioni e per registrarsi a WCRR 2016 è possibile visitare il sito internet  www.wcrr2016.org

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 apr 2016

Torino: quasi pronta la spina centrale

di Alessandro Graziano

Si è svolto ieri 19 Aprile, la visita del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio al cantiere del passante ferroviario di Torino sotto la guida del Sindaco Piero Fassino e dell’Assessore ai trasporti Lubatti. In particolare il tratto da Corso Vittorio Emanuele a piazza Baldissera compreso il nuovo ponte sulla Dora lungo l'asse di Corso Principe Oddone, verrà consegnato nelle prossime settimane, al massimo entro Maggio 2016. Il ponte potrebbe già essere pronto per inizio Maggio invece. Il tratto tra piazza Generale Baldissera e il raccordo e la sistemazione di corso Vigevano faranno invece parte di un nuovo lotto. Questo  verrà completato grazie alle risorse reperite attraverso il ribasso delle gare precedenti di  circa otto milioni di euro , a cui si aggiungeranno altri nove milioni di euro messi a disposizione dal Comune. . "È un’opera importante, strategica per la viabilità e la mobilità della città, con cui avremo l'asse di attraversamento più interno della città e ricuciremo due parti di Torino divise da sempre dal passaggio della ferrovia", così ha esordito il Sindaco. Con la consegna di questi quattro lotti verrà restituito alla città un ampio viale alberato con carreggiate centrali e laterali, piste ciclabili e il nuovo sottopasso stradale di piazza Statuto ( a detta di molti conosciuta come la silenziosa) .   Un cantiere ha creato negli anni  non pochi disagi ma grazie al quale la città post industriale ha cambiato volto riconnettendo le sue parti e creando una nuova spina urbana. Novità annunciate anche sulla metropolitana Val. Sarà infatti un piano straordinario del Governo a finanziare il progetto della linea 2 della metropolitana. E’ quanto emerso questa mattina nel corso di una visita del ministro dei Trasporti . Si è parlato del prolungamento  della linea 1della metropolitana fino a Cascina Vica ( e si spera la prossima apertura delle stazioni Italia 61 e Bengasi)  e il futuro progetto e della linea 2 ( collegamento nord-sud). Ma Delrio si è detto "molto ottimista" sul superamento degli ostacoli burocratici. "Il governo ha predisposto un piano di sviluppo, inserito nel Def (documento economico finanziario), che prevede un piano nazionale di potenziamento della rete tranviaria e delle metropolitane, di cui Torino fa parte." Il sindaco Piero Fassino, invece, ha annunciato che il 9 maggio si concluderà il bando di gara per la progettazione della linea 2 della metropolitana torinese. Dopodiché ci vorrà circa un anno per la progettazione esecutiva, nella seconda metà del 2017 si conta di aprire il primo cantiere del primo lotto. Oltre i soliti proclami,  si spera vedremo presto progetti e cantieri tangibili.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 apr 2016

Il treno del futuro è…invisibile!

di Andrea Baio

Spesso la realtà supera la fiction, ed è proprio questo che sta cercando di fare il Giappone - paese all'avanguardia in termini di tecnologia ferroviaria - che già possiede il primato dell'alta velocità con lo Shinkansen: 433 km/h di velocità massima, solo recentemente superati dal TGV francese (che ha abbattuto il muro dei 500 km/h). Questa volta però non si parla di velocità, ma bensì di...invisibilità. Sembra infatti che l'architetto giapponese Kazuyo Sejima abbia ricevuto l'incarico di realizzare il progetto, che potrebbe dar vita a questo treno fantascientifico già nel 2018. L'obiettivo? Realizzare un convoglio che, attraverso un sistema di pannelli semi-trasparenti e specchiati, sia a tutti gli effetti mimetizzato con l'ambiente circostante. Il progetto dovrebbe creare una tecnologia applicabile ai convogli già esistenti, ma per il momento tutto resta top secret. Nel frattempo, non resta che chiedersi: ma a livello di sicurezza, sarà proprio il massimo un treno invisibile?

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
23 mar 2016

Torino: il futuro nella mobilità sostenibile

di Alessandro Graziano

articolo di Alberto Garbin Durante il convegno “Il futuro della mobilità sostenibile” tenutosi nell’Aula Magna del Politecnico di Torino lo scorso 18 Marzo, a cui erano presenti molti rappresentanti istituzionali tra cui il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, il Sindaco di Torino Piero Fassino e l’assessore ai trasporti Claudio Lubatti, è stato presentato il nuovo servizio di car sharing elettrico BlueTorino, dal Gruppo Bollorè, azienda leader del settore dei trasporti e della logistica (all’estero è un servizio già attivo da alcuni anni in città europee ed americane tra cui Parigi, Lione, Bordeaux e Indianapolis). L’intenzione dell’azienda e della Città di Torino è di mettere a disposizione dei cittadini inizialmente 23 auto elettriche e 5 colonnine di ricarica, che diventeranno entro la fine dell’anno rispettivamente 150 auto e 250 colonnine. Nei piani dell’azienda entro il 2017 si avranno 400 vetture e 700 colonnine che copriranno una grande parte del territorio comunale. Le auto che verranno utilizzate per il servizio (che partirà a marzo 2016) hanno una autonomia di 250 km, più che sufficienti per coprire gli spostamenti all’interno della città e potranno essere ricaricate nelle apposite stazioni gestite da BlueTorino, inoltre, le auto potranno essere guidate anche dai neopatentati. Il costo dell’abbonamento è pari a 5,50€ al mese con una tassa di registrazione di 10€ più il costo opzionale per la prenotazione dei parcheggi, il tutto comodamente gestito tramite app per smartphone.   Il cuore di queste vetture, assemblate nello stabilimento di Bairo, nel Canavese, risiede nelle nuove batterie LMP (litio metal polimer) che consentono una capacità energetica di 30kw/ora e quindi una maggiore autonomia e che potranno, alla fine del loro ciclo vitale, essere riciclate. Il sindaco di Torino pensa che il car sharing elettrico potrà rafforzare il sistema della mobilità della città contribuendo quindi agli obbiettivi che da sempre contraddistinguono il suo operato, ovvero incrementare l’offerta di mezzi alternativi all’auto privata. Mentre per l’assessore all’ambiente Enzo Lavolta, questo progetto punta a ridurre l’impatto ambientale della mobilità privata e rappresenta un contributo importante anche per l’economia visto che la produzione è locale. Il ministro Delrio, durante la conferenza, ha ricordato gli investimenti per il trasporto pubblico che sono stati messi in campo negli ultimi anni e che continueranno in futuro, ma che il raggiungimento degli obiettivi di riduzione del traffico veicolare  e dell’inquinamento devono passare anche attraverso nuove abitudini delle persone nella vita di tutti i giorni in relazione ad un cambiamento culturale e nuove forme di mobilità sostenibile.

Leggi tutto    Commenti 0