Articolo
07 dic 2017

Air Malta festeggia il nuovo volo Comiso-Malta con 50 posti gratuiti

di Roberto Lentini

Domenica 17 dicembre partirà il primo volo di Air Malta dall'Aeroporto di Comiso, Ragusa e per festeggiare l'evento la compagnia maltese regala 50 posti a tutti i siciliani che vogliono visitare Malta. Air Malta offre  infatti la possibilità di visitare la Sicilia e di tornare, sempre con Air Malta, su un altro volo da Comiso o da Catania in qualsiasi giorno in base alla disponibilità.  Ai primi followers che invieranno un messaggio privato alla pagina Facebook  della compagnia entro Domenica 10 Dicembre indicando le preferenze di volo e il numero di posti richiesti, avranno automaticamente diritto ai posti (massimo 4 per famiglia / gruppo).  Per il primo volo da e per Comiso ci sarà un fotografo che catturerà tutti i bei momenti della manifestazione. Ti potrebbe interessare: AEROPORTO DI COMISO, presentato oggi il nuovo volo Air Malta al via dal 17 dicembre

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2017

Aeroporto di Pisa: celebrata la 5milionesima passeggera

di mobilita

Aveva appena terminato il check in per imbarcarsi sul volo in partenza per di Londra quando è stata avvicinata da 2 hostess. Passato lo stupore iniziale, Serena Ninci, personal trainer di Marina di Pietrasanta, è diventata l’inattesa protagonista del giorno all’aeroporto Galileo Galilei. Serena Ninci è infatti la 5 milionesima passeggera a transitare per l’Aeroporto di Pisa. Un evento celebrato dall’Amministratore Delegato di Toscana Aeroporti Gina Giani e dal Vicepresidente Roberto Naldi che hanno accolto la passeggera consegnandogli un voucher per un volo omaggio per due persone per una delle destinazioni servite con volo diretto dal Galileo Galilei. Un traguardo storico, raggiunto con qualche settimana d’anticipo rispetto agli obiettivi di piano, che conferma il costante trend di crescita dell’aeroporto di Pisa, uno scalo arrivato a connettere nella Summer 2017 82 destinazioni nel mondo con voli diretti e che, proprio ieri, ha annunciato una nuova rotta di S7 per San Pietroburgo per la prossima Summer 2018 ampliando così il ventaglio di destinazioni intercontinentali servite. Un risultato che si inserisce all’interno dei positivi risultati di traffico registrati nei primi 11 mesi dell’anno da Toscana Aeroporti – società che gestisce gli scali di Firenze e Pisa – che ha registrato una crescita del 5,5% rispetto allo stesso periodo del 2016 con oltre 7,4 milioni di passeggeri (7,43 milioni) transitati. L’aeroporto di Pisa ha registrato una crescita dei passeggeri del 5.3 %, per un totale di 4,936 milioni di passeggeri al 30 Novembre. Crescita praticamente analoga per l’aeroporto di Firenze 5.7%) che, nei primi 11mesi del 2017, ha trasportato 2,496 milioni di passeggeri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2017

Prima riunione al MIT per il riordino della disciplina dei servizi automobilistici interregionali

di mobilita

Oggi si è tenuta la prima riunione del tavolo di lavoro definito dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con quello dello Sviluppo Economico, per individuare i principi e i criteri per il riordino della disciplina dei servizi automobilistici interregionali di competenza statale, come previsto dal Decreto Legge del 20 giugno 2017. Al tavolo di lavoro hanno partecipato i rappresentanti del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero dello Sviluppo Economico, delle associazioni di categoria maggiormente rappresentative, del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti, e dei maggiori operatori privati del territorio "Siamo lieti di poterci confrontare attivamente con le associazioni di categoria - ha affermato Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia - e con le altre aziende del Paese sul presente e sul futuro di un settore in costante evoluzione, e auspichiamo, come tutti gli altri partecipanti, che l'esito del tavolo sia coerente con l'esigenza di un nuovo quadro normativo in grado di rispondere, in modo organico e strutturato, alle trasformazioni di questi ultimi anni. Le aziende presenti e le associazioni di categoria hanno riconosciuto che questo tavolo è la sede definita dalle istituzioni per decidere norme certe e per fare interventi strutturali, dunque senza più bisogno di affrontare singoli emendamenti anticoncorrenziali come già avvenuto in passato in parlamento. Il MIT è garante che sia finalmente questo, e non altro, il modo per riscrivere le regole"

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2017

ROMA | Parte il Piano Natale, potenziati metro e bus

di mobilita

Scatta da venerdì 8 dicembre il Piano Natale del trasporto pubblico predisposto dall'amministrazione capitolina. Rafforzamento delle linee di trasporto pubblico nei fine settimana dall’8 al 24 dicembre, attivazione di una navetta dello Shopping, una linea circolare a servizio delle vie del Centro Storico, potenziamento delle Linee metropolitane A e B-B1 e orari più stringenti nei giorni festivi per le Ztl Centro Storico e Ztl Tridente. “Il Piano di Natale prevede importanti novità sulla rete del Trasporto pubblico, utili a intensificare l’offerta e migliorare l’accessibilità nelle aree centrali: in questo senso sarà possibile raggiungere le vie dello shopping con una navetta a servizio del Centro Storico, una linea circolare che collegherà parcheggi, fermate Metro, capolinea e nodi TPL. Così come è previsto il potenziamento di alcune linee bus e delle metro durante i giorni di festa”, ha dichiarato l’assessora alla Città in Movimento, Linda Meleo. Questi i principali interventi, messi in atto dall’Amministrazione, per favorire l’utilizzo del trasporto pubblico e migliorare l’offerta nel periodo delle festività natalizie: Linee Bus. Previsto piano d’intensificazione delle linee TPL nei fine settimana dall’8 al 24 dicembre (dalle 10.30 alle 20.30). Rafforzato soprattutto il trasporto verso il Centro Storico. Come la 46, Stazione Monte Mario-Piazza Venezia, 85 Stazione Termini-Arco di Travertino; 170 Piazzale Agricoltura-Termini; 492 Stazione Tiburtina-Cipro; 301 Piazza Augusto Imperatore-Via di Grottarossa (l’elenco completo delle linee è consultabile sul sito Atac e la piattaforma di Agenzia per la Mobilità) Navetta Shopping. Per agevolare gli spostamenti all’interno del Centro Storico sarà attiva nei giorni 8,9,10,16,17,23,24 dicembre 2017 e il 6 gennaio 2018 dalle 10.30 alle 19.30, una linea circolare che consentirà il raggiungimento delle principali vie dello shopping, creando un collegamento diretto con importanti nodi di scambio, come le Metro e i capolinea del TPL. La navetta parte e termina la sua corsa a Piazzale delle Canestre, passando per via Del Corso, Largo Arenula, Corso Vittorio Emanuele II, Piazza Venezia, via Del Tritone, via Vittorio Veneto (l’elenco completo delle linee è consultabile sul sito Atac e la piattaforma di Agenzia per la Mobilità). Metro. Previsto anche il potenziamento delle linee metropolitane A e B-B1, nei giorni 8,10,17 e 24 dicembre 2017, attraverso l’utilizzo di ulteriori 8 treni e 32 corse aggiuntive, rispetto al servizio normale. ZTL. Nei giorni festivi l’8, 10, 17 e 24 dicembre  2017 e il 6 gennaio 2018 la Ztl del Centro Storico (diurna) e la Ztl A1 (Tridente) saranno attive dalle ore 14 alle 18. A eccezione di queste giornate (8, 10, 17 e 24 dicembre  2017 e il 6 gennaio) la ZTL Centro Storico (diurna e notturna) e la Ztl A1 (Tridente) resteranno attive nei seguenti orari: ZTL Centro Storico (diurna) attiva dal lunedì al venerdì (escluso i festivi), dalle ore 6.30 alle 18; ZTL Centro Storico (diurna) attiva il sabato (esclusi i festivi) dalle ore 14 alle 18 ZTL Centro Storico (notturna) attiva il venerdì e il sabato dalle ore 23 alle ore 03.00 ZTL A1 (Tridente) attiva dal lunedì al venerdì (esclusi i festivi) dalle ore 6.30 alle ore 19 ZTL A1 (Tridente) attiva il sabato (esclusi i festivi) dalle ore 10 alle ore 19

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2017

BOLOGNA | Lunedi gli “Stati generali del trasporto pubblico per la mobilità quotidiana”

di mobilita

Lunedì 11 dicembre, dalle 15 alle 18, nella Cappella Farnese di Palazzo d'Accursio (piazza Maggiore, 6), si svolgerà, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, l'incontro pubblico promosso all'interno di “Connettere l’Italia”, il nuovo piano strategico per la mobilità del Paese.   La giornata di confronto è dedicata a presentare e discutere le misure promosse dal Ministero per la creazione di un sistema di trasporti integrato, sicuro e sostenibile, e favorirne l’utilizzo da parte dei protagonisti, siano essi amministratori pubblici, imprese, associazioni e cittadini, e per chiarire le modalità attuative e i nodi ancora da affrontare. Partecipano, insieme al Ministro Graziano Delrio, esperti della nuova Struttura tecnica di missione del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e attori del mondo delle imprese e della mobilità. L'iniziativa è suddivisa in tre sessioni. La prima, “I bisogni di una nuova mobilità sostenibile”, vedrà impegnati Virginio Merola, Sindaco di Bologna e della Città metropolitana di Bologna, Antonio Decaro, Sindaco di Bari e Presidente Associazione Nazionale Comuni Italiani e Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna e Presidente della Conferenza delle Regioni. La seconda sessione, “Le azioni e le prospettive”, vedrà a confronto Ennio Cascetta, Amministratore Unico di RAM S.p.a. e Università di Napoli Federico II, Stefano Zunarelli, esperto della Struttura tecnica di missione del MIT e Università di Bologna, Andrea Boitani, esperto della Struttura tecnica di missione del MIT e Università Cattolica di Milano e Giuseppe Catalano, coordinatore della Struttura tecnica di missione del MIT e Università Sapienza di Roma. Alla terza sessione, “La mobilità urbana per la crescita del Paese”, parteciperanno Andrea Bianchi, Direttore area politiche industriali Confindustria, Vincenzo Colla, Segretario confederale CGIL, Mons. Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Graziano Delrio, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2017

AEROPORTO BOLOGNA | A novembre superati i 7,5 milioni di passeggeri annui

di mobilita

Un altro mese di crescita per l’Aeroporto Marconi di Bologna. A novembre i passeggeri sono stati 582.629, con un incremento del 5,4% sullo stesso mese del 2016. Nel dettaglio, i passeggeri su voli internazionali sono stati 438.666, mentre quelli su voli nazionali sono stati 143.963. I movimenti aerei sono stati 4.907, con un valore sostanzialmente invariato (-0,3%) rispetto allo stesso mese del 2016, mentre le merci trasportate per via aerea hanno registrato un aumento del 2,2%, per un totale di 3.580 tonnellate. Le tre destinazioni preferite del mese sono state Catania, Madrid e Roma Fiumicino. Tra le altre mete più “volate” di novembre troviamo, nell’ordine: Parigi Charles de Gaulle, Francoforte, Palermo, Londra Heathrow, Barcellona, Londra Stansted e Monaco. Rispetto allo stesso mese del 2016, è notevole la crescita di Francoforte (+23,3%), Monaco (+19,2%), Istanbul (+11,2%) e Mosca (+10,8). Nel periodo gennaio-novembre il Marconi ha superato i 7,5 milioni di passeggeri, arrivando a quota 7.590.549, con un trend di crescita del +6,5% sullo stesso periodo del 2016. Nel primi undici mesi dell’anno i movimenti sono stati 62.161, con una crescita del 2,5%. Le merci totali sono aumentate del 13,8%, arrivando a 38.448 tonnellate trasportate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 dic 2017

AEROPORTI DI PUGLIA | Positivo il bilancio del traffico passeggeri del mese di novembre

di mobilita

Nel mese di novembre, che ha segnato l'inizio della programmazione invernale, è tornato a crescere il numero dei passeggeri in arrivo e partenza dall'aeroporto di Brindisi. Nello scorso mese, infatti, l'Aeroporto del Salento ha registrato 149.662 passeggeri, il +4% rispetto ai 143.881 dello stesso mese 2016. L'incremento percentuale maggiore, +8,8%, è stato registrato per i passeggeri di linea internazionale passati dai 18.479 di novembre 2016 ai 20.114 del mese scorso. Bene anche la linea nazionale con 129.327passeggeri, il +3,4% rispetto ai 125.092 del 2016. Nello stesso periodo sul Karol Wojtyla di Bari i passeggeri in arrivo e partenza sono passati dai 315.769 del 2016 ai 340.254 del mese appena concluso, con un incremento del +7,7%. Di questi 228.282 sono stati i passeggeri di linea nazionale, il +1,3% rispetto ai 225.337 di novembre 2016; incremento percentuale a doppia cifra, +22,9%, per la linea internazionale i cui passeggeri nel mese scorso sono stati 108.855 contro gli 88.597 di novembre 2016. A completare il quadro di riferimento i 2.810 passeggeri di voli charter, in crescita dell'82,9% rispetto allo scorso anno. Ugualmente positivo, quindi, anche il dato aggregato dei due aeroporti sui quali il traffico passeggeri è cresciuto complessivamente del +6,6%, per via del maggior numero di passeggeri 2017 (489.916) rispetto a quelli del 2016 (459.650). Bene la linea internazionale, +20,4%, i cui passeggeri nello scorso mese sono stati 128.969 contro i 107.076 del 2016. Incremento del +2% anche per la linea nazionale i cui passeggeri sono stati 357.609. Su base annua il consuntivo per i due aeroporti si è attestato a 6.494.211 passeggeri, il +5,5% rispetto allo stesso periodo 2016 quando l'asticella si era fermata a 6.157.867 unità. Nel 2017 i passeggeri di linea sono stati 6.358.740, il +5,2% rispetto ai 6.043.719 dell'anno scorso. Al lieve incremento,+0,9%, dei passeggeri di linea nazionale (4.219.430 nel 2016 contro i 4.257.467 di quest'anno), corrisponde invece il +15,2% registrato dalla linea internazionale con 2.101.273 passeggeri contro 1.824.289 del 2016, e il +19,6% per i passeggeri di voli charter, passati dai 107.206 del 2016 ai 128.190 del periodo gennaio – novembre 2017. L'esame del dato ripartito tra i due aeroporti ha evidenziato una lieve flessione, lo 0,4%, per i passeggeri in arrivo e partenza dall'Aeroporto del Salento che sono stati 2.164.420 contro i 2.172.870 dei primi undici mesi 2016. Si tratta di un risultato in linea con il trend sin qui registrato, con traffico in crescita sulla linea internazionale, +5,9%, cui corrisponde il -1,6% della linea nazionale. Va evidenziato, tuttavia, come il totale del traffico di linea 2016 (2.127.517 passeggeri) corrisponda esattamente al totale del 2017 (2.127.991 passeggeri). A spostare l'ago della bilancia i 9.326 passeggeri in meno registrati dal traffico charter (-21,9%). Il consuntivo al 30 novembre del Karol Wojtyla di Bari si è chiuso con 4.329.791 passeggeri, tra arrivi e partenze, il +8,6% rispetto ai 3.984.997 dell'analogo periodo 2016. I passeggeri di linea nazionale del 2017 sono stati 2.605.830, il +2,6% rispetto al totale 2016, e 1.624.919 quelli di linea internazionale, ossia il +18,2% rispetto a 1.374.683 di gennaio–novembre 2016. Più marcato, +46,9%, l'incremento percentuale per il traffico charter i cui passeggeri sono passati dai 64.640 del 2016 ai 94.950 di quest'anno.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 dic 2017

Bologna Centrale: dal 10 dicembre i treni AV da e per il Veneto fermano nella stazione sotterranea

di mobilita

Da domenica 10 dicembre, i treni alta velocità diretti e provenienti da Venezia e Padova fermeranno nella stazione sotterranea AV di Bologna Centrale, invece che in quella di superficie. La stazione sotterranea AV è raggiungibile seguendo i percorsi segnalati. La novità sarà possibile grazie all’attivazione della bretella di connessione tra la stazione AV di Bologna e la linea Bologna-Venezia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 dic 2017

Aeroporto Fellini | Novembre 2017 con oltre 8,5 mila passeggeri ma in calo rispetto al 2016

di mobilita

AIRiminum 2014 S.p.A., società di gestione dell’Aeroporto Internazionale di Rimini e San Marino “Federico Fellini”, comunica che nel mese di novembre 2017, con riferimento all’aviazione commerciale, si è registrato un numero di passeggeri pari a 8.557 (-2,5% rispetto al 2016, a seguito della cancellazione di 9 voli per il fallimento della compagnia Vim Avia. Il volume atteso di passeggeri era pari a circa 1.500 ulteriori unità). I passeggeri transitati presso l’aeroporto nei primi 11 mesi del 2017 sono quindi stati 293.068, facendo registrare una crescita del 28,4% rispetto allo stesso periodo del 2016. L’aviazione generale, invece, ha registrato nel mese di novembre 56 movimenti (-42,9% rispetto all’anno precedente) e 92 passeggeri(-38,3% rispetto all’anno precedente). Il dato da inizio anno invece è stato di 1.990 movimenti (+12,7% rispetto al 2016) e 3.894 passeggeri (+37,3% rispetto al 2016). Nel mese di novembre 2017: il numero dei dipendenti – con contratto di lavoro subordinato – del Gruppo AIRiminum è stato pari a 62 unità; il numero dei consulenti interni – che prestano la loro attività su base giornaliera continuativa – che hanno erogato servizi a favore di AIRiminum è stato pari a 10 unità; sono stati esternalizzati servizi a cooperative esterne locali per carico e scarico bagagli, attività di handling varie e pulizia del terminal per un volume pari a circa 550 ore; il fatturato complessivo a livello consolidato del Gruppo AIRiminum è stato pari a EUR 253.010 (circa EUR 29,6 a passeggero), con un aumento del 6,2% rispetto allo stesso periodo del 2016. Nei primi undici mesi del 2017: i passeggeri complessivi (considerando aviazione commerciale e aviazione generale) sono pari a 296.962 unità; Il fatturato complessivo a livello consolidato del Gruppo AIRiminum è stato pari a 8.754.085 (circa EUR 29,5 a passeggero), con un aumento del 82,0% rispetto allo stesso periodo del 2016. Gli investimenti commerciali per la promozione dei voli presso l’Aeroporto “Fellini” sono stati pari a EUR 819.754 (circa EUR 2,8 a passeggero, sotto forma di sconti e altre promozioni alle compagnie aeree) che corrispondono a circa il 9,4% del fatturato complessivo del Gruppo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 dic 2017

BOLZANO | Collegamento Malles-Bormio, si pensa alla ferrovia

di mobilita

"Se un collegamento tra Malles e Bormio sarà realizzato, si tratterà di un collegamento ferroviario". Lo ha affermato l’assessore provinciale all’ambiente Richard Theiner davanti al pubblico intervenuto ieri sera (4 dicembre) alla Casa della cultura di Malles alla presentazione di uno studio di pre-fattibilità per l’allacciamento permanente fra l’alta Valtellina e la val Venosta transitabile tutto l’anno. Il collegamento permanente è uno dei punti contenuti nel protocollo d’intesa per la valorizzazione di passo Stelvio, siglato nel luglio 2015 fra Regione Lombardia e Provincia di Bolzano. Erano presenti tutti i sindaci dell’Alta val Venosta, Ugo Parolo, sottosegretario alla presidenza di Regione Lombardia con delega alle politiche per la montagna, il direttore di dipartimento Florian Zerzer, il direttore di Strutture trasporto Alto Adige (STA), Joachim Dejaco, e il vicedirettore d’esercizio della ferrovia della Venosta, Michael Prader. La necessità di puntare sulla mobilità sostenibile a fronte dei cambiamenti climatici è stata sostenuta dall’assessore Theiner citando quale esempio la ferrovia della Venosta, per la cui rimessa in servizio si è schierato fin dall’inizio con convinzione. "La ferrovia della Venosta è diventata un modello di successo, in grado di catalizzare ogni anno circa un milione e mezzo di passeggeri - ha sottolineato Theiner - una struttura che dovrà essere sviluppata ulteriormente, sia per mezzo della sua elettrificazione, che con l’introduzione del cadenzamento ogni mezz’ora e con un ulteriore collegamento". Lo studio presentato è stato predisposto da Infrastrutture Lombarde, società partecipata dalla Regione Lombardia, che coordina la realizzazione di nuovi progetti infrastrutturali. Per l’assessore Theiner la presentazione pubblica dei vari scenari "è importante al fine di garantire la maggior trasparenza possibile informando la popolazione residente su quello che potrebbe essere un progetto di portata rilevante dal punto di vista ecologico, sociale, economico e finanziario, sui quali è importante sia informata direttamente in loco, invece che venirne a conoscenza da Bolzano o da Milano". La discussione può inoltre essere da stimolo per ulteriori riflessioni in merito ai collegamenti futuri. Le alternative per strada e rotaia I funzionari di Infrastrutture Lombarde e il direttore di STA, Joachim Dejaco, hanno illustrato lo studio spiegando che nell’ambito di questa analisi di pre-fattibilità sono stati inquadrati gli obiettivi e gli scenari ed è stato stilato uno studio sintetico del traffico attuale andando a prospettare gli sviluppi della mobilità futura. Sono stati analizzati il quadro geologico, geomorfologico, idrologico e sismico nonché il quadro ambientale con i vincoli ambientali. Per la soluzione stradale sono state individuate 7 alternative di tracciato con tempi realizzativi che variano dai 6 ai 10 anni, mentre per quella ferroviaria le alternative prospettate sono 6, con tempi di realizzazione stimati dai 7 ai 10 anni. Le alternative stradali prevedono la realizzazione di tracciati di lunghezza compresa fra i 14 km (collegamento fra Bormio e Santa Maria in Svizzera) e i 29 km (da Bormio sud verso Stelvio), e si renderebbe necessaria la costruzione di una galleria di compresa fra i 9 e i 17 km. I costi di investimento si aggirerebbero fra 0,85 e 1,3 miliardi di euro, con costi di gestione e manutenzione annuali di circa 4,24 milioni di euro. Le alternative ferroviarie variano fra i 31 e i 35 km. con soluzioni in galleria che variano tra i 18 e i 33 km. I costi di costruzione si aggirerebbero tra 1,1 e 1,3 miliardi di euro, per gestione e manutenzione la spesa annuale sarebbe di circa 5,78 milioni di euro. I tempi di percorrenza potrebbero variare dai 25 ai 30 minuti, e le soluzioni minimali prevedrebbero due sole stazioni, una a Bormio e una a Malles, mentre le altre anche a Müstair e Tubre in Val Monastero. "Il collegamento ferroviario Scuol-Malles  attraverso la Svizzera resta comunque d’interesse", ha affermato l’assessore Theiner. Come ha fatto presente Dejaco, il coinvolgimento degli svizzeri sarebbe importante per il quadro complessivo degli scenari futuri di collegamento. Ulteriori approfondimenti Servono ora approfondimenti e ulteriori chiarimenti con i vari interlocutori politici e tecnici. Tra i passi futuri, si dovrà valutare se realizzare una stazione intermodale per il caricamento delle auto con passeggeri a bordo sui treni ed eventualmente individuare l’areale per le necessarie infrastrutture. Inoltre, si dovrà pensare se sarà riservato al trasporto di persone o esteso alle merci. Su questi aspetti sono emerse molte perplessità fra i presenti; il timore espresso è che possa incrementare il traffico su strada. E proprio l’aspetto dei futuri scenari di traffico dovrà essere ulteriormente approfondito se si deciderà di costruire il collegamento ferroviario fra Bormio e Malles. Questa sera (5 dicembre) l’assessore Theiner sarà a Bormio dove parteciperà alla presentazione pubblica dello studio di pre-fattibilità per il collegamento fra la Valtellina e la val Venosta.

Leggi tutto    Commenti 0