Articolo
16 nov 2018

MESSINA | Apertura al dialogo per l’istituzione dell’isola pedonale di via dei Mille

di mobilita

L’Amministrazione comunale è perfettamente consapevole che la pedonalizzazione di aree e vie del centro corrisponde ad un diffuso interesse dei cittadini che manifestano, ormai in modo evidente, il desiderio di riappropriarsi anche fisicamente di luoghi cittadini. Indubbiamente una tale richiesta, laddove la stessa si è diffusa portando alla parziale sottrazione di strade al traffico veicolare ed esclusivo asservimento al transito pedonale, deriva anche dalla incapacità degli amministratori di sviluppare il contesto cittadino mantenendo le aree verdi preesistenti o prevedendone di nuove, sicché, per quanto possa sembrare strano, si assiste ormai ad un fenomeno contraddittorio, per cui si abbandonano i parchi e si chiudono le strade per fare sulle stesse quello che, una volta, si faceva nelle ville comunali e nelle aree verdi. Partendo dalla superiore riflessione, che sembra essere di immediata rilevanza per chiunque si approcci alla questione senza pregiudizio, risulta errato e fuorviante affermare che l’Amministrazione avrebbe negato il consenso alla realizzazione della isola pedonale in via dei Mille per una preclusione ideologica o politica. La motivazione letta nelle numerose dichiarazioni rilasciate in queste poche ore tradisce un atteggiamento di pregiudizio da parte di chi le ha manifestate. Giova allora ricordare che la interdizione delle strade al traffico veicolare, ovvero la realizzazione delle c.d. isole pedonali, altro non è che uno strumento di pianificazione territoriale che, in quanto tale, deve essere inserito all’interno del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) che questo Comune è ben lungi dall’avere predisposto. Si precisa che la carenza dell’attività di pianificazione pone il Comune di Messina in una condizione di difetto anche nei confronti dell’assessorato Regionale Territorio e Ambiente, dove proprio in questi giorni, vengono elaborate le linee guida condivise dalle città metropolitane siciliane, cui si aggiunge la città di Siracusa, per la disincentivazione del ricorso al mezzo di trasporto privato, nel corso di incontri ove la mancanza del PUMS viene rimarcata per il colpevole ritardo con il quale il Comune di Messina si è finora approcciato a tali argomenti. Difatti, si rammenta che chiudere una strada per 30 giorni, sottraendola al traffico veicolare proprio nel periodo di maggior afflusso, sottraendo altresì gli stalli alla sosta (con conseguente perdita anche economica), ha comportato sempre problemi di congestione del traffico, con innalzamento anche dei livelli di inquinamento ambientale. Se anche tutto ciò non bastasse a motivare la scelta dell’amministrazione, comunicata con nota a firma congiunta degli assessori Dafne Musolino e Giuseppe Scattareggia prot. n. 308941 del 15/11/2018, si rammenta ancora che la pedonalizzazione della via dei Mille è stata cassata anche dai giudizi amministrativi che hanno affermato che i provvedimenti limitativi della circolazione stradale devono necessariamente armonizzarsi con il Piano urbano del traffico, da cui non possono prescindere. Le superiori premesse risultano fondamentali per sgombrare il campo da ogni residuo dubbio o polemica, che si respingono con fermezza ribadendo che non si è inteso compiere uno sgarbo istituzionale, ma affermare unicamente che la richiesta di chiusura di una via per un periodo di circa 30 giorni non costituisce espressione di una pianificazione territoriale ma solo l’esercizio di un potere discrezionale, peraltro già sanzionato dall’autorità giudiziaria e con ciò si ribadisce al contempo la piena disponibilità dell’Amministrazione sia all’adozione di provvedimenti di limitazione del traffico veicolare che verranno inseriti nel PUMS di prossima redazione, sia alla realizzazione di chiusure di breve durata che, riducendo i disagi per i cittadini, possono costituire un valido strumento di promozione del territorio. Tanto premesso, si prende atto che la comunicazione di questa mattina è stata giudicata come una espressione di chiusura e di oltranzistica preclusione al confronto e, a dimostrazione della capacità dell’Amministrazione di operare sempre una seconda (e se necessaria anche una terza) valutazione delle proprie posizioni, si attende di ricevere il programma delle attività che si intendono svolgere sulla via Dei Mille e che sarà discusso al tavolo tecnico che gli assessori Scattareggia e Musolino convocheranno a breve.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 nov 2018

VENEZIA | Al via da oggi la raccolta dei rifiuti porta a porta alla Giudecca

di mobilita

Dopo Dorsoduro, San Polo, Santa Croce, San Marco, Cannaregio e Castello, da giovedì 15 novembre partirà anche alla Giudecca la raccolta dei rifiuti porta a porta, con l’esclusione di Sacca Fisola e dell’area Junghans. “Quando si dà lo strumento giusto - commenta l'assessore all'Ambiente Massimiliano De Martin - i cittadini rispondono positivamente e in maniera partecipata, a vantaggio dell'intera città. Lo strumento, ovvero la volontà di raccogliere i rifiuti porta a porta, lo ha fortemente voluto il sindaco Luigi Brugnaro e, dalla sperimentazione avviata nel 2016 a Dorsoduro ad oggi, siamo arrivati a raggiungere tutti i sestieri della Città storica. Un percorso virtuoso che ci ha permesso, grazie alla collaborazione di tutti i cittadini di Venezia e al prezioso lavoro dei netturbini di Veritas, di raggiungere risultati decisamente importanti: le richieste di deratizzazione e la percentuale dei rifiuti abbandonati sono diminuite del 30% e il numero dei gabbiani è sceso addirittura del 60%. Non solo - continua l'assessore -, nei primi 9 mesi del 2018 la media della raccolta differenziata nel Centro storico, Murano e Burano è pari al 30%, con punte che arrivano al 33% dopo l’avvio lo scorso maggio della raccolta porta a porta anche a Castello. Siamo fiduciosi – sottolinea De Martin – che con l’avvio del nuovo sistema alla Giudecca la percentuale salirà ancora di più”. Il modello di raccolta sarà lo stesso avviato negli altri sestieri: "I cittadini – spiega il responsabile Veritas dei servizi ambientali, Federico Adolfo - potranno aspettare direttamente che il netturbino suoni il campanello di casa tra le 8.30 e le 12 circa e ritiri i sacchetti con il rifiuto residuo e la differenziata del giorno, oppure potranno conferirli nei punti di raccolta da lunedì a sabato, dalle 6.30 alle 8.30, secondo il seguente calendario predefinito: lunedì, mercoledì, venerdì cartone e Tetrapak; martedì, giovedì e sabato vetro, plastica, lattine e metalli; dal lunedì al sabato rifiuto residuo. Le barche di Veritas dove i cittadini della Giudecca (tranne Sacca fisola e l’area junghans, dove restano i cassonetti) potranno personalmente portare i rifiuti, stazioneranno, tra le 6.30 e le 8.30, in Fondamenta Convertite (vicino ponte Lagoscuro), Fondamenta Santa Eufemia (vicino ponte Piccolo), Fondamenta San Giacomo (vicino Campo San Giacomo), Fondamenta della Croce (sottoportico del Centro Civico) e alle Zitelle (Calle Michelangelo). Il primo giorno del nuovo sistema di raccolta – conclude Adolfo - saremo presenti alla Giudecca con vari operatori e degli ispettori ambientali per dare informazioni ai cittadini sulle corrette modalità di conferimento dei rifiuti. Dopo un periodo iniziale di tolleranza, scatteranno le multe per chi non rispetta le nuove regole. Sanzioni chee partiranno da 167 euro”. Il porta a porta alla Giudecca era stato annunciato lo scorso maggio: "Al tempo, quando venne avviato il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti a Castello, ci eravamo presi l'impegno che entro la fine dell'anno avremmo esteso il servizio a tutta la Città storica – conclude De Martin - Abbiamo mantenuto anche questa promessa. Ora il nostro obiettivo è di portare la raccolta porta a porta anche a Murano e Burano, e di continuare a lavorare per perfezionare il sistema, studiando soluzioni per poter garantire la raccolta differenziata anche in strada e per la gestione dei rifiuti nell'area del Porto”.   In questi giorni intanto la novità è stata illustrata, con un pieghevole in italiano e uno in inglese, alle 3.668 utenze (3.230 domestiche e 438 non domestiche) della Giudecca. Un secondo volantino, tradotto anche in tedesco, francese, spagnolo, russo, cinese e giapponese, è stato recapitato ai titolari di B&B attraverso l'associazione Abbav, che si è impegnata a metterlo a disposizione dei propri ospiti, ed è in corso l’invio a una mailing list di affittacamere e gestori di strutture turistiche in affitto. All'imponente campagna di comunicazione messa in atto da Veritas si aggiunge la nuova app “Scoasse” che, da quando è entrata in funzione lo scorso maggio, è stata scaricata già da migliaia utenti. L'applicazione, che propone due 'percorsi' differenziati, uno per i residenti (in italiano) e l'altro per gli ospiti (in inglese), consente, una volta geolocalizzata la posizione dell'utente, di visualizzare immediatamente sulla mappa della città la posizione e gli orari dei 59 punti di raccolta dei rifiuti, di quelli di distribuzione dei sacchetti di carta per la differenziata e per la raccolta dell'olio da cucina usato, dell’Ecocentro e dell’Ecomobile, delle fontane, dei bagni pubblici e dei punti di sosta turistici. Tra i servizi offerti anche il calcolo del percorso per raggiungere la meta desiderata, una guida alla differenziata per imparare a smaltire i rifiuti in modo corretto, una mappa dei punti di raccolta sestiere per sestiere e un'opzione “Notifiche” che ricorda i giorni e gli orari di conferimento di ogni tipologia di rifiuto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 nov 2018

ROMA | Aggiudicata la gara per l’albero di Natale in piazza Venezia

di mobilita

Un albero di Natale alto più di venti metri con 60.000 luci led e 500 sfere. Sponsor dell’operazione sarà Netflix. È stata aggiudicata a IGPDecaux la sponsorizzazione tecnica per la realizzazione del tradizionale albero di Natale in piazza Venezia in occasione delle festività 2018-2019. L’albero sarà posizionato nel passaggio tra le due aree verdi centrali della piazza. Sarà selezionato un abete naturale che sarà certificato e reperito in Italia. L’albero verrà decorato con 500 sfere di color argento e rosso; per illuminarlo l’allestimento prevede 60mila luci led a basso consumo energetico e con tonalità calde. L’albero di Natale sarà acceso per 24 ore al giorno. In una delle aiuole della piazza sarà anche allestita un’area nella quale cittadini e turisti potranno scattare foto con lo sfondo dell’albero e dell’Altare della Patria. I costi totali dell’allestimento ammontano a 376.100,00 euro, e saranno a carico dello sponsor. Il progetto è stato seguito da Kinetic. L’allestimento dell’albero inizierà i primi di dicembre. L’accensione avverrà come da tradizione l’8 dicembre.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 nov 2018

ROMA | Dal prossimo anno anche i residenti pagheranno il parcheggio sulle strisce blu

di mobilita

Dal prossimo anno, come riferisce "Il Messaggero", in ben 16 strade, anche i residenti dovranno pagare il parcheggio sulle strisce blu. Ecco le strade interessate: via Cola di Rienzo (da piazza Risorgimento a piazza Cola di Rienzo incluse); via Candia, viale Giulio Cesare (da via Leone IV a via Ottaviano); via Catania; viale delle Provincie (da piazza Bologna a piazzale delle Provincie incluse); via Appia Nuova (da piazzale Appio a piazza di Ponte Lungo inclusa); via Magna Grecia (da piazzale Appio a piazza Tuscolo inclusa); piazza Vittorio Emanuele; via dello Statuto; viale Trastevere (da piazza G.G. Belli a piazza Mastai escluse); viale Regina Margherita (da via Nomentana a via Salaria); viale Liegi, viale Parioli (da piazza Santiago del Cile a viale Liegi); viale Europa. "L’obiettivo - spiega Enrico Stèfano, presidente della Commissione Mobilità capitolina - è rendere più accessibili aree molto attrattive e garantire una maggiore rotazione nei parcheggi".  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 nov 2018

GENOVA | E’ attivo il servizio di messaggi istantanei per chiusura e riapertura di via 30 giugno

di mobilita

E' attivo il servizio di messaggi istantanei per chiusura e riapertura di via 30 giugno. Bisogna iscriversi al canale Telegram @ProtCivComuneGe (dopo aver scaricato la app, se non si è già utenti). Inoltre, la comunicazione relativa alla strada sarà integrata da due pannelli luminosi mobili a monte e a valle di ponte Morandi mentre i pannelli di messaggistica variabile daranno immediato avviso di chiusure.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 nov 2018

VENEZIA | Stanziati 300mila euro per il rifacimento e la manutenzione dei pontili

di mobilita

La Giunta comunale, riunitasi martedì a Ca' Collalto a Mestre, ha approvato il progetto definitivo relativo alla manutenzione diffusa, nel Centro storico di Venezia, di opere di microportualità destinate ad uso pubblico (servizi pubblici non di linea e assimilati, darsene diportisti, pontili traghetti gondole, pontili merci o Veritas). "Gli interventi, richiesti esplicitamente dal sindaco Luigi Brugnaro per un totale complessivo di 300mila euro, sono molteplici - commenta l'assessore ai Lavori pubblici Francesca Zaccariotto – e riguardano principalmente operazioni urgenti di manutenzione di sette manufatti. Si tratta, nello specifico, del pontile in rio san Francesco della Vigna, dove si sostituiranno travi e impalcato, così come accadrà al pontile in rio terà dei Biri–rio de la Panada, del pontile Veritas/merci nel sottoportico de l'Aquila Nera, che sarà completamente ristrutturato, del pontile per le Gondole da parada in campo San Samuele n. 18, che sarà allargato di due metri, così come accadrà al pontile Veritas/merci in calle del Tragheto de la Madoneta-campiello dei Meloni, del pontile galleggiante per persone diversamente abili in calle della Croce alla Giudecca, che sarà rifatto, e di quello riservato al pubblico fronte tempio votivo al Lido (ex taxi), al quale sarà eseguita una manutenzione e saranno sostituiti gli ormeggi. Si tratta di un'operazione che si inserisce in quel percorso di manutenzione continuativo e puntuale che il primo cittadino ha fortemente voluto - aggiunge  Zaccariotto - In questo caso, quindi, si punta a ridare sicurezza, funzionalità e decoro a importanti punti di approdo della microportualità cittadina. Non opere faraoniche, ma interventi che incidano direttamente sulla vita dei veneziani". La delibera prevede inoltre un ulteriore blocco di manutenzioni di parapetti e pali di protezione del Centro storico. Nello specifico si cambieranno i paraurti in calle dello Spezier (San Geremia) in Canal Grande, quelli all'incrocio in rio de Ca' Garzoni - rio S. Anzolo e quelli dei due pontili merci ai piedi del ponte di Rialto e di quello fronte calle degli Albanesi. Verranno inoltre sostituite le bricole ai lati del Ponte de l'Abazia in rio di Noale, il paraurti al pontile delle gondole presso Molo P 13, quello Veritas/merci in fondamenta del Traghetto a San Maurizio, quelli all'incrocio di rio di San Martino – rio di San Francesco della Vigna e quelli al pontile Veritas/merci in calle del Traghetto de la Madoneta.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 nov 2018

MESSINA | Interventi all’impianto di pubblica illuminazione a Galati Sant’Anna

di mobilita

Per consentire interventi di ammodernamento all’impianto di pubblica illuminazione a Galati Sant’Anna, sono state disposte limitazioni viarie. Pertanto giovedì 15, dalle ore 9 alle 13, nella S.P. 37 dal km 0.500 al km 0.800, sarà vietata la sosta su entrambi i lati, per singoli tratti d’intervento. Saranno inoltre istituiti il senso unico alternato e la chiusura al transito veicolare non continuativo nella fascia oraria 9-13.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 nov 2018

ROMA | Partiti i lavori sulla via Ostiense

di mobilita

Prosegue la manutenzione straordinaria della rete stradale della Grande Viabilità. Sono state individuate diverse strade che per prime, visto il grado di ammaloramento, saranno interessate dai lavori; tra queste si sta procedendo su Via Ostiense, nel tratto compreso tra Piazzale Ostiense e l’intersezione con Via Giulio Rocco. Questa strada, di fondamentale valenza strategica per la viabilità comunale, è interessata ogni giorno da un notevole flusso veicolare e soprattutto dalla presenza di veicoli pesanti. Per comprendere in che stato versava la strada, sono state eseguite dapprima delle indagini sia con carotaggi e sia con prove di carico. I risultati delle analisi hanno evidenziato la necessità di realizzare dei lavori per ripristinare il livello prestazionale della capacità portante. È quindi prevista una ricostruzione profonda ex novo del corpo stradale e contestualmente agli interventi di asfaltatura saranno pulite le caditoie, rimessi a quota i pozzetti, ed è previsto il rifacimento della segnaletica e di alcuni tratti di marciapiede.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 nov 2018

MILANO | Riaperta Via Fantoli dopo intervento di ripristino

di mobilita

Riaperta questa mattina, alle ore 6, via Fantoli, vicina al ponte sul Lambro in zona Mecenate, dopo che ieri pomeriggio c’era stato un cedimento sulla strada di accesso al ponte all’altezza della prima spalla. Dirigenti e tecnici del Comune sono immediatamente intervenuti sul posto e hanno effettuato lo scavo dell’area. Nella notte il foro è stato riempito con materiale cementizio e poi ricoperto con asfalto. Alle ore 6 di stamane la strada e il ponte sono stati riaperti alla viabilità. Resta interdetta al passaggio solo un’area sul lato nord che sarà sottoposta a manutenzione straordinaria già programmata, da realizzarsi nei prossimi mesi con un appalto in fase di aggiudicazione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 nov 2018

MILANO | Lavori in piazza Missori e via Mazzini su asfalto e binari del tram

di mobilita

Nella notte tra lunedì 12 e martedì 13 novembre si svolgeranno in piazza Missori interventi per sistemare l’asfalto ammalorato e riparare uno scambio tranviario in via Mazzini. Sono lavori attesi da tempo e segnalati anche dal Municipio 1.  Nei giorni scorsi i tecnici del Comune di Milano e di Atm, insieme a Polizia locale, hanno definito gli interventi necessari e programmato la loro esecuzione per oggi, lunedì 12 novembre, dalle ore 21 fino alle ore 4 di domani mattina.Data la tipologia degli interventi e la necessità di sospendere per una sola notte l’esercizio di sei linee di trasporto pubblico, si è deciso di adottare alcuni provvedimenti viabilistici: per i veicoli provenienti da corso Italia in direzione piazza Missori, obbligo di svolta a destra in via Maddalena; per i veicoli che da piazza Missori sono diretti in via Mazzini, obbligo a svoltare in via Gonzaga sul percorso alternativo Gonzaga-Diaz-Giardino; per i veicoli provenienti da via Mazzini in direzione corso di porta Romana, obbligo di proseguire diritto sul percorso alternativo Italia-Maddalena; per i veicoli provenienti da via Mazzini in direzione via Albricci, la svolta a sinistra potrà avvenire al centro di piazza Missori.Sul sito di ATM è possibile avere maggiori informazioni sulle linee di trasporto pubblico deviate e sui percorsi alternativi.Pattuglie della Polizia locale saranno presenti sul posto durante l’intera esecuzione degli interventi. Nella planimetria sottostante, in rosso le cantierizzazioni e i presbarramenti e in verde i percorsi consentiti/alternativi.

Leggi tutto    Commenti 0