Articolo
03 nov 2019

Sta atterrando a Tel Aviv l’ultimo 747 nella flotta di El Al Israel Airlines, famoso per l’Operazione Salomone

di mobilita

Sta atterrando a Tel Aviv, per l'ultimo viaggio, il 747 della flotta di El Al Israel Airlines, famoso per l'Operazione Salomone" un'operazione coperta compiuta da Israele, manu militari, tra il 24 e il 25 maggio del 1991, per trasportare ebrei etiopi nel territorio israeliano. Nel giro di 36 ore, voli non-stop di 34 aeromobili israeliani, tra cui C-130 dell'IAF e cargo di El Al, trasportarono 14.500 ebrei etiopi in Israele. I velivoli civili vennero completamente svuotati da paratie e sedili, l'interno di tutti gli aerei venne foderato di plastica spessa ma leggera per permettere la sistemazione accostata, seduta sul pavimento, o coricata, dei passeggeri, in modo che occupassero poco spazio; giunti in punti periferici delle piste di decollo i velivoli erano attesi da gruppi di passeggeri sommariamente vestiti accovacciati al suolo; per ridurre il peso, al momento di salire a bordo si controllò che non avessero con sé bagaglio (salvo un pacchetto di ricordi personali) e furono fatti togliere abiti e calzature ancora ritenuti in eccesso. Fu affisso un adesivo di plastica su ciascuno, recante un numero di identificazione. A bordo di ogni velivolo vi erano due medici israeliani per assistere i malati (molti dei passeggeri erano denutriti e spesso ammalati di tubercolosi) e per assistere eventuali nascite avvenute in volo (se ne registrarono almeno cinque). Diversi neonati furono comunque imbarcati e trasportati dalle madri assieme ai pacchetti senza che fossero identificati, e furono censiti e identificati solo all'arrivo, quando tutti furono sottoposti a pratiche igienico-sanitarie e rivestiti. Durante la notte risultò che 28 velivoli erano contemporaneamente in volo tra Etiopia e Israele, mentre i restanti stavano caricando o scaricando, o facendo pratiche di ricondizionamento e rifornimento per il decollo. L'Operazione Salomone trasferì il doppio di ebrei etiopi rispetto all'operazione Mosè e all'operazione Giosuè]messe assieme. L'Operazione Salomone stabilì tra l'altro il record per un singolo volo passeggeri: un solo B-747 trasportò 1.122 persone (1.087 erano i passeggeri ufficialmente registrati, ma vi erano diversi neonati, mescolati tra i bagagli a mano delle madri, che non furono registrati alla partenza).In aggiunta a ciò, durante quel viaggio si verificarono ben due nascite.  In questo momento l'aeromobile è sul Mediterraneo orientale, verso Cipro, e sta disegnando un aeromobile.  Grazie a "Sicilia in Volo" per la segnalazione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 ott 2019

Giro d’Italia 2020, ecco tutte le tappe della 103ª edizione

di mobilita

La presentazione ufficiale della 103ª edizione del Giro d'Italia avverrà giovedì 24 ottobre, ma il quotidiano "La Stampa"  ha già rivelato tutte le tappe della prossima edizione. Si partirà con una cronometro individuale per le vie di Budapest con finale in leggera salita e due tappe adatte ai velocisti. Sarà questa l’apertura del Giro d’Italia 2020, che prenderà il via sabato 9 maggio dall’Ungheria. Le prime due tappe partiranno da Piazza degli Eroi (Patrimonio Mondiale dell’Unesco), nel cuore di Budapest. L’arrivo della cronometro sarà nel distretto del Castello, davanti alla Chiesa di Mattia in Piazza della Trinità, con gli ultimi 1.500 metri del tracciato in leggera ascesa (pendenza media del 4%). L’arrivo della seconda tappa, domenica 10 maggio, sarà a Gyor, la principale città dell’Ungheria Nord Occidentale, dopo 193 km. La terza tappa porterà il gruppo da Szekesfehervar a Nagykanizsa, costeggiando il Lago Balaton, dove saranno attesi ancora gli sprinter. Quella ungherese sarà la 14^ partenza del Giro d’Italia dall’estero. Le 13 precedenti partenze dall’estero: 1965 San Marino (Repubblica di San Marino) 1966 Montecarlo (Principato di Monaco) 1973 Verviers (Belgio) 1974 Città Del Vaticano 1996 Atene (Grecia) 1998 Nizza (Francia) 2002 Groningen (Olanda) 2006 Seraing (Belgio) 2010 Amsterdam (Olanda) 2012 Herning (Danimarca) 2014 Belfast (Irlanda Del Nord) 2016 Apeldoorn (Olanda) 2018 Gerusalemme (Israele) Successivamente la carovana si sposterà in Sicilia per tre tappe. Qui il calendario completo: TAPPA N 1 Sabato 9 maggio Budapest-Budapest TAPPA N 2 Domenica 10 maggio Budapest - Gyor TAPPA N 3 Lunedi 11 maggio Szekesfehervar - Nagykanisza TAPPA N 4 Martedi 12 Maggio Palermo - Agrigento TAPPA N 5 Mercoledi 13 maggio Caltanissetta - Etna (Piano Provenzana) TAPPA N 6 Giovedi 14 maggio Catania - Villafranca Tirrena TAPPA N 7 Venerdi 15 maggio Mileto -Camigliatello Silano TAPPA N 8 Sabato 16 maggio Castrovillari - Brindisi TAPPA N 9 Domenica 17 maggio Giovinazzo - Vieste RIPOSO Lunedi 18 maggio TAPPA N 10 Martedi 19 maggio San Salvo - Tortoretto Lido TAPPA N 11 Mercoledi 20 maggio Porto Sant'Elpidio - Rimini TAPPA N 12 Giovedi 21 maggio Cesenatico - Cesenatico TAPPA N 13 Venerdi 22 maggio Cervia - Monselice TAPPA N 14 Sabato 23 maggio Conegliano - Valdobbiadene TAPPA N 15 Domenica 24 maggio Rivolto - Piancavallo RIPOSO Lunedi 25 maggio TAPPA N 16 Martedi 26 maggio Udine - San Daniele del Friuli TAPPA N 17 Mercoledi 27 maggio Bassano del Grappa - Madonna di Campiglio TAPPA N 18 Giovedi 28 maggio Pinzolo - Laghi di Cancano TAPPA N 19 Venerdi 29 maggio Morbegno - Asti TAPPA N 20 Sabato 30 maggio Alba - Sestriere Monte Fraiteve TAPPA N 21 Domenica 31 maggio Cernusco sul Naviglio - Milano

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2019

Da Trapani a Mazara con il treno storico dei formaggi e dei sapori delle terre sicane

di mobilita

Proseguono gli itinerari turistici con i Treni storici del gusto in Sicilia. Domenica prossima, 20 ottobre, partirà alle 9.50 dalla stazione di Trapani il Treno dei formaggi e sapori delle terre sicane. Le automotrici ALn668 in livrea d’epoca effettueranno la prima fermata alle 9.57 a Paceco.  Da qui è previsto il transfer in bus verso la Riserva delle Saline per la visita del Museo del sale nell’antico mulino. Si ripartirà alle 11.30 dalla stazione di Paceco in direzione Mazara, con arrivo alle 12.20. In programma la visita al Museo del Satiro Danzante per ammirare la preziosa statua bronzea. Successivamente si potrà visitare la Casa Periferica, parco culturale contemporaneo della città di Mazara del Vallo, dove è in programma il Laboratorio del Gusto. Previste degustazioni di Pane nero di Castelvetrano, Olio di Castelvetrano, la tradizionale Vastedda del Belice e Miele di Ape Nera Apisicula. Successiva visita facoltativa del Museo Evocava, un percorso nella grande cava ipogea della città, per scoprire la storia della Mazara sotterranea. Nel pomeriggio, alle 14.30, con un servizio navetta si raggiungerà il vicino centro di Vicari dove, accompagnati dalla locale Pro Loco, si potrà visitare il cuore antico della cittadina e il Museo del Castello. I biglietti per viaggiare a bordo del treno storico sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “Prenota un viaggio” del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram. È, inoltre, disponibile l’indirizzo email [email protected]  Il programma dei Treni storici del gusto promosso dall'Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo è realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 ott 2019

Fondazione FS Italiane: torna il treno storico dei Castelli Romani

di mobilita

Torna sui binari della linea Roma – Albano Laziale, dopo quattro anni, il treno storico dei Castelli Romani. L’iniziativa della Fondazione FS ha l’obiettivo di valorizzare un itinerario a forte valenza turistica con l’utilizzo di pregiate vetture “terrazzini” degli anni ’20. Il treno d’epoca partirà domenica 27 ottobre alle 9.30 dalla stazione di Roma Termini e arriverà a Castel Gandolfo alle 10.50. Il programma turistico, acquistabile a bordo treno al costo di 20 euro, prevede il transfer con navette per il centro storico di Castel Gandolfo e la visita guidata con audioguida del Palazzo Apostolico e del Giardino Barberini alla scoperta delle bellezze botaniche ed archeologiche custodite al suo interno. Sempre nel centro storico è prevista una visita guidata in Piazza della Libertà con la fontana Barberini e la Collegiata di San Tommaso da Villanova. A seguire, sempre a bordo di navette, si raggiungerà il Lago di Castel Gandolfo per una visita al Ninfeo Dorico. Il treno di ritorno partirà dalla stazione di Castel Gandolfo alle 17.30 con arrivo a Roma Termini alle 19.00. I biglietti per il treno storico dei Castelli Romani sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “Prenota un viaggio” del sito web fondazionefs.it. Inoltre, è disponibile l’indirizzo email [email protected]

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 set 2019

FONDAZIONE FS | In treno storico alla scoperta della Valle dei Templi di Agrigento

di mobilita

Appuntamento speciale con i treni storici del gusto in Sicilia domenica 29 settembre. Con il treno tra arte e sapori delle aree interne in partenza da Caltanissetta Centrale alle 9.10 con fermate intermedie a Serradifalco (9.34), Canicattì (10.05), Racalmuto (10.30), Grotte (10.35), Aragona Caldare (10.42), Agrigento Bassa (10.55) e arrivo a Tempio di Vulcano alle 11.08 sarà possibile raggiungere la leggendaria Valle dei Templi di Agrigento e, in via del tutto eccezionale per i passeggeri del treno, effettuare una visita gratuita tra le rovine dell'antica Akragas. Il programma prevede la visita guidata al Giardino della Kolymbethra, gestito dal FAI (con contributo di 2 euro) e successivamente la visita gratuita della collina dei templi che comprende il Tempio dei Dioscuri, il Tempio di Giove e del giardino di Villa Aurea. Alle 13.00, da "Porta V" partenza del bus per il centro storico di Agrigento. Nell'auditorium della chiesa di San Pietro, non più adibita al culto, si svolgerà il laboratorio del gusto con degustazioni di formaggio di capra girgentana, pani votivi di San Calogero con la cipolla paglina di Castrofilippo, Vino bio nero d'avola e la Cuddireddra di Delia. Dalle 14.40 fino alle 16.30 tempo libero per la visita del centro cittadino e per l'eventuale consumazione del pranzo. Alle 16.50 appuntamento al locale Terracotta per il trasferimento in bus alla stazione ferroviaria di Agrigento Bassa dove alle 17.34 ripartirà il treno storico per Caltanissetta, con arrivo previsto alle 19.26. Il costo del biglietto a tariffa ridotta per tutti è di 10 euro, a prescindere dalla stazione di partenza, ed è comprensivo oltre che del viaggio in treno storico anche dell'ingresso al parco archeologico e delle degustazioni. I biglietti sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com selezionando la tariffa ridotta per ragazzi. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, e in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione "viaggi ed eventi" del sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram. E', inoltre, disponibile l'indirizzo email [email protected] I Treni storici del gusto sono promossi dall'Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo: il programma è realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 set 2019

La linea Napoli-Portici, prima infrastruttura ferroviaria italiana, compie 180 anni.

di mobilita

Fondazione FS Italiane, in occasione dell’importante anniversario, organizza da giovedì 3 a domenica 6 ottobre al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa eventi e iniziative per celebrare una delle tappe più importanti della storia ferroviaria del Paese. “Il 3 ottobre 1839, nella Penisola che sarà dichiarata Stato italiano solo 22 anni dopo, ha inizio il viaggio dell’invenzione più rivoluzionaria dell’era moderna: il treno”, dichiara Luigi Cantamessa Direttore Generale della Fondazione FS Italiane. “Infatti, il primo tronco ferroviario, costruito da Napoli al Granatello di Portici e lungo poco più di 7,5 chilometri, è stato inaugurato dal re Ferdinando II di Borbone proprio 180 anni fa e nei decenni successivi l’estendersi delle strade ferrate ha favorito l’industrializzazione del Paese. Per questo motivo, l’anniversario del primo viaggio in treno è un evento che la Fondazione FS Italiane vuole celebrare con numerose iniziative culturali al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, luogo dove è custodita la memoria delle nostre Ferrovie, oggi totalmente restaurato e che sorge proprio lungo i binari di questa storica tratta”. Fra gli eventi in programma, ci sono l’inaugurazione del circuito del “Vapore Vivo” − riproduzione di un treno a vapore in miniatura − il convegno Dalla produzione al museo, ovvero dall’operaio all’architetto, performance musicali e teatrali, visite itineranti e appuntamenti dedicati ai più piccoli. In particolare, i visitatori potranno assistere ai concerti della Banda della Nato, di quella dei Carabinieri e del duo musicale Le Ebbanesis, allo spettacolo L’attore di Massimo Masiello e a balli e sfilate in abiti dell’800. Ai bambini sono dedicati lo spettacolo Una favola lunga 180 anni e l’iniziativa Un mondo di avventure con il Trenino Thomas. Infine, sarà prodotto per l’occasione uno speciale annullo filatelico postale. Il programma completo e dettagliato degli eventi e degli appuntamenti sarà consultabile sul sito web fondazionefs.it o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 set 2019

A Porto Empedocle la Fondazione FS omaggia Andrea Camilleri

di mobilita

La Fondazione FS rende omaggio alla memoria di Andrea Camilleri con una tre giorni di iniziative al Parco Ferroviario di Porto Empedocle che chiude il ciclo della rassegna denominata Binari d’estate. Il 6 settembre l’autore della fortunata serie di romanzi del Commissario Montalbano avrebbe compiuto 94 anni. Venerdì 6 settembre alle 19 dalla stazione di Agrigento Centrale partirà un treno storico diretto al Parco Ferroviario di Porto Empedocle dove, con inizio alle 20, ci sarà un talk show dal titolo Tutti a Vigata per Andrea Camilleri. La serata, organizzata dall’associazione La strada degli scrittori con il patrocinio della Fondazione FS e del Comune di Porto Empedocle, sarà condotta dal giornalista del Corriere della Sera Felice Cavallaro e prevede la proiezione di una intervista-testimonianza, realizzata con Andrea Camilleri, alternata a brevi contributi di alcune autorità del mondo della cultura e delle professioni. Non mancheranno piccoli intermezzi teatrali curati del Piccolo teatro pirandelliano di Agrigento. Alle 23.15 è prevista la partenza del treno storico da Porto Empedocle ad Agrigento Centrale. Sabato 7 settembre concerto-tributo del chitarrista Francesco Buzzurro. Per raggiungere il Parco Ferroviario, Fondazione FS ha organizzato un treno storico con partenza alle 19 dalla stazione di Agrigento Centrale. I viaggiatori avranno diritto al posto a sedere nelle prime file dell’area spettacoli. L’ingresso al parco ferroviario è gratuito, previa prenotazione all’indirizzo [email protected], fino a esaurimento dei posti disponibili. Il treno di ritorno per Agrigento Centrale partirà alle 20.15. Domenica 8 settembre giornata dedicata al teatro e alla scoperta di Vigata, il centro storico di Porto Empedocle teatro delle vicende del commissario Montalbano. Due i treni storici in programma: il primo partirà dalla stazione di Catania alle 9.22, l’altro da Palermo Centrale alle 10.30. L’arrivo a Porto Empedocle, per entrambi, è previsto per le 13.30 circa. I viaggiatori saranno coinvolti in visite guidate del centro cittadino con la possibilità di partecipare a un laboratorio del gusto promosso da Slow Food. Nel pomeriggio, nell’area spettacoli del Parco Ferroviario di Porto Empedocle, performance teatrale a cura del Piccolo Teatro Pirandelliano di Agrigento. Alle 19.30 il primo treno diretto a Catania ripartirà dalla stazione di Porto Empedocleeffettuando una breve sosta a Tempio di Vulcano dove è in programma una suggestiva esibizione nel cuore del Parco Archeologico. Alle 20.15 partirà da Porto Empedocle il treno diretto a Palermo, sempre con fermata a Tempio di Vulcano. I Treni storici del gusto nei luoghi di Camilleri del prossimo weekend sono promossi dall'Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolocon la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020. La rassegna Binari d’estate, che ha coinvolto ad agosto migliaia di visitatori al Parco Ferroviario di Porto Empedocle Centrale, è organizzata e curata da Fondazione FS in collaborazione con le associazioni Ferrovie Kaos e Mariterra. I biglietti per viaggiare a bordo dei treni sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, e in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. Informazioni dettagliate consultando la sezione “viaggi ed eventi” del sito web della Fondazione FS o le fanpage ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram. Disponibile anche l’indirizzo email [email protected]

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 ago 2019

Proseguono le corse prova dell’ETR 252 Arlecchino, il celebre elettrotreno degli anni ’60

di mobilita

Proseguono le corse prova dell’ETR 252 Arlecchino, il celebre elettrotreno restaurato ed inserito nel parco rotabili storici della Fondazione FS, destinato a servizi turistici di prestigio. I tecnici della Fondazione FS in queste settimane sono impegnati nei test per l’omologazione del Sotto Sistema di Bordo sul circuito di prova Bologna San Donato. Entro la fine dell’anno è prevista l’inaugurazione ufficiale dell’Arlecchino che, a distanza di tanti anni, tornerà a sfrecciare sulle più belle linee ferroviarie del paese. Gli elettrotreni ETR.250 rappresentavano la versione composta da soli 4 elementi del Settebello, di cui mantenevano l'impostazione tecnica di massima. Vennero denominati Arlecchino e furono costruiti in 4 esemplari (ETR 251-254) in occasione delle Olimpiadi di Roma del 1960. Dopo aver effettuato la "Freccia del Vesuvio" Milano-Napoli durante le Olimpiadi vennero messi in turno con gli ETR 220, sempre tra Milano e Napoli. Nell'orario invernale 1973-74 effettuarono il "Superrapido" Milano-Roma senza fermate intermedie. A partire dall'orario successivo vennero rimessi in turno con i 220 tra (Genova) Milano e Venezia. Dalla metà degli anni ottanta i servizi si assottigliarono sempre di più finché alla fine del decennio i 250 vennero accantonati. Nei primi anni novanta tre dei quattro elettrotreni, ETR 251-253, vennero bonificati dall'amianto, installati i freni a disco, i vetri Triplex nei belvedere e la trasformazione della terza vettura eliminando la cucina e installando un angolo bar. Effettuarono vari treni charter e pubblicitari ma nel '98-99 vennero tutti demoliti tranne il 252.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 ago 2019

Alstom debutta con la nuova brand identity “mobility by nature” a Expo Ferroviaria 2019

di mobilita

Alstom debutta con la nuova brand identity "mobility by nature" a Expo Ferroviaria 2019 (1-3 ottobre a Rho Fiera-MI) presentando le sue soluzioni innovative e sostenibili per la mobilità. Nello stand Alstom (n. 108, padiglione 2) i visitatori potranno avere una panoramica globale delle novità dell'azienda e compiere un viaggio tra le quattro principali attività di Alstom: treni, infrastruttura, segnalamento e servizi. Tra le molte novità presentate Coradia iLint, il primo treno al mondo, già in servizio passeggeri in Germania, alimentato da una cella a combustibile a idrogeno, che produce l'energia elettrica per la trazione; il treno Coradia Stream "Pop", la nuova generazione per il trasporto regionale per Trenitalia, già operante in Emilia-Romagna, a cui si aggiungeranno presto altre regioni. Non solo treni ma anche Aptis, l'e-bus 100% elettrico di Alstom, che ha terminato la scorsa primavera, con grande successo, il suo drive test in cinque città italiane (Firenze, Genova, Bologna, Merano e Torino). Per quanto riguarda le infrastrutture Alstom presenta le tre soluzioni senza catenaria: APS, un sistema di alimentazione da terra che, con l'aggiunta di una terza rotaia al centro del binario, permette di eliminare le linee aeree, preservando così il patrimonio architettonico urbano; SRS, una soluzione di ricarica statica a terra adatta sia ai tram sia agli autobus; Citadis Ecopack, batterie e super condensatori di stoccaggio dell'energia. Sul fronte segnalamento i visitatori potranno apprezzare le potenzialità di Mastria, la prima soluzione di supervisione multimodale. Grazie a Mastria, tutti gli attori della mobilità in una data città sono collegati: reti di autobus, tram e metropolitane ma anche taxi, car e bike sharing, ecc. L'obiettivo è massimizzare la fluidità fra tutti i mezzi di trasporto in una città e la possibilità di orchestrare gli itinerari dei passeggeri. Completa lo stand la presenza dell'area dedicata ai servizi con esempi di manutenzione 4.0 e il sistema HealthHub, uno strumento di manutenzione preventiva in grado di monitorare lo stato di salute dei treni, dell'infrastruttura e dei sistemi di segnalamento, utilizzando l'analisi avanzata dei big data.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 ago 2019

Toyota presenterà una gamma completa di veicoli elettrificati per Tokio 2020

di mobilita

Toyota, partner dei Giochi Olimpici e Paralimpici a livello globale, ha annunciato che presenterà una gamma completa di veicoli elettrificati, tra cui versioni esclusive di alcuni modelli e veicoli sviluppati appositamente per supportare i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020 (Tokyo 2020). Con la sua gamma elettrificata, Toyota, insieme al Comitato Organizzatore di Tokyo per i Giochi Olimpici e Paralimpici, mira a far registrare il più basso livello di emissioni rispetto a ogni altra flotta ufficiale utilizzata ai Giochi Olimpici e Paralimpici, contribuendo così a ridurre l’impatto ambientale dei Giochi. Toyota fornirà in totale circa 3.700 prodotti per la mobilità e/o veicoli per Tokyo 2020. La maggior parte della flotta ufficiale - circa il 90% - sarà elettrificata. I veicoli elettrificati includono gli Hybrid Electric Vehicles (HEV), i Fuel Cell Electric Vehicles (FCEV), come la vettura a idrogeno Mirai, i Plug-in Hybrid Electric Vehicles (PHEV), la Prius PHV (nota come Prius Prime in alcuni mercati), e i Battery Electric Vehicles (BEV), tra cui l’ “APM” (Accessible People Mover), l’e-Palette e il TOYOTA Concept-i, che offriranno a Tokyo 2020 una mobilità diversificata ad ampio spettro e senza precedenti. Tra i veicoli elettrificati forniti, Toyota includerà circa 500 FCEV e circa 850 BEV, la più grande flotta mai presentata ai Giochi fino ad ora. Dei circa 3.700 prodotti per la mobilità e/o veicoli per Tokyo 2020, 2.700 faranno parte della flotta ufficiale che supporterà il trasporto tra le diverse strutture durante i Giochi Olimpici. Questi saranno veicoli già in commercio, come la Mirai. Stime preliminari indicano che la flotta di veicoli già in commercio che sarà utilizzata a Tokyo 2020 emetterà di media meno di 80 g/km*1 di CO2, con una riduzione di circa la metà rispetto a una flotta di dimensioni comparabili e composta per la maggior parte da modelli convenzionali a benzina e diesel. In aggiunta, è possibile prevedere ulteriori riduzioni se vengono presi in considerazione gli altri prodotti innovativi per la mobilità e/o i veicoli elettrificati che Toyota porterà ai Giochi, tra cui versioni esclusive di alcuni veicoli e modelli appositamente progettati per l’utilizzo ai Giochi. In questo modo, Toyota mira a far registrare il più basso livello di emissioni rispetto a ogni altra flotta ufficiale utilizzata ai Giochi Olimpici e Paralimpici. Inoltre, per aiutare a evitare collisioni e ridurre/attenuare il potenziale danno o infortunio, tutti i veicoli in commercio adibiti al trasporto dello staff saranno dotati delle tecnologie di sicurezza preventiva di Toyota, tra cui il “Toyota Safety Sense” e il “Lexus Safety System +”. In aggiunta, quasi tutti i veicoli già in commercio saranno altresì dotati di Intelligent Clearance Sonar (ICS), progettato per assistere la frenata in caso di uso scorretto non intenzionale dell’acceleratore. Accanto alla flotta ufficiale, Toyota supporterà le attività dei Giochi anche attraverso altri veicoli, tra cui l’autobus a celle a combustile “Sora”, veicoli con assistenza che aiutano i passeggeri a sollevarsi sui sedili oppure dotati di una rampa per permettere ai passeggeri su sedia a rotelle di accedere al veicolo dalla porta sul retro, e altri veicoli come i Forklift a celle a combustibile prodotti e venduti da Toyota Industries Corporation. I tre principali pilastri di Toyota per Tokyo 2020 si fondano su: Mobility for All, ovvero garantire a tutti la libertà di movimento, Sostenibilità, focalizzata sulla realizzazione di una società dell’idrogeno (ambiente/sicurezza), Supporto al trasporto per i Giochi utilizzando il Toyota Production System (TPS). Con questi tre pilastri, Toyota aspira ad offrire soluzioni di mobilità che vadano oltre la tradizionale fornitura di veicoli. Attraverso la sua gamma completa di veicoli elettrificati volti a ridurre l’impatto ambientale e attraverso soluzioni di mobilità che combinino il TPS con una mobilità diversificata, Toyota contribuirà a garantire lo svolgimento efficiente delle operazioni a Tokyo 2020, supportando altresì i servizi di trasporto dei partecipanti ai Giochi, compresi lo staff, gli atleti e gli spettatori. Inoltre, attraverso i suoi robot, Toyota offrirà sostegno alle attività durante gli eventi ed esperienze esclusive, andando oltre la tradizionale idea di mobilità ai Giochi. Accanto a queste attività, Toyota continua la sua sfida per garantire una “Mobility for All”, offrendo diverse soluzioni di mobilità per rendere Tokyo 2020 un evento unico nel suo genere.

Leggi tutto    Commenti 0