Articolo
18 mag 2018

ROMA | Sabato 19 maggio torna La Notte dei Musei

di mobilita

Sabato 19 maggio 2018 l’arte a Roma resta accesa fino alle 2 di notte per la nuova edizione de “La Notte dei Musei”, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura. La manifestazione, che si svolge in contemporanea in 30 paesi europei, coinvolge quest’anno nella Capitale oltre 50 spazi - tra musei civici e statali, università pubbliche e private, istituzioni italiane e straniere, altri siti espositivi e culturali - che aprono eccezionalmente al pubblico le proprie sedi dalle 20 fino alle 2 di notte (ultimo ingresso all’1) con spettacoli, mostre, eventi e iniziative speciali, offrendo a cittadini e visitatori una festa straordinaria dedicata all’arte e alla cultura, con un biglietto d'ingresso simbolico pari a 1 euro oppure ad ingresso completamente gratuito, dove espressamente previsto. Tra i principali spazi coinvolti: Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Museo dell'Ara Pacis, Museo delle Mura, Museo di Roma Palazzo Braschi, Museo di Roma In Trastevere, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Musei di Villa Torlonia, Galleria d’Arte Moderna di Roma, Mercati di Traiano, Museo Carlo Bilotti, Museo Pietro Canonica, Museo Napoleonico, Museo Civico di Zoologia, Museo di Casal De’ Pazzi, Protomoteca, Palazzo delle Esposizioni, Museo Archeologico e Museo Aristaios dell'Auditorium Parco della Musica, Polo Museale Atac, Camera dei Deputati, Senato della Repubblica, Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, Chiostro del Bramante, Complesso del Vittoriano, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Maxxi, Musia Living&Arts, Wegil, Accademia Nazionale di San Luca, Accademia Americana, Accademia di Romania, Reale Accademia di Spagna, Accademia d’Ungheria, Accademia d’Egitto, Ambasciata Greca, Istituto Svizzero, Casa di Goethe, Casa Museo Accademia Musumeci Greco, Istituto Superiore Antincendi, Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Università degli Studi Roma Tre, Università degli Studi eCampus, Lumsa. Anche i musei statali, i complessi monumentali, le aree e i parchi archeologici MiBACT di Roma partecipano all’iniziativa con apertura serale di 3 ore al costo simbolico a 1 euro.  Per info sui siti che aderiscono e sugli orari consultare il sito del MiBACT www.beniculturali.it/nottedeimusei2018  Straordinariamente aperti al pubblico, con visite gratuite, il SENATO DELLA REPUBBLICA, dalle ore 20.00 alle ore 24 (ultimo ingresso da piazza Madama ore 24), e  la CAMERA DEI DEPUTATI, dalle ore 20 alle ore 2 (ultimo ingresso da piazza Montecitorio all’01.30). Alle ore 20.00 si svolgerà in Piazza Montecitorio l’esibizione musicale della Banda Musicale della Guardia di Finanza. Il MUSEO STORICO DELL'ARMA DEI CARABINIERI (Piazza del Risorgimento), sarà aperto al pubblico in via straordinaria dalle 20 alle 02, ad ingresso gratuito, con la mostra Carabinieri nel Risorgimento – Pastrengo 1848. L’arte di Sebastiano De Albertis. Alla VILLA DI MASSENZIO un’anteprima della Notte dei Musei, ad ingresso libero, con l’apertura dell’area archeologica dalle 17.00 alle 20.00 (ultimo ingresso ore 19.30) e lo spettacolo teatrale alle ore 18.00 I giganti della montagna di Luigi Pirandello, a cura dell’Associazione Culturale Metis Teatro, con Emanuele Bracciani, Tea Brandi, Riccardo Bucci, Attilio Caccetta,  Giorgia Cacciante, Valentina Cacciante, Irene Cecchini, Francesco Ciambra, Caterina Cosentino, Mariangela Di Pietro, Alessandra Febo, Alessio Frabotta, Alessandra Governanti, Sara Mazzoni, Tiziana Mezzetti, Fabrizio Mischitelli, Valentina Noviello, Lorella Pipi,  Stefano Sartini, Simonetta Serra,  Roberta Ullasci. Regia Alessia Oteri. GLI EVENTI Alcuni tra i numerosi appuntamenti nei Musei Civici, vincitori dell’avviso pubblico “Notte dei Musei 2018”: Ai MUSEI CAPITOLINI: nell’Esedra del Marco Aurelio lo spettacolo tra musica e parole Cavalcaldo i venti, a cura dell’Associazione Coop Teatro 91, con Evelina Meghnagi (voce), Cristiano Califano (chitarre, bouzuki), Arnaldo Vacca (percussioni), Marco Siniscalco (basso); nella Sala Pietro da Cortona il reading - concerto dal racconto di Melville "Bartleby lo scrivano" Avrei preferenza di no. Bartleby lo scrivano. In concerto, a cura dell’Associazione Diritto e Rovescio, con Roberto Herlitzka, Gianluigi Fogacci, Alessandro Di Carlo, Dario Miranda; nel Salone di Palazzo Nuovo lo spettacolo operistico In…Canto Musicale, dedicato a Giacomo Puccini in occasione del 160° anniversario della sua nascita, a cura della Coop. La Fabbrica dell'attore Onlus, con Hamsa Irene Rinaldi (soprano), Andrea Feroci (pianoforte), Ezio Conenna (attore/voce narrante). Al MUSEO CARLO BILOTTI ARANCIERA DI VILLA BORGHESE il concerto Temi, variazioni e metamorfosi, che reinterpreta temi classici del jazz, a cura dell’Associazione di promozione sociale Percento Musica, con i chitarristiFabio Zeppetella e Umberto Fiorentino. Alla GALLERIA D’ARTE MODERNA (Via Francesco Crispi) lo spettacolo Viaggio in Italia tratto da "Bazar di un poeta" di Hans Christian Andersen, il racconto magnifico e pauroso del viaggio in Italia che l'autore danese fece nel lontano 1840, a cura dell’Associazione Culturale Alt Academy, con Pino Strabioli, Marcello Fiorini, Paolo Bielli, coreografie Rosario Marotta. Nei MUSEI DI VILLA TORLONIA: al Casino Nobile il concerto Sephirot, Kabbalah in Music, con musiche tratte dall'ultimo album di Gabriele Coen e letture dal libro di Giorgio Israel "La Kabbalah", a cura dell’Accademia Italiana del Flauto, con Gabriele Coen, Francesco Poeti, Marco Loddo, Fortunato Leccese, Stefano Cioffi; alla Casina delle Civette il concerto acustico Semplici atti, a cura dell’Associazione O Thiasos TeatroNatura, con canti polifonici appartenenti a differenti tradizioni popolari eseguiti a cappella, con Camilla Dell'Angola e Valentina Turrini. Alla CENTRALE MONTEMARTINI nella Sala del Treno di Pio IX si svolgerà il concerto Face to Face con Gregory Hutchinson e Dario Deidda a cura dell’Associazione Culturale È Arrivato Godot, mentre nella Sala Macchine avrà luogo Miti - Corpi vivi e corpi immortali, cinque pieces che indagano la mitologia del corpo a cura dell’Associazione Culturale Twain, con Yoris Petrillo, Maeva Curco Llovera, Gianluca Formica, Elisa Melis, Luca Zanni, Enea Tomei, Sergio Ponzio, Caroline Loiseau, a cura di Loredana Parrella. Al MUSEO DELL'ARA PACIS nell’Area Monumento Peluches a Douma, Goutha Orientale. Performance di Riccardo Vannuccini, cinque azioni di teatro danza sul tema della guerra con la partecipazione di attori dei centri d'accoglienza e a cura dell’Associazione Artestudio. Con Eva Grieco, Iris Basilicata, Alba Bartoli, Maria Sandrelli, Lars Rohm, Faith Okunbor, Lucky Emmanuel,  Ali Diallo, Alfred Kovadio, Riccardo Vannuccini. Nell’Auditorium Daniele De Michele in arte Don Pasta presenterà il suo progetto La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene. Don Pasta incontra Artusi, a cura dell’Associazione Culturale Exotique. Al MUSEO PIETRO CANONICA A VILLA BORGHESE la performance itinerante Incanti e magie - Mirabili passeggiate nel Museo Canonica, a cura dell’Associazione La Capriola - Abraxa Teatro, che porterà i visitatori in giro per le sale del Museo guidati dal magico attore, mimo e prestigiatore Sergio Bini in arte Bustric. Al MUSEO NAPOLEONICO il concerto Ai capricci della sorte, in occasione del 150° dalla morte di Giacchino Rossini, a cura dell’Associazione Concertistica Romana, con Paola Cacciatori, Allan Rizzetti, Luca Oddo. Al MUSEO DELLA REPUBBLICA ROMANA E DELLA MEMORIA GARIBALDINA lo spettacolo Una notte su milleispirato a Le mille e una notte, a cura dell’Associazione Teatrino Giullare, con le voci narranti Giulia Dall'Ongano e Enrico Deotti e con Francesco Guerri al violoncello. Al MUSEO DELLE MURA il progetto multisensoriale di musica, luce e profumi Paesaggi Cinestetici, a  cura di Luci Ombre Srl, con Diego Labonia, Trouble Vs Glue, Leonardo Zaccone, Fabio Sestili. Al MUSEO DI SCULTURA ANTICA GIOVANNI BARRACCO lo spettacolo #Niobedoloreeclamore, ispirato alle vicende della regina Niobe da Le Metamorfosi di Ovidio, a cura dell’associazione Ecad, con Marta Vulpi (soprano e free voice), Arturo Tallini (chitarra), e Vittorio Pavoncello alla regia. Nel Cortile del MUSEO DI ROMA - PALAZZO BRASCHI il concerto Voices 2018 - Flowing Chords, con un coro di 35 elementi diretto dal M° Margherita Flore, a cura di Saint Louis Music Center Srl. Le iniziative promosse dalle istituzioni e dagli enti. CASA DEL CINEMA prende parte alla Notte dei Musei con la proiezione di cortometraggi e documentari fino alle 24 nell’ambito dell’evento Gatti sorridenti e altri. I cinema di Chris Marker, figura d’avanguardia nella sperimentazione dei linguaggi audiovisivi al di fuori degli schemi tradizionali. Al PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI si svolgerà il concerto dei Têtes de Bois dedicato a Léo Ferré dal titolo Ferrè, l’amore e la rivolta con Andrea Satta (voce), Luca De Carlo (tromba), Angelo Pelini (tastiere), Carlo Amato (basso e chitarra). L’ATAC aprirà al pubblico il proprio Polo Museale in zona Ostiense (via Bartolomeo Bossi) dalle ore 19.00 alle ore 23.30, con la possibilità per i visitatori di ammirare la rara collezione di locomotori e tram. L’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA partecipa con l’apertura serale gratuita del Museo Archeologico, delMuseo Aristaios, dello spazio AuditoriumArte e Sound Corner, dalle ore 20.00 alle ore 24.00 con visite guidate gratuite alle 20.30 - 21.30 - 22.30 (ultimo ingresso ore 23.00). PALAZZO MERULANA, inaugurato di recente, apre per l’occasione i propri spazi con visite guidate alla prestigiosa collezione permanente e concerti swing e gipsy-jazz del Trio Borghese, composto da Ilaria Monteleone (voce), Luca Traverso (chitarra) e Sergio Di Mico (contrabbasso). I visitatori potranno accedere fino alle 23.30 alla CASA MUSEO ACCADEMIA MUSUMECI GRECO (ingresso 2 euro) per visitare la mostra permanente di armi provenienti da tutto il mondo dal XV al XX secolo, più armi di scena utilizzate nelle più importanti produzioni cinematografiche del Novecento. Si svolgerà inoltre l'evento La scherma tocca il cuore. Non solo sport ma integrazione, cultura, spettacolo, bel canto, con Renzo Musumeci Greco, Novella Calligaris, Virna Sforza (soprano). Intervengono: Alessio Boni, Pino Quartullo, Francesco Meoni. Ci saranno inoltre spettacolari assalti fra schermidori normodotati e l'azzurro paraolimpico Pietro Miele. Al WEGIL, in  Largo Ascianghi, una serata con performance musicali ed esibizioni di arti grafiche e di danza, tra cui  il concerto Il Viaggio Di Aylan  di Roberto Ricci (contrabasso jazz), lo spettacolo Gladiators - Viaggio nell’antica Roma a cura dell'Accademia Nazionale Di Danza, le performance a cura del Liceo Artistico “Ripetta” e del Liceo Artistico “Enzo Rossi”, le visite guidate e il concerto Orchestrina Nopi, con Marco Dardanelli (pianoforte), Mariano Gatta (batteria), Augusto Pallocca (sax), Flavio Bertipaglia (contrabasso). Durante La Notte dei Musei sono previste attività anche per bambini e famiglie: al MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA si svolgerà Una notte da scienziati, a cura di Myosotis m.m. Coop a.r.l., una serata con attività didattiche e laboratori in cui adulti e bambini avranno la possibilità di trasformarsi in biologi, zoologi e ricercatori; TECHNOTOWN resta aperta fino alla mezzanotte con i laboratori Missioni Robotiche ed effetti speciali. Alla FONDAZIONE VIGAMUS - MUSEO DEL VIDEOGIOCO per l'evento Una notte al Museo del Videogioco - Conoscere il medium e la sua storia sarà possibile visitare le aree espositive e partecipare a tornei e giochi interattivi. Previsti anche laboratori per bambini ed esperienze in realtà virtuale per tutta la famiglia. Aderiscono a La Notte dei Musei 2018 varie Università pubbliche e private con eventi e iniziative nei propri spazi aperti straordinariamente di sera e ad ingresso libero. La SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA apre i suoi cortili e il suo Polo Museale fino alle 24:00 con un ricco programma di mostre e performance teatrali, laboratori e visite guidate, djset musicali e concerti. La serata si inaugura con il concerto Schubertiade di Orchestra MuSa Classica, diretta dal maestro Francesco Vizioli, alle ore 18.30 nell’Aula magna del Rettorato. L'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA apre fino alle 21.30, con aperitivo e visite guidate al Museo di Archeologia per Roma. La sede del Dipartimento di Architettura dell'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE sarà aperta fino alle 24 con lo spettacolo L’Argiletum e l’antica via dei librai sulle note di J.S. Bach eseguite da Alessandro Guaitolini (Roma Tre Orchestra, violoncello), le letture dei grandi poeti latini a cura di Alessandra De Luca e la presentazione storica del prof. Raynaldo Perugini. All'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ECAMPUS porte aperte fino alle ore 23 con lo spettacolo “Parole Note” - Un nuovo dialogo tra musica e poesia, con Maurizio Rossato e Giancarlo Cattaneo di Radio Capital che interpreteranno poesie e monologhi su un flusso di musica elettronica, e con la mostra Cervelli Ribelli, con opere realizzate dai ragazzi autistici dell'Associazione Insettopia. Alla LUMSA (Libera Università Maria Ss. Assunta) l'incontro Uno sguardo sulla riva destra del Tevere: Prati e Borgo nella storia, per raccontare al grande pubblico la trasformazione urbanistica del quartiere storico di Prati, e le mostre La nostra Europa e La prise de la parole degli insegnanti nel dopoguerra. Scuola, democrazia e narrativa magistrale (1955-1973). Anche quest’anno parteciperanno alla Notte dei Musei importanti accademie e istituzioni culturali straniere, con apertura gratuita dei propri spazi al pubblico in orario serale. Tra queste: l'ACCADEMIA AMERICANA con la mostraYto Barrada, The Dye Garden; l’ACCADEMIA DI ROMANIA con la mostra foto-documentaria Architettura e Regalità; la REALE ACCADEMIA DI SPAGNA, nel complesso conventuale di San Pietro in Montorio, con la mostraGregorio Prieto e la Fotografia; l'ACCADEMIA D’UNGHERIA, nel prestigioso Palazzo Falconieri, con l’apertura gratuita al pubblico della galleria e del cortile e con la mostra fotografica di Katharina Roters e József SzolnokiHungarian Cube; l’ACCADEMIA D’EGITTO con le mostre La misteriosa scoperta della tomba di Tutankhamon eSalah Kamel: un uomo…un’Accademia; l'ISTITUTO SVIZZERO in Via Ludovisi, con la mostra Roman Signer. Skulptur / Fotografie, dedicata a uno dei più famosi artisti svizzeri contemporanei. Nella SALA DELLA PROTOMOTECA si svolgerà il concerto String Demons, a cura dell’AMBASCIATA GRECA, in cui le composizioni classiche incontrano altri stili musicali, dal rock all'heavy metal, fino alla musica folk greca. Con Konstantinos Boudounis (violoncello) e Lydia Boudounis (violino). La CASA DI GOETHE aprirà i propri spazi a 1 euro con la mostra Canti di colore - Farbenlieder - Songs of Colour, dedicata a Hans-Werner Henze (1926-2012), e con l’esibizione di Marco Minà (chitarra) che suonerà musiche del celebre compositore tedesco e di Mauro Giuliani (1781-1829). LE MOSTRE NEI MUSEI ED ALTRI SPAZI ESPOSITIVI Tra le mostre visitabili con ingresso al museo pari a 1 euro o completamente gratuito: Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento / I Papi nei Concili dell’Era Moderna - Arte, Storia, Religiosità e Cultura (MUSEI CAPITOLINI); Egizi Etruschi. Da Eugene Berman allo Scarabeo dorato(CENTRALE MONTEMARTINI); I is an Other/Be the Other  /  Looking forward. Olivetti: 110 anni di immaginazione  / Maria Monaci Gallenga. Arte e moda tra le due guerre (GNAM); Roma Città Moderna. Da Nathan al Sessantotto (GALLERIA D’ARTE MODERNA Via Francesco Crispi); Collezione MAXXI. The place to be / Gli architetti di Zevi. Storia e controstoria dell’architettura italiana 1944-2000 / Home Beirut. Sounding the neighbors / Blackout. Allora & Calzadilla / FOCUS. Miltos Manetas. Internet Painting  / Artapes. Silence and rituals  / Tel Aviv the white city (MAXXI); Traiano. Costruire l’Impero, creare l’Europa / Columna Mutãtio – La Spirale (MERCATI DI TRAIANO MUSEO DEI FORI IMPERIALI); Matteo Negri. Navigator Roma verrà se resisto a sbocciare non visto / Gianni Asdrubali. Lo spazio impossibile / Bizhan Bassiri - Specchio solare Noor (MUSEO CARLO BILOTTI ARANCIERA DI VILLA BORGHESE); Serban Savu (MUSEO PIETRO CANONICA A VILLA BORGHESE); Raffaele de Vico 1881 – 1969. Architetto e paesaggista (MUSEO DI ROMA - PALAZZO BRASCHI);Soglie di Luce. Opere di Pietro Gentili dal 1970 al 2000 (CASINA DELLE CIVETTE - MUSEI DI VILLA TORLONIA);Human+. Il futuro della nostra specie / World Press Photo 2018 / La Mela di Magritte (PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI); Dal Simbolismo all’Astrazione. Il primo Novecento a Roma nella Collezione Jacorossi / Studio Azzurro: Il Teatro di Pompeo. Videoinstallazione / Quattro sguardi su Roma. Fotogra¿ a confronto. Elisabetta Catalano (MUSIA LIVING&ARTS); Gigetta Tamaro architetto 1931-2016. Le Opere/L’Enclave / Mario Ridolfi e Roma nell’immediato dopoguerra. Influenze nordiche per spazi aperti e arredi urbani (ACCADEMIA NAZIONALE DI SAN LUCA). Saranno straordinariamente aperte di sera con un biglietto ridotto speciale, le mostre Magnum Manifesto. Guardare il mondo e raccontarlo in fotografia al MUSEO DELL’ARA PACIS; Canaletto 1697-1768 al MUSEO DI ROMA - PALAZZO BRASCHI; Monet / Liu Boli. The invisible man / Terry O’Neill. Icon al COMPLESSO DEL VITTORIANO - ALA BRASINI, in collaborazione con Gruppo Arthemisia, e la mostra Turner. Opere della Tate al CHIOSTRO DEL BRAMANTE fino alle 23.00 (la biglietteria chiude un' ora prima). CONTEST Durante la Notte dei Musei tutti possono condividere la propria esperienza su Facebook e Twitter e partecipare al contest su Instagram utilizzando l’hashtag #NDMroma18. I tre autori delle foto più belle, votate dalla nostra community della pagina Facebook della Notte dei Musei, riceveranno tre biglietti per L’Ara Com’era, la visita immersiva e multisensoriale dell’Ara Pacis. Per  partecipare basta condividere, fino alla mezzanotte del 20 maggio, una foto scattata durante la manifestazione con indicazione del luogo dove è stata scattata e del tag del concorso #NDMroma18. Lunedì 21 maggio le foto saranno pubblicate in una gallery sulla pagina Facebook della Notte dei Musei, pronte per essere votate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 mag 2018

ROMA | Al via acquisto prima tranche 600 nuovi bus

di mobilita

Roma Capitale ha conferito l’incarico ad Atac per operare come stazione appaltante per l’acquisto della prima tranche di 600 nuovi autobus. La Giunta capitolina ha approvato la delibera che ha come oggetto  l’acquisto dei primi 320 bus per un importo pari a 98 milioni di euro. Lo scorso gennaio è stata approvata una variazione di bilancio da 167 milioni di euro per l’acquisto di 600 autobus nel prossimo triennio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mag 2018

AEROPORTO FIUMICINO | Inaugurata la nuova “Plaza Premium Lounge” riservata ai viaggiatori Cathay Pacific

di mobilita

Con l’arrivo dell’estate, torna ad operare giornalmente il collegamento Cathay Pacific tra Roma Fiumicino e Hong Kong; a partire dal primo di giugno, infatti, sarà il Boeing 777-300ER a volare quotidianamente dalla capitale verso l’hub della Compagnia. A fronte di un aumento della domanda durante il periodo estivo, Cathay Pacific incrementa dunque la propria capacità grazie a collegamenti giornalieri anche dalla Capitale, oltre a quelli già operanti quotidianamente tutto l’anno dallo scalo di Milano Malpensa.Parallelamente, grazie alla collaborazione con i partner della Compagnia, nuovi servizi vengono offerti ai passeggeri in partenza da Fiumicino; dall’inizio del mese di maggio, è infatti a disposizione dei possessori di un biglietto di Business e dei soci Marco Polo Club (a partire dal livello Silver) la nuova Plaza Premium Lounge, situata al secondo piano dell’area di imbarco E, nella cosiddetta "Italian Food Street".Oltre 1.000 metri quadrati di comfort, con postazioni adatte al relax e al business, ma anche, ad esempio, un buffet con cucina espressa e a vista o uno spazio con stanze doccia, unico nel suo genere nell’area di imbarco E del Leonardo da Vinci.   I passeggeri di Business e i soci Marco Polo Club (a partire dal livello Silver) riceveranno da oggi l’invito alla nuova Plaza Premium Lounge al momento del check-in, per un’esperienza ancora più confortevole nello scalo romano.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mag 2018

ROMA | Piano Mobilità Sostenibile, proposte dai cittadini

di mobilita

Tram su via Cavour e su viale Marconi, rilancio della ferrovia Roma-Giardinetti, tramvia piazzale del Verano-stazione Tiburtina, proseguimento della metro C: sono alcune delle infrastrutture votate dai cittadini e inserite nel Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (Pums) come obiettivi dell’Amministrazione capitolina. Si è chiusa la prima fase di ascolto sul sito dedicato, con l’arrivo di oltre 4mila proposte da parte dei cittadini e la pubblicazione sul portale di circa 3mila idee. Tra queste 760 dedicate al trasporto pubblico, 480 al tema della ciclabilità, oltre 200 per le isole ambientali. Nei mesi della consultazione si sono registrati oltre 30mila contatti con il portale e più di 20mila voti espressi. I risultati della consultazione online sono stati presentati in conferenza stampa presso l’Università di Tor Vergata, luogo emblematico dato che una delle opere inserite in programma è il prolungamento della Roma-Giardinetti fino all’ateneo. I tecnici hanno iniziato a lavorare a tutte le idee presentate, stilando una lista di interventi e progetti. All’interno del nuovo piano della mobilità sostenibile vi sono i cosiddetti “punti fermi”, opere infrastrutturali identificate come necessarie per cambiare la mobilità romana. Tra di esse figurano collegamenti metropolitani, opere tramviarie e ciclabili. Particolare attenzione è riservata ai tracciati del trasporto pubblico. Le proposte pubblicate sul sito sono a tutto campo e riguardano soprattutto le infrastrutture urbane, la ciclabilità e il trasporto pubblico locale. Attenzione particolare è stata data anche alle isole ambientali: tra le più votate, quelle del Pigneto e di Ostia Antica. Strategici i progetti legati a tram, ciclovie e prolungamenti metro. Una volta terminata l’analisi di fattibilità tecnica, il Pums prenderà la sua forma definitiva. Tutte le opere scelte in base a criteri specifici andranno poi a formare la nuova pianta della mobilità di Roma Capitale. Intanto il sito Pums resta consultabile e sarà aggiornato con notizie e particolari su ogni progetto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 mag 2018

ROMA METRO C | Domani apre la stazione di San Giovanni, da lunedì modifiche a linee bus

di mobilita

La stazione metro di San Giovanni apre domani. A oggi circa 40mila persone utilizzano la tratta Lodi-Pantano, con la nuova stazione metro di San Giovanni si stimano circa 50-60mila utenti al giorno per poi arrivare, in una seconda fase, a 100mila passeggeri. Con la stazione di  San Giovanni aumentano i collegamenti del quadrante con importanti destinazioni del Centro e dei quadranti Sud Est e Ovest della Capitale, grazie alla connessione con numerose linee del trasporto di superficie, che transitano o effettuano capolinea in prossimità della metro. Nei piani dell'Amministrazione capitolina la linea C proseguirà fino a compimento della tratta T2, dai Fori Imperiali a piazza Mazzini, fino ad arrivare a Farnesina. L’Amministrazione ha indicato i punti da cui partire per l’elaborazione di una project preview dell’opera. Con la prima stazione museo, nella quale alcuni importanti reperti provenienti dagli scavi sono stati adeguatamente restaurati ed esposti. Roma diventa punto di riferimento a livello internazionale. I cittadini possono valersi di un nuovo nodo di congiunzione tra due linee metropolitane, con una linea che dalla periferia arrivi sino in centro. L’apertura della nuova stazione comporta modifiche alla rete di superficie per rendere i collegamenti più capillari. Sarà istituita anche una nuova linea bus a carattere tangenziale tra il nodo di interscambio San Giovanni metro A/metro C e il nodo di interscambio metro ferroviario Piramide/Ostiense. La stazione si trova in largo Brindisi, angolo piazzale Appio, ed è sotto l'omonima stazione della Metro A:  le due stazioni sono collegate da una galleria sotterranea ed i passeggeri che si spostano da una linea all'altra possono utilizzare il medesimo titolo di viaggio. Con l'apertura della nuova stazione, la linea C allinea gli orari alle altre linee della metropolitana, pertanto il venerdì e il sabato le ultime corse dai capolinea partono all'1.30 di notte. Da lunedì 14 maggio alcune linee bus della zona modificano i percorsi. Per il futuro della terza linea, Roma Metropolitane ha elaborato uno studio preliminare in cui sono elencati i possibili modelli da realizzare nell’ansa barocca della città, mettendo a confronto le alternative progettuali della tratta che attraversa il centro storico. L’obiettivo è dunque far arrivare la linea C sino a Clodio-Mazzini: la tratta fino a Clodio-Mazzini è stata l’opera infrastrutturale più votata sul sito del Piano urbano della mobilità sostenibile. Lo studio preliminare. Il primo progetto elaborato da Roma Metropolitane ha indicato due modelli possibili. Il primo prevede quattro stazioni: San Pietro, Chiesa Nuova, Argentina e Piazza Venezia; il secondo tre: San Pietro, Navona e Venezia. Gli obiettivi si concretizzano nella realizzazione di almeno una stazione intermedia tra quelle previste di Venezia e San Pietro; nella limitazione degli impatti archeologici e dei cantieri puntando sulla realizzazione di stazioni e impianti di risalita concentrati in 1-2 pozzi verticali, e nella ricerca di soluzioni che favoriscano un più rapido smaltimento del flusso passeggeri. Tempi e costi. Per la tratta T2 (Fori Imperiali-Clodio Mazzini), saranno individuate nuove soluzioni progettuali attraverso l’elaborazione di un progetto di fattibilità redatto ai sensi del D.Lgs n 50/2016. Dal momento dell’affidamento delle attività, i tempi stimati per la stesura e approvazione sono di circa 24 mesi. I costi stimati per le attività preliminari di progettazione e di indagine archeologica  ammontano a circa 1,6 milioni. L’adozione di scelte progettuali definitive non potrà prescindere dagli studi archeologiche nei luoghi dove saranno costruite le stazioni e le gallerie della tratta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2018

ROMA METRO C | Il 12 maggio apre la stazione di San Giovanni

di mobilita

Come vi avevamo già annunciato in quest'articolo, la stazione metro di San Giovanni aprirà il 12 maggio.   A oggi circa 40mila persone utilizzano la tratta Lodi-Pantano, con la nuova stazione metro di San Giovanni si stimano circa 50-60mila utenti al giorno per poi arrivare, in una seconda fase, a 100mila passeggeri. Con la stazione di  San Giovanni aumentano i collegamenti del quadrante con importanti destinazioni del Centro e dei quadranti Sud Est e Ovest della Capitale, grazie alla connessione con numerose linee del trasporto di superficie, che transitano o effettuano capolinea in prossimità della metro. Nei piani dell'Amministrazione capitolina la linea C proseguirà fino a compimento della tratta T2, dai Fori Imperiali a piazza Mazzini, fino ad arrivare a Farnesina. L’Amministrazione ha indicato i punti da cui partire per l’elaborazione di una project preview dell’opera. Con la prima stazione museo, Roma diventa punto di riferimento a livello internazionale. I cittadini potranno valersi di un nuovo nodo di congiunzione tra due linee metropolitane, con una linea che dalla periferia arrivi sino in centro. L’apertura della nuova stazione comporterà modifiche alla rete di superficie per rendere i collegamenti più capillari. Sarà istituita anche una nuova linea bus a carattere tangenziale tra il nodo di interscambio San Giovanni metro A/metro C e il nodo di interscambio metro ferroviario Piramide/Ostiense. Per il futuro della terza linea, Roma Metropolitane ha elaborato uno studio preliminare in cui sono elencati i possibili modelli da realizzare nell’ansa barocca della città, mettendo a confronto le alternative progettuali della tratta che attraversa il centro storico. L’obiettivo è dunque far arrivare la linea C sino a Clodio-Mazzini: la tratta fino a Clodio-Mazzini è stata l’opera infrastrutturale più votata sul sito del Piano urbano della mobilità sostenibile. Lo studio preliminare. Il primo progetto elaborato da Roma Metropolitane ha indicato due modelli possibili. Il primo prevede quattro stazioni: San Pietro, Chiesa Nuova, Argentina e Piazza Venezia; il secondo tre: San Pietro, Navona e Venezia. Gli obiettivi si concretizzano nella realizzazione di almeno una stazione intermedia tra quelle previste di Venezia e San Pietro; nella limitazione degli impatti archeologici e dei cantieri puntando sulla realizzazione di stazioni e impianti di risalita concentrati in 1-2 pozzi verticali, e nella ricerca di soluzioni che favoriscano un più rapido smaltimento del flusso passeggeri. Tempi e costi. Per la tratta T2 (Fori Imperiali-Clodio Mazzini), saranno individuate nuove soluzioni progettuali attraverso l’elaborazione di un progetto di fattibilità redatto ai sensi del D.Lgs n 50/2016. Dal momento dell’affidamento delle attività, i tempi stimati per la stesura e approvazione sono di circa 24 mesi. I costi stimati per le attività preliminari di progettazione e di indagine archeologica  ammontano a circa 1,6 milioni. L’adozione di scelte progettuali definitive non potrà prescindere dagli studi archeologiche nei luoghi dove saranno costruite le stazioni e le gallerie della tratta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2018

ROMA METRO C | È ufficiale l’apertura della stazione San Giovanni

di mobilita

In una conferenza stampa che si è tenuta oggi al Campidoglio, la sindaca Virginia Raggi ha comunicato che la stazione di San Giovanni, della linea C, aprirà sabato 12 maggio 2018. L'apertura della stazione di San Giovanni consentirà la connessione della linea C con la linea A della metropolitana di Roma. La frequenza dei treni inizialmente sarà di 12 minuti, portata a 9 nei prossimi mesi. Con l'arrivo dei nuovi treni la frequenza si ridurrà a 4 minuti. "Abbiamo sbloccato dopo anni di fermo i lavori - ha affermato la sindaca Virginia Raggi -Roma comincia a mostrare che le cose si possono fare. Inauguriamo una stazione museo che diventerà operativa. Ce la invidieranno da ogni parte del mondo".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 apr 2018

ROMA | Viabilità, trasporti, servizi per il concertone San Giovanni

di mobilita

1° maggio, tradizionale concertone organizzato dalle forze sindacali in piazza San Giovanni. Come ogni anno la grande kermesse (otto ore dalle 16 alle 24) determina l’interdizione al traffico della zona intorno alla piazza. Le chiusure, che scattano la mattina, bloccano l’accesso a un’area compresa tra viale Carlo Felice, piazza di Porta San Giovanni e via Emanuele Filiberto (tratto piazza di Porta San Giovanni – via Statilia). Via Sannio, nel tratto da piazzale Appio a via Corfinio, viene chiusa prima, alle 14 del 30 aprile. Si passerà invece per le strade e le piazze adiacenti come via dell'Amba Aradam, via Merulana, piazza e via di Santa Croce in Gerusalemme. I varchi per accedere a piedi alla piazza del concertone saranno a Porta San Giovanni, via Emanuele Filiberto, viale Carlo Felice, via Ludovico di Savoia e via Umberto Biancamano. Su queste strade scatta il divieto di sosta, come pure su via Domenico Fontana e sul parcheggio tra la stessa via e l'ingresso alla Scala Santa. Gli stop al traffico portano con sé deviazioni e limitazioni del trasporto pubblico di superficie che transita in zona: tram come il 3 e l’8 (per quest’ultimo la deviazione riguarda solo le corse in entrata e uscita dal deposito di Porta Maggiore), bus come le linee 16, 51, 81, 85, 87, 218, 360… Per le notturne “n”, le deviazioni sono nella notte tra martedì e mercoledì. Sul resto della rete l’orario è quello normale festivo. Potenziata, per contro, la metro: su tutte le linee (A, B-B1, C) corse fino all’1.30 di notte per facilitare il ritorno a casa dopo il concerto. Durante il quale, però, saranno possibili chiusure “a vista” delle stazioni metro A San Giovanni e Manzoni, in caso di necessità e per ragioni di sicurezza.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 apr 2018

METRO C ROMA | Ecco quando aprirà la nuova stazione di San Giovanni

di mobilita

Ormai manca poco per l'apertura della stazione di San Giovanni della Metro C. Da fonti interne di Atac si apprende che  la data ufficiale potrebbe essere quella del 4 maggio, con possibilità di slittamento a domenica 6, ma, ribadiamo, non è una data ufficiale e potrebbe anch'essa subire slittamenti. Intanto nei giorni scorsi è stato rimosso il muro di cartongesso che divideva il collegamento tra la stazione della Metro A e la nuova stazione della Metro C al piano tornelli. A dividere le due stazioni c'è un solo cancello, che sarà aperto appena completati tutti i controlli.  La stazione di San Giovanni sarà capolinea per la linea C fino all'apertura delle nuove stazioni Amba Aradam-Ipponio e Fori Imperiali previste per il 2022. Foto di Copertina: Granični Proizvod Ti potrebbero interessare: METRO C ROMA | Il CIPE approva le varianti alla tratta T3 San Giovanni – Colosseo/Fori Imperiali ROMA METRO C | Ancora nessuna data certa per l’apertura della stazione San Giovanni ROMA | Metro C, partite le due TBM direzione Amba Aradam

Leggi tutto    Commenti 0