Articolo
06 feb 2018

Autostrade per l’Italia presenta il progetto definitivo A1 della terza corsia Incisa-Valdarno

di mobilita

In un incontro convocato dall'assessore alle infrastrutture della Regione Toscana, Autostrade per l'Italia ha presentato il progetto definitivo - che ha superato la VIA nel 2017 - della terza corsia della A1 nel tratto da Incisa a Valdarno. Hanno partecipato all'incontro gli enti interessati per territorio al tracciato: i Comuni di Figline Incisa Valdarno, Reggello, Terranova Bracciolini e San Giovanni Valdarno, la Provincia di Arezzo e la Città Metropolitana di Firenze. I rappresentanti delle Amministrazioni locali hanno preso visione del progetto e a breve trasmetteranno alla Regione i loro pareri per l'atto di competenza, in attesa che il Ministero delle infrastrutture e trasporti convochi la conferenza dei servizi. La costruzione della terza corsia Incisa-Valdarno, il cui costo stimato è di circa 400 milioni di euro, è un'opera attesa e di grande importanza, destinata a rendere più fluido e sicuro lo scorrimento dei veicoli in un tratto della A1 caratterizzato da notevoli volumi di traffico.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 feb 2018

VIDEO| AG-CL SS 640 : lo stato di avanzamento dei lavori

di redazioneinfoag

Continuano ad avanzare i lavori lungo la SS 640, in particolare nel lotto che riguarda la provincia di Caltanissetta: dopo l’apertura dei primi nove chilometri in territorio di Serradifalco, provenendo da Canicattì la nuova statale con caratteristiche autostradali adesso appare quasi del tutto completo fino alle porte di Caltanissetta. Per chi arriva da Agrigento ed è diretto verso l’autostrada A19 infatti, superata contrada Grottarossa ci si immette nel rettilineo aperto lo scorso 25 settembre il quale conduce verso lo svincolo di Serradifalco e nel nuovo viadotto dedicato al giudice Saetta; dopodiché il nuovo tratto a quattro corsie procede in un altro rettilineo già completato ed aperto che culmina nel territorio di contrada Favarella. E’ proprio qui che sono in corso di costruzione le ultime grandi opere comprese tra Canicattì e San Cataldo: si tratta, in particolare, delle gallerie artificiali Favarella, le quali tagliano il vecchio tracciato ad unica carreggiata e si innestano poi nella variante che conduce verso l’hinterland di Caltanissetta. E’ proprio questa variante adesso ad essere entrata in funzione: superata la deviazione in corrispondenza delle costruende gallerie Favarella, si giunge nelle nuove gallerie Papazzo, tra le più lunghe dell’intero tracciato ed aperte nei primi giorni di questo mese di gennaio. Subito dopo, si attraversa il nuovo viadotto Fosso Mumia per giungere, infine, nella piccola galleria denominata San Cataldo. Una volta ultimate le gallerie Favarella, di fatto si potrà giungere da Canicattì a San Cataldo senza più deviazioni e con l’intero tratto ammodernato a quattro corsie; superata la piccola cittadina nissena, si giunge quindi nel cantiere della galleria Caltanissetta, lì dove la talpa nominata ‘Barbara’ ha oramai da mesi finito il suo lavoro e dove gli operai quindi stanno procedendo con le opere di rivestimento. Il lotto agrigentino della SS 640 è stato inaugurato ufficialmente nel marzo 2017; con l’avanzamento dei lavori lungo il tratto nisseno, i tempi di percorrenza tra la città dei templi, Caltanissetta e soprattutto l’autostrada A19 sono destinati drasticamente ad abbassarsi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 feb 2018

NAPOLI | Progetto per la risistemazione del waterfront del porto

di mobilita

L’intervento – Riqualificazione dell’area monumentale del porto di Napoli – Calata Beverello è un lotto funzionale del più ampio progetto di riqualificazione del waterfront del porto di Napoli. Nel suo insieme, il progetto, basato sulla idea progettuale vincitrice del concorso internazionale del 2004, si propone di realizzare una rivisitazione dell’intero fronte del porto, che si collega più direttamente alla città antica, a partire da Molo S. Vincenzo sino a Piazza Mercato. Un intervento così delicato può essere strutturato necessariamente solo per fasi funzionali che preservino al tempo stesso una visione integrata di assieme. Il primo elemento funzionale, quello più urgente rispetto alla necessità di migliorare i servizi al passeggero, riguarda la realizzazione di un nuovo terminal passeggeri del Molo Beverello, che rappresenta il principale hubdel porto di Napoli per l’approdo degli aliscafi e dei traghetti che servono il traffico passeggeri da e per le isole del Golfo. Parliamo complessivamente di più di 6,5 milioni di turisti e cittadini, che ogni anno si avvalgono dei collegamenti verso le Isole del Golfo, e verso la Costiera. Il costo di questa fase è pari a 20,5 milioni di euro, ed è finanziata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; il progetto ha superato tutto l’iter previsto dalle nuove linee guida in tema di finanziamento delle opere portuali, compresa l’approvazione della analisi costi benefici valutata dalla struttura tecnica di missione del Ministero. Il progetto prevede la demolizione delle strutture esistenti e la realizzazione di una nuova stazione marittima per le vie veloci di collegamento con le isole del Golfo di Napoli e con la Costiera, i cui manufatti saranno utilizzati per i servizi connessi alle attività di banchina e di traffico passeggeri nonché alla realizzazione, nella parte relativa alla copertura, di una passeggiata – lungomare – di cui la città è sprovvista, in continuità con l’accesso alla città, attraverso la nuova stazione della metropolitana di piazza municipio. Il progetto consiste nella riqualificazione delle infrastrutture esistenti, attraverso la valorizzazione architettonica dei luoghi e il potenziamento dell’efficienza trasportistica di quest’ambito portuale. La superficie complessiva interessata dal progetto è di circa 14.000 mq. Si parte dalla realizzazione di un nuovo terminal passeggeri di servizio al traffico marittimo (metrò del mare) del golfo di Napoli. Il terminal è stato pensato come una struttura multifunzionale in cui saranno collocate aree biglietterie, uffici, negozi, bar e servizi, oltre ad aree attesa con i relativi servizi (wc, sala internet etc.). Il riassetto del molo prevede un nuovo Terminal plurifunzionale con le seguenti funzioni: servizi ai passeggeri (spazi di attesa, biglietterie, servizi igienici ecc.) di complessivi mq 3260 circa; servizi commerciali per complessivi 465 mq circa; servizi di ristorazione per complessivi 475 mq circa; uffici per complessivi 220 mq circa; La realizzazione del terminal passeggeri risponde non solo ad esigenze di tipo strutturale, data la vetustà delle strutture esistenti, che, realizzate negli anni ’90, non più in grado di sostenere i rilevanti flussi di passeggeri ma anche ad esigenze di tipo organizzativo, connesse alle inefficienze dei servizi di banchina e all’organizzazione del sistema di flusso dei passeggeri. Il progetto prevede azioni dedicate per fronteggiare le inefficienze organizzative e realizzare una gestione adeguata dei flussi di passeggeri attraverso l’erogazione di servizi specifici quali: sistemi di annuncio delle partenze/arrivi; sistemi di annuncio per le coincidenze mare/mare e mare/metro; punti di informazione permanenti; evoluzione di sistemi auto organizzanti; servizi di informazione di stazione e a distanza; servizi di biglietteria on line; servizi per la sicurezza, quali punto di vigilanza permanente e gestione degli stati di panico; servizi di assistenza sanitaria ai pass. Dal punto di vista tecnico il progetto prevede: la demolizione delle preesistenze (biglietterie e locali di ristoro esistenti); la realizzazione di una nuova struttura di circa 2.400 mq di basso impatto visivo ma di elevata qualità architettonica, nella quale riorganizzare le attività del terminal passeggeri (accoglienza imbarco-sbarco, biglietterie, sosta, ristoro, informazione ecc.); miglioramento dell’assetto di banchina mediante la realizzazione dei due nuovi pontili previsti in ATF, con un sostanziale miglioramento delle operazioni di attracco e di imbarco razionalizzazione dei flussi di traffico carrabile e pedonale in partenza e in arrivo e delle aree di sosta; realizzazione di una nuova struttura di circa 360 mq adibita alla ricollocazione delle attività bar-ristoro demolite spazialmente connessa al terminal; realizzazione sul lato del Maschio Angioino, a ridosso di Via Acton di un’area dedicata ai taxi e alla sosta breve delle auto private e pullman; creazione di un nuovo lungomare pubblico, in continuità con la piazza della Stazione Marittima, utilizzando la copertura del terminal come un percorso attrezzato ed un affaccio verso il mare e verso il Maschio Angioino; autonomia funzionale dei nuovi edifici rispetto al sistema complessivo di riqualificazione del waterfront monumentale del porto

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
04 feb 2018

Carnevale di Venezia, oggi il Mestre Carnival Street Show

di mobilita

Il Mestre Carnival Street Show, propone un ricco programma di spettacoli per la domenica, 4 febbraio 2018, con artisti di strada e coreografie ispirate al tema del circo. Musicisti, acrobati, attori, performer daranno vita ad una animazione colorata, divertente ed originale nei principali luoghi della città a partire dal suo salotto buono, Piazza Ferretto, dove anche il palco e la pista di pattinaggio si ispirano al tema della kermesse nelle scenografie realizzate da Massimo Checchetto, scenografo del Teatro la Felice. Presenti alcuni elementi del circo Togni contraddistinti dalle classiche righe di colore rosso e giallo già presenti nel film “La strada” di Federico Fellini. Tra i poli del divertimento: In Piazza Ferretto, divertimento dalle 11.00 alle 13.00 e poi nel pomeriggio dalle 15.00 alle 19.00. A partire dalle 15.30, di scena l’orchestrina di musicisti itineranti Grande Cantagiro Barattoli e le scatenate percussioni della Banda Berimbau con il sound brasiliano della Batucada. Alle 16.30 la tradizionale Sfilata delle Mascherine accompagnata da divertenti giochi e originali gag. Iscrizioni lato palco dalle ore 15.30 alle ore 16:15 presso il Carretto Mascherina in Piazza Ferretto. In Piazzale Donatori di Sangue, Le Petit Cabaret 1924, alle ore 18.00:  uno spettacolo di circo-cabaret che sulle note di musica jazz e swing, si ispira e ricrea le atmosfere dei locali tipici parigini degli anni ’20. Gli spettatori saranno accolti dagli artisti con un aperitivo di benvenuto, in attesa che inizi lo show. Un percorso che strappa dalla realtà per condurre in un’esperienza coinvolgente ed emozionale. In Piazzetta Pellicani, alle ore 12.00 spettacolo di hoola hop acrobatico e dalle 15.30 il Circo Fungo, laboratorio di circo per bambini. In giro per la città, spettacoli circensi con la Compagnia del Drago Nero, la Baracca dei Buffoni, il Grande Cantagiro Barattoli, la Baracca dei Buffoni, Acqualta Teatro, Giacomino, Teatro Moro e molti altri. Piazzetta Battisti, ore 17.30, spettacolo di clown con I 4 Elementi. In Via Palazzo, dalle 15.30 La Casa degli gnomi, antico carretto dei burattini con filastrocche e canti. Migliaia di bolle di sapone tutto il giorno in Piazzetta Matter con Mastro Bolla. Tutta l’area metropolitana verrà attraversata dalla carovana del Circo Ciclò. Una serie di spettacoli ed incredibili gag che ruotano attorno alla bicicletta. Compagnie di teatro di strada accompagnate da un presentatore su monociclo e musicisti porteranno a domicilio divertimento e gag per i più piccoli. Doppio appuntamento domani, ore 11.00, a Tessera presso la Chiesa di Santa Maria Assunta e alle 15.00 a Tarù presso il piazzale della Chiesa di Santa Lucia. Alternanza ludica di parole e musica al Teatro Momo, ore 15.00, con “Una storia a tempo di jazz”. Uno spettacolo per i più piccoli a cura di Pino Costalunga dove il genere musicale verrà narrato in un dialogo continuo tra attore e strumenti musicali. Imperdibile lo spettacolo in programma nella Sala San Marco di Trivignano, ore 16.00, dove, dopo il successo della Piccola Turandot eseguita nell'edizione 2017 del Carnevale, gli allievi dell’Associazione Musicale “Ermanno Wolf-Ferrari” si rivolgeranno al giovane pubblico di bambini e ragazzi facendolo divertire in Gioco musicando/musica giocando con suoni degli strumenti della Sinfonia dei giocattoli di L. Mozart e le celebri filastrocche di tutti i nostri giochi. Al Fab Lab Venezia, ore 10.00, Vega, spazio alla creatività con i laboratori di fabbricazione digitale, dove è possibile imparare divertendosi durante il Carnevale, scoprendo i droni, la stampa 3D, la progettazione di un videogioco e tanto altro ancora all'insegna dell'innovazione e della tecnologia. Tema di domani, Scopriamo Arduino! dedicato alla scheda open source per la prototipazione elettronica più diffusa al mondo. Un’occasione per muovere insieme i primi passi nel mondo della programmazione, in un contesto ludico e di sperimentazione. Il Centro Culturale Candiani, propone invece, ore 17.00 il capolavoro per bambini Omero. Odissea di Antonio Panzuto. Uno spettacolo per raccontare la suggestione del viaggio di Ulisse e l’immortale poema di Omero attraverso la forza espressiva degli oggetti e i delicati colori della luce. A Malcontenta, Teatro S. Ilario, ore 16.30, “Cappuccetto Rosso per 2 Lupi”, una fiaba per bambini della compagnia “Vengo Anch’io”, mentre a Chirignago, Ore 14.15 sfilata mascherata a piedi da Piazza San Giorgio e a seguire, Ore 14.30 Spettacolo del gruppo Pedalia presso il Centro Sportivo Montessori, a  cura dell’Associazione i Celestini Acsd.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 feb 2018

REGIONE CALABRIA | Stanziati 74,86 milioni di euro per mettere in sicurezza le ferrovie calabresi

di mobilita

Il Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, esprime soddisfazione e ringrazia il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio appena ha avuto notizia dell’avvenuta sottoscrizione, da parte dello stesso, del Decreto di ripartizione dei fondi per la messa in sicurezza delle ferrovie regionali non interconnesse con la rete nazionale. Il prof. Catalano, Capo dell’Unità Tecnica di missione del MIT, nell’informare tempestivamente della circostanza il Presidente Oliverio, si è complimentato per la rapidità e la coerenza delle scelte di programmazione regionale, orientate alla riqualificazione ed al rilancio del trasporto ferroviario e per una programmazione delle risorse per investimenti opportunamente concentrati su progetti di rilevanza strategica. Il Decreto firmato ieri attribuisce alla Regione Calabria, per Ferrovie della Calabria srl, 74,86 milioni di euro finalizzati a dotare anche la linea regionale isolata calabrese di sistemi tecnologici e di protezione di marcia del treno per migliorare i livelli di sicurezza secondo gli standards indicati dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria. Nel caso di Ferrovie della Calabria srl sono state accolte integralmente tutte le richieste proposte al Mit dalla Regione Calabria ed in particolare la realizzazione dei seguenti interventi: Sistema di controllo della marcia dei treni (Train stop/SCMT); Ammodernamento sistema CTC e realizzazione nuovi ACEI di Stazione; Efficientamento dei Sistemi di Protezione PL. Lo stesso Presidente Oliverio nel ringraziare il prof. Catalano per la disponibilità dimostrata in occasione dei numerosi incontri tecnici, evidenzia che quest’ultimo importantissimo provvedimento si aggiunge agli altri importanti interventi di riqualificazione della linea ferroviaria Cosenza-Catanzaro, mirati alla velocizzazione della stessa, alla riparazione delle frane per il ripristino del collegamento ferroviario nella tratta interrotta tra Marzi e Carpanzano, all’acquisto di nuovo materiale rotabile ferroviario, nonché al ripristino della tratta turistica silana finalizzata con la riapertura della stessa fino a S. Giovanni in Fiore. Il tutto per un impegno complessivo di risorse di oltre 115 milioni di euro, cui si aggiungono euro 3,9/mil  per l’acquisto di nuovi autobus, con la previsione di ulteriori interventi sulla medesima linea ferroviaria per 57 milioni euro circa. L’obiettivo è quello di una velocizzazione e di una qualificazione della linea Cosenza-Catanzaro che vada a collegare, in tempi rapidi e competitivi, le due città capoluogo, mettendo a sistema anche le due importanti infrastrutture in corso di realizzazione e consistenti nella Metrotranvia Cosenza-Rende-Unical sul versante cosentino ed nel collegamento ferroviario con il polo di Germaneto e Catanzaro Lido sul versante catanzarese. Gli investimenti infrastrutturali programmati ed avviati nella Regione Calabria, afferma il Presidente Oliverio, consentiranno, una volta realizzati ed ultimati, a riposizionare la Regione Calabria ai più avanzati livelli europei in quanto sarà dotata di un sistema di mobilità collettiva ecosostenibile, ad elevata capacità e velocità commerciale, che ovunque ha rappresentato e rappresenta elemento propulsivo di sviluppo sia dal punto di vista socioeconomico che culturale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 feb 2018

MILANO | Da lunedì ATM potenzia alcune linee di periferia

di mobilita

Prosegue il piano di potenziamento delle linee Atm: parte lunedì 5 febbraio il potenziamento del collegamento con Linate con l’anticipo del servizio, miglioramenti anche su alcune linee di periferia come Barona, Adriano, Vigentino. I cambiamenti riguardano gli autobus 73, 34, 71 e 86. Progressivamente il Comune e l’azienda di trasporti milanese stanno portando avanti una serie di potenziamenti sulle linee di superficie che servono i quartieri di periferia per incrementare i collegamenti e l’efficienza. I miglioramenti attivi da lunedì riguardano anticipi di servizio la mattina, maggiori frequenze durante la settimana, nei festivi o negli orari di ‘morbida’, più regolarità nelle corse anche per facilitare l’interscambio con le metropolitane e migliorare la qualità degli spostamenti in periferia. Nel dettaglio i cambiamenti riguardano la linea 73: anticipo dell’orario delle prime corse per favorire il collegamento con Linate. In precedenza le prime partenze da Duomo erano alle ore 5:33 e 5:58 con arrivo all’aeroporto di Linate alle ore 5:57 e 6:22. Il nuovo servizio prevede partenze alle ore 5:03 - 5:23 -5:43 e 6:00 con arrivo all’aeroporto di Linate alle ore 5:27 - 5:47 - 6:07 - 6:24. La linea 34 migliora il servizio nei giorni festivi e amplia la tratta da Quartiere Fatima a via Quaranta, sull’intero percorso Quartiere Fatima – via Toffetti con interscambio a Brenta M3, come nei giorni feriali, attuando così una richiesta proveniente dai quartieri e dal Municipio. In precedenza nei festivi, l’interscambio era solo con le linee 24 e 95 e non raggiungeva la metropolitana. Potenziamento anche della linea 71, nella fascia di ‘morbida’ diurna tra le ore 9:00 e le 16:30 nei giorni dal lunedì al venerdì, le frequenze passano dagli attuali 14-15 a 12-13 minuti. Questa linea che serve importanti quartieri di periferia tra il Municipio 5 e il Municipio 6, ha un lungo percorso che in alcuni tratti subisce perturbazioni dal traffico privato. Questo è un passo ulteriore di potenziamento, ma la linea sarà oggetto di attento monitoraggio per individuare sempre migliori soluzioni. La linea 86 viene potenziata nella fascia di punta mattutina dal lunedì al venerdì da Gobba M2 verso Ca’ Granda M5, quindi a servizio in particolare della tratta da Quartiere Adriano in direzione Precotto M1, dove è stato riscontrato il maggior riempimento dei bus, e la necessità di potenziamento. I passaggi da Quartiere Adriano nell’ora di punta compresa tra le ore 7:00 e le ore 8:00 passano da 7 corse con frequenza 10-11 minuti a 8 corse con frequenza 8-9 minuti. La linea sarà monitorata per studiarne progressivi miglioramenti. Per ogni dettaglio è possibile consultare il sito web di ATM www.atm.it.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 feb 2018

Carnevale di Venezia | Oggi inaugurazione del palco di piazza San Marco

di mobilita

Piazza San Marco oggi il suo grande palco dedicato al circo e ai giochi “Creatum – Civitas Ludens” studiato dallo scenografo della Fenice Massimo Checchetto e arricchito dalle scenografie del film “La strada” di Federico Fellini e apre, di fatto, il Carnevale di Venezia 2018 dopo il consueto e tradizionale prologo del 27 e 28 gennaio con la Festa Veneziana sull’Acqua in Rio di Cannaregio. Sono le 12 Marie, scelte tra 66 candidate domenica scorsa a Ca’ Vendramin Calergi, le protagoniste della giornata d’apertura di domani, sabato 3 febbraio. Faranno il loro esordio in pubblico indossando i tradizionali costumi dell’atelier Pietro Longhi nel consueto corteo che da San Pietro di Castello le porterà fino al palco di Piazza San Marco dove avverrà la loro presentazione da parte del Principe Maurice. La manifestazione rievoca in chiave moderna il rapimento e la liberazione di dodici promesse spose ai tempi del doge Pietro Candiano III (1039). All’inizio del IX secolo il 2 febbraio di ogni anno, giorno della purificazione di Maria, le dodici più belle fanciulle del popolo scelte a rappresentare la città Si radunavano insieme ai loro promessi sposi nella chiesa di S. Pietro di Castello, per ricevere la benedizione nuziale. Bruno Tosi, noto regista e operatore culturale, scomparso nel 2012, ha rilanciato a Venezia dopo secoli di abbandono, questa meravigliosa tradizione che oggi viene portata avanti dall’infaticabile “mamma” di tutte le Marie Maria Grazia Bortolato. Ecco chi sono le 12 Marie del Carnevale di Venezia 2018 che aspirano a succedere ad Elisa Costantini, vincitrice del concorso lo scorso anno, titolo che le ha garantito di essere domenica alle 11 la protagonista del Volo dell’Angelo. Alice Bertan, 22 anni, di Dolo, Erika Chia, veneziana di Castello, 19 anni, Andrea Chiarato, 18 anni, di Mestre, Valentina Coppo, 18 anni di Musile Piave, Karol D’Amico, 22 anni, nata a Palermo ma residente a Mestre, Giulia Gioia, 18 anni, di Favaro Veneto, Debora Pattarello, 18 anni di Zelarino, Micol Rossi, 26 anni, del sestiere San Polo di Venezia, Chiara Trincanato, 20 anni, di Campagna Lupia, Arianna Vidal, 21 anni di Spinea, Giulia Zancato, 18 anni di Fossò, Irene Zanetti, 18 anni, veneziana del sestiere di Cannaregio. Dopo aver raggiunto San Pietro di Castello verso le 14.30, il corteo con le 12 ragazze percorrerà via Garibaldi e Riva degli Schiavoni in uno scenografico corteo e arriverà sul palco di Piazza San Marco attorno alle 16.00.  Le 12 Marie verranno portate a spalla lungo tutto il percorso da giovani figuranti, sedute su delle portantine e quindi, accolte dal Principe Maurice sul palco, verranno presentate una ad una al pubblico del Carnevale di Venezia. La Festa è anche un momento unico per ammirare i costumi della tradizione veneziana. Il corteo, accompagnato dai gruppi storici in costume del C.E.R.S. e dalle associazioni Amici del Carnevale di Venezia e Associazione Internazionale per il Carnevale di Venezia, è composto da: Este Medievale, Cavalieri del Drago, Schola Tamburi Storici di Conegliano, Serenisimo Tribunal de l’Inquisithion di Venezia, Palio Arcella, Corporazione Artigiani Medievali, Associazione Giano, Compagnia di S. Vitale, Gruppo Storico di Servigliano, Firlitanz – Germania, Confraternita del Leone, Academia Sodalitas Ecelinorum di San Zenone degli Ezzelini. Ospiti d’Onore: I Principini del Carnevale di Bonn – Germania. Il coordinamento è a cura del presidente del Cers Massimo Andreoli. Programma di San Marco | sabato 3 febbraio ore 11.00–13.00: Concorso la Maschera più bella. Conduzione: Compagnia Pantakin Venezia. ore 15.00–15.30: Le Beuffon de Courmayeur al Carnevale di Venezia a cura di Commune Courmayer. Conduzione: Compagnia Pantakin Venezia ore 15.30–16.00: Aspettando le Marie del Carnevale con il trionfo carnevalesco di benvenuto. Show della tradizione. Conduzione: Compagnia Pantakin Venezia e Principe Maurice Agosti. ore 16.00–17.00: LA FESTA DELLE MARIE  ore 17.00–17.30: Esibizioni storiche, sbandieratori, duelli e danze. ore 17.30–19.00: DJ-SET Prsdnt & VJ-SET F-Productions, Dj Danielino in consolle ore 19.00–22.00 Piazza San Marco si anima con musica dal vivo e DJ Set con un programma selezionato dai migliori club partner di Red Bull. Musica dal Vivo Spazio Zero Band & VJ-SET F-Productions.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 feb 2018

Carnevale di Venezia: presentato il programma delle iniziative in Terraferma

di mobilita

 “Un Carnevale ricchissimo di appuntamenti, spalmati su tutto il territorio, e pensato non solo per i ragazzi ma anche per gli adulti; ma che soprattutto riesce a mettere 'a sistema' le tante iniziative nate spontaneamente a livello locale, abbinando a queste altri eventi di grandissima qualità”.  Gli assessori comunali al Turismo, Paola Mar, e alla Coesione sociale, Simone Venturini, hanno presentato al Municipio di Mestre, il calendario delle manifestazioni in programma in Terraferma, nell'ambito del Carnevale di Venezia 2018, nel corso della conferenza stampa a cui hanno preso parte anche la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, l'amministratore unico di Vela SpA, Piero Rosa Salva, la curatrice del “Mestre Carnival Street Show”, Enrica Crivellaro. Per 8 giorni (il 3 e 4 febbraio e dall'8 al 13 febbraio), Mestre diventerà una sorta di grande circo a cielo aperto. Le sue vie centrali, grazie al “Mestre Carnival show”, saranno animate da spettacoli condotti da scatenati musicisti, spericolati acrobati e stravaganti artisti. Nelle stesse giornate, in piazzale Donatori di Sangue si potrà assistere a “Le petit cabaret 1924”, uno spettacolo di circo-cabaret che riporterà alle atmosfere parigine degli anni Venti. In piazzetta Pellicani, invece, dall'8 al 13, ci sarà “Imaginarium”, un circo fotografico unico nel suo genere. Non mancheranno ovviamente gli appuntamenti “tradizionali”, come il Volo dell'Asino, fissato per domenica 11 febbraio alle ore 12, preceduto da “Ice Carnival Show”, uno spettacolo sul ghiaccio. Spazio inoltre alla tradizionale sfilata delle mascherine in piazza Ferretto nei giorni clou del Carnevale.  “Ma ci saranno – ha sottolineato Venturini – tanti appuntamenti anche in tutta la Terreferma: a Marghera, ad esempio, sabato 10 febbraio, ritorna la sfilata dei carri, ormai un appuntamento irrinunciabile e sempre più frequentato, che ha il merito di far sfilare insieme i carri 'professionali' e quelli 'amatoriali' realizzati dalle associazioni del territorio.”      “Nasce da un grande lavoro, che vede coinvolte ben 900 persone del luogo – ha ricordato Paola Mar – anche l'altra sfilata, fiore all'occhiello del programma di Terraferma: quella di Zelarino, giunta alla 51^ edizione, che si terrà martedì 13 febbraio. E con i tanti eventi di Carnevale, mi piace ricordare anche il ritorno di 'Happy Friday', venerdì 9 febbraio, per rendere il centro di Mestre ancora più attrattivo in queste giornate.” “E' davvero un Carnevale – ha osservato la presidente Damiano – per tutte le età, che fa di Mestre e della Terraferma sempre più un punto di riferimento. Non mancherà nemmeno lo sport: domenica 11 febbraio è in programma la 'Corri in maschera', con partenza alle ore 9 dalla Torre dell'orologio.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 feb 2018

ROMA | Nell’area dell’ex parcheggio viale Leonardo da Vinci presto un ciclogiardino

di mobilita

Buone notizie per l'area dell'ex parcheggio di viale Leonardo da Vinci che presto diventerà un'area verde con una ciclabile. Nei prossimi mesi è infatti prevista la realizzazione di un progetto di riqualificazione dell’intera zona, tra via Giovannipoli e via Costantino. Il cantiere per la realizzazione di un parcheggio nell'area di viale Leonardo da Vinci aprì ai primi anni del 2000, ma i lavori non iniziarono mai lasciando l’area ostaggio del degrado. Nel corso degli anni i cittadini e i comitati di quartiere hanno più volte chiesto di intervenire. A settembre scorso il Dipartimento Mobilità, con una determina dirigenziale, ha revocato la convenzione tra Roma Capitale e il consorzio Ascogen, dandogli trenta giorni per ripristinare l’area e ripulirla. Il consorzio ha impugnato l’atto chiedendone la sospensione, ma il Tar ha rigettato la sospensiva. Il Dipartimento ha firmato un provvedimento chiedendo l’intervento della Polizia Locale di Roma Capitale per liberare l’area. “Diventata negli anni simbolo di degrado, oggi l’area dell’ex parcheggio torna ai cittadini. Sul posto vi sono ancora transenne che bloccano l’accesso alla strada. A testimonianza di lavori mai iniziati. Siamo pronti a dare il via a un percorso di riqualificazione che coinvolga cittadini e comitati di quartiere. Abbiamo presentato un primo progetto che prevede la creazione di una area verde e la realizzazione di una ciclabile vicino a due scuole. Ora ci confronteremo con chi vive questi luoghi per adottare un progetto comune”, dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Dopo Campo Testaccio recuperiamo anche un altro sito che attualmente versa in completo stato di abbandono. A oggi la strada chiusa al traffico viene utilizzata per parcheggiare anche in doppia fila. Noi ripristineremo la viabilità nella zona e prevediamo la realizzazione di un collegamento ciclabile che andrà a collegarsi con via Cristoforo Colombo e la metro San Paolo”, spiega l’Assessore alla Città in Movimento di Roma Capitale, Linda Meleo. “Per riqualificare quest’area puntiamo su un nuovo e innovativo spazio verde, un ciclogiardino, ossia un piccolo giardino piantumato con lecci già esistenti e un lungo percorso alberato contenuto tra due strade di traffico. Nella forma ci piacerebbe rimandare alla stilizzazione di una bicicletta che ridisegna i vialetti con zone giochi, un’area per la riparazione delle biciclette, punto ristoro e esempi di riciclo. L’obiettivo è educare adulti e bambini alla mobilità ciclistica e al rispetto del codice stradale”, afferma l’assessora alla Sostenibilità Ambientale, Pinuccia Montanari.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 feb 2018

FIRENZE | Lavori Publiacqua tra Ponte Vecchio e via Guicciardini

di mobilita

Lunedì 29 gennaio sono ripresi i lavori di Publiacqua nella zona di Ponte Vecchio. In questa fase i lavori consistono nella realizzazione di una cameretta nella zona in corrispondenza dell’intersezione tra via Guicciardini-Ponte Vecchio-via dei Bardi. Per due settimane sarà quindi chiusa la direttrice via Guicciardini-via dei Bardi con il ripristino della viabilità già in vigore fino al 22 dicembre. Ovvero i veicoli in arrivo da via Guicciardini e diretti verso San Frediano dovranno svoltare in Borgo San Iacopo o via Barbadori. Per i mezzi di dimensioni limitate (auto e due ruote) potranno utilizzare anche l’itinerario da piazza Santa Felicita-via Stracciatella-Costa del Pozzo-vicolo del Canneto-piazza Santa Maria Soprarno per poi riprendere via dei Bardi verso San Niccolò.  In contemporanea dal 29 gennaio è scattata la chiusura di piazza Nazario Sauro all’angolo con via dei Serragli per alcune operazioni sulla rete dell’acquedotto collegate alla realizzazione della cameretta su via dei Bardi. Nell’occasione al termine di questo intervento di Publiacqua è stato programmato un ripristino temporaneo in asfalto della pavimentazione deteriorata in attesa del rifacimento definitivo in pietra della piazza già nei programmi dell’Amministrazione. Le due lavorazioni si concluderanno il 7 febbraio. Dal punto di vista dei provvedimenti sarà chiusa la svolta da Borgo San Frediano a via dei Serragli mentre resterà aperta la svolta verso Ponte alla Carraia ma soltanto per i veicoli inferiori ai 35 quintali. Chiuso anche l’ultimo tratto di via di Santo Spirito (da via Maffia a piazza Nazario Sauro). Per istituire un itinerario alternativo di uscita dalla zona , oltre alla revoca dell’area pedonale in via di Santo Spirito, saranno invertiti i sensi di marcia nella stessa strada (da via di Maffia verso via dei Coverelli) e sulla direttrice via Mezzetta-via Sant’Agostino verso via dei Serragli. Per accedere al quadrante gli autorizzati ztl potranno utilizzare l’itinerario da Porta Romana o da piazza Tasso. I veicoli autorizzati provenienti da Borgo San Frediano e diretti verso via Maggio/San Niccolò potranno utilizzare anche l’itinerario Ponte alla Carraia-lungarno Corsini-Ponte Santa Trinita-piazza dei Frescobaldi-via dello Sprone e da qui riprendere il percorso via Guicciardini-piazza Santa Felicita etc. Per entrambi i lavori sono previste deviazioni per le linee Ataf 6 (in direzione Novelli), 11 (direzione Galluzzo La Gora), C3 (direzione piazza Beccaria), D (ambedue le direzioni). Contemporaneamente ai lavori della cameretta, inizieranno i lavori di rifacimento in pietra di marciapiedi e carreggiata di via dei Bardi. Questo intervento sarà effettuato a fasi alterne andando a occupare un marciapiede e metà carreggiata in modo da mantenere sempre aperta una corsia che sarà utilizzata per la direttrice verso San Niccolò. Termine previsto dei cantieri entro giugno

Leggi tutto    Commenti 0