Articolo
04 dic 2017

BOLZANO | Procedono i lavori dello svincolo Bressanone centro

di mobilita

L'associazione temporanea di imprese formata da PAC, Wipptaler Bau e Beton Eisack, assegnataria dei lavori di costruzione dello svincolo di Bressanone centro, sta lavorando ai due portali della galleria lunga 362 metri, cuore del progetto che comprende altresì un tratto all’aperto tra il cantiere comunale e la caserma Reato, per una lunghezza complessiva di 468 metri. Sono trascorsi 74 giorni dalla consegna ufficiale dei lavori. “Lo svincolo costituisce un elemento importante per il centro cittadino di Bressanone; una volta completati gli interventi con il collegamento cittadino e con la circonvallazione di Varna sarà possibile trasferire il traffico di transito e quello pesante dalla città” afferma l'assessore provinciale alle infrastrutture Florian Mussner.  A lavori conclusi, si potrà quindi considerare di rivedere le strade nel centro cittadino. Il sindaco di Bressanone Peter Brunner sottolineando l’ottima collaborazione in atto fra Provincia e Comune, ha ribadito l’importanza per l’amministrazione comunale di “portare avanti anche gli altri progetti di viabilità, appunto anche la circonvallazione di Varna e la brettella sud tra Millan e Sant’Andrea, al fine di implementare il concetto complessivo per la mobilità nell’area di Bressanone”. L’investimento complessivo riferito al progetto dello svincolo di Bressanone centro, che collega la circonvallazione con via Dante e via Roma, è di 13,8 milioni di euro, di cui 10,3 per la costruzione, e circa 3,5 per la gestione e la progettazione. Il sopralluogo si è tenuto oggi, 4 dicembre, in concomitanza con la festa di santa Barbara, patrona dei minatori, dei lavoratori in galleria, dei geologi, dei muratori, degli architetti e degli alpinisti, ricordata dal decano Albert Pixner che ha augurato a tutti i presenti, amministratori, tecnici e progettisti, una buona riuscita, senza incidenti,

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 dic 2017

BERGAMO | Installate 16 nuove pensiline smart della linea C

di mobilita

Partono oggi i lavori per l’installazione delle 16 pensiline smart della Linea C: la nuova linea di 12 autobus elettrici di ultima generazione, che da inizio anno 2018, viaggeranno lungo un percorso in parte preferenziale, tangenziale al centro, in collegamento con i quartieri e in connessione con gli altri sistemi di mobilità: gli autobus, il tram, i parcheggi interscambio, il bike sharing.  I lavori, che dureranno circa cinque settimane, prevedono la rimozione delle attuali e l’installazione delle 16 nuove pensiline smart lungo il percorso della Linea C: due in Porta Nuova (lato Chiesa Santa Maria delle Grazie e Hotel Cappello d’Oro), via Carducci (Auchan), Ospedale, via Frizzoni (Muraine), Piazzale Oberdan (edicola), via Corridoni (Esselunga), Piazza Sant’Anna, via Camozzi (Liceo Artistico), via Camozzi (Banca Unipol), via Borgo Palazzo (fermata TEB lato parcheggio e postazione bike sharing), via XXIV Maggio (una nuova pensilina all’altezza del civico n° 11), via Broseta (Croce Rossa Italiana), Piazza della Libertà e le ultime due in Porta Nuova (lato Nessi e Propilei). La sostituzione delle pensiline avviene secondo un programma di cantiere suddiviso in tre principali fasi di intervento: lo smontaggio della pensilina esistente, gli scavi e la predisposizione del terreno, ed infine il montaggio della nuova struttura. Ai cantieri – personalizzati con la campagna di lancio della nuova Linea C – si aggiunge anche l’installazione di una nuova pensilina (di tipo tradizionale), in corrispondenza della fermata TEB di Borgo Palazzo (lato scale mobili). Le fermate coinvolte dai lavori vengono provvisoriamente spostate di pochi metri per consentire ai passeggeri l’accesso agli autobus. Le 16 nuove pensiline smart sono attrezzate con dispositivi intelligenti e servizi di connettività di ultima generazione: dal design raffinato, moderno e integrato con il contesto urbano, sono dotate di connessione wifi e mappe interattive con le informazioni su orari, rete e principali punti di interesse, per restituire al viaggiatore una nuova esperienza di utilizzo del TPL. Realizzate da IGPDecaux – società leader nella pubblicità sui mezzi di trasporto – le pensiline sono dotate di un totem “live-touch” con applicazioni personalizzate e dedicate alle principali informazioni a disposizione del cittadino e turista in attesa alla fermata. Dallo schermo con un semplice tocco è possibile accedere alle  applicazioni supportate: “Intorno a te” che visualizza i punti di interesse più vicini alla fermata ATB; “La città”, un canale diretto con le informazioni, i servizi e le news realizzato in collaborazione con il Comune di Bergamo; “Breaking news”, i fatti e gli avvenimenti più importanti del giorno selezionati da una testata giornalistica; “I servizi ATB”, le principali informazioni sui servizi dell’azienda (emettitrici a bordo, app, Museo, ATB Point); “VisitBergamo”, la pagina instagram del portale di promozione turistica del territorio; Ultimo minuto ATB, le comunicazioni sulle modifiche del servizio di trasporto pubblico locale. Gli orari sono visualizzabili su un monitor TFT - Thin Film Transistor - a colori che riporta il servizio programmato degli autobus in transito e fornisce altre informazioni sui servizi ATB. Tutte le 16 pensiline sono “wireless free”, grazie alla connessione con Bergamo Wi-Fi, e accessibili agli ipovedenti: attivando un tasto si riproduce un messaggio vocale con l’orario programmato delle prime tre corse in transito. Infine, oltre alle informazioni digitali, sono presenti anche la mappa del servizio, le regole del viaggio e gli orari delle linee in transito, come per tutte le altre pensiline della rete ATB.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

REGIONE FVG | Parte il progetto NeMo per rendere le vetture della P.A. elettriche

di mobilita

Il Friuli Venezia Giulia si candida ad essere la prima regione in Italia in cui una quota consistente di veicoli appartenenti alle pubbliche amministrazioni verrà sostituita da vetture elettriche. Il raggiungimento di questo obiettivo sarà possibile grazie all'attivazione dell'iniziativa denominata Noemix, la quale è parte del più ampio progetto europeo di New mobility (NeMo) finanziato dal programma Horizon 2020 e che coinvolgerà le Pa del territorio regionale per ridurre l'inquinamento urbano causato da mezzi a motore. I dettagli verranno illustrati agli enti pubblici in una serie di incontri, di cui i primi due si terranno lunedì 4 dicembre; a Pordenone, alle 9.45, l'appuntamento è previsto nell'auditorium della ex sede della Provincia in largo San Giorgio, mentre alle 15 toccherà a Udine (Auditorium Comelli in via Sabbadini). Doppio appuntamento anche il giorno successivo: alle 9.45 il progetto verrà illustrato a Gorizia nell'auditorium di via Roma mentre l'incontro successivo si svolgerà alle 15 a Trieste al Magazzino delle idee in corso Cavour. Ad aprire gli incontri sarà l'assessore regionale all'Ambiente Sara Vito. Con il servizio Noemix si punta alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica, all'aumento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e alla riduzione dell'inquinamento urbano. Il team del progetto comprende diverse competenze tra loro complementari: la Regione con il ruolo di lead partner, Area Science Park (progettazione e coordinamento tecnico-scientifico), Università di Trieste (analisi dei bisogni di mobilità delle PA), Bit (aspetti tecnico-finanziari), Aniasa (esperto di mobilità e rappresentante degli operatori presenti nel mercato italiano) e Promoscience (comunicazione e disseminazione).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

REGIONE FVG | Stanziati 3,1 milioni per treni con Milano e Roma

di mobilita

Il tema della mobilità su rotaia è cruciale per il Friuli Venezia Giulia, che si ritrova ad essere un punto nodale per i collegamenti con Austria e Slovenia.  La conferma di un impegno della Regione rivolto alla mobilità sostenibile dei cittadini è orientata anche al rafforzamento delle direttrici più importanti che collegano Trieste e Udine a Milano e Roma con le Frecce di Trenitalia. Proprio oggi, in una riunione di Giunta è stata deliberata la prenotazione fondi per un ammontare di 3.100.000 euro, finalizzati alla copertura integrale della proroga di un anno della convenzione stipulata dall'Amministrazione regionale con Trenitalia, in applicazione alla legge che autorizza la stessa Regione a sostenere gli oneri del miglioramento del servizio passeggeri di lunga percorrenza tra Trieste e Udine con Milano e Roma. A completare l'iter del provvedimento va ricordato l'atto integrativo del 2014 per lo svolgimento di ulteriori servizi di trasporto ferroviario sulla tratta Trieste/Mestre relativi alle relazioni di media e lunga percorrenza Trieste/Milano e Trieste/Roma. "In questi anni - ha sottolineato l'assessore regionale alle Infrastrutture e territorio, Mariagrazia Santoro - sono stati effettuati molti interventi, non solo sui contratti ma anche sulle infrastrutture e in particolare sul miglioramento delle linee". A tal riguardo Santoro ha ricordato l'apertura nei prossimi giorni del collegamento della tratta Sacile/Maniago che il prossimo anno sarà completata fino a Gemona. "L'obiettivo - ha concluso Santoro - è quello di garantire ai cittadini una possibilità di movimento sostenibile che veda il mezzo pubblico realmente e concretamente alternativo all'automobile". 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

FIRENZE | Continua il roadshow dei treni Pop e Rock

di mobilita

VENERDÌ 1 DICEMBRE Ad inaugurare la tappa fiorentina Renato Mazzoncini, AD e DG di FS Italiane, insieme a Tiziano Onesti, Presidente Trenitalia, e Orazio Iacono, AD Trenitalia. Presenti anche Dario Nardella, Sindaco di Firenze e Vincenzo Ceccarelli, Assessore ai Trasporti Regione Toscana, insieme a Maurizio Manfellotto e Michele Viale rispettivamente Amministratori Delegati di Hitachi Rail Italy e Alstom Italia. IL VILLAGGIO TRENITALIA Aperto dalle 10.00 alle 20.00 - sabato 2 chiude alle 17:30 Dalle 17.00 alle 19.00 ad intratenere i visitatori il dj set a cura di RTL 102.5. Sabato 2 dicembre l'animazione musicale è dalle 15:00 alle 17:00. I NUOVI TRENI POP E ROCK Più comodi, più sostenibili e più accessibili, i nuovi Rock e Pop - attualmente in costruzione – sono stati commissionati da Trenitalia rispettivamente a Hitachi Rail Italy e Alstom e saranno consegnati in tutte le regioni d’Italia a partire dalla primavera del 2019. La prima regione dove arriveranno i nuovi treni pendolari sarà l’Emilia-Romagna. Complessivamente 86 convogli: 39 Rock e 47 Pop. Le nuove flotte dei treni regionali - complessivamente 300 Rock e 150 Pop - compongono la maxi fornitura da 450 nuovi convogli della commessa da oltre 4 miliardi di euro che, per valore economico e numero di treni, non ha precedenti in Italia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

BOLZANO | Scatta la chiusura invernale del passo Pennes

di mobilita

Dopo le chiusure dei passi Rombo, Erbe, Stalle e Stelvio, a partire da oggi stop invernale anche per la strada che porta a passo Pennes. Per garantire il massimo livello di sicurezza, dopo le nevicate dei giorni scorsi, il Servizio strade ha deciso di chiudere al traffico, con effetto immediato, la strada che porta a Passo Pennes. Si tratta della quinta chiusura invernale dopo quelle già entrate in vigore lungo le arterie che portano a passo Rombo, passo Erbe, passo Stalle e passo Stelvio.  Lo stop alla circolazione delle auto è già entrato in vigore a partire dal km. 42, tra le località Pennes e Dosso, nel territorio comunale di Sarentino. Le chiusure invernali dei passi di montagna rimangono valide sino alla loro revoca, il Servizio strade ricorda che lungo tutte le arterie di montagna è necessario che il proprio mezzo sia dotato di adeguate attrezzature invernali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

MONFALCONE | Pubblicato il bando di gara per l’affidamento del prp del porto

di mobilita

Il 28 novembre è stato pubblicato il bando di gara per l'affidamento del servizio tecnico di pianificazione, progettazione e coordinamento tecnico-scientifico del piano regolatore del porto (prp) di Monfalcone. Lo annuncia l'assessore a Infrastrutture e Territorio del Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro, spiegando che "l'incarico comporta l'elaborazione e la redazione della documentazione di piano, l'assunzione dell'incarico di coordinamento tecnico-scientifico e la relativa assunzione di responsabilità professionale per il prp, l'attività di supporto all'amministrazione regionale durante tutte le fasi dell'iter formativo del prp, anche in termini di adeguamento della documentazione di piano". L'importo a base di gara previsto per l'affidamento del servizio ammonta a 247.538,54 euro e il criterio con cui avverrà l'aggiudicazione è quello dell'offerta economicamente più vantaggiosa. La scadenza per la presentazione delle offerte è fissata per l'8 gennaio 2018. Il bando, ulteriore passaggio importante per il Porto di Monfalcone, segue le consultazioni di vas che hanno evidenziato aspetti da sviluppare sia relativamente alle scelte di piano, sia rispetto ai contenuti del relativo rapporto ambientale e si colloca nel complesso delle azioni e degli interventi che, come afferma Santoro, "l'Amministrazione regionale ha fruttuosamente messo in campo per la valorizzazione e lo sviluppo dell'ambito portuale monfalconese, in termini sia gestionali che infrastrutturali". A questo proposito, Santoro evidenzia la rilevanza della procedura, che testimonia l'assoluta attenzione per il porto di Monfalcone, anche nella prospettiva del passaggio del porto stesso nell'Autorità di sistema portuale assieme al porto di Trieste. "Per lo scalo monfalconese - prosegue l'assessore - risulta preminente la necessità di una rideterminazione organica delle aree destinate allo sviluppo del porto, coerentemente con il rinnovato incremento dei traffici e le necessarie sinergie con il porto di Trieste". "Nell'ottica di un'Autorità di sistema portuale unica - conclude Santoro - abbiamo tenuto conto delle opportunità offerte dall'attuale rinnovamento del quadro normativo settoriale, prevedendo una redazione del piano regolatore del porto di Monfalcone che rendere possibile una proposta di piano da sottoporre a tutti i soggetti coinvolti, dall'Autorità di sistema portuale, al Comune di Monfalcone fino agli operatori portuali". Il percorso di definizione puntuale delle scelte strategiche e pianificatorie per il porto di Monfalcone avverrà, dunque, tenendo conto delle esigenze dei soggetti istituzionali presenti sul territorio e in coordinamento con l'Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico orientale, nell'ottica di un sistema portuale regionale pienamente inserito nel quadro della riforma nazionale in materia di portualità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

FIUMICINO | Presentato in Consiglio Comunale progetto del nuovo porto commerciale

di mobilita

È stato presentato oggi, in una seduta aperta del Consiglio comunale, il progetto del Porto Commerciale di Fiumicino. “Ringrazio il Presidente dell’Autorità Portuale del Mar Tirreno Centro-Settentrionale, Francesco Maria Di Majo per averci illustrato il nuovo Adeguamento Tecnico Funzionale approvato lo scorso 30 ottobre – dichiara il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino - Era importante che i nostri cittadini, anche grazie alla diretta streaming della seduta, fossero messi al corrente delle ultime novità progettuali su un’opera strategica per il nostro territorio". Il Porto Commerciale si estenderà a nord della foce del fiume Tevere per un paio di chilometri e occuperà una porzione ridotta di area costiera, per lo più ricadente in ambito demaniale, ed una consistente porzione di specchio acqueo marino antistante la suddetta area. Subirà una separazione dei traffici: flotta pescherecci da una parte e traghetti riservati a passeggeri dall’altra. Ci sarà uno scambio di funzioni tra le aree e banchine destinate alla cantieristica navale (in una prima fase progettuale collocate a ridosso della diga di sottoflutto) e le banchine destinate alle navi da crociera (inizialmente collocate in prossimità della darsena pescherecci). In una prima fase verrà realizzata la Darsena Pescherecci (in considerazione delle criticità per l’accesso e l’attuale stazionamento della flotta pescherecci nel Porto Canale di Fiumicino) la cui banchina, nella parte nord sarà destinata alla cantieristica navale. Un’infrastruttura strategica non solo per Fiumicino, ma per l’Italia centrale grazie alla posizione geografica alle porte di Roma e per la rilevanza degli insediamenti e delle infrastrutture esistenti, come ad esempio l’aeroporto Internazionale Leonardo da Vinci che potrà essere unito direttamente con un sistema di collegamento.  "Siamo felici delle potenzialità racchiuse in questo progetto - continua il sindaco Montino - che vede lo spostamento della nostra flotta pescherecci dal Porto Canale in una sede adeguata che potrà contare su servizi a terra dedicati al nostro pescato. Una grande occasione di sviluppo economico con la possibilità per i passeggeri che attraccheranno sulla nostra costa di raggiungere i nostri siti di interesse storico, naturalistico, turistico, archeologico e Roma anche attraverso la navigazione del Tevere. Allo stesso tempo vigileremo affinché questo sviluppo sia sostenibile dal punto di vista ambientale e possa contare su una logistica adeguata, attraverso infrastrutture viarie e di mobilità. Credo sia importantissimo anche prevedere una serie di misure di compensazione e di mitigazione dell’erosione del nostro litorale, studiando sistemi che garantiscano il trasporto sedimentario e sabbioso sulla nostra costa, da Fiumicino a Fregene. Questo è un punto irrinunciabile di difesa del nostro territorio e delle sue peculiarità. Ringrazio i consiglieri intervenuti e i cittadini che hanno espresso opinioni e osservazioni su quanto presentato. Se vogliamo che un’opera di cui si parla dal secolo scorso trovi la sua realizzazione, abbiamo bisogno di analizzarne tutti gli aspetti presentati. Nessuno vuole un Porto avulso dal contesto urbano, ambientale e sociale di Fiumicino, ma un luogo che sia un’opportunità per far crescere e – conclude Montino - rendere migliore la nostra Città”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

Aeroporto di Bologna. Da Giugno 2018 voli diretti verso cinque città cinesi

di mobilita

Hangzhou, Nanchang, Shenyang, Taiyuan e Xi’an: sono le cinque città cinesi che da giugno del prossimo anno saranno collegate a Bologna con voli diretti, per un totale di 60 voli in arrivo ed altrettanti in partenza. Le nuove rotte, operate dalla compagnia italiana Blue Panorama Airlines con aeromobili Boeing 767-300 ER da 267 posti, saranno gestite come charter dal tour operator cinese Phoenix Travel Worldwide, che per i turisti cinesi metterà in vendita pacchetti di 10 giorni tra l’Italia e l’Europa, con partenza ed arrivo da/a Bologna.Il 15 Giugno atterrerà al Marconi il primo volo diretto da Nanchang, capoluogo dello Jiangxi, nel sud-est della Cina. Due giorni dopo sarà la volta di Hangzhou, città di sei milioni di abitanti a 140 km da Shanghai e area di origine della maggior parte della comunità cinese residente in Italia. Dopo altri due giorni, ecco sbarcare i cinesi di Shenyang, primario centro finanziario del paese con oltre otto milioni di abitanti. Quindi arriveranno i turisti di Taiyuan, hub stradale e ferroviario del nord della Cina, mentre il 23 giugno atterrerà il primo volo da Xi’an, la Silicon Valley Cinese sede anche del famoso “Esercito di Terracotta”. La sequenza dei voli si ripeterà fino all’11 ottobre, con l’ultimo volo in arrivo da Xi’an. E’ comunque possibile un’estensione del programma anche nei mesi successivi.L’avvio dei voli da/per la Cina rafforza ulteriormente il network di destinazioni offerte dal Marconi, che negli ultimi anni ha puntato fortemente sull’Est del mondo, con i nuovi collegamenti per Istanbul, Mosca e Dubai, confermandosi il quarto scalo italiano per connettività mondiale. Prossimo obiettivo, dopo questa prima apertura al “Paese del Dragone”, sarà quello di attivare anche voli di linea sulle nuove rotte cinesi, in modo da offrire un servizio non solo in incoming, per i cinesi che vengono a visitare Bologna e l’Italia, ma anche outgoing, per gli italiani che intendono recarsi in Cina per lavoro o turismo.Le nuove rotte sono state presentate oggi a Bologna dal presidente dell’Aeroporto di Bologna Enrico Postacchini e dall’amministratore delegato di Blue Panorama Airlines Giancarlo Zeni, insieme al sindaco di Bologna Virginio Merola.“Fino ad oggi – ha commentato il presidente di AdB Enrico Postacchini – solo Roma e Milano offrivano collegamenti diretti con la Cina. Con questi nuovi voli, l’Aeroporto di Bologna si conferma sempre più uno scalo di rilevanza internazionale e un volano di sviluppo per il territorio. Questo è un risultato che abbiamo fortemente voluto, facendo squadra con gli enti locali, regionali e di promozione turistica, che voglio ringraziare insieme a tutte le persone di AdB coinvolte a vario titolo”.“Questo progetto è l’ennesimo tassello di un percorso di crescita che Blue Panorama sta mettendo in atto da diverso tempo e che sta dando i suoi risultati.  – ha dichiarato Giancarlo Zeni, amministratore delegato di Blue Panorama Airlines – Possiamo certo affermare che il 2017 è stato un anno fondamentale per la storia della compagnia e ancora di più lo sarà il 2018. La Cina è un mercato verso il quale il turismo è necessariamente obbligato a rivolgersi. Sono sicuro che questa nuova opportunità sia solo l’inizio per un ulteriore percorso di crescita e sviluppo che ci vedrà sempre più protagonisti. Queste nuove rotte dall’aeroporto di Bologna rappresentano inoltre il completamento dell’offerta di Blue Panorama che si estende anche ai voli intercontinentali oltre a quelli domestici e internazionali già operati”.I voli con la Cina arrivano dopo l’ottenimento, da parte del Marconi, della certificazione di accoglienza Welcome Chinese della Chinese Tourism Academy, il riconoscimento governativo cinese che attesta l’offerta di servizi aeroportuali pensati per il passeggero cinese e che favorisce l’entrata nel mercato cinese.“L’Aeroporto di Bologna è il quarto scalo in Europa e il secondo in Italia che ha ottenuto la certificazione Welcome Chinese, siamo molto orgogliosi di aver collaborato per il raggiungimento di questo strategico accordo di business - ha dichiarato Concetta Caravello, Direttore Generale di Welcome Chinese - un enorme passo in avanti per lo sviluppo del turismo cinese nel territorio di Bologna e nella Regione, che permetterà a turisti e investitori cinesi di conoscere le eccellenze del forte tessuto economico che la contraddistingue. Con questo accordo ci saranno voli diretti da Bologna con cinque città cinesi, Nanchang, Shenyang, Taiyuan, Xi'an e Hangzhou, città di 9 milioni di abitanti a 140 chilometri da Shanghai, sede del colosso mondiale Alibaba. La scelta di Bologna e del suo Aeroporto di certificarsi come destinazione Welcome Chinese è un passo importante e fondamentale per rafforzare la sua posizione in questo mercato anche in previsione del 2018 Anno del turismo UE-Cina, dove i partner di Welcome Chinese avranno la possibilità di partecipare in via esclusiva al business forum e al networking con le principali aziende cinesi del settore turistico".Hanno partecipato alla presentazione di oggi anche: l’assessore regionale alle Attività Produttive Palma Costi, l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini, l’assessore all’Economia e alla Promozione della città di Bologna Matteo Lepore, il presidente di Bologna Welcome Celso De Scrilli, l’amministratore delegato di AdB Nazareno Ventola e il direttore Business Aviation e Comunicazione di AdB Antonello Bonolis.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 dic 2017

Aeroporto di Crotone. Dall’8 gennaio i primi voli per Milano, Roma, Bologna e Londra

di Roberto Lentini

Sarà la compagnia aerea Flyservus, che fa parte della Common Sky specializzata in voli charter. ad effettuare, dall'8 gennaio, i primi voli dall'aeroporto Pitagora di Crotone. Ci saranno due collegamenti giornalieri per Milano Malpensa e Roma Fiumicino e un collegamento giornaliero con Bologna. E' previsto anche un collegamento con Londra Luton con due voli settimanali, il venerdi e la domenica. Tutti i voli verranno effettuati con un Boeing 737.  

Leggi tutto    Commenti 0