Articolo
28 set 2018

Stretto Messina, Mit: nessuna interruzione collegamenti veloci

di mobilita

I collegamenti rapidi da Reggio Calabria a Messina non subiranno nessuna battuta d’arresto dal prossimo 1 ottobre e i mezzi veloci continueranno a trasportare i passeggeri nello Stretto regolarmente. Lo rende noto un comunicato del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. A differenza di quanto affermato a mezzo stampa dal sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, il Ministro Danilo Toninelli si è attivato per salvaguardare il traffico veloce nello Stretto di Messina, dando impulso a Rfi di garantire, sin dal prossimo 1 ottobre in via temporanea, i collegamenti da Reggio Calabria a Messina. Il servizio dunque non subirà alcuna interruzione. Proprio perché conscio dell’importanza centrale dei collegamenti rapidi nello Stretto, Toninelli ha assicurato, tramite Rfi, che i mezzi veloci continuino a viaggiare con la consueta frequenza fino a quando - tra novembre e dicembre - saranno disponibili le risorse per una soluzione strutturale. Al momento però non si conoscono orari e modalità del nuovo collegamento prospettato dal ministro Toninelli.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 set 2018

BOLOGNA | Arriva Enjoy’, il servizio di car sharing a rilascio libero

di mobilita

Enjoy, il car sharing targato Eni in partnership con Fiat e Trenitalia, arriva anche a Bologna. Le modalità e le caratteristiche del servizio supportano una customer experiencesemplice ed immediata, grazie alla totale gestione del noleggio via App. L’utente potràvisualizzare il veicolo più vicino e prenotarlo con l’applicazione per smartphone (Android, iOS e Windows Phone) o tramite il sito enjoy.eni.com, oppure sceglierne uno libero lungo la strada, ingaggiarlo e iniziare subito il noleggio. La flotta Enjoy sarà composta da 100 Fiat 500 che potranno essere rilasciate al termine dell’utilizzo all’interno dell’area coperta dal servizio (circa 15 kmq) dando nuova energia alla mobilità bolognese dopo Milano, Roma, Firenze, Torino e Catania grazie. L’iscrizione è gratuita e completamente online, le tariffe competitive: 25 centesimi al minuto (per i primi 50 km, dopo i quali si applica anche il costo al km di 25 centesimi), oppure tariffa giornaliera di 50 euro. Il costo è all inclusive e comprende anche le spese di assicurazione, manutenzione, carburante e parcheggio. Enjoy dà la possibilità di effettuare la “prenotazione estesa” che prevede i primi 15 minuti gratuiti e dal 16° al 90° una tariffa di 10 centesimi al minuto. A partire da dicembre 2013, le 2.400 Fiat 500 rosse Enjoy e i 50 Doblò Cargo, hanno avuto un impatto significativo nel mondo della sharing mobility con oltre 780 mila clienti già iscritti ed una media di oltre 14.000 noleggi giornalieri. Il vehicle sharing Enjoy rientra nel programma di iniziative Eni volte a promuovere soluzioni tecnologiche innovative, legate a temi quali l’economia circolare e nuovi modelli economici sostenibili.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 set 2018

MILANO | Biciclette, realizzata la prima rastrelliera pubblica posata da un privato

di mobilita

È stata inaugurata stamattina in via Felice Casati 27 la prima rastrelliera pubblica per la sosta delle biciclette posata da un privato.  Erano presenti gli assessori Marco Granelli (Mobilità e Ambiente), Lorenzo Lipparini(Partecipazione e Open Data) oltre ai soci di Pavé Diego Bamberghi, Giovanni Giberti e Luca Scanni, Andrea Painini (presidente Confesercenti Milano-Lodi-Monza Brianza) e Luca Bigliardi (PrincipioAttivo Architecture Group). Pavé, noto bar pasticceria con diverse sedi a Milano, ha aderito al bando del Comune di Milano che prevede la concessione gratuita del suolo pubblico ai privati che, a proprie spese, decidono di installare rastrelliere per biciclette, promuovendo così lo sviluppo di una mobilità sostenibile e partecipando in modo positivo e concreto alla vita della propria comunità e del proprio quartiere. Pavé ha acquistato venti spazi per le bici che sono stati installati in sostituzione di alcuni posti auto, rendendo così più semplice e sicura la vita dei ciclisti contribuendo a rendere più ordinato il quartiere. L'installazione delle rastrelliere libera anche spazi preziosi per chi si muove a piedi o ha un passeggino perché ci sono ben due metri tra un archetto e l'altro "È un momento che aspettiamo da anni ed è un primo passo - dichiara Luca Scanni, uno dei proprietari della pasticceria -. La speranza è che molti locali commerciali facciano lo stesso e, soprattutto, che la zona 30 venga estesa anche qui dove abbiamo scuole di infanzia e una forte presenza di famiglie che si muovono su due ruote. Questa città si muove anche in bicicletta ed è doveroso tenerne conto”. "Siamo contenti di questa prima rastrelliera privata a uso pubblico - dichiarano gli assessori Marco Granelli (Mobilità e Ambiente), Lorenzo Lipparini (Partecipazione e Open Data) -. Un esempio di collaborazione e partecipazione tra pubblico e privato che ci auguriamo venga presto imitato da molti in tutta la città, segno della diffusione di buone pratiche e mobilità sostenibile. Questi 20 posti bici a disposizione di tutti si aggiungono agli oltre 16mila presenti in città e tutti localizzabili in una mappa che a breve sarà disponibile sul Geoportale del Comune per sapere sempre dove mettere la propria due ruote in modo ordinato e sicuro". A Milano ci sono 16.122 stalli per le biciclette distribuiti in tutti i quartieri, erano 10.354 nel 2015 e sono cresciuti al ritmo medio di quasi 1.500 installazioni all'anno. Esistono 14 modelli diversi per adattarsi alle zone della città e allo spazio presente sul territorio, dal semplice e funzionale archetto in acciaio inox in diverse misure al più recente è diffuso modello Verona che esiste anche nella milanesissima variante Verona Ambrogio e poi modelli dai nomi esotici: Optical Bike, Redondo Inox, Circolare Pigreco, tutti pensati per legare in sicurezza la bici e sistemarla in modo ottimale. Oggi è possibile vedere dove sono collocate tutte le rastrelliere di Milano sul portale Open Data del Comune dove possono essere scaricabili e riutilizzabili da chiunque voglia sviluppare nuove app e servizi. A breve saranno anche sul Geoportale che consente di consultarne l'esatta collocazione direttamente su mappa.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 set 2018

BOLOGNA | Circolazione ferroviaria sospesa il fine settimana sulla linea Bologna-Rimini

di mobilita

Cantieri aperti e circolazione ferroviaria sospesa sabato 29 e domenica 30 settembre fra Santarcangelo di Romagna e Rimini, sulla linea Bologna-Rimini. I provvedimenti sono necessari per consentire a Rete Ferroviaria Italiana di eseguire il consolidamento e l’impermeabilizzazione dell’impalcato di due ponti ferroviari e interventi di manutenzione straordinaria dei binari. Inoltre, durante il fine settimana la circolazione dei treni si svolgerà su un solo binario fra Fano e Senigallia (tratta Rimini-Ancona), fra Varano e Loreto e fra Civitanova e Porto San Giorgio (tratta Ancona-Pescara), mentre sarà sospesa fra Pescara e Chieti, Bari e Bitetto, Brindisi e Mesagne (tratta Pescara-Bari-Taranto). Le modifiche al programma di viaggio dei treni regionali e a lunga percorrenza prevedono cancellazioni, variazioni di percorso, variazioni di orario e sostituzioni parziali con autobus. Il nuovo orario, in vigore nelle sole due giornate indicate, è consultabile su trenitalia.com. Digitando stazione di partenza, arrivo e data del viaggio, è possibile verificare in automatico l’offerta alternativa. Sempre sul sito di Trenitalia (http://www.trenitalia.com/tcom/Informazioni/Orari-regionali-digitali) è inoltre possibile scaricare le tabelle con le modifiche di orario dei treni interessati dai lavori. Trenitalia ha inoltre potenziato il servizio di assistenza clienti nelle stazioni di Rimini e Santarcangelo di Romagna. Gli interventi in programma nel fine settimana rientrano nel progetto di velocizzazione della direttrice Adriatica Bologna-Lecce, che consentirà ai treni di viaggiare fino alla velocità massima di 200 chilometri orari.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 set 2018

GENOVA | Al via il 4 ottobre le linee ferroviarie “Bastioni” e “Sommergibile”

di mobilita

Verranno riaperte giovedì 4 ottobre le linee ferroviarie “Bastioni” e “Sommergibile”, in totale quattro binari destinati alla movimentazione delle merci dal porto di Genova verso il Nord e dei passeggeri verso Acqui/Ovada e con Busalla /Arquata Scrivia via Sampierdarena /Rivarolo. Sarà così ripristinata l’offerta ferroviaria precedente al crollo di ponte Morandi, con alcune modifiche agli orari che verranno definite nei prossimi giorni con RFI, visto che rimane ancora interrotta la  linea "Succursale" (interessata dai detriti del crollo). Nel giro di 19 giorni, grazie al lavoro di 60 addetti distribuiti su turni 24 ore su 24 e per 7 giorni su 7, sarà di nuovo operativo il collegamento ferroviario per instradare le merci che dal porto sono dirette verso il Nord. Per garantire la massima sicurezza RFI ha messo in opera anche una barriera, come richiesto dalla commissione di esperti che affianca il commissario per l’emergenza, lunga 70 metri e alta 8. Inoltre i sensori posizionati sui monconi del ponte saranno collegati con la centrale operativa di RFI, in modo da fermare la circolazione ferroviaria in caso di segnali di pericolo emessi dai sensori stessi. Lo hanno reso noto Regione Liguria e Comune di Genova questa mattina.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 set 2018

Stop ai collegamenti veloci tra Messina e Reggio Calabria

di mobilita

Dal 1 ottobre 2018 verrà sospeso il servizio di collegamento veloce tra Messina e Reggio Calabria effettuato dalla Liberty Lines S.p.A . A partire dal 1 ottobre 2018 ed entro il 30 novembre 2018 gli abbonati che non avranno utilizzato tutti i tagliandi potranno richiedere il rimborso delle corse residue. La sospensione è motivata dalla scadenza (30 settembre) del bando per l'affidamento della continuità territoriale e nessuna prorogata è stata avanzata dal Ministero. La sospensione porterà sicuramente ad una paralisi dei collegamenti tra le due città metropolitane soprattutto per quanto riguarda l'università e l'aeroporto di Reggio Calabria.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 set 2018

MESSINA | Venerdi verrà presentato il nuovo piano dei trasporti varato da ATM

di mobilita

Venerdì 28, alle ore 10.30, nella Sala Falcone Borsellino di Palazzo Zanca, il sindaco, Cateno De Luca, il vicesindaco e assessore alla Mobilità Urbana ed Extra Urbana, Salvatore Mondello, e il presidente di ATM, Giuseppe Campagna, illustreranno ai giornalisti nel corso di una conferenza stampa il programma di esercizio del nuovo piano invernale dei trasporti varato da ATM. All’incontro prenderanno parte il direttore generale e gestore trasporti ATM, Natale Trischitta, e l’esperto comunale del settore trasporti, Leonardo Russo. Il nuovo piano viario dei trasporti prevede l'istituzione di 16 bus lunghi 18 metri, denominati Shuttle che collegheranno Giampilieri e Torre Faro. Lo Shuttle verrà collegato con linee disposte a pettine provenienti dalle periferie collinari della città. Per l'assessore alla Mobilità Urbana ed Extra Urbana, Salvatore Mondello il tram non ha le ore contate, si sta al momento valutando se dismetterlo in maniera definitiva o mantenerlo. In questa prima fase sarà complementare al nuovo piano di trasporti. Si fa avanti anche la proposta del consigliere comunale del Pd Libero Gioveni che propone l'utilizzo dei filobus al post del tram o dei bus elettrici: “L'idea dei filobus potrebbe essere considerata una soluzione ottimale sotto tutti i punti di vista (maggiori velocità e silenziosità, nessun problema di vibrazioni, veicoli leggeri ed ecologici, manutenzione minima rispetto alla costosa tranvia" afferma Libero Gioveni. Intanto su facebook nasce l'evento “Manteniamo il tram a Messina”. in cui si ribadisce che la linea tranviaria di Messina non debba essere abolita.  L’appuntamento è fissato per  il 19 ottobre, alle 16.10,  davanti a Piazza Municipio

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
24 set 2018

MILANO M4 | Prorogata al 7 ottobre la mostra “Viaggio nel tempo”

di mobilita

L’ottimo gradimento riscontrato nel pubblico ha spinto gli organizzatori a prorogare di due settimane la mostra “Viaggio nel tempo con M4” dedicata ai ritrovamenti archeologici rinvenuti nel corso degli scavi per la realizzazione della Blu. Fino al 7 ottobre al Museo Archeologico di corso Magenta 15 (aperto da martedì a domenica dalle ore 9 alle ore 17:30. Ultimo ingresso alle ore 16:30. Ingresso gratuito martedì 2 ottobre dalle ore 14) è possibile ammirare i reperti e seguire un percorso informativo che ci racconta tasselli importanti della storia della nostra città. “Siamo molto contenti che milanesi e turisti abbiamo apprezzato questo progetto – ha detto Fabio Terragni, Presidente di M4 Spa -. Il nostro obiettivo è valorizzare il prezioso lavoro degli archeologi, dei costruttori e di tutti i soggetti coinvolti nel recupero e salvaguardia dei ritrovamenti archeologici.  Questa mostra ci permette di spiegare come la nascita di un’opera fondamentale per la mobilità cittadina possa aiutare tutti a scoprire la storia della città di Milano”.  Analoga soddisfazione è stata espressa dalla Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Milano per l’interesse riscontrato dall’esposizione. Ricordiamo che alcuni pannelli informativi speciali sono stati posizionati sulle cesate di alcuni cantieri (Stazione S.Babila, Manufatto di Largo Augusto, Stazione Vetra, Manufatto S.Calimero – via S.Sofia, angolo Corso di Porta Romana -, Stazione De Amicis e Manufatto De Amicis, in via De Amicis). E una sezione speciale di questo sito è dedicata al progetto  troverete in questo link.  “Viaggio nel tempo con M4” è promosso da Comune di Milano, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Milano, M4 spa e MM spa. Un ringraziamento particolare ai consorzi dei costruttori CMM4 e MetroBlu scrl che hanno reso possibile la realizzazione del progetto. Ti potrebbero interessare: MILANO | I principali ritrovamenti archeologici nei cantieri M4 MILANO | La mostra “Viaggio nel tempo con M4″ al museo archeologico MILANO | Viaggio nel tempo con M4

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 set 2018

NAPOLI | Al via i lavori della linea metro 6 in piazza Plebiscito

di mobilita

Questa notte in Piazza Plebiscito sarà installato il cantiere per eseguire le opere connesse con la realizzazione della ultima camera di ventilazione della linea sei, nella tratta Chiaia – Municipio, indispensabile per la sicurezza dell’esercizio di questa tratta.L’ opera è costituita da un pozzo verticale, eseguito riutilizzando le opere esistenti realizzate in ambito LTR90, e un cunicolo orizzontale di diametro pari a circa 3.00 mt di collegamento alla galleria di linea. Lungo quest’ultima già sono in corso le opere di esecuzione del preimbocco al futuro collegamento.Il progetto è stato approvato con delibera di giunta 152/2018 e ha conseguito tutte le necessarie autorizzazioni - sovrintendenza, prefettura, vigili del fuoco, municipalità, uffici comunali, conferenza cantieri ed eventi.Si procederà prima ad una delimitazione provvisoria delle aree, entro la quale sarà realizzata la recinzione definitiva che occuperà una superficie di circa 1800 mq, nella fase di maggiore estensione, a fronte di 25.000 mq dell’intera superficie della piazza. Particolare attenzione è stata prestata allo studio dell’installazione del cantiere ai fini di renderla consona al pregiato contesto urbano. A fine lavori sarà ripristinato lo stato dei luoghi confermando il calpestio della piazza e il suo disegno. La linea 6 della metropolitana di Napoli è un'infrastruttura lunga 2,3 km che collega il quartiere Fuorigrotta con quello di Mergellina, con quattro stazioni. Una volta ultimati i lavori per il prolungamento della linea fino a Piazza Municipio con tre stazioni intermedie, la linea avrà una lunghezza complessiva di 5,5 km con 8 fermate totali, permettendo l'interscambio con la Linea 1. Oltre al nodo di interscambio a Municipio (Linea 1), la Linea 6 si interconnette con la ferrovia Cumana alla fermata Tecchio mentre a Mergellina è direttamente collegata con la Linea 2 metropolitana (Trenitalia).  La linea 6 è entrata in funzione il 4 febbraio 2007, ma a causa del basso numero di passeggeri e della mancanza di personale è stata poi chiusa al pubblico nel 2013, in attesa di completare i lavori. Attualmente risulta in costruzione il prolungamento verso il centro cittadino, da Mergellina a Municipio, con 3 stazioni intermedie (Arco Mirelli, San Pasquale e Chiaia - Monte di Dio). Questa tratta sarà attiva dal 2019. Una volta aperta la tratta intera è prevista una frequenza di un treno ogni 10 minuti aumentabile fino ad un treno ogni 5 minuti.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 set 2018

MILANO | Comune e FAI Giovani insieme lungo il Cammino dei Monaci

di mobilita

Il Comune di Milano e FAI Giovani Milano hanno organizzato per domenica prossima, 30 settembre, la biciclettata lungo il Cammino dei Monaci. La partenza è prevista alle ore 10.30 dalla Basilica di San Lorenzo Maggiore, in Corso di Porta Ticinese 35. Da lì il percorso toccherà per prima l’oasi di Nocetum, un luogo unico che coniuga arte, spiritualità, impegno sociale e gastronomia. Dopo il pranzo si partirà alla volta di Porto di Mare, dove i ciclisti saranno accolti dai Volontari di Italia Nostra, che racconteranno il loro grande lavoro per valorizzare un parco sconosciuto a molti milanesi. La tappa conclusiva sarà la suggestiva Abbazia di Chiaravalle, dove i volontari del FAI Giovani accompagneranno i partecipanti in una visita guidata esclusiva. Una giornata ricca di storia, natura e impegno per la comunità che insieme alla scoperta di un’antica via che congiunge Milano alla Francigena. “Questa biciclettata - dice la vicesindaco di Milano Anna Scavuzzo che sarà presente all’arrivo all’Abbazia – è l’occasione per scoprire la cosiddetta Valle dei Monaci che attraversa, costeggiando la Vettabbia, il canale agricolo navigabile realizzato dagli antichi romani, i luoghi in cui nel Medioevo si insediarono i monaci cistercensi che bonificarono l’area trasformandola in una delle più feconde della zona”. Per partecipare è necessario iscriversi sul sito del FAI e la quota (dai 15 ai 25 euro a seconda dell’età e dall’appartenenza o meno al Fai) prevede il pranzo a buffet e le visite guidate. Per Informazioni e Prenotazioni: http://www.faiprenotazioni.it/evento.php?eve=zhextozvxusvuuqz&del=z#.W5t6pugzaUk

Leggi tutto    Commenti 0