Articolo
04 set 2018

ROMA | Chiusa la linea A della metropolitana per un incendio

di mobilita

Chiusa la linea A della metropolitana di Roma per un incendio che si è sviluppato nel tratto tra San Giovanni e Ottaviano in una galleria di servizi utilizzata dagli impianti di cavi elettrici, telefonici, fibra ottica. L'Atac ha disposto un servizio di navette sostitutive di superficie con le seguenti fermate: Repubblica<San Giovanni: via Vittorio Emanuele Orlando; <Ottaviano: viale Luigi Einaudi; Terminii>Ottaviano: piazza dei 500 angolo via Cavour; Termini>Ottaviano: via Giolitti angolo via Cavour

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 set 2018

ÖBB | Arriva il treno diretto Bolzano-Vienna

di mobilita

Con l'orario invernale del 2019 sarà introdotto il treno diretto da Bolzano a Vienna, da molti anni chiesto e atteso dagli altoatesini. La Provincia di Bolzano sostiene l'iniziativa delle ferrovie austriache Öbb con un milione di euro all'anno. Il viaggio del treno, che può raggiungere 230 km/h, durerà 6,5 ore. Il treno diretto a Vienna partirà da Bolzano alle ore 8.10, quello di ritorno invece alle 15.30 nella capitale austriaca. Fermerà - con ogni probabilità - nelle stazioni di St. Pölten, Linz, Salisburgo, Innsbruck, come anche in Alto Adige al Brennero, a Vipiteno, a Fortezza e a Bressanone. Il servizio, in caso di successo, potrebbe essere ampliato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 set 2018

Fondazione FS Italiane: da Licata e Caltanissetta alla Valle dei Templi con i Treni del Gusto

di mobilita

Prosegue così con successo il programma redatto dall'Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Sicilia, realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020. Nello specifico, domenica 9 settembre alle 9:15 partirà da Licata il Treno delle dolcezze di convento e dei pani sacri. Fermerà in tutte le principali stazioni - Campobello-Ravanusa, Canicattì, Racalmuto, Grotte, Aragona e Agrigento Bassa - fino a giungere a Tempio di Vulcano. Qui i passeggeri potranno optare per un’escursione al Giardino della Kolymbetra o nell’area archeologica, oppure continuare in treno fino alla stazione di Porto Empedocle da dove sarà possibile raggiungere i vicini lidi o, in alternativa, visitare il centro storico della Vigata del Commissario Montalbano. A bordo treno, la condotta Slow Food di Agrigento organizzerà, durante la corsa di andata, un Laboratorio del gusto con degustazioni di pani votivi e dolcetti di mandorla. Il ritorno da Porto Empedocle è previsto per le 17:25, con arrivo a Licata alle 19:35. Stesso programma anche domenica 30 settembre e domenica 28 ottobre. Domenica 23 settembre, invece, partirà dalla stazione di Caltanissetta Centrale, alle 9:30, il Treno delle pizze, focacce e ciambelle. Fermerà nelle stazioni di San Cataldo, Serradifalco, Canicattì, Racalmuto e Grotte per giungere a Comitini Zolfare alle 10:45. Qui i passeggeri potranno partecipare a numerose attività promosse dalla locale Pro Loco, tra cui escursioni guidate nel grande parco minerario delle zolfare e visite al Museo di Palazzo Bellacera. Non mancheranno, anche in questo caso, i laboratori del gusto curati dalla condotta Slow Food di Caltanissetta. Alle 13:50 il treno storico ripartirà alla volta della Valle dei Templi e Porto Empedocle, fermando ad Aragona Caldare e Agrigento Bassa. I passeggeri potranno scegliere tra un’escursione alle rovine dell’antica Akragas oppure raggiungere la borgata marinara di Porto Empedocle e visitare l’ottocentesca stazione ferroviaria, dove è in programma un altro Laboratorio del gusto. Il ritorno da Porto Empedocle è previsto per le 17:24, con arrivo a Caltanissetta Centrale alle 19:30. Stesso programma anche domenica 14 ottobre e domenica 4 novembre. I biglietti per salire a bordo dei treni storici sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo e in relazione alla disponibilità dei posti a sedere.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 set 2018

MILANO M4 | Partita dal manufatto Ronchetto la TBM che scaverà la seconda galleria

di mobilita

È partita nel pomeriggio di venerdì 31 agosto dal manufatto Ronchetto la TBM (la talpa) che scaverà la seconda galleria della tratta ovest.  La TBM, di 6,7 m di diametro, scaverà giorno e notte, 7 giorni su 7, a una profondità media di 15 metri, realizzando circa 16 metri di galleria al giorno. Durante le attività di realizzazione delle gallerie si verificherà il passaggio di piccoli convogli (le parigine) che trasportano persone e materiali tra il campo base e le talpe. Il passaggio delle cosiddette parigine può essere percepito in superficie, perché sono convogli di lavoro che non corrono su binari definitivi e inoltre le stazioni spesso possono trovarsi ancora “a cielo aperto”, ossia senza copertura e, se presente, questa è parziale. Il percorso nei tratti con curve particolarmente pronunciate sarà comunque regolato da appositi limiti di velocità per ridurre il più possibile l’eventuale impatto in superficie. Tra una stazione e l’altra, la talpa sarà soggetta a soste di alcuni giorni per consentire i necessari lavori di manutenzione per il proseguo dello scavo in condizioni di sicurezza. In questi periodi verranno effettuate lavorazioni di vario tipo (elettriche e meccaniche), talvolta rumorose. Anche queste lavorazioni, così come lo scavo e l’alimentazione dei materiali, debbono necessariamente svolgersi su tutto l’arco delle 24 ore.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 set 2018

ROMA | Attivo il servizio bus navette Ostia-Ponte della Scafa

di mobilita

In funzione il nuovo servizio Atac che collega Ostia con il ponte della Scafa, attivo tutti i giorni dalle 4 alle 24 e in coordinamento con le navette del Comune di Fiumicino.  La nuova circolare, 060,  ha un unico capolinea. Il percorso previsto è da piazzale della Stazione di Lido Centro fino al ponte della Scafa con frequenza ogni 30 minuti, a supporto delle navette del Comune di Fiumicino e dei mezzi Cotral.  Ecco il percorso e le fermate: stazione Lido Centro della ferrovia Roma-Lido viale Cardinal Ginnasi via delle Baleniere altezza via Vasco De Gama via delle Baleniere altezza via delle antille via Carlo Marenco di Moriondo via delle Azzorre via del Ponte di Tor Boacciana (corrispondenza con bus navetta Aeroporti di Roma) La navetta di Aeroporti di Roma collega l'aeroporto Leonardo da Vinci e l'Isola Sacra a Ponte della Scafa e, come la linea 060, è attiva dalle 4 alle 24. La navetta Aeroporti di Roma effettua le fermate: direzione Ponte della Scafa: Fiumicino Aeroporto/partenze Terminal 3 via della Scafa angolo via Coni Zugna via del Faro altezza ponte 2 giugno via Bezzi angolo via Frassinetti via Trincea delle Frasche altezza via Passo Buole via Trincea delle Frasche altezza via Leandro Veri via della Scafa altezza via Monte Nozzolo ponte della Scafa (corrispondenza con bus Atac linea 060) Direzione Fiumicino Aeroporto: ponte della Scafa (corrispondenza con bus Atac 060) via Trincea delle Frasche altezza via Passo Buole via Trincea delle Frasche altezza via Leandro Veri via Bozzi angolo via Frassinetti via Coni Zugna altezza via del Faro via di Villa Guglielmi via Redipuglia (prima del viadotto Fiumicino Aeroporto/partenze terminal 3

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 set 2018

AEROPORTO BOLOGNA | Chiude al traffico aereo per rifacimento pista

di mobilita

Nell’ambito del programma di manutenzione periodica delle infrastrutture di volo, la pista dell’Aeroporto Marconi di Bologna sarà chiusa al traffico aereo dalle ore 00:01 del 14 settembre alle ore 06:00 del 18 settembre 2018 per lavori di rifacimento di un ampio tratto della pavimentazione (per una lunghezza pari ad un chilometro), e dell’intero raccordo “G”, con riqualifica della relativa segnaletica orizzontale e l’installazione di nuovi dispositivi luminosi. Il periodo dell’intervento è stato definito in considerazione dei diversi aspetti tecnici, operativi e meteorologici, che si ritiene possano permettere una più efficiente esecuzione dei lavori programmati. Durante il periodo citato non potranno essere operati voli da/per Bologna e le compagnie aeree, già informate, hanno scelto in parte di cancellare i voli e in parte di operare su scali alternativi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 set 2018

FIRENZE | Le agevolazioni del comune per gli abbonamenti Ataf

di mobilita

Dal 1° settembre per i residenti a Firenze in possesso dei requisiti sarà possibile chiedere il rimborso utilizzando diverse modalità Per gli studenti fiorentini non universitari e per una buona parte dei residenti  gli abbonamenti del trasporto pubblico non aumenteranno con l’entrata in vigore del nuovo sistema tariffario regionale. Il Comune ha infatti stanziato 1 milione di euro per coprire questa differenza di costo. Gli studenti  iscritti all’Università degli Studi di Firenze non possono richiedere il rimborso in quanto il servizio di trasporto pubblico locale rientra nella “Carta dello studente universitario”. Per chiedere il rimborso è necessario aver presentato la dichiarazione ISEE, essere titolari della carta UNICA e aver acquistato uno dei seguenti titoli di viaggio: abbonamento annuale ordinario ISEE, 260 euro (il beneficio riguarda coloro che avevano diritto all’abbonamento ordinario basic); abbonamento annuale studenti ordinario, 252 euro; abbonamento annuale studenti ISEE, 200 euro. L’entità del rimborso varia  dai 15 euro (abbonamento studenti ISEE) ai 110 euro (abbonamento ordinario ISEE). Come richiedere il rimborso? Dal 1º settembre gli interessati potranno chiedere il rimborso tramite i servizionline disponibili all’indirizzo https://servizionline.comune.fi.i/rimborsotpl/, scegliendo anche la modalità preferita per la riscossione (bonifico o presso uno sportello della Cassa di Risparmio Firenze). Per l’accesso occorre dotarsi delle credenziali del Sistema Pubblico di Identità Digitale SPID o di quelle rilasciate gratuitamente dall’Amministrazione comunale all’indirizzo web http://servizi.comune.fi.it/servizi Per coloro che non dispongono delle credenziali di accesso ai servizi online è possibile inserire la richiesta di rimborso compilando l’apposito modulo disponibile all’indirizzo https://servizionline.comune.fi.it/rimborsotpl/. In questo caso il servizio genera una richiesta cartacea che va stampata, firmata, scannerizzata e inviata tramite e-mail unitamente alla copia sottoscritta e scannerizzata di un valido documento di identità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

Accordo di collaborazione per il corridoio intermodale Tirreno Centrale-Adriatico Meridionale

di mobilita

Il presidente dell’AdSP MAM Ugo Patroni Griffi e il presidente dell’AdSP MTCS Francesco Maria di Majo hanno sottoscritto un accordo di collaborazione, della durata di due anni, finalizzato a sviluppare il corridoio intermodale Tirreno Centrale-Adriatico Meridionale, attraverso i porti di Civitavecchia/Gaeta e Bari/Brindisi, mediante la promozione dei collegamenti stradali, ferroviari e logistici tra il Tirreno Centro-Settentrionale e l’Adriatico Meridionale. Attraverso l’istituzione di un gruppo di lavoro permanente verranno individuate sinergie e progetti per il miglioramento, in chiave ecosostenibile e di efficientamento energetico, dei traffici nell’ambito portuale, soprattutto in riferimento agli accessi nei porti del traffico Ro-Ro. “Con la collaborazione dei porti del Tirreno Centro Settentrionale vogliamo rendere sempre più competitivo il trasporto intermodale trasversale, in particolare Ro-Ro, tra la penisola iberica e quella balcanica, soprattutto la Grecia e quindi Turchia; anche attraverso la digitalizzazione e la dematerializzazione dei processi e la individuazione di regimi procedimentali speciali, nell’ambito rispettivamente della ZES della Puglia adriatica e della ZLS laziale– commenta il presidente Patroni Griffi.” Attraverso tale accordo, l’AdSP dei porti laziali intende condividere con l’AdSP dell’Adriatico Meridionale la propria esperienza nella pianificazione energetica ed ambientale del sistema portuale, promuovendo congiuntamente programmi volti a rendere ancora più competitivo, attraverso in particolare l’uso di combustibili alternativi per l’autotrazione e per il trasporto marittimo, il trasporto intermodale tra i porti laziali e quelli pugliesi adriatici.  Con questo Accordo, sottolinea altresì il Presidente di Majo, viene ulteriormente accresciuto il ruolo di Porto gateway di Civitavecchia rispetto ai corridoi intermodali trasversali, assicurando la naturale estensione via terra delle Autostrade del Mare nonché l’integrazione di queste ultime con le catene logistiche non solo del versante tirrenico e di quello adriatico ma anche della Spagna, della Croazia, dei Balcani, della Grecia e da qui anche con la Turchia. Analogamente ai due corridoi trasversali intermodali Civitavecchia-Ancona (che passa per l’Umbria) e Civitavecchia-Roma-Ortona/Pescara, il corridoio trasversale Civitavecchia-Bari/Brindisi, a servizio in particolare del traffico Ro-Ro, contribuirà, commenta infine il Presidente di Majo, a potenziare il ruolo di “land bridge” dell’Italia centrale, con evidenti vantaggi in termini economici ed occupazionali per i porti del Tirreno Centrale e dell’Adriatico Centrale e Meridionale. Sviluppare le diverse direttrici trasversali tra Civitavecchia/Gaeta e i porti dell’Adriatico centrale e meridionale, collegando la penisola iberica con quella balcanica e con la Grecia attraverso un trasporto intermodale in cui la componente marittima è prevalente,  determinerà indubbi vantaggi ambientali, in termini di riduzione di emissioni nocive nell’aria, rispetto al trasporto tutto su gomma, decongestionando anche il traffico sulle strade e autostrade della Liguria e della Pianura Padana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

REGIONE CALABRIA | Partiti i lavori per l’elettrificazione della linea Jonica

di mobilita

Partiti i lavori per l’elettrificazione della linea Jonica, con la posa dei primi pali per la linea elettrica. Presenti il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, l’Assessore alle Infrastrutture Roberto Musmanno, e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana Maurizio Gentile. L’elettrificazione permetterà di migliorare l’esperienza di viaggio dei cittadini calabresi, garantendo la continuità del servizio ferroviario con mezzi elettrici, con benefici per l’ambiente e per l’intero sistema di trasporto. Il Protocollo d’intesa per la linea Jonica, siglato nel maggio 2017 tra Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, RFI e Regione Calabria, prevede inoltre l’eliminazione di passaggi a livello e la realizzazione di opere viarie alternative per migliorare gli standard prestazionali e qualitativi dei servizi di trasporto su ferro e su gomma; il rinnovo degli scambi e dei binari; la riqualificazione delle stazioni, con particolare attenzione a quelle con maggiore traffico di viaggiatori. La prima fase degli interventi si concluderà entro la fine del 2019 mentre l’ultimazione complessiva dei lavori di elettrificazione è prevista per fasi progressive tra il 2022 e il 2023. L’investimento economico complessivo è di 150 milioni di euro. Mario Oliverio e Maurizio Gentile hanno inoltre firmato oggi l’Accordo Quadro tra Regione Calabria e Rete Ferroviaria Italiana, un documento valido dieci anni (rinnovabile dopo i primi cinque) che consentirà di programmare la capacità di traffico sulle linee ferroviarie della Calabria, potenziare la rete e i servizi, realizzare una progressiva omogeneizzazione dei trasporti, sia in termini di fermate sia di velocità commerciale, garantendo un sistema di integrazione tra diverse modalità di trasporto nelle principali stazioni della Calabria. Per la Regione si tratta di uno strumento tecnico con cui prenotare capacità di traffico per la rete ferroviaria regionale e programmare nel medio/lungo periodo l’utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria, in funzione del Piano Regionale dei Trasporti. Per RFI invece l’Accordo Quadro serve a determinare le reali esigenze di mobilità del territorio, intervenendo e programmando, dove necessario, piani di upgrade infrastrutturale per ottimizzare lo sviluppo dei servizi regionali, con benefici sulla regolarità e puntualità del servizio. “L’avvio dei lavori per l’elettrificazione della linea Jonica - ha dichiarato Maurizio Gentile - è la dimostrazione concreta dell'impegno di Rete Ferroviaria Italiana per la Calabria nonché dell’importanza che il Sud riveste nei piani di potenziamento della rete ferroviaria nazionale. L’elettrificazione, unita a tutti gli altri interventi previsti per la linea Jonica, produrrà significativi miglioramenti in termini di confort e regolarità dei collegamenti ma anche di benefici per l’ambiente, con un sensibile cambiamento della qualità di viaggio dei pendolari calabresi. Un vero e proprio cambio di passo, sottolineato anche dalla firma dell’Accordo Quadro tra RFI e Regione Calabria: questo strumento armonizza le scelte strategiche dell’amministrazione regionale in tema di trasporti ed i piani di sviluppo della rete ferroviaria, consentendoci quindi di programmare interventi condivisi che, promuovendo l’uso del treno, soddisfino le esigenze di mobilità dei calabresi, in un’ottica di sistema intermodale efficiente”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ago 2018

Trenord, già a ottobre nuovi treni e personale sulla rete lombarda

di mobilita

Nove treni già dal prossimo mese di ottobre e 25 nel corso del 2019. Passaggio alla Lombardia di 20 addetti tra macchinisti e personale di bordo sempre a partire dal mese di ottobre. E’ questa la proposta formulata da Ferrovie dello Stato a Regione Lombardia nell’ambito dell’incontro, a Palazzo Lombardia, tra l’Amministratore Delegato FS Gianfranco Battisti e il Presidente Attilio Fontana. "L’impegno di tutto il Gruppo FS Italiane - ha sottolineato Gianfranco Battisti - è rimettere al centro delle nostre attività i viaggiatori pendolari. L’accordo che abbiamo annunciato oggi con Regione Lombardia va in questa direzione, in coerenza con le indicazioni del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Siamo pronti a fornire a Trenord 34 treni entro il 2019, insieme a 20 addetti, fra macchinisti e personale di bordo, per iniziare a risolvere le carenze del trasporto ferroviario lombardo che riveste un ruolo centrale per il Paese. Stiamo lavorando per garantire a tutti i clienti pendolari italiani, nel più breve tempo possibile, una migliore qualità del viaggio, grazie anche all’arrivo dei nuovi treni regionali a partire dalla primavera del 2019". "Sono soddisfatto - ha commentato il Presidente Attilio Fontana -  che le nostre richieste per fronteggiare l’emergenza del trasporto ferroviario siano state accolte, anche se la proposta dovrà essere ancora valutata tecnicamente da Regione e Fnm. Ringrazio il Governo che, attraverso FS, ha dato finalmente una risposta concreta alle esigenze della Lombardia". Per quanto riguarda la governance Fontana ha sottolineato la piena condivisione con FS di dare una concreta e autonoma operatività all’Amministratore Delegato di Trenord che sarà nominato tra 15 giorni, al fine di offrire al nuovo management tutte le leve operative utili al cambio di rotta. E’ stata riconosciuta la necessità - ha proseguito Fontana - di modificare la situazione attuale che pregiudica l’operatività della società. I passi si devono fare gradualmente - ha concluso il Presidente - reputo positivo che il grido d’allarme che da tempo stavo sollevando, in questo caso sia stato raccolto. E’ un buon inizio, vedremo se ci sarà necessità di avanzare ulteriori richieste, ma la strada intrapresa è quella giusta. Ai 34 treni messi a disposizione da FS vanno aggiunti, sempre per il 2019, altri 15 treni nuovi, che usciranno dalle officine di Pistoia. L’accordo annunciato oggi prevede anche sinergie di lavoro fra le sale operative Trenord e Trenitalia per un modello di offerta nuovo più rispondente ai bisogni della clientela, il supporto operativo di Trenitalia nella gestione dell’offerta coerentemente ai picchi della domanda, interventi sui cicli della manutenzioneanche ai fini del miglioramento della sicurezza del servizio.

Leggi tutto    Commenti 0