Articolo
27 apr 2018

PORTO LIVORNO | Approda la Conti Everest di 334 metri

di mobilita

Oggi, grazie alla nuova regolamentazione del traffico portuale emanata dal comandante della capitaneria di Livorno Giuseppe Tarzia, è arrivata nel porto di Livorno la Conti Everest la più lunga tra le navi container che hanno fatto scalo nella città toscana e la più lunga in assoluto tra le navi di qualsiasi tipologia transitate nel canale di accesso e nel bacino di evoluzione. La nave, lunga 334 metri, larga 43 metri, 90.000 le tonnellate di stazza e una capienza di quasi 8.500 Teus, di bandiera maltese, è arrivata da Napoli e, dopo aver caricato oltre 1.000 Teus (664 container), farà tappa a Genova e successivamente nei porti del Nord America. "In tale quadro - ha spiegato la Capitaneria- si innesteranno anche i futuri interventi che riguarderanno l’illuminazione del porto, per rendere possibili le operazioni h24, e la realizzazione del micro-tunnel che permetterà - una volta sostituite le condutture dell’ENI - l’allargamento del canale d’accesso a 120 metri, consentendo a navi di dimensioni ancora maggiori di far scalo a Livorno."  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2018

Napoli Bike Festival – Bicycle Revolution dal 4 maggio

di mobilita

Bicycle Revolution è il tema della VII Edizione del Napoli Bike Festival, iniziativa patrocinata dal Comune di Napoli. Dal 4 al 6 maggio il Festival si svolgerà, in collaborazione con l'Assessorato ai Giovani e con l'Assessorato alla Scuola del Comune di Napoli, in diversi luoghi della città con tante iniziative su due ruote, dibattiti e con una novità: un gran finale con l’allestimento del bike village al Museo e Real Bosco di Capodimonte.La Galleria Principe di Napoli con il Bicycle House sarà il centro propulsore di tutte le iniziative. Da Sabato 5 Maggio prenderanno il via le pedalate del Napoli Bike Festival: alle prime luci dell’alba partirà il ciclismo d’altri tempi con la terza edizione de La Vulcanica, pedalata vintage, con bici d’epoca, che si snoderà sulle tipiche strade napoletane pavimentate da sampietrini lungo percorsi insoliti. Mentre il pomeriggio si terrà la #pedaloper. Dress code sessantottino in stile figli dei fiori (ricorre il cinquantesimo anniversario quest’anno). La parola d’ordine della pedalata è “Cambiamo noi la strada”. Domenica 6 maggio il Festival si sposta al Real Bosco di Capodimonte. La scelta di portare le bici a Capodimonte nasce anche dall’intenzione di dimostrare come l’accessibilità del sito culturale sia possibile anche alle due ruote. Sarà possibile portare le bici in metro sulla linea 1 e scendendo alla fermata Colli Aminei o Frullone, in pochi minuti arrivare al Bosco. Si potrà arrivare inoltre con il simpatico bus rosso a due piani del CitySightseeing , in via eccezionale ad 1 euro a tratta, con partenza da tutte le fermate del bus, ed ovviamente pedalando. Due carovane di pedalatori, realizzeranno un vero e proprio bici bus, con provenienza da Napoli Nord, partendo da Frattamaggiore, l’altro dal centro città con partenza da Piazza Dante.Il tema del Festival per l’edizione 2018 è Bicycle Revolution, esempio che questa rivoluzione è possibile ne è l’Olanda che con il patrocinio dell’Ambasciata Olandese in Italia, rinnova il sostegno alla manifestazione partenopea, insieme al patrocinio di Comune di Napoli e Regione Campania.Il village del Napoli Bike Festival, aprirà i battenti il 6 maggio (dalle 10 alle 19), nel Real Bosco di Capodimonte che con i suoi 134 ettari di verde offrirà una cornice ideale per trascorrere una giornata intera tra bici, natura e cultura. Il quartier generale del Festival sarà allestito nelle praterie adiacenti al Cellaio, raggiungibile in pochi minuti da Porta di Mezzo e da Porta Caccetta. L'area “Bici in Mostra” ospiterà i migliori professionisti tra rivenditori e produttori di biciclette a livello nazionale.Tante le attività per i bambini, letture a pedali, la bicaccia, caccia al tesoro in bici, uno speciale bimbi in bici a cura del Cicloverdi e lo spettacolo del Circo di Rudini’. Area pic nic ed anche punto ristoro con food & drink. Si parlerà anche di Bike to work, ovvero come muoversi in bici per andare a lavoro in sicurezza con le importanti novità introdotte dall’INAIL ed un progetto pilota per aziende bike friendly, tra cui l’Aeroporto Internazionale di Napoli. Giorni ed OrariVenerdi 4 Maggio ore 21.00Concerto in Galleria Principe di Napoli c/o Bicycle House  Sabato 5 Maggio- La Vulcanica, ciclostorica con partenza alle 7.00 dalla Bicycle House, Galleria Principe- #pedaloper con concentramento per la pedalata in Galleria Principe di Napoli ore 17.00  Domenica dalle 10 alle 19Bike Village al Real Bosco di Capodimonte (area delle praterie adiacenti al Cellaio), ingresso Porta Piccola e/o Porta MianoIngresso gratuito, programma completo su www.napolibikefestival.it

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2018

REGIONE EMILIA ROMAGNA | Un contributo a chi acquista auto ibride

di mobilita

La Regione Emilia Romagna scende in campo per sostenere chi decide di acquistare auto ad alimentazione ibrida, a basso impatto ambientale e a ridotto consumo energetico. E lo fa riconoscendo, per 3 anni, un contributo annuo pari al valore del bollo di un’auto di media cilindrata. E’ approvato dalla Giunta il bando che concede fino a un massimo di 191 euro all’anno agli emiliano-romagnoli (residenti in questa regione) che acquistano nel corso del 2018 un'auto ibrida fino a 9 posti di prima immatricolazione  con alimentazione benzina-elettrica, gasolio-elettrica, gpl-elettrica, metano-elettrica o benzina-idrogeno. Dalle ore 14 del 3  maggio prossimo e fino alle ore 12 del 31 dicembre 2018 sarà possibile registrarsi nella piattaforma online, che sarà resa disponibile alla pagina http://ambiente.regione.emilia-romagna.it/entra-in-regione/bandi/bandi-2018/bando_bollo/. Fatte le verifiche amministrative, gli uffici regionali accrediteranno annualmente - e per 3 anni - il contributo. Per stabilire la graduatoria, vale l’ordine di arrivo delle domande, fino a esaurimento del plafond. A disposizione fondi complessivi per 3 milioni di euro stanziati dalla Regione Emilia-Romagna con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria, affiancando le misure previste dal Pair 2020 (Piano aria integrato regionale). “Da anni puntiamo alla promozione di iniziative per la riduzione dell’inquinamento e il miglioramento delle condizioni dell’aria- sottolinea l’assessore regionale ai Trasporti, Raffale Donini- per questo abbiamo scelto di premiare i cittadini che acquistano veicoli a basso impatto ambientale e a ridotto consumo energetico, soprattutto per gli spostamenti alle basse velocità caratteristici dei centri urbani. L’obiettivo è favorire il rinnovo del parco veicolare che circola in Emilia-Romagna, sostenendo in modo concreto e diretto le persone e concedendo contributi in modo semplice, dopo una domanda online”. Come ottenere il contributo: per il 2018 domande online da maggio. Da luglio si recupera anche il 2017 Non si tratta di una esenzione del bollo auto ma di un contributo equivalente: quindi gli intestatari dell’auto, che riceveranno il contributo, pagheranno comunque il bollo auto. Chi vorrà accedere a questo beneficio si dovrà registrare sul portale regionale, inserendo i dati anagrafici, quelli dell’auto e le coordinate bancarie sulle quale ricevere l’importo dovuto: ogni anno la Regione provvederà in automatico all’accredito. Sulla pagina web dedicata al bando sarà disponibile la graduatoria aggiornata dei contributi concessi. Per quanto riguarda gli oltre 7 mila automobilisti emiliano-romagnoli che hanno comprato l’automobile lo scorso anno, occorre invece attendere luglio, quando la Giunta metterà a disposizione le risorse necessarie con la manovra di assestamento del bilancio regionale. I veicoli ibridi in Emilia-Romagna Le automobili ibride sono sempre più diffuse in Emilia-Romagna: dai 2.776 veicoli ibridi immatricolati nel 2015 in regione si è passati ai 4.369 (+57%) del 2016 e ai 7.056 del 2017 (+61% rispetto all’anno precedente). Gli incentivi per le auto elettriche Gli incentivi per le auto ibride si affiancano a quelli già previsti dalla legislazione nazionale per l’acquisto delle automobili elettriche, esentate dal pagamento del bollo per 5 anni. La Regione ha investito 2,4 milioni per l’acquisto di 103 veicoli elettrici per la pubblica amministrazione e sta stringendo accordi con i Comuni sulle regole di accesso ai centri storici e i parcheggi gratuiti per le auto elettriche. Sono 150 le colonnine interoperabili installate e ulteriori 30 sono in corso di installazione.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2018

REGGIO CALABRIA | In arrivo i primi 14 nuovi autobus

di mobilita

Oggi alle ore 17,00 nella splendida cornice di Piazza del Popolo di Reggio Calabria, il sindaco Giuseppe Falcomatà presenterà alla città i primi 14 autobus frutto del finanziamento europeo Pon Metro, insieme all’assessore alla mobilità Giuseppe Marino e all’amministratore unico di Atam Francesco Perrellli. Nei giorni scorsi sono state completate le procedure di immatricolazione e le altre formalità che consentiranno all’azienda di trasporti comunale Atam di rafforzare immediatamente il parco macchine comunale per le esigenze del trasporto pubblico locale. A questi 14 autobus, per cui sono stati impegnati già circa 3 milioni e mezzo di euro del programma Pon Metro, ne seguiranno altri 25 entro ottobre, a completamento della scheda progetto di rafforzamento dei mezzi della flotta comunale per il trasporto pubblico locale programmata sull’asse mobilità del programma coordinato dall’Agenzia della Coesione Territoriale e destinato a tutte le città metropolitane. Ma c’è di più. In collaborazione con l’ufficio marketing di Atam, lo staff di comunicazione del Pon Metro avvierà a Piazza del Popolo un processo di partecipazione. Tutti i cittadini che accorreranno in piazza, aderendo all’iniziativa “ Chiamami per nome” potranno proporre un nome da dare ai nuovi “nati” targati Pon metro, ricevendo in cambio un simpatico gadget. Un modo per fare sentire questi nuovi mezzi, “a casa” in nome della buona mobilità. L’iniziativa proseguirà sul sito iopartecipo.reggiocal.it. Tutti i cittadini sono invitati a prendere parte a questa occasione di condivisione e

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2018

MILANO | Nuova linea notturna, più servizio per le periferie, più lungo l’orario invernale

di mobilita

A seguito della proroga del contratto di servizio tra Comune di Milano e ATM, l’Azienda di trasporti, in fase di contrattazione, si è impegnata a fornire servizi aggiuntivi a parità di risorse. La programmazione, a cura del Comune di Milano, ha puntato su linee notturne, potenziamento del servizio nei quartieri di periferia e prolungamento dell’orario invernale. “Come Comune siamo fortemente impegnati a migliorare il trasporto pubblico – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità. Rendere sempre più capillare e diretto nei quartieri il servizio e prolungarlo nelle ore notturne significa consentire ai cittadini di abbandonare l’uso quotidiano dell’auto, migliorare la qualità dell’aria ma anche dare un incentivo alle attività commerciali e imprenditoriali della città”. Una nuova linea circolare attiva tutte le notti: la N25/N26 – Dal 2 maggio sarà istituita una nuova linea bus circolare notturna, la N25/N26 che percorrendo tutta la Cerchia dei Bastioni tutte le notti collegherà anche Centrale Fs M2/M3 a Cadorna Fn M1/M2 e favorirà l’interscambio con le stazioni metropolitane e ferroviarie. Il nuovo servizio notturno si aggiunge a quello attivo tutte le sere con le sostitutive delle linee metropolitane e con i filobus delle linee 90/91. La nuova linea assorbe e sostituisce, con un percorso più ampio, la precedente linea N6, finora attiva solo nelle notti del weekend. Le principali fermate del percorso, effettuate in entrambe le direzioni, saranno le seguenti: Centrale M2/M3, Lima M1, piazza Cinque Giornate, Porta Romana M3, piazza Ventiquattro Maggio, Porta Genova M2, Cadorna Fn M1/M2, Triennale, corso Sempione, Garibaldi Fs M2/M5 per poi tornare in Centrale M2/M3. Durante il weekend inoltre sono già attive le 9 linee della rete notturna che rispondono a una maggiore richiesta di mobilità nelle notti di venerdì e sabato. Questo consentirà a chi frequenta le aree più belle e più vive anche la sera della città come Arco della Pace, Darsena, Navigli, Isola e Garibaldi di lasciare a casa l’auto e usare i mezzi pubblici. Più servizi nei quartieri di periferia - In superficie ci saranno potenziamenti di percorsi e modifiche per semplificare i collegamenti nei quartieri e con le linee della metropolitana. Modifiche dal 14 maggio – La linea 40 sarà potenziata, in particolare nell’area Boccioni-Quarto Oggiaro-Affori-Niguarda, con 4 corse in più per direzione nelle due ore di punta, la linea semplifica i collegamenti fra numerose scuole superiori e con due linee della metropolitana e FS. Le linee 64 e 80 avranno una fermata in più in via Novara/S. Elena per collegare meglio il quartiere di Quarto Cagnino. Modifiche dall’11 giugno – La linea 86 sarà potenziata tra Cascina Gobba M2, Quartiere Adriano e Precotto M1 con 5 corse in più per direzione nelle due ore di punta. La linea 51 rispristina il percorso su via Murat, con un nuovo capolinea a Zara M3/M5. La linea 45 modifica il percorso passando per via Facchinetti e farà una nuova fermata in viale Corsica per servire meglio il quartiere Forlanini. Modifiche da settembre - A partire da settembre, anche le linee 15, 24, 39, 46, 71 e 78 miglioreranno il servizio. Comune di Milano e Atm stanno facendo le necessarie verifiche di fattibilità. In particolare il 15 sarà prolungato fino a Rozzano. Potenziamenti sulle altre linee che servono rispettivamente i quartieri Vigentino, Ortica (collegamento con le RSA anziani), Cantalupa. Per quanto riguarda le linee 71 e 78 nelle prossime settimane l’Amministrazione condividerà con i Municipi le possibili alternative per migliorare il servizio dei due bus che servono il quartiere Barona e Sant’Ambrogio e il collegamento con la M2 Famagosta e Romolo e l’Ospedale San Paolo e Porta Ludovica (71). La linea 78 nel quartiere di Quarto Cagnino facilitando i collegamenti con M5 San Siro e M1 Bisceglie e con l’Ospedale San Carlo. Orario estivo – Il servizio di ATM in metropolitana prolunga l’ orario invernale di due settimane. Infatti si è deciso che l’orario estivo entrerà in vigore solo a partire dal 21 luglio (lo scorso anno è partito l’8 luglio). Il servizio invernale di superficie viene prolungato di una settimana: le fermate di bus, tram e filobus cambieranno i propri tabellari a partire dal 7 luglio e non più dal 30 giugno.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2018

ROMA | Dal 30 aprile parte il potenziamento delle linee verso le spiagge di Ostia

di mobilita

Scatta lunedì 30 aprile il piano di potenziamento per le linee del trasporto pubblico dirette verso le spiagge di Ostia. Lunedì prossimo torna in servizio la linea bus 07 che collegherà nei feriali, sabato e festivi la stazione Colombo della ferrovia Roma-Lido a Campo Ascolano/Torvaianica percorrendo la via Litoranea e transitando nelle vicinanze degli stabilimenti balneari comunali conosciuti come i "cancelli" e di fronte alle spiagge di Castelporziano e Capocotta. Sempre dal 30 aprile sarà in strada la linea di bus 062 nei feriali, sabato e festivi. La linea 062 serve l'intero lungomare di Ostia dal Porto Turistico a Castel Porziano con interscambio con la ferrovia Roma-Lido alle stazioni Lido Centro e Colombo. Dal 9 giugno al 26 agosto intensificata la linea 070 che collega la stazione Eur Fermi della metro B alla stazione Colombo della ferrovia regionale Roma-Lido mentre al sabato e nei festivi sarà in strada la linea 068, che collega la stazione di Acilia della ferrovia regionale Roma-Lido a Campo Ascolano/Torvaianica e unisce l'entroterra di Ostia (Acilia, Saponara, Casal Palocco, Castel Porziano e Infernetto) al lungomare e alla via Litoranea, transitando, come la linea 07, nelle vicinanze dei "cancelli" e di fronte alle spiagge di Castelporziano e Capocotta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2018

ROMA | Arrivate altre quattro auto elettriche in Campidoglio

di mobilita

Proseguono le consegne a Roma Capitale di auto elettriche da parte di Group PSA, con le vetture delle case – Citroën e Nissan – che hanno aderito all’avviso pubblico lanciato a settembre 2017 per sei mezzi a emissioni zero da destinare all’autoparco capitolino. Come già la Nissan arrivata lo scorso 12 aprile, le due C-Zero e le due Berlingo sono in comodato d’uso gratuito per un anno e sei mesi. Le nuove vetture saranno utilizzate per fini istituzionali, a sostegno della mobilità eco-compatibile e del rispetto dell’ambiente. Dall’uso delle vetture elettriche ci si attende non solo benefici ambientali ma anche abbattimento di costi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 apr 2018

ROMA | Da giugno 24 chilometri a piedi e in bici una domenica al mese

di mobilita

Strade off-limits per auto e scooter una domenica al mese: dal Colosseo a Prati, dall’Appia Antica a via Labicana, da via XX Settembre a via Tiburtina. Una rete ciclopedonale di quasi 24 chilometri. Entro giugno parte il progetto #ViaLibera che prevede la chiusura ai mezzi a motore di diverse strade della Capitale, con 55 presidi fissi delle forze dell’ordine e 1.400 transenne per bloccare il traffico. L’intento è di promuovere un diverso modo di vivere la città. A breve sarà pubblicato un avviso pubblico per installazioni temporanee e arredi lungo i percorsi: associazioni ed esercizi commerciali interessati potranno partecipare e contribuire alla realizzazione delle domeniche pedonali. Un mix di isole ciclo-pedonali integrali e percorsi parzialmente pedonalizzati, dove il transito veicolare sarà consentito solo su parte della carreggiata mediante spartitraffico, per garantire piena sicurezza a pedoni e   ciclisti. Le forze dell’ordine aiuteranno gli automobilisti a orientarsi nella viabilità diversa da quella abituale. Queste le strade chiuse al traffico e dedicate ai percorsi ciclopedonali: Via Cola di Rienzo Via Appia Antica Via Tiburtina Via di Porta S. Sebastiano Via dei Fori Imperiali e largo Corrado Ricci Viale di S. Gregorio: pedonalizzazione parziale limitata alla sola carreggiata lato Palatino. Doppio senso di marcia su carreggiata lato Celio con dispositivi “defleco” per separazione sensi di marcia (sistemazione già prevista da progetto GRAB Via di Santa Bibiana e via G. Giolitti Via XX Settembre (completamente chiusa al traffico veicolare, fatta eccezione per ‘ricircoli’ locali e accesso area parcheggio) Piazza Venezia: chiusura parziale lato Assicurazioni Generali/Colonna Traiana. Varco di attraversamento via IV Novembre/via C. Battisti. Doppio senso su lato Palazzo Venezia gestito con separatori “defleco” e presidio Polizia Locale Viale delle Terme di Caracalla: pedonalizzazione parziale limitata alla sola carreggiata centrale. Carreggiate laterali per distribuzione e linee bus Via Labicana: pedonalizzazione parziale limitata alla sola carreggiata nord lato Collle Oppio. Viale Manzoni: pedonalizzazione parziale, transito consentito per ‘ricircoli’ locali. Viale Regina Elena: pedonalizzazione parziale limitata alla sola carreggiata lato università. Via G. M. Lancisi Viale del Policlinico: chiusura carreggiata lato mura Via Bissolati: chiusura semicareggiata direzione via Veneto. Via Veneto: chiusura totale da via Bissolati a Porta Pinciana. Viale San Paolo del Brasile: percorso interno a Villa Borghese, accessibile solo agli autobus

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 apr 2018

PORTO DI TERMOLI | Proposta per il dragaggio del porto per ospitare navi turistiche

di mobilita

Il neo eletto presidente della Regione Molise, Donato Toma, alla prima conferenza stampa post elettorale, ha affermato che tra le priorità del suo governo c'è il dragaggio del porto di Termoli per poter ospitare navi turistiche e promulgare un opuscolo che racchiude tutte le bellezze della Regione Molise consultabile anche su internet.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 apr 2018

REGIONE ABRUZZO | Individuati i fondi per il ponte ciclopedonale in legno sul fiume Tordino

di mobilita

Si è svolto, nei giorni scorsi, un incontro per individuare le risorse economiche necessarie per i lavori di manutenzione del ponte ciclopedonale in legno sul fiume Tordino, tra i comuni di Roseto e Giulianova. Al tavolo di lavoro hanno partecipato gli assessori Dino Pepe e Giorgio D'Ignazio. "Abbiamo voluto questo incontro - osserva l'assessore Dino Pepe - al termine di una istruttoria interna con il direttore regionale Francesco Di Filippo, il quale si occupa della gestione delle attività inerenti la delega al cicloturismo, volta a studiare la fattibilità dell'intervento che si inserisce nella più ampia problematica della manutenzione dei ponti ciclabili, snodi fondamentali per la piena fruibilità del tracciato ciclabile abruzzese, tanto apprezzato a livello nazionale. In tal senso - ha aggiunto Pepe - si è ritenuto di utilizzare alcune risorse disponibili per fronteggiare questa criticità. Voglio ricordare che sono state tante le risorse destinate dalla Regione Abruzzo su questo tema. Mi riferisco, in particolare, a quelle destinate alla realizzazione del ponte sul Tronto, strategico collegamento con le Marche, e per la sistemazione dei ponti tra Villa Rosa ed Alba Adriatica e tra Tortoreto e Giulianova. Ora questa ulteriore esigenza - continua l'assessore Pepe- che mi è stata sollevata dal Comitato del quartiere Annunziata di Giulianova, dai sindaci dei Comuni interessati, dai consiglieri provinciali referenti territoriali, ma anche e soprattutto da tanta gente comune che in modo straordinario ed inaspettato difende e promuove questi tratti ciclabili capaci di mettere in evidenza scorci bellissimi delle nostre città costiere diventando biglietti da visita unici nel panorama adriatico". In Abruzzo sono stati tutti appaltati i 21 progetti programmati per un investimento complessivo che ammonta a quasi 34 milioni e 465mila euro e sono iniziati i lavori del più imponente dei cantieri, la "Via verde della Costa dei Trabocchi", un unico appalto di ben 40 km sulla spettacolare ex ferrovia. "Ora - afferma Pepe- ci concentriamo su una nuova sfida dopo l'inserimento dell'Abruzzo nel più ampio snodo della ciclovia adriatica, i cui lavori sono finanziati dal Governo, e compre l'intero tracciato dal Veneto alla Puglia". 

Leggi tutto    Commenti 0