Articolo
28 dic 2017

BOLZANO | Aumento di capitale da 68 milioni per STA

di mobilita

La Giunta provinciale di Bolzano ha approvato  uno stanziamento di 67,6 milioni di euro per garantire l'aumento di capitale di STA (Strutture trasporto Alto Adige), la società inhouse le cui quote sono al 100% di proprietà della Provincia che si occupa di pianificare, realizzare e gestire le infrastrutture per il trasporto pubblico (come ad esempio la ferrovia della Val Venosta) e il sistema tariffario, nonchè di sostenere le iniziative per la mobilità sostenibile tramite il progetto Greenmobility. Grazie all'aumento di capitale, STA potrà investire ulteriori risorse nell'acquisto di 7 nuovi treni Flirt e nel potenziamento dei collegamenti ferroviari transfrontalieri con destinazione Innsbruck e Lienz. "Vogliamo rafforzare ulteriormente un sistema di trasporto pubblico sostenibile già all'avanguardia - sottolinea il presidente Arno Kompatscher - in grado non solo di offrire ai passeggeri un servizio di qualità, ma anche di contribuire a far viaggiare a braccetto mobilità e tutela dell'ambiente. La ferrovia, in Alto Adige, sta vivendo una fase di grande crescita dal punto di vista della capacità e della qualità, e anche grazie a questi investimenti contiamo di spostare sempre di più il traffico da gomma a rotaia".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2017

Regione Siciliana | Pubblicato il bando di gara per la continuità territoriale

di mobilita

Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea è stato pubblicato il bando per l’esercizio di servizi aerei di linea in conformità degli oneri di servizio pubblico. Le rotte interessate sono: Pantelleria - Trapani e vv, Pantelleria - Palermo e vv, Pantelleria - Catania e vv, Lampedusa - Palermo e vv, Lampedusa - Catania e vv. A decorrere dal 1 luglio 2018, verrà limitato l’accesso alle rotte sopra descritte ad un unico vettore tramite gara pubblica, per un periodo di tre anni, fino al 30 giugno 2021.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 dic 2017

MILANO | Metropolitana M4, lavori completati per il 30%

di mobilita

Continuano i lavori della M4 di Milano che vede Salini Impregilo mandataria dell’ATI aggiudicataria e prevede la realizzazione di una metropolitana ad automazione integrale, senza conducente, per collegare l’aeroporto di Linate con la stazione FS di Milano San Cristoforo. I lavori sono completati per il 30% e all’opera ci sono oltre 1000 dipendenti in tutti i cantieri, aperti e in attività lungo l’intero tracciato della linea.  Le TBM, utilizzate per lo scavo meccanizzato delle gallerie, sono ripartite a marzo 2017 dalla stazione Forlanini FS – manufatto Sereni. Stefania, la talpa tenuta a battesimo dal Sindaco di Milano Giuseppe Sala, che ha presenziato all’evento, ha raggiunto la stazione Tricolore a metà di dicembre. La seconda TBM sta invece completando lo scavo tra le stazioni di Dateo e Tricolore, dove è previsto l’arrivo entro gennaio 2018. La nuova linea, realizzata interamente in sotterraneo per una lunghezza di circa15 Km da Linate a Lorenteggio, fornirà un collegamento veloce lungo la direttrice est/sud-ovest attraversando il centro storico della città. La concessione prevede la progettazione (definitiva ed esecutiva) e la realizzazione di due gallerie a binario singolo, una per senso di marcia, con 21 stazioni, 30 manufatti e un deposito/officina. La Linea M4 si sviluppa prevalentemente nel Comune di Milano, ricadendo in prossimità del terminale orientale per una piccola porzione nel territorio dei comuni di Segrate e di Peschiera Borromeo. Sono previsti due interscambi con le esistenti linee metropolitane - con la linea rossa in corrispondenza della stazione San Babila e con la linea verde in corrispondenza della stazione Sant’Ambrogio - tre interscambi con le linee ferroviarie suburbane - in corrispondenza della stazione Forlanini FS, della stazione Dateo e della stazione San Cristoforo - ed un interscambio con l’aerostazione di Linate. Tali interscambi contribuiranno ad aumentare un “effetto di rete” intermodale atteso su tutto il sistema di trasporto urbano ed extra-urbano. Si tratta di una metropolitana leggera “driverless” con porte automatiche di banchina e sistema di segnalamento CBTC (Communication Based Train Control); la flotta sarà costituita da 47 veicoli a 4 casse intercomunicanti. La concessione avrà una durata complessiva di 30 anni di cui 6,5 anni per la progettazione e costruzione e i restanti 23,5 anni per la fase di gestione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 dic 2017

BOLOGNA |Il Cipe approva il Progetto integrato della mobilità

di mobilita

Il CIPE, Comitato interministeriale per la programmazione economica, ha approvato nella seduta odierna il Progetto relativo al Servizio di trasporto pubblico integrato metropolitano bolognese, PIMBO del valore di 236,521 milioni di euro proposto da Regione Emilia Romagna, dalla Città Metropolitana di Bologna e dal Comune di Bologna con soggetti attuatori Tper e Fer. L’approvazione del progetto permetterà di ultimare le fermate del Servizio Ferroviario Metropolitano e di completare la rete filoviaria bolognese con la realizzazione delle opere stradali e di alimentazione elettrica e la fornitura di filobus. All'interno della cifra complessiva rientra il finanziamento di circa 46 milioni di euro per l’interramento della tratta urbana della linea Bologna – Portomaggiore. “E’ una notizia estremamente positiva che chiude un cerchio al quale ci siamo dedicati con perseveranza in questi anni – dichiara il Sindaco del Comune di Bologna e della Città Metropolitana Virginio Merola – queste risorse ultimeranno le infrastrutture del trasporto pubblico metropolitano e ci permetteranno acquistare nuovi filobus oltre a intervenire su una linea portante del servizio ferroviario metropolitano come la Bologna – Portomaggiore al servizio dei pendolari”. “Finalmente è arrivato il via libera grazie ad un lavoro di squadra compiuto dalle istituzioni, da Tper e Fer – aggiunge l’assessore regionale ai Trasporti e alle Infrastrutture Raffaele Donini – con l’arrivo dei nuovi treni per i pendolari, già in parte consegnati, e la progettualità sottoscritta con il recente Patto del trasporto pubblico locale, abbiamo un altro tassello che contribuirà a rendere sempre più all’avanguardia il servizio di trasporto pubblico nella nostra Regione”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 dic 2017

Assegnati 20 milioni di euro a quattro porti calabresi

di mobilita

Nuovo importante passaggio per il rilancio e il miglioramento della competitività del sistema portuale calabrese, con l’ammissione a finanziamento degli interventi di riqualificazione e adeguamento infrastrutturale dei porti di Isola Capo Rizzuto (Kr), Roccella Jonica (RC), Cirò Marina (Kr) e Cetraro (Cs). A conclusione della procedura di selezione per interventi infrastrutturali nei porti di rilevanza economica regionale ed interregionale, la Regione Calabria ha infatti definitivamente assegnato circa 20 milioni di euro a valere sull’asse VII “Sviluppo delle reti di mobilità sostenibile” del POR Calabria 2014-2020. Le risorse sono state attribuite alle proposte collocate nelle prime quattro posizioni della graduatoria approvata lo scorso mese di Agosto (su un totale di 8 istanze che hanno ottenuto un punteggio superiore alla soglia di ammissibilità) che si riferiscono appunto ai porti di Isola Capo Rizzuto, Roccella Jonica, Cirò Marina e Cetraro. In esito alle determinazioni della Commissione di Valutazione - che ha avuto in carico la procedura di selezione degli interventi - con il decreto dirigenziale n° 14427 del 18 dicembre 2017 è stata disposta l’ammissione a finanziamento dei quattro interventi di cui sopra, con la specifica degli importi assegnati a ciascuno di essi, fino al completo assorbimento delle risorse destinate all’Avviso. Il decreto, inoltre, approva lo schema di convenzione da proporre ai Comuni beneficiari per disciplinare i rapporti di finanziamento. Terminato l’iter di selezione degli interventi, può dunque concretamente avviarsi la fase attuativa degli interventi. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 dic 2017

Aeroporto di Bologna | Raggiunta quota otto milioni di passeggeri

di mobilita

Otto milioni di passeggeri in un anno. E’ il nuovo record storico dell’Aeroporto Marconi di Bologna, che con un trend di crescita annua del 6,6% si conferma uno degli scali italiani più dinamici e attrattivi per il mercato, grazie anche ad un mix di successo tra collegamenti nazionali ed internazionali, compagnie “tradizionali” e proposte low cost. Forte di un centinaio di destinazioni servite con voli diretti, che ne fanno il quarto scalo italiano per connettività mondiale, l’Aeroporto di Bologna ha recentemente annunciato l’avvio di cinque nuove rotte per la Cina, da giugno del prossimo anno. Susanna Binelli, passeggera originaria di Mantova, in arrivo da Birmingham via Amsterdam, è la passeggera numero “Otto Milioni” dell’Aeroporto di Bologna. A festeggiarla, con due biglietti per Parigi offerti da Air France, i vertici dello scalo emiliano: il presidente Enrico Postacchini e l’amministratore delegato Nazareno Ventola, con il direttore Business Aviation e Comunicazione Antonello Bonolis. È la prima volta che l’Aeroporto di Bologna supera quota otto milioni di passeggeri annui: il precedente record di traffico, risalente al 2016, si era fermato a 7.680.992 passeggeri. Dal primo volo commerciale del 4 settembre 1933, la crescita è stata via via sempre più rapida: nel 1988 i passeggeri annui hanno raggiunto per la prima volta il milione, due milioni nel 1995, tre nel 1999, quattro nel 2006, cinque nel 2010, sei nel 2013 e sette appena un anno fa, nel novembre del 2016. Dal 2008 ad oggi, l’Aeroporto di Bologna ha registrato un incremento dei passeggeri annui dell’89,3%, contribuendo così in maniera significativa allo sviluppo delle imprese e del turismo del territorio. Complessivamente, dal primo passeggero del 1933 ad oggi, il Marconi ha trasportato quasi 110 milioni di passeggeri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 dic 2017

FSE: da gennaio offerta regolare sulla Bari-Martina Franca via Conversano

di mobilita

Da martedì 2 gennaio torna a pieno regime l’offerta ferroviaria sulla linea Bari-Martina Franca (via Conversano). I lavori di rinnovo dei binari proseguiranno di notte senza interferire sulla circolazione. Di seguito il programma dei treni: Linea 1 Bari-Taranto, via Conversano TVAT 1101    Bari Sud Est (p. 5:11) - Martina Franca (a. 7:13) TVAT 1107    Bari Centrale (p. 6:19 )- Martina Franca (a. 8:28) TVAT 1111    Bari Sud Est (p. 6:47) - Putignano (a. 7:55) TVAT 1113    Putignano (p. 6:57) - Martina Franca (a. 7:41) Linea 1 Taranto-Bari, via Conversano TVAT 1106    Martina Franca (p. 6:08 ) - Bari Centrale (a. 7:48) TVAT 1112    Martina Franca (p. 7:24) - Bari Centrale(a. 9:18) TVAT 1114    Conversano (p. 7:34) - Bari Centrale (a. 8:17) TVAT 1124    Putignano (p. 9:38) - Bari Centrale(a. 10:43) TVAT 1128    Martina Franca (p. 10:07) - Bari Centrale (a. 11:54) Invariati gli orari di partenza e di arrivo del treno TVAT 1108 Martina Franca (p. 6:37) - Bari Centrale (a. 8:43) con lievi modifiche nelle fermate di Putignano (a. 7:23 – p. 7:38), Grotte di Castellana (a. 7:42 – p. 7:43), Castellana Grotte (a. 7:46 – p. 7:48) e Conversano (a. 7:58 – p. 8:00). Prevista a fine marzo 2018 la conclusione della prima fase degli interventi sulla linea Bari-Putignano (via Casamassima). I tecnici di Ferrovie del Sud Est, durante le attività di cantiere, hanno infatti riscontrato uno stato di forte degrado – in particolare nelle tratte Valenzano-Adelfia-Casamassima-Sammichele – che ha reso necessaria l'esecuzione di radicali interventi di risanamento della massicciata e rinnovo delle rotaie. Durante la fase di cantiere, sulla linea Bari-Putignano (via Casamassima) FSE continuerà a garantire un servizio sostitutivo con bus. I servizi su gomma rispetteranno gli orari previsti per i treni e saranno rinforzati, con corse aggiuntive, nelle fasce orarie di maggiore afflusso della clientela. I programmi di viaggio potrebbero subire modifiche dovute al traffico stradale. Al termine degli interventi sull’anello ferroviario di Bari – conclusione 2018 – i treni potranno viaggiare alla massima velocità consentita dalle linee superando quindi gli attuali 50 km/h.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 dic 2017

ANAS | Aperto al traffico il 3° lotto dell’itinerario Sassari-Olbia

di mobilita

Anas ha aperto al traffico l’intero lotto 3 dell’Itinerario ‘Sassari-Olbia’, per una lunghezza complessiva di 12 km, nei territori comunali di Oschiri e Ozieri,  in provincia di Sassari. “Il lavoro procede e continuerà sulla Sassari Olbia - ha dichiarato il Ministro Graziano Delrio -  e siamo al giro di boa per una infrastruttura prioritaria secondo la pianificazione del Ministero, che ha l'obiettivo di sciogliere i nodi e completare gli itinerari della rete nazionale”. “La Sassari Olbia - ha affermato il presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani - è l’arteria più importante del nord Sardegna e rappresenta uno dei principali obiettivi di Anas per la modernizzazione della rete stradale nazionale. Con l’apertura di oggi sono già percorribili 42 chilometri di nuova strada a quattro corsie con elevatissimi standard di sicurezza, equiparabili a una vera autostrada, e con tempi di percorrenza inferiori rispetto al passato. Tutte caratteristiche fondamentali per il tessuto economico e sociale del territorio”. Il tratto aperto oggi si aggiunge al precedente tratto del lotto già percorribile dal 29 aprile scorso, compreso tra il km 26,300 e il km 29,100. L’intero lotto 3, che ha previsto un investimento complessivo di oltre 123 milioni di euro (interamente finanziati dalla Regione Sardegna), oltre ad essere uno dei più estesi dell’intero Itinerario con i suoi circa 12 km di lunghezza, è anche uno dei più complessi a livello realizzativo con 10 ponti, 6 cavalcavia e una galleria artificiale con le funzioni di ecodotto. L’apertura al traffico del lotto 3 segue quella avvenuta lo scorso 31 luglio con la conclusione del lotto 9, per l’accesso all’abitato di Olbia, e porta a oltre la metà, degli 80 previsti, i chilometri di tracciato a 4 corsie già completati e aperti al traffico. La conclusione dell’intero tracciato è prevista entro la fine del 2019 e permetterà una riduzione dei tempi di percorrenza di circa 35 minuti, con l’aumento del limite di velocità fino a 110km/h e una maggiore sicurezza per l’utenza stradale grazie al miglioramento delle intersezioni stradali. La nuova strada statale 729 ‘Sassari Olbia’, con i suoi  80 km di lunghezza, è un adeguamento a 4 corsie della rete esistente costituita dalle strade statali 199 e 597. Questo Itinerario, una volta ultimato, rappresenterà la principale arteria di collegamento est-ovest del nord della Sardegna e avrà una grande rilevanza logistica, in quanto servirà un bacino potenziale di 200 mila utenti, mettendo in comunicazione le 4 principali città del nord Sardegna (Sassari, Porto Torres, Tempio e Olbia), 2 aeroporti (Alghero e Olbia), 2 porti (Olbia e Porto Torres), oltre a connettere 3 arterie fondamentali della viabilità regionale (le strade statali 131 “Carlo Felice”, 131 DCN, 125 “Orientale Sarda”). L`opera è stata complessivamente finanziata per 930 milioni con più delibere CIPE, con fondi della Regione Sardegna.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 dic 2017

REGIONE SARDEGNA | 63% di posti in più nelle festività natalizie con la continuità territoriale

di mobilita

Ancora aumenti di capienza sulle rotte aeree Alitalia in continuità territoriale da Cagliari verso Roma e Milano e sulla Alghero-Linate nel periodo da oggi sino al 9 gennaio prossimo. Si arriva attualmente a un incremento del 63,5% dei posti minimi stabiliti in base al decreto di imposizione degli oneri di servizio, un valore nettamente superiore anche rispetto alla cifra del +50% concordata nell’ultimo comitato di monitoraggio convocato dall’assessore dei Trasporti Carlo Careddu. In totale, sui collegamenti indicati, sono state messe in vendita 115822 poltrone, ovvero 44986 in più del previsto. I voli totali nello stesso periodo e nelle stesse rotte sono 698 con picchi di 23 collegamenti il 23 dicembre sulla Cagliari-Linate-Cagliari, 18 il medesimo giorno sulla Cagliari-Fiumicino-Cagliari o 6 sulla Alghero-Milano sempre il 23. Le percentuali di incremento in alcune giornate superano quindi anche il 200% (sulla Alghero-Linate-Alghero il 23 dicembre con 896 posti in vendita e sulla Cagliari-Linate-Cagliari nella stessa data con 3620 poltrone disponibili) e si aggirano intorno al 150% nella settimana del controesodo: per esempio 171% di posti in più il 7 gennaio con 696 posti in vendita sulla Alghero-Linate o il 153% di poltrone aggiuntive lo stesso giorno nel collegamento da Cagliari a Milano.        

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 dic 2017

PERUGIA | Da febbraio 2018 partirà il primo frecciarossa per Milano

di Roberto Lentini

Da febbraio 2018 Perugia avrà un collegamento giornaliero  Perugia-Milano tramite il Frecciarossa 9500 con partenza alle 5:13 da Perugia. Le fermate intermedie saranno Firenze Bologna e Milano per poi proseguire per Torino. Il ritorno è previsto a partire dalle 18.45 da Milano con arrivo a Perugia alle 22.18. Lo si è appreso questa mattina nella conferenza stampa che si è tenuta a Perugia con la presidente Marini e l’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono. Orazio Iacono, amministratore delegato di Trenitalia, nel presentare oggi a Perugia il nuovo collegamento, ha dichiarato: “La nostra azienda è al servizio del paese, sta lavorando per migliorare la qualità degli spostamenti dei cittadini e, insieme, la loro qualità di vita. Ampliare i benefici dell’Alta Velocità a territori non toccati direttamente dall’infrastruttura veloce è uno dei nostri obiettivi, che perseguiamo convinti di poter attrarre una significativa domanda e, contemporaneamente, rendere un servizio utile e apprezzato dalla clientela che potrà trarre significativi benefici nella propria esperienza di viaggio”. Occorre tuttavia puntualizzare che la tipologia di servizio che si prevede di istituire non è annoverabile come un servizio di Alta Velocità in quanto le caratteristiche dell’infrastruttura, anche se percorsa da materiale rotabile di nuovissima generazione, non consente standard prestazionali di tale livello per tutto il tratto che precede l’immissione in direttissima. Tale servizio assumerà necessariamente il carattere di sperimentalità e solo all’esito positivo dei risultati quantificabili in un numero adeguato di passeggeri, opportunamente confrontati con i costi sostenuti, potrà diventare definitivo. I nuovi Frecciarossa da e per Milano si aggiungono all'offerta attuale costituita da quattro corse intermodali treno+bus Freccialink con cambio a Firenze, due corse dirette Intercity e numerose soluzioni di viaggio Regionali+Frecce con cambio a Firenze.  

Leggi tutto    Commenti 0