Articolo
02 ago 2017

Agrigento | Pre-conferenza di Servizi finalizzata all’approvazione del progetto esecutivo del ponte Petrusa

di mobilita

Si è svolta ieri mattina ad Agrigento la Pre-conferenza di Servizi nell’ambito dell’iter di approvazione del progetto esecutivo del nuovo ponte Petrusa sulla strada statale 122 “Agrigentina”. All’incontro erano presenti, tra gli altri, il Sindaco di Agrigento Lillo Firetto, Nicola Montesano, quale Responsabile d’Area Compartimentale di Anas e Valerio Mele, Coordinatore Territoriale Anas Sicilia. “Sin da quando abbiamo accertato la necessità di dover procedere alla ricostruzione del viadotto Petrusa – ha dichiarato l’ing. Mele – Anas si è adoperata, per quanto di propria competenza, affinché potesse essere definito nel minor tempo possibile l’iter tecnico e amministrativo. L’incontro odierno è stato organizzato anche al fine di potere condividere con gli enti interessati la soluzione progettuale elaborata e definire l’iter autorizzativo”. Come è noto, la demolizione del vecchio ponte Petrusa avvenne lo scorso marzo e Anas, già durante il precedente periodo di chiusura, aveva tempestivamente avviato le attività necessarie alla realizzazione del nuovo ponte. È in fase di ultimazione la redazione del progetto esecutivo, già precedentemente sottoposto al Comune di Agrigento per la verifica della compatibilità urbanistica. La procedura di appalto per l’affidamento dei lavori - per un investimento complessivo pari a circa 4 milioni di euro - potrà essere avviata il prossimo autunno, previa acquisizione di tutti i pareri autorizzativi da parte degli enti interessati. Anas evidenzia comunque che, fino alla realizzazione del nuovo ponte, l'allungamento del percorso tra Agrigento e Favara è di circa 900 metri in direzione Favara e circa 10 km in direzione opposta, con un incremento dei tempi di percorrenza rispettivamente di 2 e 8 minuti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Aeroporto di Genova, inaugurata la terrazza “Missione Malerba”

di mobilita

Era presente anche Franco Malerba, primo astronauta italiano, alla presentazione della terrazza dell’Aeroporto di Genova, recuperata dopo diversi anni di chiusura e un intervento di restyling terminato a metà luglio. Per presentare i risultati di questo lavoro di recupero è stato scelto il 31 luglio, 25esimo anniversario del decollo della missione Shuttle STS-46, che portò il busallese Malerba in orbita per la sua celebre missione spaziale. Proprio a quella missione è intitolata la terrazza, spazio che Aeroporto di Genova intende dare in concessione per attività di ristorazione ed eventi La terrazza “Missione Malerba” si estende su circa 650 metri quadrati. Si tratta di un’area a ridosso del piazzale dell’Aeroporto e per questo soggetta ad alcune restrizioni di sicurezza. Tra gli obiettivi di Aeroporto di Genova c’è anche l’apertura a famiglie e ad appassionati di aviazione civile, secondo un calendario e modalità che verranno concordati con Polizia ed ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile. In occasione della presentazione, e grazie alla disponibilità degli organizzatori del Festival dello Spazio di Busalla, la terrazza ha anche ospitato la mostra dedicata alla missione “STS-46”, che già da domani sarà trasferita nel terminal aeroportuale e potrà essere ammirata da tutti i passeggeri in partenza dal Cristoforo Colombo fino alla fine del mese di agosto. L’intervento di restyling della terrazza è uno dei numerosi cantieri avviati negli ultimi mesi all’Aeroporto di Genova. A maggio sono stati inaugurati i nuovi uffici e le meeting room, mentre a breve saranno conclusi i lavori sull’area parcheggio. Nelle prossime settimane sarà presentata la Genova Lounge, completamente ristrutturata e con una superficie raddoppiata rispetto alla precedente sala vip. Non solo: insieme alla Genova Lounge sarà presentato anche il nuovo servizio Fast Track che consentirà l’accesso prioritario ai varchi di sicurezza. All’evento era presente anche il neo-Presidente di Aeroporto di Genova S.p.A., Paolo Odone, che ha espresso gratitudine nei confronti del suo predecessore, l’avv. Marco Arato, e ha auspicato che l’aeroporto possa proseguire nel percorso di sviluppo avviato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Firmato il nuovo contratto di servizio con la Regione Basilicata valido 6 anni

di mobilita

Più investimenti per il trasporto regionale che si tradurranno in un rinnovo della flotta dei treni per i pendolari, in un progressivo incremento dell’offerta, in un ulteriore miglioramento delle performance di qualità. Sono le linee guida del nuovo Contratto di Servizio con Trenitalia, valido fino 6 anni, al 2023, sottoscritto oggi a Potenza nella sede della Regione Basilicata. L’intesa è stata siglata da Nicola Benedetto l’Assessore regionale ai Trasporti, Vito Marsico, Dirigente Generale Dipartimento Infrastrutture e Mobilità, Donato Arcieri Dirigente Ufficio Trasporti e Mariella Polla, Direttore Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia Basilicata. Il nuovo contratto consentirà a Trenitalia, facendo affidamento su un flusso di cassa costante e definito nel tempo, di programmare investimenti per oltre 23 milioni di euro da destinare al miglioramento della flotta attraverso l’utilizzo di nuovi treni Swing e l’incremento di comfort e security a bordo: video sorveglianza live e infotainment. Gli interventi messi in campo in questi ultimi anni da Trenitalia hanno generato un miglioramento del comfort di viaggio, percepito chiaramente dalla clientela che, nell’ultima rilevazione sulla customer satisfaction, si è ritenuta soddisfatta complessivamente nel 70,7% dei casi contro il 60,4% del 2015, con un incremento di 10,3 punti percentuali. Quanto alla puntualità, la media giornaliera nel 2017, realmente percepita dal viaggiatore, incluse le cause esterne, su tutte le linee regionali è risultata del 89,8%, con un miglioramento di 6,9 punti percentuali rispetto al 2015. Nel 2017, le cancellazioni dei treni per cause imputabili a Trenitalia sono dello 0,5% dei treni programmati in orario, in riduzione del 29% rispetto al 2015. Più servizi, più regolari e migliori, cosa che ha reso possibile per Regione Basilicata di confermare, dunque, la politica del rafforzamento del trasporto pubblico su ferro, con benefici sensibili anche in tema di sostenibilità ambientale, poiché il treno produce fino al 90% di emissioni inquinanti in meno rispetto ai tradizionali veicoli su gomma.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Aeroporto di Perugia, in arrivo nove nuove tratte con FlyVolare

di mobilita

La nuova compagnia aerea maltese FlyVolare ha annunciato l’apertura di nove rotte da Perugia a partire da metà settembre. cinque nazionali, ovvero Milano Malpensa, Lamezia Terme, Brindisi, Cagliari e Palermo e quattro estere, cioè Amsterdam, Casablanca, Iasi e Cluj-Napoca. L’aereo sarà un A319 da 122 posti di cui 16 in business class. La compagnia sta lavorando inoltre, in collaborazione con diversi Tour Operator ed agenzie di viaggio, per sviluppare una serie di collegamenti charter nazionali ed internazionali. “È con grande piacere che accogliamo FlyVolare presso lo scalo umbro – ha commentato Ernesto Cesaretti – Presidente SASE - e l’apertura di numerosi collegamenti nazionali ed internazionali che vanno ad intercettare quella domanda di traffico non ancora coperta dai vettori che attualmente volano su Perugia. Grazie alla presenza di un aeromobile basato, oltre al traffico prodotto dai voli di linea si aprono nuove opportunità anche per gli operatori turistici del territorio, che da oggi possono contare su nuove possibilità legate allo sviluppo di collegamenti charter volti a incrementare l’incoming verso l’Umbria”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Firenze-Pistoia-Viareggio, proseguono i lavori per il raddoppio tra Pistoia e Montecatini

di mobilita

Proseguono i lavori per il raddoppio ferroviario tra Pistoia e Montecatini Terme, sulla linea Firenze-Pistoia-Viareggio. In particolare, nel mese di agosto, saranno svolte anche le attività propedeutiche per l’eliminazione dei passaggi a livello. Per consentire l’operatività del cantiere, da domenica 6 agosto a sabato 2 settembre, la circolazione dei treni tra Pistoia e Montecatini Terme sarà sospesa. Durante tutto il periodo sarà attivo, tra le due località, un servizio sostitutivo con autobus via autostrada A11 che non fermeranno nella stazione intermedia di Serravalle Pistoiese. I sistemi di vendita di Trenitalia sono già aggiornati con la nuova offerta commerciale, consultabile anche sui quadri orario arrivi e partenze nella stazioni della linea. L’orario di partenza e arrivo dei bus (che fermeranno nei piazzali antistanti la stazione) potrà variare in base alle condizioni del traffico stradale. Si invitano i viaggiatori a prestare attenzione agli annunci sonori e visivi in stazione. Gli orari dei treni da Firenze per Pistoia e viceversa rimarranno pressoché invariati. Per agevolare la mobilità è stata potenziata, nella fascia mattutina, l’offerta sulla relazione Viareggio-Pisa-Firenze. Durante l’interruzione si consiglia ai possessori di biglietto e abbonamento Trenitalia da Lucca/Tassignano – Capannori/Porcari/Altopascio per Firenze e viceversa di percorrere l’itinerario via Lucca-Pisa-Empoli. Infine, nella stazione di Lucca sono in programma lavori di riqualificazione del 3° marciapiede mentre i binari 5 e 6 non saranno a disposizione dei viaggiatori. Per questo motivo alcuni treni potranno variare il binario di arrivo o partenza o modificare il tempo di viaggio di qualche minuto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Funivia di Selvino, arrivati i finanziamenti per la revisione dell’impianto

di mobilita

La Regione Lombardia, con una delibera approvata dalla Giunta regionale, finanzierà l'intervento di revisione generale della Funivia Albino-Selvino in occasione del 60° anno di apertura al pubblico. La  Funivia Albino-Selvino rappresenta un vero e proprio servizio di trasporto pubblico locale che, oltre a fornire un servizio indispensabile per studenti e pendolari, permette a decine di migliaia di turisti di raggiungere comodamente l'Altopiano di Selvino favorendo così lo sviluppo turistico dell'intera zona. La normativa stabilisce che allo scadere del 60° anno è necessaria una revisione generale dell'impianto per il rilascio di un nuovo nulla osta per il proseguimento dell'apertura al pubblico esercizio. Per questo motivo, Regione Lombardia riconoscerà al Comune il 50 per cento del finanziamento necessario La spesa complessiva è di 1.776.140 euro di cui: - 888.070 euro a carico del Comune di Selvino - 888.070 euro a carico della Regione Lombardia: 170.000 euro per il 2017 718.070 nel 2018. Il Comune di Selvino si è impegnato a garantire le seguenti tempistiche: - avvio progettazione esecutiva entro novembre 2017; - avvio lavori entro il mese di aprile 2018; - conclusione dei lavori e collaudo tecnico amministrativo entro il 28 luglio 2018.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Lago Iseo, uno stanziamento di 368.000 euro per ammodernamento di due motonavi

di mobilita

La Giunta regionale Lombarda ha approvato uno stanziamento di 368.220 euro per l'ammodernamento delle motonavi 'Città di Brescia' e 'Città di Bergamo'. Si tratta di un investimento molto importante per la Regione Lombardia e per la mobilità del Lago d'Iseo poiché queste navi, capaci di trasportare fino a 400 passeggeri, sono le uniche in grado di poter far fronte agli intensi flussi di turisti che caratterizzano la stagione estiva. Questa delibera segue la 2787/2014 che approvava uno schema di convenzione trentennale tra Regione Lombardia e l'Autorità di Bacino Lacuale dei laghi d'Iseo, Endine e Moro, per lo svolgimento dei servizi di navigazione pubblica di linea sul lago d'Iseo, il conferimento delle risorse funzionali, la condivisione di un quadro programmatico dei relativi investimenti e il finanziamento di interventi di ammodernamento e rinnovo della flotta regionale operativa sul lago. Gli interventi prevedono manutenzioni straordinarie sulla motonave 'Città di Brescia' e l'acquisto di componenti sostitutive anche per la 'Città di Bergamo'. Questo provvedimento segue quello di pochi giorni fa infatti che prevede investimenti per più di 4 milioni di euro per il cofinanziamento di 27 nuovi interventi riguardanti la riqualificazione di porti, la realizzazione di pontili e altre strutture per la navigazione pubblica e da diporto, la realizzazione di passeggiate a lago e altre opere di valorizzazione del demanio lacuale. Di questi, più di 2 milioni, sono stati destinati proprio al lago d'Iseo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

‘Sassari-Olbia’: inaugurato il lotto 9, accesso diretto alla città di Olbia e all’aeroporto Olbia-Costa Smeralda

di mobilita

Anas ha aperto al traffico il lotto 9 dell’Itinerario ‘Sassari-Olbia’ nel territorio comunale di Olbia. L’apertura al traffico porta a 33, sugli 80 complessivi, i km di nuova strada a 4 corsie già percorribili e si aggiunge a quella già avvenuta lo scorso 23 giugno 2016 con la conclusione dei lotti 0,1, 7 e 8, e ai 3,1 km del Lotto 3 aperti al traffico il 29 aprile 2017. Il lotto 9, che si estende dalla fine del lotto 8 fino all’ingresso della città di Olbia, ha una lunghezza di 2,7 km e costituisce la parte terminale della strada statale 729 ‘Sassari-Olbia’ consentendo anche l’accesso diretto all’aeroporto di ‘Olbia-Costa Smeralda’ attraverso uno svincolo di collegamento della lunghezza di circa 1 km. A corredo dell’opera sono state realizzate inoltre 4 rotatorie e 3 sottopassi che consentono il raccordo tra l’asse principale e la viabilità secondaria. Con un investimento di oltre 37 milioni di euro (interamente finanziati dalla Regione Sardegna) è il quinto lotto già completamente percorribile sui 10 complessivi dell’Itinerario. “L’accesso diretto alla città e all’aeroporto di Olbia – ha dichiarato il presidente dell’Anas Gianni Vittorio Armani –  è la conferma che l’apertura di un nuovo tratto stradale, non è solo il completamento di un’opera, ma soprattutto un beneficio ed un progresso per i collegamenti sul territorio. La nuova Sassari-Olbia è un’ infrastruttura fondamentale, non solo per il nord della Sardegna, ma per l’intera Isola e rappresenta il grande impegno di Anas nella regione, che è uno dei più ambiziosi in Italia. Con un investimento di oltre 3 miliardi di euro, tra interventi in corso e quelli già programmati, l’innovazione e la crescita infrastrutturale della Sardegna costituisce uno dei principali obiettivi di Anas per i prossimi anni.” Per quanto riguarda la costruzione degli altri lotti, oltre ai lotti 3 e 6, sono nella fase esecutiva anche i lotti 2, 4 e 5, consegnati alle Imprese il 16 marzo 2017 con ultimazione prevista entro due anni. L’intero lotto 3 sarà terminato alla fine dell’anno in corso, portando a circa 42 i km di nuovo tracciato a quattro corsie della strada statale 729 ‘Sassari Olbia’. La conclusione dell’opera complessiva è prevista entro la fine del 2019 e permetterà una riduzione dei tempi di percorrenza di circa 35 minuti, con l’aumento del limite di velocità fino a 110km/h e una maggiore sicurezza per l’utenza stradale grazie all’ammodernamento dell’itinerario a doppia carreggiata, alla modifica di tutte le intersezioni stradali in svincoli a livelli sfalsati e all’aumento complessivo degli standard di sicurezza della nuova infrastruttura. La nuova strada 729 ‘Sassari Olbia’, che si sviluppa per circa 80 km, è un adeguamento a 4 corsie della rete esistente costituita dalle strade statali 199 e 597. Questo Itinerario, una volta ultimato, rappresenterà la principale arteria di collegamento est-ovest del nord della Sardegna e avrà una grande rilevanza logistica, in quanto servirà un bacino potenziale di 200 mila utenti, mettendo in comunicazione le 4 principali città del nord Sardegna (Sassari, Porto Torres, Tempio e Olbia), 2 aeroporti (Alghero e Olbia), 2 porti (Olbia e Porto Torres), oltre a connettere 3 arterie fondamentali della viabilità regionale (le strade statali 131 “Carlo Felice”, 131 DCN, 125 “Orientale Sarda”). L`opera è stata complessivamente finanziata per 930 milioni con più delibere CIPE, con fondi della Regione Sardegna.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 lug 2017

San Pietro in Casale, ecco il progetto di riqualificazione dello scalo ferroviario

di mobilita

La stazione di San Pietro in Casale si candida a diventare snodo intermodale cittadino, con spazi rinnovati e sempre più a misura di pendolari e viaggiatori occasionali. Rete Ferroviaria Italiana ha avviato la completa riqualificazione dello scalo ferroviario sampierino, fra i più importanti in regione, utilizzato ogni giorno da circa 1.200 passeggeri. Il programma dei lavori è stato presentato venerdì scorso, nella sede del Comune di San Pietro in Casale, dal Direttore Produzione Emilia Romagna di Rete Ferroviaria Italiana Luca Cavacchioli e dal Responsabile delle Stazioni di RFI dell’Emilia Romagna Giovanni Gualario, all’Assessore all'Urbanistica Oronzo De Santis e all’ Assessore ai Lavori Pubblici Enrico Fregna. Completati gli interventi già avviati di innalzamento a 55 cm dei marciapiedi a servizio dei binari - secondo lo standard europeo previsto per i servizi ferroviari metropolitani - per consentire un più agevole accesso ai treni,  RFI avvierà la riqualificazione dell’intero edificio, inclusi il sottopassaggio e le pensiline, e il potenziamento tecnologico dell’impianto di informazione al pubblico. Particolare attenzione sarà dedicata al miglioramento dell’accessibilità della stazione, con l’installazione di due ascensori (uno sul primo e uno sul secondo marciapiede) e percorsi tattili per non vedenti. L’incontro in Comune è stato anche l’occasione per avviare una collaborazione finalizzata a migliorare l’integrazione fra le diverse modalità di trasporto nell’area della stazione. I dettagli dell’intera operazione saranno illustrati ai cittadini in un incontro organizzato dall’Amministrazione comunale previsto a settembre.  “Siamo molto soddisfatti  dell’esito di questo incontro, – afferma l’Assessore all’Urbanistica De Santis – c’è completa sintonia con RFI su ogni aspetto del progetto di riqualificazione. Il ruolo della Stazione di San Pietro in Casale è di assoluta centralità nel contesto metropolitano e del territorio comunale e per questo l’Amministrazione darà il suo contributo affinché la stazione diventi un luogo più attrattivo e non solo un anonimo punto di passaggio.” “Le stazioni ferroviarie sono protagoniste del Piano Industriale 2017–2026 del Gruppo Ferrovie dello Stato – ha ricordato Luca Cavacchioli – e l’obiettivo è rafforzarne la centralità, sviluppando la loro naturale vocazione di snodo intermodale e ampliando la gamma di nuovi servizi qualificati per il cliente. Nei prossimi dieci anni le attività di sviluppo pianificate da RFI si concentreranno in particolare sulle 620 stazioni della rete nazionale utilizzate da oltre il 90% dei clienti. In 50 di queste, fra cui San Pietro in Casale, gli interventi si concluderanno entro la fine del 2017.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 lug 2017

Cotral: al via vendita Metrebus Lazio

di mobilita

A partire dal primo agosto i clienti Cotral potranno ricaricare il proprio titolo di viaggio Metrebus Lazio, mensile o annuale, negli oltre 700 punti vendita convenzionati, dislocati su tutto il territorio regionale. E non solo, gli studenti potranno fare richiesta dell'abbonamento annuale direttamente on line sul sito dell'azienda. Per richiedere la Metrebus Studenti Lazio basterà collegarsi al sito cotralspa.it e compilare l'apposito form. Una pagina informativa fornirà agli utenti tutte le istruzioni per la compilazione del modulo e l'elenco completo dei rivenditori dove sarà possibile ricaricare il titolo di viaggio in base alle zone tariffarie prescelte.  Una volta completata la procedura on line, la tessera (da ricaricare) verrà inviata direttamente al punto di ritiro indicato dal cliente al momento della compilazione del form.  Nelle prime settimane di agosto si svolgerà la fase di test del nuovo sistema di emissione della tessera Metrebus Studenti Lazio che entrerà a regime alla fine del mese.  "È un altro passo in avanti della Regione Lazio - dichiara la presidente di Cotral, Amalia Colaceci - per garantire ai cittadini un sistema di mobilità sempre più efficiente. Da oggi in poi i nostri clienti potranno ricaricare l'abbonamento regionale vicino a casa, senza bisogno di recarsi a Roma."

Leggi tutto    Commenti 0