Articolo
05 giu 2018

MESSINA | Riaperto l’acquario comunale di Villa Mazzini

di mobilita

Oggi il sindaco di Messina ha firmato pubblicamente l’atto prodotto dal dipartimento al ramo, con il quale viene avviata la fase conclusiva del percorso amministrativo per bandire la gara di ristrutturazione dell’Acquario con un finanziamento di circa 3 milioni di euro. Lo storico Acquario di Messina era stato chiuso per numerose inadempienze burocratiche, dalla sez. CITES del Corpo Forestale dello Stato, che ne aveva disposto l’interdizione permanente al pubblico in assenza delle necessarie documentazioni obbligatorie per giardini Zoologici ed Acquari. La nuova gestione curatoriale affidata, con gara d’appalto, alla ditta Gallo a partire da gennaio 2016, ha consentito l’ottenimento dei documenti minimi necessari alla riapertura dello stabile, grazie alla sinergia dei curatori Mariateresa Costanzo e Gianluca Casella, con l’assessore Ialacqua ed il dipartimento Cimiteri, Verde Pubblico e Acquario. Tra di essi è fondamentale menzionare l’ottenimento dell’esenzione dalla licenza della struttura secondo l’art. 2 del dls.73/2005, norme sui giardini zoologici e acquari. L’Acquario inoltre è una struttura di interesse storico-scientifico che possiede reperti museali CITES, collezionati nel tempo dall’Istituto Talassografico di Messina (oggi IAMC CNR Messina), che ne fu il fondatore nel lontano 1959. La gestione curatoriale, collaborando fattivamente con la sez. CITES di Catania, ha ottenuto, effettuando indagini storiografiche sui reperti ossei alla biblioteca Regionale di Messina, la certificazione ministeriale per l’esposizione permanente dello scheletro incompleto di Zifio (Ziphius cavirostris) e della tartaruga tassidermizzata (Eretmochelys imbricata). ll maggiore sforzo nell’ambito del supporto tecnico-specialistico ha riguardato la riprogettazione ed il riallestimento degli spazi espositivi delle sale con la realizzazione di un percorso espositivo sotto il profilo scientifico museale che include la realizzazione della sala “museo” dove è allestita una prestigiosa mostra permanente presentata ad EXPO Venezia, intitolata “ I pesci abissali dello Stretto di Messina e le collezioni dell’Istituto Talassografico del CNR di Messina”. La mostra comprende una collezione scientifica di pesci abissali dello Stretto di Messina, pregiate iconografie e bollettini d’epoca sulle ricerche effettuate dall’Istituto Sperimentale Talassografico di Messina (fondatore dell’Acquario) nei primi del 900. Di nuova concezione è poi la sala che ospita la “vasca didattica” di tipo immersivo, che riproduce scientificamente ambienti naturali lagunari e marini attraverso pannelli fotografici sull’avifauna, murales sulle pareti e aerografia della vasca. L’area didattica si presenta come spazio multitasking, attrezzata per ospitare piccole conferenze e laboratori didattici ed è dotata di modelli in resina di cetacei, rettili e grandi pesci pelagici dello Stretto di Messina e giochi scientifici. Nella sala vasche espositive l’open space è stato suddiviso in aree specifiche con un percorso obbligato che si conclude con l’area meduse e pesci alieni. Quest’anno inoltre il servizio didattica dell’acquario ha operato su numerose progettualità di interesse nazionale tra cui il progetto pilota MIUR “Disco-very mare: a scuola di scienze marine”, realizzato in collaborazione con l’Istituto Comprensivo San Francesco di Paola di Messina, concluso con la partecipazione alla puntata di Linea Blu in onda su Raiuno il 22 Luglio 2017 e registrata nella Riserva Naturale “Laghetti di Marinello”. Nonostante l’impegno profuso la struttura presenta purtroppo delle evidenti criticità impiantistiche poiché le vasche e tecnologie a supporto sono del tutto obsolete. L’Acquario infatti sarà ristrutturato definitivamente nei prossimi mesi con un importante investimento economico e progettuale nell’ambito del masterplan. La ristrutturazione restituirà ai cittadini messinesi ed ai numerosi turisti un Acquario moderno e finalmente costantemente fruibile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 giu 2018

MESSINA |Nasce nuovo hub intermodale a Messina Centrale

di mobilita

Rendere la stazione di Messina Centrale un hub nevralgico dell’intermodalità di area vasta  e potenziare la connettività con la città, in coerenza con gli indirizzi del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, attualmente in fase di redazione. Questi gli obiettivi del protocollo d’intesa siglato da Sara Venturoni, Direttore Stazioni di Rete Ferroviaria Italiana, Renato Accorinti, Sindaco di Messina e Gaetano Cacciola, Vice Sindaco e Assessore alla Mobilità del Comune. L’accordo prevede lo sviluppo di un progetto condiviso che definisca gli interventi di upgrading infrastrutturale e tecnologico, per l'incremento dell’offerta intermodale della stazione di Messina Centrale, una delle più importanti della Sicilia, che collega la città con i principali assi ferroviari dell’Isola. L’intesa, della durata di tre anni, ambisce a far esprimere al meglio il potenziale di nodo trasportistico e polo di servizi della stazione di Messina Centrale, partendo dalle connessioni che già oggi offre tra i servizi ferroviari e quelli di traghettamento veloce nella stazione di Messina Marittima, oltre che l’accessibilità dei sistemi di trasporto pubblico e privato. Il protocollo mira a rafforzare lo scambio modale, attraverso un nuovo terminal per il trasporto su gomma, parcheggi dedicati e nuovi percorsi ciclopedonali. Contestualmente alla firma dell’accordo è stato istituito un tavolo tecnico congiunto, che avrà il compito di monitorare le fasi di avanzamento del progetto. Il protocollo d’intesa rientra nel più ampio orizzonte delineato dal Piano industriale 2017-2026 di FS Italiane, che vede tra i suoi pilastri la centralità delle stazioni ferroviarie come hub urbani della mobilità integrata e sostenibile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 mag 2018

MESSINA | Proseguono i controlli con il dispositivo “scout”, per il rilevamento delle infrazioni al Codice della Strada

di mobilita

Il Comando del Corpo di Polizia Municipale ha disposto la prosecuzione dei servizi di controllo della velocità con autovelox, nell’ottica della prevenzione dei sinistri stradali, e con il dispositivo “scout”, per il rilevamento delle infrazioni al Codice della Strada in materia di divieti di sosta. I servizi saranno effettuati da oggi, lunedì 28, sino a sabato 2 giugno, alternativamente sugli assi viari più interessati dal traffico. Il controllo con autovelox si svolgerà sulla Strada Statale 113 a Spartà; sulla Strada Statale 114, a Galati, e Mili Marina; sulle vie Circuito Torre Faro e Consolare Pompea e sul viale della Marina Russa. Il dispositivo “scout” monitorerà la Strada Statale 114, nel tratto tra il bivio Zafferia e la rotatoria “Alfio Ragazzi”; via Marco Polo; via Industriale (tratto Samperi – S. Cecilia); piazza della Repubblica; via I Settembre (nel tratto Battisti – S. Martino); via Consolato del Mare; via Laudamo (isola pedonale); piazza Duomo; viale Boccetta, dalla via Garibaldi al viale Principe Umberto; viale S. Martino, da Villa Dante a piazza Cairoli; via La Farina, tra le vie S. Cosimo e Cannizzaro; viale Giostra, tra il viale Regina Elena e lo svincolo S. Michele; via Garibaldi, dalla Prefettura sino a piazza Cairoli; via T. Cannizzaro, tra il corso Cavour e il viale Italia; via C. Battisti, dalla rotatoria del viale Europa a via Garibaldi; piazza della Repubblica; piazza Trombetta; viale della Libertà, dal viale Giostra sino alla Prefettura; corso Cavour, dal viale Boccetta sino alla via T. Cannizzaro; via Tommaso Cannizzaro, tra le vie La Farina e C. Battisti; viale della Libertà, tra la rotatoria Annunziata e Giostra; via Garibaldi, dalla Prefettura al viale Giostra; e viale della Libertà, dalla rotatoria Annunziata alla Prefettura. Il Comando della Polizia Municipale raccomanda agli automobilisti il rispetto dei limiti su tutte le strade, ricordando che l’eccesso di velocità è tra le cause che incidono maggiormente sulla gravità dei sinistri stradali, e l’osservanza delle regole che vietano la sosta, in particolare in doppia fila, sul marciapiede, nelle corsie preferenziali, pista ciclabile e attraversamenti pedonali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mag 2018

MESSINA | Presentati oggi a Palazzo Zanca i dati di Scout System e Scout Krono per l’anno 2017

di mobilita

Il sindaco, Renato Accorinti, il vicesindaco e assessore con delega alla Polizia Municipale, Gaetano Cacciola, ed il commissario ispettore superiore della Polizia Municipale, Michele Bonanno, insieme ai componenti della sezione “Astori”; nel corso di una conferenza stampa oggi a Palazzo Zanca, hanno illustrato i dati del 2017 relativamente all’utilizzo dei dispositivi veicolari Scout System e Scout Krono, in dotazione alla Polizia Municipale. Lo Scout System consente il rilevamento attraverso una fotocamera delle violazioni al codice della strada, in materia di divieti di sosta e servizio di controllo in tempo reale delle assicurazioni e delle revisioni dei mezzi di trasporto; mentre attraverso lo Scout Krono è possibile effettuare un accurato controllo dei mezzi pesanti, in particolare per la normativa relativa ai tempi di guida e riposo. Nel 2017 sono stati elevati 29.167 verbali di contravvenzione per varie modalità di sosta irregolare: 8.313, per divieto di sosta; 5.846, in seconda fila; 3.324, su pista ciclabile; 2.048, su corsia canalizzazione; 2.172, davanti a cassonetto r.s.u.; 2.305, su marciapiede; 1.128, su attraversamento pedonale; 1.128, in intersezione; 1.884, su striscia di margine; 741, non parallela all’asse stradale; e 278, in area pedonale. I 29.167 verbali, che sono stati elevati per soste irregolari nelle principali arterie cittadine, sono stati così distribuiti: 2.668 in via La Farina; 4.890 in via Garibaldi; 3.119 in via Cesare Battisti; 3.254 sul viale San Martino; 2.399, viale della Libertà; 1.449, corso Cavour; 180, S.S. 114; 2.204, piazza della Repubblica; 1.871, via Tommaso Cannizzaro; 0, via Consolare Pompea; 1.946, viale Boccetta; 323, piazza Pugliatti; 1.301, via I Settembre; 234 in via V. Emanuele; 0, piazza Duomo; 10, via Consolato del Mare; 1.437, via Marco Polo; e 1882, viale Giostra; 0, altre località. Il trend dei verbali per soste irregolari nel triennio 2015-2017 è così distribuito: 20.691, nel 2015; 24.702 nel 2016; e 29.167 nel 2017. Le multe elevate per il controllo di assicurazione e revisione dei veicoli con lo Scout System sono state 1.079 per omessa revisione e 302 per mancata copertura assicurativa. Sono stati invece 160 i verbali emessi per mancato rispetto dei tempi di guida e riposo da parte dei conducenti di mezzi pesanti dopo il controllo con lo “Scout System Krono”, dei quali 39, per violazione del superamento del periodo di guida giornaliero; 87, per incompleto riposo giornaliero; 24, per incompleto riposo settimanale; e 10, per inosservanza delle pause e interruzioni di guida. Erano stati invece 60 i verbali emessi nell’anno 2016, sempre nell’ambito dell’attività sanzionatoria per i mezzi pesanti. Relativamente al contenzioso sulle sanzioni Scout e Scout Krono, per il biennio 2016 – 2017, i ricorsi al giudice di pace nel 2016 sono stati 73, dei quali 20 rigettati, 35 rinviati e 18 accolti; 86 quelli al prefetto, di cui 40 rigettati, 44 rinviati e 2 accolti; per l’anno 2017, sono stati 50 i ricorsi al giudice di pace, dei quali 22 rigettati, 19 rinviati e 9 accolti; infine sempre per il 2017 i ricorsi al prefetto sono stati 101, e di questi 41 rigettati, 58 rinviati e 2 accolti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 mag 2018

MESSINA | Presentata la trentaduesima edizione di “Bicincittà”

di mobilita

E’ stata illustrata oggi a Palazzo Zanca la trentaduesima edizione di “Bicincittà”, passeggiata in bicicletta non agonistica aperta a tutti, in programma domenica 13. I contenuti dell’evento sono stati presentati dall’assessore allo Sport, Sebastiano Pino, insieme ai rappresentanti dell’Uisp, Santino Cannavò, presidente Comitato territoriale, Enrico Boni, vicepresidente territoriale, e Andrea Magazzù, responsabile della SdA del ciclismo Uisp-Messina. Bicincittà coinvolgerà settantaquattro città italiane per celebrare anche la Giornata Nazionale della Bicicletta, promossa dal ministero dell’Ambiente. Tra maggio e giugno saranno 30 mila i ciclisti impegnati in una festa di sport per tutta la famiglia, una pedalata non competitiva nelle strade e nelle piazze di tutta la penisola per chiedere aria pulita, sostenibilità ambientale e strade sicure. “Sport e salute sono due binomi vincenti e poterli coniugare è motivo di orgoglio – ha evidenziato l’assessore Pino – la bicicletta, simbolo di sport sociale, è il mezzo ideale per spostarsi in città, e questa giornata dedicata al tema dei diritti della vivibilità e della libertà di muoversi ha l’obiettivo di promuovere una mobilità sostenibile e alternativa coinvolgendo interi nuclei familiari dai bambini agli anziani per trascorrere delle ore all’aria aperta al fine di trarre benefici per la salute individuale e dare la possibilità di recuperare un sano rapporto con la città, all’insegna dello sport per tutti”. L’iniziativa gode della medaglia del Presidente della Repubblica e dei patrocini della Presidenza del Consiglio, dei ministeri dell’Ambiente e del Lavoro, e delle Politiche Sociali. La quota di iscrizione alla manifestazione è 6 euro e può essere effettuata domani, giovedì 10, nella sede Uisp Messina, in via Risorgimento 210/B, oppure al raduno di piazza Duomo. Ai partecipanti sarà omaggiata una t-shirt ed è prevista la distribuzione di acqua e frutta con premi a sorteggio. Il programma di domenica 13 prevede il raduno alle ore 8.30, a piazza Duomo, dove alle 10 avrà inizio la passeggiata in bicicletta. Per ulteriori informazioni è possibile contattare i recapiti tel/fax 0902934942, 3801762616 e l’indirizzo mail messina@uisp.it. Per consentire lo svolgimento della XXXII edizione di Bicincittà e per una migliore fluidificazione del traffico veicolare, il dipartimento Mobilità Urbana ha disposto limitazioni viarie. Il percorso della manifestazione interesserà via San Giacomo, via Garibaldi, piazza Cairoli (lato monte), viale San Martino, viale Europa, rotatoria Boris Giuliano, via Catania, piazza Palazzotto (con inversione di marcia), viale San Martino, via San Cosimo, strada a valle di piazza Dante, via Lucania, viale San Martino, piazza Cairoli (lato valle), via Dogali, via Ugo Bassi, via Tommaso Cannizzaro, via Garibaldi, piazza Castronovo, via Garibaldi, corso Cavour, piazza Duomo, corso Cavour, via Tommaso Cannizzaro, viale Principe Umberto, viale Boccetta, corso Cavour e piazza Duomo. Sarà pertanto interdetta la circolazione viaria nelle strade interessate limitatamente al passaggio dei partecipanti alla manifestazione cicloturistica, ad esclusione delle intersezioni con impianto semaforico che saranno presidiate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 apr 2018

MESSINA | Venerdì la presentazione dello schema preliminare del nuovo PRG

di mobilita

Venerdì 20, alle ore 17, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, il sindaco Renato Accorinti; l’assessore ai lavori Pubblici, Sergio De Cola; il prof. arch. Carlo Gasparrini, consulente al Prg; ed i componenti dell’Ufficio Piano del Comune, presenteranno alla cittadinanza lo schema preliminare del nuovo Prg. Paesaggio, rischio, rigenerazione, mobilità e comunicazione, turismo cultura e creatività sono le parole-chiave del progetto che segue le direttive generali, approvate dal Consiglio Comunale, e si basa sulla consultazione popolare effettuata in tutte le Circoscrizioni con la fase di condivisione denominata Pi.Co, tracciando la visione del futuro cui si vuole indirizzare la città. Dalla consapevolezza della centralità del paesaggio di Messina, anzi del mosaico di paesaggi che caratterizzano il territorio, lo Schema preliminare del Piano Regolatore prende l’avvio per indirizzare politiche in grado di salvaguardare e valorizzare il paesaggio forestale e agrario, tutelare e riqualificare il paesaggio delle acque fluviali e lacustri e ricostituire i paesaggi storico-naturalistici lungo la linea di costa sui due mari. A partire dalla certezza della gravità delle condizioni di rischio del territorio messinese – rischio idrogeologico, sismico, idraulico – prevede azioni per ridurre diffusamente la vulnerabilità di edifici e tessuti edilizi, riorganizzare il ciclo delle acque e del drenaggio urbano, salvaguardare, rigenerare e qualificare i suoli, realizzare una rete di infrastrutture ambientali di qualità paesaggistica, promuovere nuove forme di economia e processi sociali orientati ad una rigenerazione urbana green. Nel rispetto di principi di tutela e precauzione, lo stop all’edificazione su suolo in condizioni di rischio è uno dei principali presupposti del nuovo disegno della città. Presupposto che trova ulteriore ragione nel fatto che le previsioni di popolamento dell’attuale PRG sono risultate con tutta evidenza largamente sovradimensionate. Da qui la necessità, indicata dallo Schema preliminare, di avviare un ampio e diffuso processo di rigenerazione dell’esistente, con un conseguente “riciclo” di aree, immobili e terreni abbandonati, compresi, naturalmente, quelli di pregio architettonico e monumentale. Dichiaratamente, l’obiettivo è quello di riqualificare e consolidare la città novecentesca del Piano Borzì, valorizzare e ripopolare la rete dei villaggi storici, rinnovare il patrimonio insediativo ed edilizio secondo principi di eco sostenibilità. Un’adeguata dotazione di reti infrastrutturali integrate per la mobilità fast e slow e per la comunicazione digitale è poi la condicio sine qua non perché Messina possa valorizzare se stessa, paesaggi e edificato, spiaggia e colline, villaggi e centro storico. Si tratta di creare le condizioni per intercettare flussi crescenti di persone, merci, informazioni e culture e “costruire un’economia urbana legata alla produzione di beni e servizi di qualità, sensibile alle condizioni logistiche e ambientali, incrementando l’accessibilità diffusa e rafforzando la coesione sociale”. Last but not least, lo Schema è orientato al “riposizionamento di Messina come città innovativa e attrattiva per il turismo, la cultura e la creatività”, un possibile sviluppo che è del tutto coerente e complementare con tutte le altre azioni previste nel documento, la ripresa dell’agricoltura, la riappropriazione degli spazi abbandonati, lo sviluppo della cantieristica e della logistica, la rigenerazione urbana e l’economia green.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 apr 2018

MESSINA | Parte la riqualificazione della pavimentazione stradale, tutte le limitazioni al traffico

di mobilita

Nell’ambito dei lavori di riqualificazione della pavimentazione di alcune strade comunali ad elevato flusso veicolare e delle relative pertinenze, il dipartimento Mobilità Urbana e Viabilità ha adottato provvedimenti viari che interesseranno la via Adda, il viale Principe Umberto e via del Vespro. Lunedì 16 e martedì 17, saranno quindi istituiti i divieti di sosta e di transito veicolare in via Adda, nel tratto a monte di via Carrai; i divieti di sosta, di transito veicolare nella semicarreggiata lato valle ed il senso unico alternato di circolazione, nel viale Principe Umberto in prossimità dell’intersezione con via Nicotra. Mercoledì 18, dalle ore 14 alle 17, i divieti di sosta e di transito veicolare interesseranno la via del Vespro, nel tratto compreso tra le vie La Farina e Natoli.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 feb 2018

Rimozione di un ordigno bellico, domenica stop ai traghetti tra Sicilia e Calabria

di mobilita

Domenica 18 febbraio a causa del disinnesco di un ordigno bellico risalente alla seconda guerra mondiale nel comune di Villa San Giovanni la zona degli imbarchi Caronte&Tourist sarà evacuata. I traghetti della flotta operanti sullo Stretto di Messina pertanto saranno dirottati sul porto di Reggio Calabria. In allegato gli orari del servizio che sarà garantito anche in caso di traffico intenso: La circolazione ferroviaria, le attività di traghettamento tra Messina e Villa San Giovanni, nonché l’accesso alla stazione di Villa San Giovanni saranno sospesi. Lo ha disposto il Prefetto di Reggio Calabria per consentire le operazioni di disinnesco e la rimozione di un residuato bellico trovato a Villa San Giovanni. Inoltre, ha reso noto Rfi, dalle 7 alle 14 sarà modificato il programma di circolazione: alcuni treni potranno essere cancellati, limitati nel percorso o ritardati in base all’effettivo completamento delle operazioni di disinnesco. Anas comunica che, per consentire le operazioni di rimozione di un ordigno bellico, saranno necessarie delle limitazioni al transito veicolare lungo l’A2 ‘Autostrada del Mediterraneo’ tra i territori comunali di Villa San Giovanni e Campo Calabro in provincia di Reggio Calabria. Nel dettaglio, a partire dalle ore 8:45 di domenica 18 febbraio 2017 e fino al termine delle operazioni, è disposta la chiusura delle rampe di uscita, in entrambe le carreggiate, dello svincolo di Villa San Giovanni (km 433,000). Il traffico veicolare in uscita dall’Autostrada allo svincolo di Villa San Giovanni potrà usufruire dell’attiguo svincolo di Campo Calabro (km 433,800).

Leggi tutto    Commenti 0