Articolo
13 lug 2017

Aumentano i treni tra Cagliari e l’aeroporto di Elmas e tra Olbia e Golfo Aranci

di mobilita

Più treni per collegare Cagliari all’aeroporto di Elmas ed Olbia a Golfo Aranci, porta della Costa Smeralda. Da domenica 16 luglio, per tutta l’estate, ai 95 treni oggi in circolazione tra il capoluogo ed Elmas se ne aggiungeranno 10 nei giorni feriali e 14 nei festivi. L’offerta sulla Olbia-Golfo Aranci sarà incrementata del 50% con l’aggiunta di sei treni al giorno (due nei festivi) ai 12 che normalmente sono in servizio sulla linea. Complessivamente quasi 3mila i posti in più che ogni giorno saranno a disposizione dei viaggiatori. Informazioni sulle nuove corse treni nelle stazioni, nelle biglietterie, negli uffici assistenza clienti, su trenitalia.com e sui media del Gruppo FS Italiane (FSNews.it e FS News Radio).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 lug 2017

Regione Lombardia, investimenti per un miliardo e 607 milioni di euro per l’acquisto di 160 nuovi treni

di Roberto Lentini

Durante la conferenza svoltasi ieri, a Palazzo Pirelli insieme al presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e all'assessore alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte,  l'assessore regionale all'Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia  ha comunicato l'investimento di un miliardo e 607 milioni di euro per l'acquisto di 160 nuovi treni, varato con l'emendamento all'Assestamento di bilancio che andrà in Consiglio regionale a fine mese. "Quando c'è un problema in Regione Lombardia - ha affermato l'assessore regionale all'Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia - noi lo affrontiamo per cercare di risolverlo in modo definitivo. Ce lo ha chiesto il presidente Roberto Maroni e noi l'abbiamo fatto. Con questo intervento andiamo a trovare una copertura certa e totale per questa iniziativa che così può partire subito. E' una scelta strategica per un'operazione di sistema senza precedenti".  Quella di Regione Lombardia è comunque una copertura prudenziale, ciò significa che, qualora il Governo dovesse tornare a mettere più fondi su questa partita,  si potrebbe pensare ad aumentare gli investimenti". Questa iniziativa non va ad intaccare in alcun modo gli altri interventi di investimento previsti con il Bilancio pluriennale che restano comunque garantiti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 lug 2017

Perché gli aerei sono “lenti”?

di Alessandro Gori

Se si guardano i dati i voli di linea di oggi sono molto più lenti di quelli di cinquantanni fa. La motivazione è molto semplice: ridurre i costi. Il costo che incide di più sui bilanci delle compagnie aeree è quello del carburante, che surclassa ampiamente il costo dei veicoli, della manutenzione o del personale. Questo spiega facilmente tutto l'impegno che stanno mettendo le compagnie aeree nel trovare alternative,  come abbiamo già trattato in un altro articolo. Non solo, ridurre la velocità di crociera è ideale anche perché si utilizzano al meglio motori turbofan invece dei turbojet, più performanti ma caratterizzati da consumi molto più sostenuti e, conseguentemente, dal maggior impatto ambientale. Il video che trovate qua sotto spiega nel dettaglio come operano le compagnie per ridurre il piu possibile i costi del carburante. Buona visione!    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 lug 2017

Moby e Tirrenia: agevolazioni per gli iscritti all’associazione italiana “Classi Windsurf”

di mobilita

Moby e Tirrenia si dimostrano ancora una volta vicine al mondo dello sport, stringendo un importante accordo con l’Associazione Italiana Classi Windsurf, organismo riconosciuto dalla Federazione Italiana Vela per il coordinamento dell’attività agonistica e promozionale del windsurf nella Penisola. La convenzione prevede lo sconto del 20% agli associati sulla migliore tariffa disponibile al momento della prenotazione, applicabile a 2 passeggeri con autovettura o moto (al netto di tasse e diritti) su tutte le linee Moby e Tirrenia da e per la Sardegna, Sicilia, Corsica ed Elba. L’agevolazione è valida fino alla fine dell’anno salvo disponibilità dei posti riservati all’iniziativa, sulle date in cui essa è prevista (non cumulabile con altri buoni o voucher emessi per altre iniziative). Per ottenere l’agevolazione sarà necessario presentare la credenziale rilasciata dalla segreteria dell’Associazione Italiana Classi Windsurf al momento della iscrizioni, unitamente alla copia della tessera associativa in corso di validità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 lug 2017

Hitachi Railway Italy completa la produzione delle carrozze Vivalto a doppio piano

di mobilita

Salutano lo stabilimento di Reggio Calabria le ultime carrozze del Vivalto realizzate da Hitachi Rail Italy per Trenitalia: brindisi nel sito calabrese con le maestranze e le istituzioni del territorio. Le CDPTR – Carrozze Doppio Piano Traporto Regionale – rappresentano un’importante commessa che ha visto la realizzazione di 706 carrozze (126 Semipilota e 580 Rimorchiate) per Trenitalia. Alle 350 commissionate attraverso il contratto base del 2010 si sono aggiunte ulteriori 356 dei tre successivi contratti di opzione (novembre 2013, marzo 2015 e novembre 2015) per un valore complessivo di 987 milioni di euro. La produzione di questi treni ha interessato tutte le fabbriche italiane di Hitachi Rail Italy: Napoli per la realizzazione del carrello su gran parte della flotta complessiva, Pistoia e Reggio Calabria per la carpenteria, i montaggi e gli allestimenti interni nonché per i test e i collaudi finali col cliente. Le carrozze che ufficialmente consegnate a Trenitalia sono le ultime delle 280 costruite nel sito calabrese. Il Vivalto, nome con cui Trenitalia ha battezzato il convoglio, è un veicolo a doppio piano, caratterizzato da innovativi elementi di confort e praticità. Nella composizione a 6 casse, cinque rimorchiate più una semipilota, dispone di 725 posti a sedere e, tenendo conto anche dei posti in piedi, di una capienza complessiva di circa 1.300 posti. Il treno, dotato di comodo accesso per disabili, può raggiungere la velocità massima di 160 km/h. Presenta un alto livello di comfort e sicurezza legato alla massima fruibilità degli spazi con ampie superfici vetrate che offrono grande visibilità e luminosità. Il convoglio è equipaggiato di un impianto antincendio di ultima generazione e di un impianto di videosorveglianza predisposto per la visualizzazione delle immagini in tempo reale sui monitor di bordo. Maurizio Manfellotto, CEO Hitachi Rail Italy: “Oggi confermiamo, ancora una volta, la nostra capacità di fornire un prodotto all’avanguardia rispettando i tempi di consegna. Tanti ed importanti sono stati i cambiamenti che hanno interessato diverse aziende del raggruppamento di cui Hitachi Rail Italy è Main Contractor per la realizzazione di questa commessa. Potendo contare sull’impegno delle nostre fabbriche siamo riusciti a presentarci al nostro maggiore cliente come partner affidabile non solo per l’attenzione agli accordi contrattuali ma anche per la qualità del prodotto. Il trasporto regionale rappresenta un segmento importante nel nostro portafoglio prodotti. Hitachi Rail Italy, con il Vivalto nel presente e il Rock nel prossimo futuro, punta a innovarlo continuamente soprattutto dal punto di vista della sicurezza, della tecnologia e della sostenibilità”. “Con le oltre 700 carrozze Vivalto acquistate nel corso di questi ultimi anni, che vanno a comporre circa 126 treni ad alta frequentazione, Trenitalia ha impresso una decisa svolta nell’ammodernamento della sua flotta regionale – ha dichiarato Barbara Morgante, amministratrice delegata di Trenitalia. - A quella svolta stiamo dando un’accelerazione risolutiva con la gara per i 135 treni alimentati a gasolio, lanciata qualche settimana fa, e con l’accordo quadro per la fornitura di 450 elettrotreni, 300 dei quali usciranno proprio dagli stabilimenti di Hitachi a partire dal 2019.” “Stiamo parlando – ha concluso Morgante – di treni di ultimissima generazione nei quali materiali e soluzione tecnologiche di assoluta avanguardia consentiranno di coniugare il massimo comfort per i viaggiatori con eccellenti prestazioni, estrema sicurezza, sostenibilità e risparmio energetico. Qualità che hanno già assicurato da parte del GSE un percorso privilegiato verso l’acquisizione dei Certificati Bianchi” Hitachi Rail Italy SpA Hitachi Rail Italy è la più importante società ferroviaria italiana e da novembre 2015 è passata sotto il controllo di Hitachi Rail Europe. L’azienda nasce dalla fusione delle storiche Ansaldo Trasporti e Breda Costruzioni Ferroviarie, che in 160 anni, hanno segnato il settore della mobilità urbana ed extraurbana. Hitachi Rail Italy impiega circa 2.000 dipendenti, suddivisi fra gli stabilimenti di Napoli, Pistoia, Reggio Calabria, San Francisco e Miami. I prodotti di Hitachi Rail Italy spaziano dall’alta velocità, con l’ETR1000, ai tram, alle metropolitane (incluse le driverless), ai treni per il trasporto regionale Vivalto, TSR e TAF. I veicoli prodotti da Hitachi Rail Italy circolano in più di quindici paesi nel mondo. La società è guidata dall’ing. Maurizio Manfellotto. Per ulteriori informazioni su Hitachi Rail Italy, visitare il sito web www.hitachirail.com Trenitalia SpA Controllata al 100% da Ferrovie dello Stato Italiane SpA, Trenitalia opera nel settore della mobilità ferroviaria dei viaggiatori in ambito nazionale e internazionale. I servizi di tipo metropolitano, regionale e interregionale sono garantiti dalla Divisione Passeggeri Regionale (DPR). La DPR gestisce circa 6500 treni (media giorno feriale) assicurando la mobilità giornaliera di 1,5 milioni di passeggeri.  La sua flotta, oggetto negli ultimi anni di un profondo rinnovamento, comprende 650 locomotive, 750 automotrici elettriche e diesel, un totale di 3.800 carrozze. Alle dipendenze della DPR operano 14.600 risorse al servizio di 21 Direzioni Regionali e Provinciali che, complessivamente, contano su 80mila punti vendita (oltre alla rete commerciale digitale), 28 impianti di manutenzione e 16 Control Room Integrate, per un’ottimale ed efficace gestione della quotidiana operatività. www.trenitalia.com

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 lug 2017

Anas, osservatorio del traffico: +5% su tutta la rete a giugno 2017

di mobilita

Traffico in crescita a giugno 2017 sulla rete stradale e autostradale di oltre 26 mila km gestita da Anas. L’Indice di Mobilità Rilevata (IMR) dell’Osservatorio del Traffico ha infatti registrato un incremento sui veicoli totali del 5% a confronto con maggio 2017 e del 3% con giugno 2016. Analizzando i dati delle macro-aree, il tasso di aumento dei veicoli totali è così distribuito: paragonato con il mese precedente, giugno sale del 4% al Nord e al Centro, del 6% al Sud, del 5% in Sicilia. Si aggiudica il primato della crescita la Sardegna con il 7%. Il raffronto con giugno 2016, segnala un altro trend positivo: l’1% al Nord, il 4% al Centro, Sicilia e Sardegna, il 3% al Sud. Stabile il dato del segmento dei veicoli pesanti che a maggio aveva registrato una crescita rilevante delle percentuali (il 16% sull’intera rete con un picco del 20% in Sardegna, v. comunicato dell’8 giugno 2017). Il picco, ancora una volta, si registra nell’area sarda (+ 3%). Aumentano invece i mezzi pesanti in circolazione rispetto a giugno 2016: +2% circa su tutto il territorio, con una punta del 5% nell’area meridionale. Le arterie più trafficate Il Grande Raccordo Anulare di Roma si conferma l’arteria più trafficata della rete Anas per quanto concerne i veicoli totali: lo scorso venerdì 23 giugno 2017 è stato il giorno più trafficato per l’anello che circonda la capitale con il passaggio di 166.060 veicoli. Segue, venerdì 9 giugno, la Tangenziale di Bari in Puglia sulla strada statale 16 “Adriatica” con 146.760 passaggi e giovedì 1° giugno la strada statale 36 “Del Lago di Como e dello Spluga” a Carate Brianza (MB) in Lombardia con 109.997.  Sempre per il GRA, primo posto anche sul versante dei mezzi pesanti: l’apice lo raggiunge lunedì 26 giugno con la circolazione di 9.526 veicoli, che supera di appena 115 unità la Tangenziale di Bari con 9.411 (il dato è di lunedì 12 giugno), e di 186 la RA 13 “A4 – Padriciano” (che collega Trieste con l’Autostrada A4) nel comune di Aurisina in Friuli Venezia Giulia, mercoledì 7 giugno con 9.340.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 lug 2017

VIDEO | La nuovissima Lamborghini Follow Me Car all’Aeroporto di Bologna

di mobilita

Nell'aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna il servizio "follow me car”, le vetture usate negli aeroporti per indicare agli aerei il percorso da seguire durante le manovre di rullaggio, è svolto da una Lamborghini. La collaborazione tra Lamborghini e l'Aeroporto Marconi di Bologna continua già da parecchi anni. La prima Lamborghini usata dall'aeroporto di Bologna è stato nel 2013, in occasione dei cinquant'anni del Toro e in quell'occasione fu utilizzata una Lamborghini Aventador Follow Me.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 lug 2017

Busitalia in Umbria: unico gestore di un grande progetto di mobilità

di mobilita

Riuscire a integrare le modalità di trasporto fra loro in un unico sistema virtuoso: è quanto fa Busitalia ogni giorno in Umbria erogando tutti i servizi urbani, sub-urbani ed extraurbani su gomma e gestendo la mobilità alternativa. La società del Gruppo gestisce tutti i percorsi pedonali meccanizzati che collegano il centro storico di Perugia con la base dell'Acropoli; la mobilità alternativa per la città di Orvieto con la funicolare, dalla Stazione di Valle per la Rupe, e il successivo collegamento con minibus dalla Stazione di Monte con il centro storico e con il Quartiere Medioevale. Anche la città di Cascia può vantare collegamenti di mobilità alternativa gestiti dalla nostra Società: i visitatori possono agevolmente fruire del centro storico e recarsi fino al Santuario, grazie a un percorso composto da 9 scale mobili e 5 ascensori in uso pubblico. Busitalia gestisce inoltre le scale mobili e i parcheggi di Spoleto e l'ascensore del Sant'Uffizio di Amelia. Ma l'attività di Busitalia non si ferma qui, la società gestisce infatti il servizio di navigazione sul lago Trasimeno, oltre che i collegamenti ferroviari da Perugia per Terni e Sansepolcro e i servizi urbani ed extraurbani su gomma. Durante il periodo estivo l'azienda effettua inoltre collegamenti tra le principali città umbre e alcune importanti mete turistiche all’interno e all’esterno del territorio regionale; oltre a promuovere gli itinerari cicloturistici della Valnerina e il percorso della Ex Ferrovia Spoleto-Norcia viaggiando con i servizi Bus + Bici. L'Umbria è oggi, l'unica regione dove di fatto tutti i tipi di trasporto fanno capo a un unico gestore, particolarità che permette di mettere in campo sinergie e integrazioni di altissimo livello e un grande progetto di mobilità integrata. L’offerta di trasporto di Busitalia nel Paese copre attualmente circa 100 milioni di bus km annui, 2,7 milioni di treni km e 41mila miglia nautiche, con circa 2300 autobus, 46 treni, 18 tram e 7 motonavi. I dipendenti sono oltre 4000. Da aprile 2017, Busitalia è entrata anche nel settore dei viaggi a lunga percorrenza, con il servizio Busitalia Fast, dedicato a chi ama viaggiare sulle lunghe distanze con la comodità e la sicurezza del bus, con un servizio di alta qualità, innovativo e riconoscibile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 lug 2017

Trenitalia inizierà la sperimentazione dei treni ad Idrogeno

di Roberto Lentini

I treni ad idrogeno potrebbero essere una realtà anche in Italia. Lo si è appreso dal convegno "Muoversi in Toscana", che si è svolto il 6 e 7 luglio all’auditorium di Sant’Apollonia, a Firenze, organizzato dalla Regione Toscana per fare il punto sui temi delle infrastrutture e della mobilità. (vedi articolo) Tra i prossimi traguardi del Gruppo FS Italiane delineati da Maurizio Gentile, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), e Orazio Iacono, Direttore Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia, c'è infatti la prima sperimentazione dei treni a idrogeno che inizierà proprio in Toscana per un eventuale impiego sulle linee secondarie non elettrificate. Sarà comunque la Germania il primo Paese al mondo ad inaugurare un treno passeggeri a idrogeno e a emissioni zero. Si chiamerà Coradia iLint ed è stato progettato, in soli due anni, dalla società francese Alstom. Entrerà in servizio sui binari della linea Buxtehude-Bremervörde-Bremerhaven-Cuxhaven, in Bassa Sassonia, già a partire da dicembre 2017. Nel cuore di Coradia iLint c’è la tecnologia ‘hydrail’, una combinazione di fuel cell a idrogeno, batterie e sistemi di stoccaggio in sostituzione al diesel power pack che permette una resa equivalente a quella dell’unità elettrica multipla. Sul tetto saranno posizionate delle celle a combustibile a idrogeno, ed inoltre saranno collocati dei punti di rifornimento lungo le linee ferroviarie, senza alcun bisogno di ulteriori interventi infrastrutturali o adeguamenti delle linee. Le sue uniche emissioni saranno vapore e acqua di condensa. Con un pieno, afferma la società, la nuova locomotiva potrà percorrere tra i 600 e gli 800 chilometri, raggiungendo una velocità massima di 140 km / h. Ti potrebbero interessare: Regione Toscana, ecco le grandi opere necessarie per una mobilità di eccellenza Il primo treno a idrogeno del mondo correrà in Germania dal 2017 Test positivo per il primo treno ad idrogeno Alstom Ups testa i furgoni ad idrogeno

Leggi tutto    Commenti 0