Articolo
27 apr 2018

Fincantieri consegna a Sestri “Seabourn Ovation”

di mobilita

Si è svolta oggi presso lo stabilimento di Genova Sestri Ponente la cerimonia di consegna di “Seabourn Ovation”, la seconda nave da crociera extra-lusso ordinata a Fincantieri dalla società armatrice Seabourn Cruise Line, brand di Carnival Corporation, primo operatore crocieristico al mondo. Tra i partecipanti alla cerimonia, accolti da Giuseppe Bono, Amministratore delegato di Fincantieri: Giovanni Toti, Presidente della Regione Liguria, Marco Bucci, sindaco di Genova, Micky Arison, Chairman di Carnival Corporation, e Richard D. Meadows, Presidente di Seabourn Cruise Line. “Seabourn Ovation”, come la gemella “Seabourn Encore” che ha preso il mare dallo stabilimento Fincantieri di Marghera alla fine del 2016, è stata costruita secondo le caratteristiche e le soluzioni tecniche d’avanguardia che fanno di Seabourn uno fra i brand di maggior prestigio nel segmento extra-lusso e con essa continua l’ammodernamento della flotta cominciato nel 2009. L’unità ha 40.350 tonnellate di stazza lorda, è lunga circa 210 metri, larga 28 e può raggiungere i 18,6 nodi di velocità di crociera. Può, inoltre, ospitare a bordo 600 passeggeri, in 300 spaziose suite con balcone privato, tutte dotate di vista sul mare, nelle quali sarà possibile godere di un servizio esclusivo dato da un rapporto di quasi 1 a 1 tra passeggeri ed equipaggio. Il progetto di “Seabourn Ovation” è particolarmente innovativo in quanto orientato all’ottimizzazione dell’efficienza energetica e al minimo impatto ambientale, e nella costruzione sono state adottate tecnologie avanzate con standard che superano le richieste delle normative di riferimento. Richard D. Meadows, Presidente di Seabourn Cruise Line, ha commentato: “Siamo lieti di accogliere nella nostra famiglia Seabourn Ovation, una nave con cui diamo agli amanti del lusso un nuovo motivo per scegliere il nostro brand per la loro prossima vacanza. Vederla prendere forma è stato un percorso incredibile e Fincantieri ha svolto un lavoro davvero fantastico. La combinazione tra la visione del design di Adam Tihany e l’eccellente abilità artigianale di Fincantieri hanno portato a un altro risultato stupefacente”. Giuseppe Bono, Amministratore Delegato di Fincantieri ha dichiarato: “Portare a compimento una nave di questo livello di lusso e complessità è sempre un risultato da non dare per scontato e che perciò ci inorgoglisce. Per noi si tratta, inoltre, di un traguardo industriale ancor più ragguardevole se consideriamo che è la seconda consegna nell’arco di poche settimane, e che altre due unità lasceranno i nostri cantieri nei prossimi due mesi. Quattro navi da crociera, appartenenti a fasce di mercato diverse, per tre gruppi armatoriali distinti: nessun altro gruppo cantieristico può vantare referenze di questo genere, e il nostro obiettivo è di crescere e migliorare ancora”. “Seabourn Ovation” partirà per la sua crociera inaugurale della durata di 11 giorni il 5 maggio da Venezia verso Barcellona. La nave sarà presentata ufficialmente al pubblico con una cerimonia di battesimo che si terrà a Valletta, Malta il prossimo 11 maggio, alla presenza dell’attrice e cantante internazionale, Elaine Paige, che sarà madrina della nave. Fincantieri ha costruito dal 1990 ad oggi 82 navi da crociera (di cui 59 dal 2002), 65 delle quali per i diversi brand di Carnival, mentre altre 44 unità, compresi accordi, sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo, di cui 9 per società armatrici del gruppo statunitense.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 apr 2018

ASSAEROPORTI | A Marzo aumentano i passeggeri negli aeroporti Italiani

di Roberto Lentini

Assaeroporti rende noti i dati del traffico degli aeroporti italiani relativo al mese di marzo. Si registra un movimento passeggeri pari a 13,3 milioni con una crescita del + 7,3% Numeri da record per l'aeroporto di Napoli che nel mese di marzo raggiunge la sesta posizione, con una crescita del 45%, posizionandosi davanti all'aeroporto di Catania e Bologna. L'aeroporto di Napoli è stato il primo scalo in Europa per crescita nel secondo semestre del 2017, nella categoria 5-10 milioni di passeggeri ed è stato l'unico scalo italiano a entrare nella speciale classifica dei 19 aeroporti che sono cresciuti di più negli ultimi 5 anni. Crescita a due cifre per gli aeroporti di Palermo, Milano Malpensa e Catania. Numeri negativi invece per l'aeroporto di Linate e Ciampino. Ecco nel dettaglio il movimento passeggeri dei dieci aeroporti italiani riferito al mese di marzo: Fiumicino (Roma) con 3.220.554 passeggeri in transito e una crescita del 5,3% Malpensa (Varese) con 1.867.258 passeggeri in transito e una crescita del 14,1% Orio al Serio (Bergamo) con 970.949 passeggeri in transito e una crescita del 4,7% Linate (Milano) con 778.262 passeggeri in transito e una crescita negativa del -1,7% Tessera (Venezia) con 738.624 passeggeri in transito e una crescita del 8,3% Capodichino (Napoli) con 670.209 passeggeri in transito e una crescita del 45,4% Fontanarossa (Catania) con 659.461 passeggeri in transito e una crescita del 11,8% Borgo Panigale (Bologna) con 656.823 passeggeri in transito e una crescita del 6,5% Ciampino (Roma) con 491.330 passeggeri in transito e una crescita negativa del -2,9% Punta Raisi (Palermo) con 433.387 passeggeri in transito e una crescita del 19,6% Il primo trimestre 2018 segna 35,6 milioni di passeggeri con una crescita del 6,6%. Il numero di movimenti, nel trimestre 2018 è aumentato del 3,4% mentre il traffico cargo ha registrato un aumento del 2,1% Anche nel trimestre 2018 l'aeroporto di Napoli è quello che cresce di più con una percentuale del 46,10%. Crescita a due cifre anche per l'aeroporto di Palermo con una percentuale del 20,4%, l'aeroporto di Milano Malpensa con una percentuale del 12,9% e l'aeroporto di Catania con una percentuale del 10,3%. Crescita negativa confermata anche per il trimestre 2018 per gli aeroporti di Milano Linate e Roma Fiumicino. Ecco la classifica dei primi 10 aeroporti per movimenti di passeggeri riferiti al primo trimestre 2018: Roma Fiumicino con 8.428.658 passeggeri in transito e una crescita del 2,5% Milano Malpensa con 5.013.630 passeggeri in transito e una crescita del 12,9% Bergamo con 2.755.059 passeggeri in transito e una crescita del 6,2% Milano Linate con 2.121.825 passeggeri in transito e una crescita negativa del -3,1% Venezia con 1.903.740 passeggeri in transito e una crescita del 6,9% Bologna con 1.799.032 passeggeri in transito e una crescita del 9,8% Catania con 1.738.962 passeggeri in transito e una crescita del 10,3% Napoli con 1.722.137 passeggeri in transito e una crescita del 46,1% Roma Ciampino 1.388.012 in transito e una crescita negativa del -2,2% Palermo con 1.148.827 passeggeri in transito e una crescita del 20,4%  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 apr 2018

FUORI SALONE MILANO | I MINI Augmented VISION

di Roberto Lentini

Siamo stati al Fuori Salone del Mobile 2018 per raccontarvi curiosità ed innovazioni anche nel mondo della mobilità. Abbiamo scovato, all'interno dei saloni della triennale, degli occhiali in realtà aumentata capaci di descrivere un futuro non molto lontano in cui i visori virtuali alla Oculus Rift si sposeranno con le esigenze di un'automobilista.  Stiamo parlando dei MINI Augmented VISION, presentati la prima volta al salone dell'auto di Shanghai nel 2015 e ideati dai ricercatori del gruppo BMW con il gruppo americano Qualcomm per offrire al guidatore, attraverso le lenti degli occhiali, funzioni di connessione e visualizzazione. Si va dalle informazioni su rotta e parcheggi liberi, alla visione delle immagini della telecamera di retromarcia, alla lettura dei messaggi in arrivo. C'è anche una sorta di effetto raggi X, grazie a telecamere esterne che rendono virtualmente trasparenti portiere e montanti e consentono di vedere tutto ciò che è attorno all'auto. Qui sotto vi proponiamo un video che spiega meglio il funzionamento dei MINI Augmented VISION  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 apr 2018

FOTO | Air Italy svela il primo Boeing 737 MAX 8 della nuova flotta

di Amedeo Paladino

Air Italy ha svelato le immagini del primo Boeing 737 MAX 8 della sua flotta: dopo la riverniciatura con la livrea della compagnia aerea, lascerà gli hangar Boeing a Portland, in Oregon. La compagnia aerea italiana nata dalle ceneri di Meridiana grazie al nuovo azionista Qatar Airways, nei prossimi anni rinnoverà la flotta grazie all'arrivo di 20 Boeing 737 Max 8 (per i collegamenti di breve e medio raggio) e 30 Boeing 787-8 Dreamliner (per quelli intercontinentali). Nel frattempo cinque Airbus A330-200 della Qatar Airways entreranno a far parte della flotta di Air Italy fino a maggio 2019, quando il primo lotto di 787-8/9 Dreamliner sarà consegnato alla compagnia italiana. Il primo Boeing 737 MAX 8 sarà utilizzato per le rotte nazionali da Milano Malpensa, hub della compagnia aerea, a Roma Fiumicino, Napoli, Palermo, Catania e Lamezia-Terme (SUF), a partire dal 1 maggio 2018.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 apr 2018

FOTO | All’aeroporto di Bruxelles gli appassionati di aviazione sono i benvenuti: due piattaforme per l’avvistamento

di Amedeo Paladino

Una bella notizia per gli appassionati di aviazione: l'aeroporto di Bruxelles ha inaugurato due nuovissime piattaforme di avvistamento, una a Zaventem alla pista 01/19 e un'altra a Steenokkerzeel sulla pista 07R / 25L. Ogni giorno, infatti, decine di appassionati raggiungono l'aeroporto di Bruxelles attirati dalla grande varietà di compagnie aeree, dagli ultimi tipi di aerei e dai numerosi aerei governativi. Per dare agli osservatori il proprio punto di ritrovo sicuro sono state costruite due piattaforme di avvistamento in collaborazione con i comuni limitrofi di Steenokkerzeel e Zaventem. Entrambe le piattaforme offrono una visuale libera della pista, ma fungono anche da luogo di divertimento per le famiglie.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 apr 2018

PORTO DI VENEZIA | Imbarcati 4 reattori destinati al mercato iraniano

di mobilita

Un trasporto eccezionale (project cargo) composto da 4 reattori “hydrotreating”, per un totale di 1.532 tonnellate complessive, è transitato in questi giorni per il Porto di Venezia con destinazione Bandar Abbas, Iran. I reattori saranno impiegati in una raffineria per la rimozione dello zolfo dal gasolio. L’operazione in questione è stata condotta dalla società Fagioli SpA che ha coordinato, per il cliente VRV SpA, il trasporto di due reattori del peso di 232 t ciascuno con dimensioni 21,56 x 5,28 x 5,07 m, provenienti da Ornago (MB), e di due reattori da 534 t ciascuno con dimensioni 31,05 x 6,12 x 6,35 m provenienti da Marghera (VE), fino al Porto Commerciale di Porto Marghera, dove sono stati imbarcati presso il terminal Transped a bordo della nave Jumbo Kinetic dotata di 2 gru con capacità di sollevamento fino a 3.000 t totali. “Il porto di Venezia si conferma scalo leader in Italia nel settore del project cargo – dichiara Pino Musolino, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale –. Solo nel 2017, infatti, sono stati movimentati qui oltre 850 carichi eccezionali”. La delicata fase di movimentazione dei reattori si è svolta attraverso trasporto stradale e fluviale con partenza dal Porto di Cremona, utilizzando carrelli stradali speciali, una gru a portale con capacità di sollevamento di 500 t, chiatte e spintori fluviali di proprietà della Fagioli SpA. I due reattori più piccoli sono stati interamente costruiti nella sede di VRV SpA a Ornago (MB), mentre i due più grandi sono stati assemblati, a partire dalle virole finite, a Marghera in considerazione del fatto che le dimensioni e i pesi dei materiali in questione, infatti, non avrebbero permesso di svolgere il trasporto altrove. “Lo scalo veneziano è il gateway ideale per i carichi eccezionali destinati a oltre 40 Paesi nel mondo e costituisce un collegamento naturale tra l’Europa e il Medio Oriente, – aggiunge il Presidente Musolino – grazie alla sua favorevole posizione geografica posta all’incrocio di due grandi corridoi di trasporto europei, all’assenza di rilievi montuosi nelle vicinanze, alle infrastrutture stradali e ferroviarie e all’accesso a un collegamento fluviale che mette Venezia in contatto diretto con il cuore manifatturiero della Pianura Padana. Le aziende di tutta Europa, infine, riconoscono come elementi di competitività l’elevata expertise e il know-how diffusi tra i terminalisti, i trasportatori e gli spedizionieri che operano nel nostro scalo”. Accanto ai project cargo, anche i breakbulk cargo (merci spedite in colli ma in contenitori non standard) sono tra le specialità dello scalo veneziano che sarà, infatti, tra i protagonisti della prossima fiera dedicata al settore, “Breakbulk Europe 2018”, manifestazione che si terrà a Brema tra il 29 e il 31 maggio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 apr 2018

REGIONE LOMBARDIA | Incontro tra Mazzoncini e Fontana per migliorare sistema mobilità

di mobilita

Si è tenuto oggi, presso la sede di Ferrovie dello Stato Italiane, un incontro tra il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, e l’Amministratore Delegato di FS Italiane Renato Mazzoncini. Presenti anche Davide Caparini, Assessore al Bilancio, Finanze e Programmazione, Antonello Turturiello, Segretario generale della Regione e l’Amministratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana Maurizio Gentile. Il primo incontro istituzionale tra il neo Presidente lombardo e il Vertice di FS Italiane è stato l’occasione per impostare un dialogo a 360 gradi sui numerosi temi di comune interesse: investimenti infrastrutturali, ferroviari e stradali, esercizio del trasporto e investimenti nei materiali rotabili. Dall’incontro è emersa la comune volontà di affrontare, nell’ambito dei rispettivi ruoli, in modo nuovo ed efficace l’urgenza di dare ai pendolari che si muovono in Lombardia una prospettiva di miglioramento del servizio e dell’intero sistema della mobilità regionale. Il lavoro condiviso di pianificazione degli interventi passerà attraverso alcuni approfondimenti tecnici che partiranno nei prossimi giorni

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 apr 2018

Educazione stradale | Segnali stradali di precedenza

di Salvatore Galati

Continua il nostro "viaggio" attraverso il CdS.  Una piccola premessa, i segnali di prescrizione, è la categoria dei segnali che riguardano, i segnali di precedenza, di divieto e di obbligo. I segnali di prescrizione sono posti nel punto dove inizia il divieto o l'obbligo. L'ordine gerarchico delle prescrizioni: 1- segnalazione degli agenti; 2- segnalazioni dei semafori; 3- segnalazioni verticali e 4- segnalazioni orizzontali. Questa settimana tratteremo i segnali stradali di precedenza.   Fermarsi e dare precedenza: il seguente segnale obbliga a fermarsi in corrispondenza della striscia trasversale di arresto e dare precedenza agli altri veicoli; con il seguente segnale dare precedenza a destra e a sinistra. Dare precedenza nei sensi unici alternati: il segnale raffigurato impone di dare precedenza nei sensi unici alternati; obbliga di dare precedenza ai veicoli provenienti dal senso contrario. Preavviso di dare precedenza: il segnale raffigurato è un preavviso di dare precedenza sia a destra che a sinistra; il seguente segnale preannuncia la successiva presenza di un segnale di Dare Precedenza; il segnale raffigurato indica la distanza dall'incrocio in cui dobbiamo dare precedenza; il segnale raffigurato preannuncia di rallentare per potersi fermare se bisogna dare precedenza ad altri veicoli. Incrocio con precedenza a destra: il segnale raffigurato preannuncia un incrocio in cui vale la regola generale di dare precedenza a destra. Fine del diritto di precedenza: il seguente segnale indica che la strada non gode più del diritto di precedenza; il seguente segnale indica che di norma si dovrà dare la precedenza a destra. Preavviso di fermarsi e dare precedenza: il seguente segnale preavvisa di fermarsi e dare precedenza; preannuncia di arrestarsi al prossimo incrocio e dare precedenza a destra e a sinistra; il seguente segnale preannuncia un segnale di STOP a 320 metri. Diritto di Precedenza: il seguente segnale indica una strada in cui i veicoli hanno il diritto di precedenza; in presenza del segnale è comunque necessario rallentare in prossimità degli incroci. Diritto di precedenza nei sensi unici alternati: in presenza del segnale dobbiamo accertarci che i veicoli provenienti  dal senso opposto ci diano la precedenza; con il segnale raffigurato dobbiamo procedere con cautela, anche se abbiamo la precedenza. Incrocio con diritto di precedenza: il seguente segnale preannuncia un incrocio con strade di minore importanza; con il seguente segnale, indica che si ha la precedenza sui veicoli che provengono da strade secondarie; con il seguente segnale preannuncia che dobbiamo rallentare e accertarci che ci venga data la precedenza. Dare precedenza: il segnale raffigurato obbliga di dare precedenza ai veicoli provenienti sia da destra che da sinistra; il seguente segnale preannuncia che dobbiamo moderare la velocità e all'occorrenza fermarsi.   Confluenza a destra: il segnale raffigurato preannuncia un immissione da destra con corsia di accelerazione; il segnale raffigurato indica che abbiamo precedenza sui veicoli che si immettono da destra.   Confluenza a sinistra: il segnale raffigurato preannuncia un immissione da sinistra con corsia di accelerazione; il segnale raffigurato indica che abbiamo precedenza sui veicoli che si immettono da sinistra.   Incrocio a "T" con diritto di precedenza da destra: il segnale raffigurato preannuncia un incrocio in cui il conducente ha la precedenza sui veicoli provenienti da destra; il segnale raffigurato preannuncia che si incrocia una strada di minore importanza.   Incrocio a "T" con diritto di precedenza da sinistra: il segnale raffigurato preannuncia un incrocio in cui il conducente ha la precedenza sui veicoli provenienti da sinistra; il segnale raffigurato preannuncia che si incrocia una strada di minore importanza. Grazie per la lettura, alla prossima settimana!

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 apr 2018

Osservatorio del traffico, a Marzo + 1,2% su tutta la rete ANAS

di mobilita

Traffico in crescita a marzo 2018, rispetto al mese precedente, sul campione della rete stradale e autostradale di oltre 26 mila km gestita da Anas. L’Indice di Mobilità Rilevata (IMR) dell’Osservatorio del Traffico ha infatti registrato una crescita dell’1,2%. Flessione invece del 5% rispetto a marzo 2017. Scomponendo le percentuali all’interno delle macro-aree, i dati di traffico dei veicoli totali sono così distribuiti: rispetto al mese precedente, marzo segnala un -1% Nord, un +1% al Centro, un +2% al Sud, un +4,4% in Sicilia. Stabile invece la Sardegna. Il confronto con marzo 2017 mostra invece traffico in calo dell’8% al Nord, del 4% al Centro e al Sud, del 3% in Sicilia e in Sardegna. Spicca invece maggiormente il segmento dei veicoli pesanti rispetto a febbraio 2018: l’aumento su tutta la rete a marzo è del 4%,con un picco del 6,3% al Sud, seguito dal  5% in Sicilia, dal 4% al Nord e dal 2% al Centro e in Sardegna. Rispetto a marzo 2017, i mezzi pesanti riportano un calo del 5% circa su tutto il territorio, dove quello meno consistente è al Sud con un -1%. Dati che rivelano, come verificatosi anche lo scorso mese, una stabilizzazione del traffico a seguito della forte impennata dello scorso anno, quando a marzo 2017, rispetto al mese precedente, si era registrato un +6,2% sul segmento dei veicoli totali e un +9% su quello dei mezzi pesanti, mentre a confronto con marzo 2016 un +3,5% sui veicoli totali e un +10% sui mezzi pesanti. I massimi volumi giornalieri del traffico a marzo 2018 sono stati rilevati soprattutto nei giorni precedenti alle festività pasquali(fra mercoledì 28 e venerdì 30) su gran parte della rete nazionale attraverso un aumento medio del 20% rispetto ai giorni feriali non di esodo, in particolare sulla A2 “Autostrada del Mediterraneo”, dove sul tratto campano mercoledì 28 è stata registrata un’intensificazione del volume di traffico del 40%, mentre sul tratto calabrese il giorno successivo del 30%.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 apr 2018

PORTO DI VADO LIGURE | Arrivata la prima nave con le maxi gru cinesi

di mobilita

E' arrivata nel porto di Vado Ligure la prima nave con le maxi gru cinesi destinate alla nuova piattaforma container.  Dopo aver lasciato i cantieri del gruppo Zpmc Shanghai Zhenhua Heavy Industries Company Limited, la notte fra venerdì e sabato ha visto l’arrivo della mega ship alla banchina del bacino di Vado. Le grandi gru saranno destinate alle operazioni di imbarco e sbarco dei container. La costruzione delle gru nei cantieri cinesi è arrivata dopo l’accordo siglato a Vado quasi due anni fa tra il vicepresidente di Zpmc, Zhu Lian Yu, l’amministratore delegato della sede italiana della multinazionale cinese, Elio Crovetto, e l’amministratore delegato di Apm Terminals Italia, Paolo Cornetto, alla presenza del sindaco Monica Giuliano. La Zpmc è uno dei maggiori costruttori del settore e punta proprio su Vado Ligure e la Maersk come vetrina delle proprie gru verso i porti del Mediterrraneo.Nella rada di Vado in questi giorni sono state ultimate le operazioni per predisporre le aree che dovranno ospitare il montaggio e i collaudi. Il terminal di Apm-Maersk che vede partner anche il colosso cinese Cosco, diventerà operativo nella primavera del prossimo anno.

Leggi tutto    Commenti 0