14 mag 2019

Con i treni ad alta velocità Air France ha perso il 90% della sua quota di mercato sul corto raggio


Al Consiglio centrale sociale ed economico (CSEC) sono state presentate e discusse le linee guida strategiche di Air France, nonché le loro implicazioni in termini di pianificazione della gestione delle competenze e delle mansioni (GPEC): migliorare le prestazioni operative, offrire il massimo livello della qualità del prodotto e del servizio ai clienti, nonché per ripristinare la competitività di Air France, compreso l’adeguamento della sua attività a corto raggio.

L’intera azienda e i suoi dipendenti sono impegnati da anni per garantire che l’azienda si adatti alle condizioni del mercato e alla concorrenza estremamente agguerrita nel settore.

Aumento della concorrenza dal TGV

Negli ultimi cinque anni, la rete domestica di Air France è stata fortemente influenzata dalla concorrenza delle tratte ferroviarie ad alta velocità, che hanno aumentato la loro capacità su tutto il territorio nazionale, ridotto i tempi di viaggio e sviluppato un’offerta molto conveniente a basso costo. Le autorità francesi hanno assicurato che il viaggio in treno si è espanso nel corso degli anni ed è diventato il principale concorrente dell’Air France sulla rete nazionale, con partenza dagli aeroporti di Parigi o dalle regioni francesi, senza essere soggetto a tasse o oneri direttamente destinati al trasporto aereo. Si prevede che il lancio di quattro nuove rotte ad alta velocità nel 2016 e 2017 attirerà 4,7 milioni di passeggeri aggiuntivi entro il 2020  e su rotte in cui treni ad alta velocità collegheranno Parigi alle province in meno di due ore, Air France ha perso il 90% della sua quota di mercato.

Il rapido sviluppo di compagnie aeree a basso costo

Inoltre, negli ultimi anni le compagnie aeree a basso costo hanno creato basi nei principali aeroporti e hanno guadagnato terreno rapidamente con politiche di prezzo aggressive e spesso con l’aiuto delle autorità pubbliche. A differenza di Air France, dove il 90% del personale ha sede in Francia, la maggior parte di queste compagnie aeree non ha contribuito allo sviluppo dell’occupazione nelle regioni in cui operano, sfruttando la mobilità europea e basando i dipendenti in giurisdizioni con costi di manodopera inferiori.

I team di Air France hanno lanciato diverse iniziative

Di fronte a questa situazione delicata, riferisce Air France, i team di sono stati fortunatamente in grado di adattarsi a un ambiente sempre più difficile. Air France ha portato avantia molte iniziative commerciali innovative che hanno migliorato l’offerta per soddisfare le aspettative dei clienti in termini di orari di volo, esperienza del cliente e puntualità, e hanno permesso di mantenere una quota di mercato del 65% sul mercato nazionale. Tuttavia, su alcune rotte non è stato possibile evitare il calo delle entrate né ridurre i costi unitari. Di conseguenza, la situazione finanziaria di Air France si è notevolmente deteriorata sulla sua rete nazionale e nel 2018 ha registrato una perdita di € 189 milioni, in netto calo rispetto al 2017 (€ 96 milioni). Dal 2013, le perdite cumulative ammontano a 717 milioni di euro.

Nessuna partenza forzata

La pianificazione della gestione delle mansioni e delle competenze (GPEC) di Air France per il periodo 2019-2021 rivela importanti requisiti in materia di assunzioni in numerosi settori della società, ma anche un eccesso di personale nelle attività di operazioni a terra a corto raggio. Air France prevede inoltre di ridurre la propria capacità a corto raggio in termini di km-sedile disponibili (ASK) del 15% entro la fine del 2021.

I rappresentanti sindacali dei dipendenti sono stati quindi informati di un piano di partenze volontarie pianificato che potrebbe riguardare fino a 465 posti di lavoro sulla rete domestica, realizzati su un periodo di un anno. Questo piano sarà a breve oggetto di una consultazione con le parti interessate.

Non ci saranno partenze forzate. Questo progetto include misure di supporto personalizzate per il personale interessato. Le misure saranno dettagliate e negoziate con i gruppi di lavoro durante la consultazione.

“Molti nuovi talenti – piloti, assistenti di volo, meccanici e ingegneri – si uniranno a noi nel 2019″, ha affermato Anne Rigail, CEO di Air France, “per sostenere la crescita di Air France, ma abbiamo anche la responsabilità di garantire un equilibrio equilibrato di le nostre attività in determinati settori per garantirne la redditività a lungo termine. Questa è l’idea alla base del progetto presentato oggi per il settore a corto raggio. Condurremo il processo di consultazione con i nostri gruppi di lavoro come parte di un dialogo aperto e trasparente, e ci impegniamo a sostenere tutto il personale che desidera passare a una nuova posizione o sviluppare la propria carriera “

“La rete domestica francese è strettamente legata alla storia di Air France”, ha affermato Benjamin Smith, CEO di Air France-KLM Group. “Garantisce la sua base regionale e collega le regioni francesi al resto del mondo offrendo diverse migliaia di opportunità di connessione giornaliera. In un mercato altamente competitivo, siamo tutti impegnati a difendere un mercato nazionale che è vitale per Air France e anche a livello mondiale per il Gruppo Air France-KLM. “


air francecorto raggioTGVtreni alta velocità


Lascia un Commento