18 mar 2019

Alitalia, easyJet abbandona le trattative, Delta Airlines interessata a un 10%


Si apre una nuova fase di incertezza per Alitalia dopo le notizie circolate nelle ultime ore.

easyjet ha infatti deciso di ritirarsi dalla trattavia per il salvataggio di Alitalia che, tramite un comunicato ufficiale, fa sapere:

“A seguito delle conversazioni con Ferrovie dello Stato Italiane e Delta Air Lines per la creazione di un consorzio che valutasse le opzioni per le future operazioni di Alitalia, easyJet ha deciso di ritirarsi dal processo. Noi confermiamo l’impegno per l’Italia quale mercato chiave della compagnia, dove attualmente easyJet trasporta 18,5 milioni di passeggeri ogni anno, impiegando 1400 piloti e assistenti di volo con contratti di lavoro italiani. Continueremo a investire nelle tre basi di Milano, Napoli e Venezia come abbiamo fatto negli ultimi anni, aggiungendo rotte e capacità”

Delta Airlines invece continua le trattative ma con una quota iniziale minima (10%), destinata a raddoppiare prima del termine del piano di quattro anni.

Con l’uscita di easyjet è probabile che Alitalia ritorni ad essere pubblica con il 90% di quote.

Ferrovie dello Stato dovrà infatti aumentare la propria quota dal 30 al 40% che, insieme a quella di Delta, arriverebbe al 50%. Il restante 50% potrebbe essere coperto da  Fincantieri  con un 15%, dal Ministero dell’Economia con un 15% convertendo in azioni il prestito-ponte e il restante 20% potrebbe essere coperto da Poste Italiane e Fintecna.

L’incertezza arriva in un momento positivo per la compagnia di bandiera che, nel secondo mese dell’anno, ha registrato un incremento del 2,7% dei passeggeri sulle rotte intercontinentali rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

In crescita anche i ricavi da traffico passeggeri, sempre relativi al lungo raggio, saliti dell’1,2% rispetto allo stesso periodo del 2018.

 


alitaliaDelta Airlineseasyjet


Lascia un Commento