09 feb 2019

AEROPORTO DI SALERNO | Partita diffida contro i Ministeri di Infrastrutture e di Economia e Finanza


Situazione di stallo per l’aeroporto di Salerno che da dieci anni aspetta di poter allungare la pista di 400 metri per permettere il transito di aerei di linea per voli nazionali e internazionali.

Attualmente possono infatti atterrare e decollare solo jet privati e charter di una quarantina di posti appena.

I componenti della società Aeroporto Salerno, stanchi dei continui rinvii, hanno deciso di inviare una diffida contro i Ministeri di Infrastrutture e di Economia e Finanza

«Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto che riconosce l’alta classificazione dell’aeroporto Salerno Costa d’Amalfi che è stato così inserito nella rete nazionale – afferma Antonio Ferraro, presidente dello scalo– Eppure, ancora non riusciamo a decollare definitivamente. Però, ogni anno spendiamo 500mila euro per la sicurezza e un altra milione e più di euro per la gestione. Anche il 2017 chiuderà con un passivo di circa due milioni. La fusione con la Gesac è l’elemento incontestabile per le autorizzazioni ministeriali per l’allungamento della pista e quindi per l’avvio di voli nazionali e internazionali».

Intanto sul sito di Italia Vola si apprende che una nuova compagnia, la HelloFly, potrebbe effettuare collegamenti da Salerno verso varie destinazioni tra cui Tirana e Spalato.

 


AEROPORTO DI SALERNOdiffidaHelloFlypista


Lascia un Commento