22 nov 2018

Investimenti RFI in Sicilia, Gentile illustra i progetti previsti nel contratto di programma


Durante l’inaugurazione della nuova nave ‘Trinacrià” del gruppo Bluferries al molo Norimberga a Messina, l’amministratore delegato e direttore generale di rete ferroviaria italiana Maurizio Gentile, ha affermato che, in base al contratto di programma, RFI deve spendere in Sicilia ben 14 miliardi di euro di investimenti di cui 2 miliardi e trecento milioni riguardano il raddoppio tra Messina e Catania nel tratto tra Giampilieri e Fiumefreddo.

Il 29 Novembre 2018 si aprirà la conferenza dei servizi per il progetto definitivo che sarà approvato dal commissario Maurizio Gentile.

Nella prima metà di dicembre si avvieranno invece i lavori tra Catania Bicocca e Catenanuova, il primo lotto tra Catania e Palermo e nei primi mesi del 2019 si aprirà la conferenza dei servizi per un ulteriore lotto fino a Dittaino.

Il progetto prevede di realizzare prima un binario e poi eventualmente l’altro e già nel 2024 si può sperare di coprire il tragitto tra Palermo e Catania in due ore.

Per quanto riguarda la fermata di Rfi all’aeroporto di Fontanarossa Maurizio Gentile conferma che è un progetto già finanziato con il contratto di programma ed è in via di definizione.

RFI sta inoltre discutendo con Enac per garantire l’interramento della linea ferrata e quindi consentire l’allungamento della pista dell’aeroporto di Fontanarossa.


Ti potrebbe interessare:


contratto di programmainvestimentirfi

Un commento per “Investimenti RFI in Sicilia, Gentile illustra i progetti previsti nel contratto di programma

Lascia un Commento