22 set 2018

PORTO LIVORNO | Numeri in crescita per il traffico crocieristico


900 mila passeggeri e 400 scali previsti a Livorno per il 2019. L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale e la Porto di Livorno 2000 rientrano dal Seatrade Cruise Med di Lisbona con due certezze:  numeri in crescita rispetto al 2018, quando i passeggeri sono stati 800mila e gli scali 361, e la conferma  del buon lavoro svolto dal Porto e dal Terminal Passeggeri dello scalo labronico.

Molte le novità emerse alla Fiera internazionale delle crociere del Mediterraneo, dove i porti dell’Alto Tirreno si sono presentati con uno stand dedicato e una delegazione capeggiata dal presidente della Port Authority, Stefano Corsini, e dai vertici della società che nella città dei Quattro Mori gestisce i servizi di accoglienza a passeggeri e crocieristi (presenti tra gli altri il numero uno e uno dei membri del consiglio di amministrazione della società, Luciano Gierrieri e Maria Gloria Giani).

La principale è che il Gruppo Norwegian Cruise Line ha annunciato di voler rafforzare la propria presenza a Livorno per il biennio 2019/2020 prevedendo di diventare il primo cliente per numero di toccate e per passeggeri. Per i brand di lusso Oceania e Regent il Gruppo ha inoltre manifestato interesse per un maggiore coinvolgimento anche nel settore shore-excursion sul territorio, in particolare per eventi e tour in città e sulla costa.

Anche Carnival Corporation continuerà a operare in modo continuo e permanente sul porto. Per il 2019 Aida manterrà il primato per presenze e numero di scali anche nel periodo di bassa stagione. Mentre gli altri brand del Gruppo, Princess, P&O, Cunard, Holland America e Seabourn, manterranno i volumi degli anni precedenti.

MSC conferma gli scali in home-port parziale iniziati quest’anno con Msc Opera e che verranno potenziati nel 2019 con il coinvolgimento di altre tre navi, Msc Fantasia, Msc Sinfonia e Msc Musica (34 scali complessivi). Con il gruppo ginevrino Porto 2000 ha ormai avviato una partnership anche nell’ambito operativo dei servizi a terra (ormeggi e terminal, collegamenti logistici, security).

Infine arrivano conferme da Royal Carribbean, che è già presente nello scalo labronico con le linee di lusso come Celebrity e Azamara Cruise.

Soddisfazione viene espressa da Guerrieri:

«Grazie agli ultimi investimenti che hanno visto un potenziamento dei servizi e hanno innalzato il livello anche qualitativo delle strutture e delle nostre operazioni ed attività, e grazie alla costante attenzione e contributo dell’Autorità Marittima, Porto 2000 continua a registrare un trend di crescita. Le consolidate relazioni commerciali, le azioni di marketing e di promozione, la gestione operativa e contrattuale stanno portando questi importanti risultati». Peraltro «le recenti attività di ammodernamento infrastrutturale realizzate in questi mesi dall’Autorità di Sistema Portuale sono chiari segnali di una strategia di investimenti che risponde a pieno titolo alle tendenze delle Compagnie da crociera che introducono navi sempre più grandi e di ultima generazione».

«Il settore delle crociere sta facendo registrare evidenti trend di crescita – ha commentato  Corsini –, i risultati premiano il lavoro svolto in stretta sinergia con il Terminal e vedono un porto in forte recupero verso il ritorno al record di un milione di passeggeri dell’anno 2012, anche in considerazione degli investimenti previsti per i prossimi anni con l’ingresso dei soci privati. L’Autorità di Sistema – aggiunge Corsini – manifesta soddisfazione anche per i risultati consolidati in questo settore dagli altri porti del sistema, a cominciare dallo scalo elbano di Portoferraio e da Piombino».


porto LivornoSeatrade Cruise MedTerminal Passeggeritraffico crocieristico


Lascia un Commento