27 gen 2018

Elezioni politiche: l’urbanista e ciclista Gandolfi escluso dalle candidature. Critiche le associazioni


Paolo Gandolfi, parlamentare relatore della recente Legge sulla mobilità ciclistica, sarebbe stato escluso dalle liste elettorali del Pd per le prossime elezioni di marzo. L’urbanista di Reggio Emilia durante la Legislatura appena conclusa ha portato avanti le istanze di cittadini e associazioni sulla mobilità ciclistica, lavorando inoltre al nuovo Codice della Strada e collaborando col Ministero delle Infrastrutture e Trasporti sui temi della ciclabilità.

La notizia dell’esclusione di Paolo Gandolfi dalle liste del PD ha suscitato biasimo da parte delle associazioni con cui l’onorevole ha collaborato anche prima dell’attività in Parlamento: la presidente Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) Giulietta Pagliaccio si è rivolta a Renzi, sottolineando l’impegno e la competenza di Gandolfi sui temi della ciclabilità. A questo proposito accogliamo l’appello della presidente del circolo di Legambiente Catania, Viola Sorbello.

A volte le ragioni della politica sono imperscrutabili. Ancora di più le dinamiche interne ai partiti soprattutto se legate alle candidature alla luce della attuale e molto particolare (per non dire altro) legge elettorale.

Rimane il fatto però che i cittadini, e ancora di più quelli che investono tempo ed energie nell’impegno civile, rimangono attoniti di fronte a certe scelte come quella, che ho appena appreso, della non ricandidatura al Parlamento Italiano del senatore Paolo Gandolfi da parte del suo partito.

Un partito, il Pd, al quale senza dubbio, Gandolfi grazie al suo impegno ed alla sua azione politica ha portato solo lustro.
Da ambientalista impegnata anche nella promozione della mobilità sostenibile non posso che esprimere il mio rammatico e la mia preoccupazione.

Chi come me in questi anni ha lottato per far prevalere le ragioni della salute pubblica, della sicurezza nelle strade e, soprattutto dell’ambiente, ha trovato nel deputato Gandolfi un referente illuminato ed un rappresentate ideale in parlamento.
Non cito le importanti riforme in tema di mobilità – e nello specifico di ciclabilita’- che sono il risultato della battaglie condotte fuori e dentro il parlamento da Gandolfi ( si possono reperire con una facile ricerca).

Dico solo che grazie a lui è finalmente iniziato il cammino che può consentire all’Italia di uscire dall’arretratezza culturale che la caratterizza in tema di mobilità.

È per tale motivo che oggi più che mai esprimo la mia preoccupazione che le ragioni dell’ambiente in questa nostra societa’ degradata, di cui forse la politica e la pessima campagna elettorale cui stiamo assistendo, è solo lo specchio, siano, insieme ai buoni politici, di cui Paolo Gandolfi è certamente un degnissimo rappresentante escluse, dimenticate, schiacciate.


ciclabilitàFIABLEGAMBIENTElegge sulla mobilità ciclisticamobilita.orgpaolo gandolfiviola sorbello


Lascia un Commento