04 ago 2017

ATV Verona: 67 nuovi bus in strada entro aprile 2018


Il Consiglio di Amministrazione di ATV ha aggiudicato la gara da 18 milioni indetta lo scorso maggio per l’acquisto di nuovi autobus.

Entro i primi mesi del 2018 saranno quindi in servizio 67 nuovi mezzi,  che andranno a sostituire quelli più anziani della flotta ancora operativi tra città e provincia.

“Grazie alla buona impostazione della gara, ma soprattutto grazie alla nostra solidità finanziaria ed alla credibilità di cui godiamo tra i fornitori, siamo riusciti a spuntare prezzi notevolmente più bassi da parte delle aziende aggiudicatarie – conferma infatti il presidente di Atv, Massimo Bettarello – acquistando mezzi di notevole qualità a cifre assolutamente vantaggiose. Abbiamo potuto quindi  incrementare ulteriormente il numero di nuovi autobus, da destinare in particolare alla rete extraurbana”.

L’investimento economico complessivo, pari a 18 milioni, il 60% dei quali destinato comunque a rientrare nelle casse di ATV grazie ai finanziamenti che arriveranno in parte dallo Stato tramite la Regione (5,3 milioni + iva), e in parte attraverso i fondi POR (3,8 milioni + iva) ottenuti dall’UE grazie ad un progetto di riqualificazione urbana presentato dal Comune di Verona insieme a quelli di San Giovanni Lupatoto e Buttapietra. ATV, oltre ad anticipare l’intero importo, contribuirà all’investimento con risorse proprie per 6,7 milioni.

“Si tratta del piano di rinnovo più massiccio che “Azienda trasporti Verona”>ATV abbia messo in campo – aggiunge il direttore generale dell’Azienda, Stefano Zaninelli- sostenibile solo grazie alla capacità sviluppata negli ultimi anni dalla nostra società di generare valore. La buona gestione e gli utili realizzati ci consentono oggi di cogliere le varie opportunità di finanziamenti regionali, nazionali ed europei per il rinnovo del parco autobus. Occorre infatti una solida capacità finanziaria, oggi non certo comune a tutte le aziende di tpl, per essere in grado di contribuire all’investimento coprendolo per il 40% con risorse proprie, senza ricorrere al sistema bancario”.

Per le tratte extraurbane arriveranno 27 bus da 12 metri di tipo interurbano forniti da Man,  con motorizzazione a gasolio Euro 6 e pianale “low entry” ribassato nella parte anteriore per agevolare al meglio l’accesso delle persone disabili.

Per il servizio urbano, entreranno nella flotta 25 nuovi bus Scania, modello City Wide da 12 metri, oltre a 15 mezzi da 18 metri ad alta capacità di tipo suburbano modello Lion’s City prodotti da Man, in grado di trasportare fino a 163 passeggeri e destinati alle grandi direttrici in ambito metropolitano. Questi ultimi saranno mezzi leggermente più corti dei tradizionali autosnodati, per destreggiarsi meglio nella viabilità urbana.

I bus urbani  saranno alimentati a metano, permettendo così di coprire praticamente per intero con mezzi ecologici a gas naturale il servizio sul territorio del Capoluogo. Tutti i nuovi bus sono naturalmente attrezzati con pedana per disabili e display ad alta leggibilità per gli ipovedenti e sono predisposti per il servizio di annuncio vocale di prossima fermata.

Importante anche la dotazione tecnologica di questi nuovi bus di Atv, che avranno dispositivi che semplificano la vita ai passeggeri con disabilità motorie o visive. E per aumentare la sicurezza sarà garantita la videosorveglianza, l’impianto di spegnimento automatico degli incendi e il “road scanner” per riprendere le immagini della strada e quindi di eventuali incidenti.

 

“Risultati come questo – spiega l’Executive director di FNM e consigliere d’amministrazione di ATV Umberto Benezzoli - dimostrano senza il minimo dubbio il valore aggiunto che un partner industriale come FNM può garantire. Arrivare a disporre di una flotta con un’età media di livello europeo, di 6-7 anni, era uno dei propositi dell’operazione che ha portato all’ingresso di FNM in ATV e questo piano è il primo passo che va nella direzione prevista”. 


ATVautosnodatibus ScaniaCity WideManverona


Lascia un Commento